DRM Sony BMG, reazione open di LAME

Gli sviluppatori del celeberrimo software open source decidono di non denunciare l'industria discografica che avrebbe utilizzato illegalmente, per le sue tecnologie DRM, porzioni del proprio codice

Roma - Solleva attenzione la decisione degli sviluppatori di LAME, encoder open source utilizzato da numerosi applicativi multimediali, di non procedere legalmente contro Sony BMG nonostante la società discografica sia accusata di aver utilizzato abusivamente porzioni del codice dello stesso LAME.

In una lettera aperta pubblicata sul sito del progetto open source, i "LAME mantainers" spiegano:

"Molti, media compresi, hanno segnalato che il software DRM utilizzato da Sony BMG contiene almeno alcune parti di LAME integrate senza rispetto della nostra licenze (LGPL, ndr.). Nessuno degli sviluppatori LAME al momento possiede un CD con questo meccanismo di riduzione dei diritti voluto da Sony BMG e nessuno degli sviluppatori è interessato ad acquistarne uno, quindi non intendiamo analizzare la cosa noi stessi ma crediamo a coloro che lo hanno analizzato e trovato tracce di LAME su quei CD".
"Al momento - continua la lettera - i mainteiner di LAME non sono interessati ad avviare una battaglia legale contro Sony BMG. Viviamo in un ambiente sociale competente dove non dobbiamo tirar fuori le unghie e possiamo parlare di quello che serve per correggere gli errori, no? Ci aspettiamo però che Sony BMG si dia da fare e spieghi al pubblico queste azioni".

In realtà secondo numerose fonti, e come riportato dal celebre hacker DVD Jon nel suo blog, quel DRM apparentemente ritirato dal mercato violerebbe numerosi altri progetti open source, tra i quali il codice sviluppato dallo stesso DVD Jon per il celebre player multimediale VLC.

Sony BMG per il momento non ha commentato queste accuse.
TAG: drm
34 Commenti alla Notizia DRM Sony BMG, reazione open di LAME
Ordina

  • Certo che se questo è il modo con cui viene fatta rispettare la GPL, col cavolo che sviluppo open source...
    non+autenticato
  • finchè non vedo una GPL fatta rispettare in tribunale , cari amici, non mi fiderò mai.

    la sony a loro avrebbe fatto sputare sangue in tutti i colori dell'arcobaleno, gli avrebbe fatto le trasfusioni per fargliene sputare di più e in modo più doloroso dopodiché li avrebbero acquisiti e distrutti.


    La GPL non vale un fico secco finchè non vedo che qualche avvocato la prenderà in mano dicendo "in base a QUESTA" tu ora paghi o smetti.


    non l'ho visto accadere.
    non+autenticato
  • > non l'ho visto accadere.

    Da http://www.webgiustizia.it/cause.html

    UTENTI LINUX OPEN SOURCE

    Importante e storica Pronuncia Giudiziaria del Tribunale di Monaco di Baviera (Germania) sulla licenza GPL.
    Una azienda informatica tedesca impegnata nel progetto produzione di software open source denominato "netfilter/iptables" ha chiesto ed ha ottenuto dal Tribunale di Monaco di Baviera un'ingiunzione contro la società Sitecom per obbligare quest'ultima al rispetto dei termini della GPL. La controversia è stata incentrata sul fatto che la Sitecom utilizzava il software netfilter/iptables per la commercializzazione di router per rete wireless senza rilasciare il relativo codice sorgente come richiesto dalla GPL. E' questo un precedente giudiziario importantissimo che riconosce alla GPL piena legittimità e validità giuridica.

    Leggi anche qui: http://www.apogeonline.com/webzine/2005/04/27/05/2...


    P.S.: Comunque quella di Lame è LGPL, o sbaglio?

  • - Scritto da: Anonimo
    > la sony a loro avrebbe fatto sputare sangue in
    > tutti i colori dell'arcobaleno, gli avrebbe fatto
    > le trasfusioni per fargliene sputare di più e in
    > modo più doloroso

    Mah, se il codice di Lame c'è, non è che possano fare più di tanto... oltre alla figura barbina che hanno già fatto.

    > dopodiché li avrebbero
    > acquisiti e distrutti.

    Per essere acquisiti bisogna essere in vendita; non tutti lo sono.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > finchè non vedo una GPL fatta rispettare in
    > tribunale , cari amici, non mi fiderò mai.
    >
    > la sony a loro avrebbe fatto sputare sangue in
    > tutti i colori dell'arcobaleno, gli avrebbe fatto
    > le trasfusioni per fargliene sputare di più e in
    > modo più doloroso dopodiché li avrebbero
    > acquisiti e distrutti.
    >
    >
    > La GPL non vale un fico secco finchè non vedo che
    > qualche avvocato la prenderà in mano dicendo "in
    > base a QUESTA" tu ora paghi o smetti.
    >
    >
    > non l'ho visto accadere.


    Trolletto dei miei stivali, a parte il fatto che nei tribunali dovrebbe vincere chi ha ragione e non chi ha più soldi, quindi semmai sono i tuoi ragionamenti a non valere un fico secco, comunque la GPL in tribunale ha già vinto più di una volta...
    non+autenticato
  • > non l'ho visto accadere.

    perche sei il tipico troll di P.I

    http://gpl-violations.org/
    non+autenticato
  • il dovere di pretendere il rispetto del diritto.

  • - Scritto da: avvelenato
    > il dovere di pretendere il rispetto del diritto.

    Secondo Miguel De Icaza (opensource guy) ogni programma che oltre passa le 1000 righe sta violando un brevetto di qualcuno.

    Quindi le major del software in America, secondo il tuo punto di vista, avrebbero il dovere di denunciare tutti i progetti opensource che violano i loro brevetti?


    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: avvelenato
    > > il dovere di pretendere il rispetto del diritto.
    >
    > Secondo Miguel De Icaza (opensource guy) ogni
    > programma che oltre passa le 1000 righe sta
    > violando un brevetto di qualcuno.
    >
    > Quindi le major del software in America, secondo
    > il tuo punto di vista, avrebbero il dovere di
    > denunciare tutti i progetti opensource che
    > violano i loro brevetti?
    >

    Il modo più efficace di abolire una legge ingiusta è di applicarla alla lettera.

  • - Scritto da: avvelenato
    > Il modo più efficace di abolire una legge
    > ingiusta è di applicarla alla lettera.

    Dipende dopo quanto tempo viene abolita.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: avvelenato
    > > Il modo più efficace di abolire una legge
    > > ingiusta è di applicarla alla lettera.
    >
    > Dipende dopo quanto tempo viene abolita.


    No. Dipende se contesti la legge in sé o se la contesterai solo quando verrà applicata contro di te.
  • > Quindi le major del software in America, secondo
    > il tuo punto di vista, avrebbero il dovere di
    > denunciare tutti i progetti opensource che
    > violano i loro brevetti?

    Sbagliato, secondo questo pensiero avrebbero il dovere di denunciare tutti i progetti che violano i loro brevetti, opensource o no. Oppure i progetti closed source hanno meno di 1000 righe di codice?

    Con questo non voglio dire che i creatori di LAME stiano facendo bene o male. Per rispondere ad avvelenato: probabilmente si stanno facendo i conti in tasca e hanno pensato che non gli conviene iniziare una causa contro Sony.

  • - Scritto da: francescor82
    > Sbagliato, secondo questo pensiero avrebbero il
    > dovere di denunciare tutti i progetti che violano
    > i loro brevetti, opensource o no. Oppure i
    > progetti closed source hanno meno di 1000 righe
    > di codice?

    Non è che se mi allarghi la categoria il concetto cambia. Ma ti faccio contento lo stesso:

    "Dovrebbero denunciare tutti i progetti che violano i loro brevetti, opensource e non opensource?"
    non+autenticato
  • > Non è che se mi allarghi la categoria il concetto
    > cambia. Ma ti faccio contento lo stesso:
    >
    > "Dovrebbero denunciare tutti i progetti che
    > violano i loro brevetti, opensource e non
    > opensource?"

    Calma, non avevo intenti polemici.Sorride Volevo solo precisare.
  • che ne sapete se sony non ha già sganciato sottobanco assegni ai tizi del lame per evitare di finire in tribunale e pagare anche le spese processuali?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > che ne sapete se sony non ha già sganciato
    > sottobanco assegni ai tizi del lame per evitare
    > di finire in tribunale e pagare anche le spese
    > processuali?

    Ritengo che sia piuttosto improbabile. Per le seguenti ragioni:
    1) Non vedo perché gli autori di LAME debbano nascondere una cosa simile
    2) Non conviene nascondere una cosa simile neppure a Sony che in questo caso ci sta facendo proprio una brutta figura
    3) Gli autori di LAME stanno ancora pretendendo delle scuse ufficiali da Sony
    4) Una causa costa, anche se la vinci ci sono dei costi iniziali che probabilmente gli autori di LAME non vogliono accollarsi
    5) Si suppone che viviamo in una società civile, l'atteggiamento di LAME nei confronti di Sony in questo caso è _molto_ corretto. Prima di denunciare qualcuno cerchi, con le buone, di convincerlo a cambiare quindi anche da questo punto di vista gli autori di LAME si stanno facendo onore.
    non+autenticato
  • ma se uno vuole un cd comprarlo no eh ? ci credo poco che la gente scarica la musica per provarla e poi la compra o credo poco che il backup del cd poi nn diventi il cd di tuo cuGGino e di suo cuGGino fino al settimo grado di parentela
    non+autenticato
  • una sola cosa c'e da fale..
    non complate piu niente plodotto da questi
    onolevoli disonesti.

    NULLA!!
    Da ora all'eternita'.
    non+autenticato

  • Pazzi! Non avrete più un occasione così!
    Quando toccherà a sony vi farà a pezzi, e voi gliela lasciate passare liscia?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > Pazzi! Non avrete più un occasione così!
    > Quando toccherà a sony vi farà a pezzi, e voi
    > gliela lasciate passare liscia?

    E' più facile che li faccia a pezzi se la denunciano (a meno di un azione forte da parte di tutto il mondo open source). Dal mio punto di vista, è la dimostrazione che la Giustizia è ormai morta, sostituita (almeno per le multinazionali) dalla legge del più forte. Ma il problema è molto più grande di quello che sembra.
    Se quelli di LAME avessero voluto rendere pubblico il loro codice, avrebbero usato un altra licenza. Avendo scelto LGPL, mostrano l'intenzione di mantenere il controllo del loro lavoro, e non esercitando il loro diritto all'azione risarcitoria indeboliscono il valore della licenza da loro scelta. E' un danno indiretto a tutto il mondo OS. Dovrebbero, a questo punto, scegliere una licenza freeware ("regaliamo a tutti questo codice") o combattere. Ritirandosi davanti al (presunto) più forte fanno un danno a tutti gli altri che usano quella licenza. Se passa l'idea che chi ha i diritti non li esercita verso i potenti, i potenti finiranno per ritenere la licenza non vincolante (per loro).

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > Pazzi! Non avrete più un occasione così!
    > > Quando toccherà a sony vi farà a pezzi, e voi
    > > gliela lasciate passare liscia?
    >
    > E' più facile che li faccia a pezzi se la
    > denunciano (a meno di un azione forte da parte di
    > tutto il mondo open source). Dal mio punto di
    > vista, è la dimostrazione che la Giustizia è
    > ormai morta, sostituita (almeno per le
    > multinazionali) dalla legge del più forte. Ma il
    > problema è molto più grande di quello che sembra.
    > Se quelli di LAME avessero voluto rendere
    > pubblico il loro codice, avrebbero usato un altra
    > licenza. Avendo scelto LGPL, mostrano
    > l'intenzione di mantenere il controllo del loro
    > lavoro, e non esercitando il loro diritto
    > all'azione risarcitoria indeboliscono il valore
    > della licenza da loro scelta. E' un danno
    > indiretto a tutto il mondo OS. Dovrebbero, a
    > questo punto, scegliere una licenza freeware
    > ("regaliamo a tutti questo codice") o combattere.
    > Ritirandosi davanti al (presunto) più forte fanno
    > un danno a tutti gli altri che usano quella
    > licenza. Se passa l'idea che chi ha i diritti non
    > li esercita verso i potenti, i potenti finiranno
    > per ritenere la licenza non vincolante (per
    > loro).
    >


    Quoto in tutto e per tutto. Se il loro problema e' solo di soldi (come diceva qualcuno in un altro thread e del tutto comprensibile), di fronte a questa argomentazione vuoi che non ne trovino di sustainer?
  • Probabilmente sono un po' intimoriti ma una cosa è sicura: se le parti fossero invertite la Sony li perseguiterebbe fino alla morte.
    Se perdono l'occasione di metterla spalle al muro oggi, domani se ne pentirenno...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)