Muore l'inquinatore del P2P

Overpeer chiude. Gioiscono i fan del peer-to-peer ma la crescita del file sharing non è mai stata messa in discussione dalle tecnologie invasive diffuse dall'azienda su richiesta delle major

Muore l'inquinatore del P2PNew York (USA) - Overpeer cessa le operazioni. Lo ha annunciato in questi giorni LoudEye, la corporation che diede vita all'azienda e che offrì, a partire dal 2001, i suoi servigi all'industria dei contenuti, in particolare a quella musicale.

Come ben sanno i lettori di Punto Informatico, Overpeer ha avuto il singolare ruolo di "inquinare" le reti del peer-to-peer, in particolare quelle FastTrack, utilizzate da piattaforme di scambio che hanno conosciuto una enorme popolarità come Kazaa.

Un'azione di disturbo messa a punto dalle major che consisteva nel creare migliaia di peer fasulli, ossia di "utenti" fittizi, che ponevano in condivisione file corrotti o falsi, sfruttando la debolezza dell'algoritmo UU Hash utilizzato da Fast Track. UU Hash, come tutti gli algoritmi di questo tipo, è concepito per consentire l'identificazione esatta di ciascun file e consentire così al software di scambio di operare efficacemente. Ma è un'identificazione che viene facilmente superata, semplicemente associando a qualsiasi file, anche ad un file corrotto, un codice hash che mantiene solo l'apparenza di un codice legittimo.
Overpeer, il cui sito al momento rimane attivo, è stata anche accusata di andare ben oltre, ovvero di diffondere in quei file adware ed altri software invasivi, inficiando quindi ulteriormente le potenzialità della rete di scambio.

L'impiego delle tecnologie Overpeer ha in effetti consentito all'industria di colpire proprio Kazaa, che solo qualche anno fa era all'apice della sua popolarità, arrivando ad inquinare, secondo alcune stime, la metà dei file circolanti. Si ritiene che queste attività abbiano avuto un impatto fondamentale nel crollo della popolarità di Kazaa.

Annota Slyck.com: "Il successo di Overpeer, però, si è fermato a Fasttrack. Nessun altro network P2P utilizza UU Hash per proteggere i file da questo genere di manipolazioni. Molti altri utilizzano MD5, Tiger Tree o altri metodi di hashing che aggirano i tentativi di Overpeer". La conseguenza dell'operazione Overpeer è nota: mano a mano che la sua mano si allungava sulle reti di scambio più popolari, gli utenti si guardavano intorno, approdando a nuove reti di scambio, da quelle su tecnologie eDonkey a quelle basate su BitTorrent, che superavano Fasttrack da molti punti di vista.

La prima grande migrazione di utenti avvenne all'epoca del primo Napster quando, chiuso per volontà delle major, decine di milioni di utenti andarono a caccia di alternative. Qualcosa del genere Overpeer l'ha causata anche con Kazaa ed altri software Fasttrack, dando carburante a network diversi basati su tecnologie differenti.

Nel complesso, sottolinea ancora Slyck.com, "il numero di persone connesse (contemporaneamente, ndr.) ad una rete di file sharing o ad un network peer-to-peer all'epoca dell'introduzione di Overpeer era inferiore ai 3 milioni. Oggi si stima che, escludendo BitTorrent, il numero sia di quasi 10 milioni". Dati che, confermati da diversi studi che parlano di una continua crescita della condivisione di file, preoccupano l'industria e confermano la vitalità dei sistemi di scambio, spinti in ogni direzione di sviluppo da una domanda che rimane enorme pur legata ad un'attività considerata illegale in un numero sempre più elevato di paesi.

LoudEye ha dunque voluto liberarsi di Overpeer sia perché l'industria che ne aveva acquistato i servizi sta perseguendo nuovi mezzi di contenimento del P2P sia perché Overpeer non ha mai rappresentato il cuore delle attività di Loudeye, una società concentrata sullo sviluppo e la vendita di sistemi legittimi di distribuzione di contenuti digitali, di analisi del mercato e via dicendo.
86 Commenti alla Notizia Muore l'inquinatore del P2P
Ordina
  • oggi hanno dala loro sistemi informatici ad-hoc per limitare il P2P, ecco perchè ne fanno a meno.

    qualcuno ha detto che era illegale eh? sarà, comunque soldo porta soldo, i fatti sono evidentissimi, vedi Cisco.
    non+autenticato
  • per massimizzare il risultato, qual'è il programma dove ci sono più utenti?
    io uso limewire.
    grazie mille.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > per massimizzare il risultato, qual'è il
    > programma dove ci sono più utenti?
    > io uso limewire.
    > grazie mille.

    Di preciso non saprei. Non sono un esperto del settore P2P, di tanto in tanto ho usato qualcosa per cercare qualche manuale o qualche testo introvabile (e in quanto introvabile il più delle volte senza trovare niente), e più spesso uso bittorrent per scaricare le immagini ISO di alcune distribuzioni Linux.
    Comunque come client ho installato mlnet (KMLDonkey come GUI, il tutto su Linux) che supporta più tipi di network, ed al momento da eMule al 91.8% seguito un po' da tutto il resto con un 2-3% a testa. Quindi direi eMule, anche se però non posso fare un paragone delle reti utilizzate da mlnet con altre come appunto quella di limewire o quella di bittorrent (che al momento segna quasi 800mila utenti connessi).
    non+autenticato

  • Ormai stanno stringendo la corda intorno ai software p2p, e presto l'anonimato sarà un diritto che dovremo difendere con i denti.

    Il mezzo per farlo già esiste, si chiama Ants, ma è lentissimo perchè basato su Java.

    Se qualcuno di voi Microsoftari facesse un facile port in C#, guadagnerebbe almeno il 300% (visto che la Microsoft bara con .net negli accessi hardware).

    http://antsp2p.sourceforge.net/
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > Il mezzo per farlo già esiste, si chiama Ants, ma
    > è lentissimo perchè basato su Java.
    >

    falso. E' lentissimo perché l'algoritmo scelto è giocoforza lentissimo.
  • Perdonami, ma una interfaccia utente java e' giocoforza piu' lenta di un eseguibile win32
  • - Scritto da: xWolverinex
    > Perdonami, ma una interfaccia utente java e'
    > giocoforza piu' lenta di un eseguibile win32

    Se il problema è l'interfaccia allora basta cambiare quella... usando magari le SWT. Un esempio di applicazione Java che usa le SWT può essere questo
    http://eclipse.org/articles/Article-Image-Viewer/I...
    oppure anche lo stesso Eclipse.
    Il tutto senza rinunciare alla portabilità o al linguaggio e al codice già scritto.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Wakko Warner

    > > Perdonami, ma una interfaccia utente java e'
    > > giocoforza piu' lenta di un eseguibile win32
    >
    > Se il problema è l'interfaccia allora basta
    > cambiare quella... usando magari le SWT. Un
    > esempio di applicazione Java che usa le SWT può
    > essere questo
    > http://eclipse.org/articles/Article-Image-Viewer/I
    > oppure anche lo stesso Eclipse.
    > Il tutto senza rinunciare alla portabilità o al
    > linguaggio e al codice già scritto.

    Mi hai rubato le parole di boccaSorride
    Oh, potrei denunciarti per questo, noSorride ?
    11237

  • - Scritto da: xWolverinex
    > Perdonami, ma una interfaccia utente java e'
    > giocoforza piu' lenta di un eseguibile win32

    Non voglio negarlo, ma nel complesso del programma non è l'interfaccia l'elemento critico.

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > Ormai stanno stringendo la corda intorno ai
    > software p2p, e presto l'anonimato sarà un
    > diritto che dovremo difendere con i denti.
    >
    > Il mezzo per farlo già esiste, si chiama Ants, ma
    > è lentissimo perchè basato su Java.
    >
    > Se qualcuno di voi Microsoftari facesse un facile
    > port in C#, guadagnerebbe almeno il 300% (visto
    > che la Microsoft bara con .net negli accessi
    > hardware).
    >
    > http://antsp2p.sourceforge.net/
    non ha niente a che vedere con il linguaggio...
    volendo migliorare le prestazioni lo si fa in C/C++ ma se l'algoritmo e' gia' pesante per i fatti suoi e' una perdita di tempo cambiare il linguaggio..
    non+autenticato
  • > Il mezzo per farlo già esiste, si chiama Ants, ma
    > è lentissimo perchè basato su Java.
    >
    > Se qualcuno di voi Microsoftari facesse un facile
    > port in C#, guadagnerebbe almeno il 300%

    CLR (su cui è basato C#) e Java sono sistemi equivalenti, usando una virtual machine con compilatore Just-In-Time le prestazioni sono identiche...

    >(visto che la Microsoft bara con .net negli accessi
    > hardware)

    CIOÈ??? Puoi spiegare questo vaneggiamento???
    non+autenticato
  • ragazzi, ma gli sviluppatori di questo ants mica saranno scemi no?
    se un porting in c poteva migliorarlo perche mai non lo avrebbero fatto?
    certo non e' cosi che funziona l'open source, ma quello che voglio dire e' che se ci pensate, garantire l'anonimato comporta per forza una perdita di velocità..
    vedete mute come ants e vi renderete conto che per adesso non ci sono valide alternative per difendere la privcy...
    non+autenticato
  • > ragazzi, ma gli sviluppatori di questo ants mica
    > saranno scemi no?

    Beh uno che fa le pagine nere con le scritte in grigio non è di sicuro furbo!!!A bocca aperta


    > se un porting in c poteva migliorarlo perche mai
    > non lo avrebbero fatto?
    Forse perchè non era capaceA bocca aperta
    Java va bene per giocare, per il resto bisogna essere capaci!
    non+autenticato
  • ma svegliatevi, è lent percjè è un sistema macchinoso, prima di arrivare a destinazione fai il giro del mondo 40 volte.
    non+autenticato
  • Allora questa storia dei filtri sul p2p è vera sì o no?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Allora questa storia dei filtri sul p2p è vera sì
    > o no?

    purtroppo è verissima!Triste
    oltre a libero ci sono diversi altri provider che filtrano emule, ad esempio c'è Telvia che opera il "protocol throttling" ovvero riconosce il protocollo di emule e ne limita la banda (sia in upload che in download) a meno di 0,5KB rendendo di fatto impossibile scaricare qualunque cosa

    sono dei gran bastardi!!!!Triste
    non+autenticato
  • premesso che non uso eMule et similia, allora come mai io, utente Libero, vedo centinaia di tentativi di connessione al minuto (bloccati dal mio firewall) in ingresso su porte usate da eMule?
    Che siano sessioni di un precedente utente che usava l'IP che ho io adesso OK...ma come mai le vedo? se sono stati implementati dei filtri non dovrebbero essere bidirezionali? e non dovrebbero valere per TUTTI gli ISP?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > premesso che non uso eMule et similia, allora
    > come mai io, utente Libero, vedo centinaia di
    > tentativi di connessione al minuto (bloccati dal
    > mio firewall) in ingresso su porte usate da
    > eMule?
    > Che siano sessioni di un precedente utente che
    > usava l'IP che ho io adesso OK...ma come mai le
    > vedo? se sono stati implementati dei filtri non
    > dovrebbero essere bidirezionali? e non dovrebbero
    > valere per TUTTI gli ISP?

    Se le ha usate uno col precedente IP le vedi perché con il mulo ogni tot. minuti ricontatta i client che ha lì nelle code.

    I filtri, se ci sono, sono quelli applicati dai server Cisco che praticamente guardano l'header presente nei pacchetti tcp-ip e se è bittorrent o emule lo droppano. Anzi pare che venga anche ridotta la banda finché uno prova ad usare bittorrent o emule.
    Infatti se uno usa l'header encryption di Bitcomet questo non accade.
    Questo client comunque sta per essere bannato da un sacco di tracker sia per l'header encryption che funziona solo tra client bitcomet e sia perché bitcomet ignora un flag impostato dai tracker.
    non+autenticato
  • esatto! non bloccano il trasferimento, ma limitano la banda a pochi byte al secondo, questo è uno stratagemma per non essere denunciati...Triste

    bisognerebbe fare come qualche tempo fa fecero gli utenti di Telvia, minacciarli in massa di disdetta ed intasare il call-center, per un breve periodo di tempo Telvia rimosse i filtri, ma da qualche mese li ha rimessi.

    l'unica è passare ad altri provider, ad es Alice è una manna per il p2p
    non+autenticato
  • > I filtri, se ci sono, sono quelli applicati dai
    > server Cisco che praticamente guardano l'header
    > presente nei pacchetti tcp-ip e se è bittorrent o
    > emule lo droppano. Anzi pare che venga anche
    > ridotta la banda finché uno prova ad usare
    > bittorrent o emule.
    > Infatti se uno usa l'header encryption di
    > Bitcomet questo non accade.
    > Questo client comunque sta per essere bannato da
    > un sacco di tracker sia per l'header encryption
    > che funziona solo tra client bitcomet e sia
    > perché bitcomet ignora un flag impostato dai
    > tracker.

    Io ho Libero ADSL (4 Mbit/s). Non ho avuto nessun problema del genere. Con eMule aperto (lento come sempre... come prima dei filti) lo scaricamento HTTP/FTP va benissimo: l'altro giorno una ISO di Linux da 4 fonti usando GetRight andava a oltre 400 KByte/sec. Le e-mail e Skype funzionano benissimo. Ed eMule è acceso 24h su 24.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Allora questa storia dei filtri sul p2p è vera sì
    > o no?

    Pare che sia vero ma... io ho Libero ADSL e con eMule non ho riscontrato problemi.
    In ogni caso pare che siano filtri intelligenti, cioé danno la priorità al traffico web, alle e-mail, al VoIP. In questo modo i servizi prioritari non vengono intasati dal p2p. Ma se in un dato momento la banda non è intasata, il filtro non interviene. E per ora non ho mai avuto problemi.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Allora questa storia dei filtri sul p2p è vera
    > sì
    > > o no?
    >
    > Pare che sia vero ma... io ho Libero ADSL e con
    > eMule non ho riscontrato problemi.
    > In ogni caso pare che siano filtri intelligenti,
    > cioé danno la priorità al traffico web, alle
    > e-mail, al VoIP. In questo modo i servizi
    > prioritari non vengono intasati dal p2p. Ma se in
    > un dato momento la banda non è intasata, il
    > filtro non interviene. E per ora non ho mai avuto
    > problemi.

    Credo che il filtro venga attivato nel momento in cui c'è un forte intasamento, quindi in determinate fasce orarie e non di notte...
    non+autenticato
  • no il filtro è attivo sempre! In lacrime
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > no il filtro è attivo sempre! In lacrime

    io non ho mai notato problemi... e ho libero da un anno... emule va alla grandeSorride
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Pare che sia vero ma... io ho Libero ADSL e con
    > eMule non ho riscontrato problemi.

    Forse dipende anche da quanti utenti ADSL ci sono in una determinata zona. Se magari c'è una scarsa densita i filtri non entrano in azione.
    non+autenticato
  • i sorcetti e il maialetto... Sorride

    heheheh! ^__^
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)