Standard, partito l'esame di Open XML

ECMA dà vita alla commissione che dovrà esaminare il nuovo formato documentale che Microsoft propone per la propria suite Office e, più in generale, a chiunque voglia integrarlo in applicazioni concorrenti

Roma - ECMA International, organizzazione che raggruppa un largo numero di soggetti ed operatori dell'IT, ha reso noto di aver approvato la creazione di una commissione tecnica che dovrà occuparsi di una delle tecnologie più chiacchierate in ambito documentale: il formato OpenXML proposto da Microsoft. Se passerà l'esame di ECMA, il formato potrà avviarsi a diventare standard di mercato.

A richiedere che ECMA si muova in questa direzione sono grossi calibri come Apple, Toshiba e Intel mentre ha votato contro IBM: il gigante blu sostiene apertamente OpenDocument, formato aperto la cui diffusione sul mercato potrebbe, secondo gli analisti, risentire grandemente in caso di definizione dello standard Open XML. Di interesse segnalare che HP, invece, abbia deciso di astenersi dal votare a favore della creazione della commissione tecnica.

Come noto Microsoft ha presentato il proprio formato non solo come formato principe della prossima release della suite Office, Office 12, ma anche come strumento capace di garantire l'accesso a tutto il passato dei documenti realizzati con la propria suite (vedi anche l'intervista di Punto Informatico ad Umberto Paolucci: Perché Microsoft apre i formati di Office?).
"Microsoft - ha fatto sapere l'azienda - è molto felice che ECMA International e le maggiori aziende del settore e co-sponsor abbiano accettato la proposta di esame del formato Open XML (...), significa che i clienti e l'industria sono più vicini ad una interoperabilità garantita".

Sulle decisioni di ECMA pesano in queste ore le critiche di alcuni gruppi di pressione, come CCIA, ovvero l'associazione di imprese dell'informatica e delle comunicazioni americane, che ritengono che lo standard "non abbia i requisiti minimi di uno standard aperto". La CCIA si è peraltro in molte occasioni schierata contro il big di Redmond e le sue attività.

Dubbi sono stati espressi secondo Betanews.com anche da Jupiter Research, società di analisi di mercato un cui analista, Joe Wilcox, ha sottolineato come "le proposte ad un organismo di standardizzazione non garantiscono che tutti i produttori possano far uso di quel formato. Ad esempio, restrizioni potrebbero prevenirne l'uso nel software libero o dove vigono altri sistemi di licenza come la GPL. In entrambi i casi lo sviluppo open source dei formati di file potrebbe essere colpito". Come noto Microsoft ha già dichiarato di voler rendere Open XML disponibile a tutti senza limitazioni.
TAG: microsoft
26 Commenti alla Notizia Standard, partito l'esame di Open XML
Ordina
  • Che senso ha definire open un formato come XML, nato apposta per favorire l'aperto scambio di dati?
    Vabbe' che alla Microsoft sono capaci di chiudere pure quello, ma un nome meno stupido quelli del marketing se lo potevano pure inventare. Con tutti i soldi che gli dateCon la lingua fuori
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Che senso ha definire open un formato come XML,
    > nato apposta per favorire l'aperto scambio di
    > dati?
    > Vabbe' che alla Microsoft sono capaci di chiudere
    > pure quello, ma un nome meno stupido quelli del
    > marketing se lo potevano pure inventare. Con
    > tutti i soldi che gli dateCon la lingua fuori

    MS vuole confondere le acque.

    Noi facciamo così: usiamo prodotti che supportano ODF e suggeriamone/supportiamone l'uso, senza indugio





    non+autenticato
  • se lo standard openXML sara' come lo 'standard' .NET ,stiamo freschi ...
    basta vedere lo standard ECMA-335 (nonche' il 334 ) e confrontarlo con la documentazione su MSDN .
    paradossalmente ,la SUN , che si e' semplicemnte rifiutata di rendere ufficialmente uno standard il framework di java ,e ' IMHO piu' onesta.

  • - Scritto da: illegalinstruct
    > se lo standard openXML sara' come lo 'standard'
    > .NET ,stiamo freschi ...
    > basta vedere lo standard ECMA-335 (nonche' il
    > 334 ) e confrontarlo con la documentazione su
    > MSDN .
    > paradossalmente ,la SUN , che si e' semplicemnte
    > rifiutata di rendere ufficialmente uno standard
    > il framework di java ,e ' IMHO piu' onesta.

    La Sun è tutta un'altra cosa, ci sono JSR e JCP. Certo non sarà open source, ma visto quello che fa...
    non+autenticato

  • - Scritto da: illegalinstruct
    > se lo standard openXML sara' come lo 'standard'
    > .NET ,stiamo freschi ...
    > basta vedere lo standard ECMA-335 (nonche' il
    > 334 ) e confrontarlo con la documentazione su
    > MSDN .
    > paradossalmente ,la SUN , che si e' semplicemnte
    > rifiutata di rendere ufficialmente uno standard
    > il framework di java ,e ' IMHO piu' onesta.

    MAh, io sapevp che c'aveva provato con ISO, ma il rappresentante statunitense al working group dell'ISO era manovrato da Microsoft.....
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > MAh, io sapevp che c'aveva provato con ISO, ma il
    > rappresentante statunitense al working group
    > dell'ISO era manovrato da Microsoft.....

    certo poi sono arrivati gli alieni con il raggio della morte . . . e sfiga vuole . . . non ti hanno preso
    non+autenticato
  • da sempre quello che fa la microsoft,
    nonostante il marketing giochi a rovescio,
    è superappoggiato dagli atteggiamenti
    lecchini di questa ex azienda innovativa
    non+autenticato
  • Ovvio, apple non ha niente da guadagnare dall'opensource più di quello che ha già guadagnato.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ovvio, apple non ha niente da guadagnare
    > dall'opensource più di quello che ha già
    > guadagnato.
    O + semplicemente con una suite di lavoro (iWork) appena pubblicata aspetta e guarda alla finestra chi sarà il vincitore, tenendosi intanto buona MS
  • Per Natale
    niente Ipod, I.. questo, Iquello
    Evitare i prodotti dellaToshiba come la melma
    A intel preferire AMD

    Ecco come dimostrare contro chi sostiene i finti progetti di standardizzazione del mostro MS



    non+autenticato
  • Sono anni che gia' lo faccioCon la lingua fuori ... cosi' come loro badano ai loro esclusivi interessi, io faccio lo stesso. Compro solo quello che posso manutenere/espandere/etc, e di cui sono il reale proprietario ... non l'assegnatario.

    non+autenticato
  • OpenDocument è mille volte meglio. Microsoft lo sta facendo solo per una questione di primato sulle suite di Office.

    Mha.....rimango perplesso....

    non+autenticato
  • > OpenDocument è mille volte meglio. Microsoft lo
    > sta facendo solo per una questione di primato
    > sulle suite di Office.
    >
    giacchè sto valutando entrambi ed ogni punto di vista è il benvenuto, potresti motivare *tecnicamente* la tua affermazione? grazie 1k
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > >
    > >
    > giacchè sto valutando entrambi ed ogni punto di
    > vista è il benvenuto, potresti motivare
    > *tecnicamente* la tua affermazione? grazie 1k



    Dubito fortemente che abbia delle capacità tecniche per riuscire a motivare la sua dichiarazione...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > giacchè sto valutando entrambi ed ogni punto di
    > vista è il benvenuto, potresti motivare
    > *tecnicamente* la tua affermazione? grazie 1k
    Se proprio sei interessato qui puoi trovare un confronto, forse è di parte ma è pur sempre *tecnico*.

    http://www.groklaw.net/article.php?story=200511251...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > OpenDocument è mille volte meglio. Microsoft lo
    > sta facendo solo per una questione di primato
    > sulle suite di Office.
    >
    > Mha.....rimango perplesso....
    >
    anonimo, penso che più di te rimanga perplesso chi legge il tuo commento e vede qualcuno scrivere la propria opinione senza apparentemente basarsi su nulla

    perché non fai partecipi tutti delle grandi informazioni sulle specifiche dei formati che ti fanno esprimere così?

    grazie
  • e vabbe', adesso c'e' bisogno di motivare tecnicamente perche' un formato aperto offerto in dono all'umanita' e' meglio di uno appartenente all'uomo piu' ricco del mondo che promette di darvelo gratis. boh, volete che il tipo vi spieghi tecnicamente questo?
    se ci fosse possibilita' di scelta voi quale formato scegliereste?

    > anonimo, penso che più di te rimanga perplesso
    > chi legge il tuo commento e vede qualcuno
    > scrivere la propria opinione senza apparentemente
    > basarsi su nulla
    non+autenticato
  • Entrambi i formati sono (saranno) aperti.
    L'unica differenza è che in OpenXML, il controllo delle successive versioni del formato funzionerà così:
    - MS propone nuove estensioni, raccogliendo proposte soprattutto dal suo Team interno, ma non è detto che non ascolti anche quelle che vengono da terzi (dove i terzi ben accolti saranno sicuramente i soli "pesci" piccoli)
    - Il nuovo standard viene sottoposto all'ECMA che eventualmente richiede ulteriori modifiche nell'iter di standardizzazione
    - Il nuovo standard è approvato da tutti.

    In OpenDocument, invece, il meccanismo funzionerà così:
    - IBM e SUN faranno una foundation (in realtà esiste già)
    - Le persone che operano nella foundation, per sviluppare OpenOffice richiederanno delle modifiche
    - Queste modifiche verranno votate e approvate dalla Foundation stesse, ricche di persone di SUN e IBM (come avviene insomma per Java, in cui ci vuole il placet finale di SUN).

    Insomma in un caso o nell'altro cambia solo il nome della corporation che mantiene il controllo finale; chiaramente OpenXML serve proprio a togliere attenzione a OpenDocument per rallentare lo sviluppo di OpenOffice.


    non+autenticato

  • > Insomma in un caso o nell'altro cambia solo il
    > nome della corporation

    ed il costo della suite !
    non+autenticato
  • per un paragone tra le due license e i due modi di procedere per le modifiche suggerirei:

    http://www.consortiuminfo.org/newsblog/blog.php?ID...

    http://www.consortiuminfo.org/newsblog/blog.php?ID...

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > e vabbe', adesso c'e' bisogno di motivare
    > tecnicamente perche' un formato aperto offerto in
    > dono all'umanita' e' meglio di uno appartenente
    > all'uomo piu' ricco del mondo che promette di
    > darvelo gratis. boh, volete che il tipo vi
    > spieghi tecnicamente questo?
    > se ci fosse possibilita' di scelta voi quale
    > formato scegliereste?

    E se fosse che quell'uomo, nonostante sia il più ricco, ha al suo servizio degli ingengeri con idee migliori.
    Valutare tecnicamente il tutto non è sbagliato.
    Se poi il formato non diventa open veramente nulla ci vieta di usare comunque l'altro. Se diventa open tanto melgio.
    Avere due formati di file open non fa male.
    non+autenticato
  • Già, ma allora il concetto stesso di standard va a farsi benedire. Già mi vedo OOo che riproduce peggio openXML e Office 12 che riproduce una schifezza Opendocument.
    Alla faccia degli standard.
    non+autenticato