Formati, piano B in Massachussets

Dal 2007 tutti i documenti prodotti dalla PA dello Stato dovranno essere realizzati in formato OpenDocument ma per Open XML di Microsoft la strada sembra aperta. Sun: sbagliato appoggiare Open XML

Boston - Lo scontro tra titani sui formati dei documenti, questione che tocca nel cuore moltissimi aspetti del business del software, potrebbe essere prossimo ad esaurirsi: nel Massachussets, il primo stato americano ad appoggiare apertamente Open Document Format (ODF), si fa largo l'ipotesi del multiformato.

La questione è tutt'altro che peregrina: si parla della possibilità per i documenti, in particolare quelli di interesse pubblico, di essere letti ed aperti con qualsiasi software, in qualsiasi momento e indipendentemente dal software utilizzato per produrli. Ed è per questo, perché ODF garantisce un formato aperto e interoperabilità, che lo Stato del Massachussets, il primo negli USA a porsi questo problema, ha deciso che dal primo gennaio 2007 tutti i documenti prodotti dalla pubblica amministrazione dovranno essere realizzati in ODF.

La decisione sta sollevando un polverone e ieri ad un forum pubblico presso la Massachusetts State House alcuni senatori hanno chiesto una revisione di quella policy affinché passi invece la possibilità di utilizzare anche formati diversi purché abbiano le caratteristiche di apertura e interoperabilità, ovvero che siano implementabili da qualsiasi software e possano essere gestiti con qualsiasi software che li supporti.
Una "spinta", questa, necessaria per Microsoft che, come noto, ha già strappato un primo interessamento dello Stato per il suo nuovo formato aperto, Open XML, che sarà il formato portante del prossimo Office, Office 12. Tra le novità anche l'interoperabilità con i formati precedenti di Office che, come noto, sono chiusi e proprietari e per questo esclusi fin qui dalle decisioni del Massachussets (vedi anche l'intervista realizzata da Punto Informatico al vicepresidente di Microsoft Corporation Umberto Paolucci: Perché Microsoft apre i formati di Office?).

Ad arginare le speranze di Microsoft ci sta provando in queste ore Sun Microsystems, tra i numerosi big che supportano ODF. Parlando del Massachussets, Simon Phipps, dirigente della divisione open source di Sun, ha sostenuto che la questione non è contrapporre ODF a Open XML, quanto capire che "continueremo ad avere questo problema di formati di file e di perdita della memoria della società fino a quando non avremo un formato di file plurale". Riferendosi alle difficoltà di accesso ai formati precedenti di Microsoft Office, Phipps ha parlato di "Alzheimer aziendale" contro il quale è necessario muoversi adottando uno standard che, da qui in poi, garantisca un futuro ai documenti e alla memoria.
TAG: sw
12 Commenti alla Notizia Formati, piano B in Massachussets
Ordina
  • "La questione è tutt'altro che peregrina: si parla della possibilità per i documenti, in particolare quelli di interesse pubblico, di essere letti ed aperti con qualsiasi software, in qualsiasi momento e indipendentemente dal software utilizzato per produrli."

    Ora, mi fate capire in cosa l'ODF soddisfi questi requisiti? Si può leggere solo con un software: Open Office!!!!
    E allora che senso ha imporlo? Perchè Microsoft sta sulle balle?

    Si vuole obbligare tutti gli abitanti del Massachussetes ad installare Open Office? Nemmeno sotto Stalin! A quel punto Microsoft diventa, paradossalmente, paladina di libertà!

    La più saggia contromossa di Bill Gates è dietro l'angolo: snobbare l'ODF e tirare fuori una nuova versione di Office con caratteristiche innovative.

    Risultato:
    a) ODF non serve a un tubo, perchè l'amministrazione si troverà con un formato che non può leggere nessuno, se non quella nicchia con OO
    b) ODF diventa immediatamente vecchio ed obsoleto.
    c) il Massachussets ci fa una figura da pirla e torna sui suoi passi...

    Non si può imporre uno standard CONTRO il mercato e la realtà esistente! E' una cosa senza senso, mai vista, da fanatici utopisti!

    Peraltro aggiugnerei che la premessa può fregare al massimo al Pubblico . Ad un'azienda non frega proprio niente che il proprio documento possa essere letto ovunque e da chiunque! ANZI! Se potesse essere letto solo nella propria azienda sarebbe meglio!

    Ed è il motivo per cui uno standard su un documento Office non ha semplicemente senso ed è destianto al fallimento! Vengono meno le basi del ragionamento!
  • > Ora, mi fate capire in cosa l'ODF soddisfi questi
    > requisiti? Si può leggere solo con un software:
    > Open Office!!!!

    Bugiardo: http://opendocumentfellowship.org/Applications/Hom...
    (Sì, sarà ancora incompleto, ma almeno qualcuno ci lavora).

    E ritengo inutile commentare il resto del post, viste le premesse.
    Complimenti.


  • - Scritto da: Ekleptical
    > "La questione è tutt'altro che peregrina: si
    > parla della possibilità per i documenti, in
    > particolare quelli di interesse pubblico, di
    > essere letti ed aperti con qualsiasi software, in
    > qualsiasi momento e indipendentemente dal
    > software utilizzato per produrli."
    >
    > Ora, mi fate capire in cosa l'ODF soddisfi questi
    > requisiti? Si può leggere solo con un software:
    > Open Office!!!!
    > E allora che senso ha imporlo? Perchè Microsoft
    > sta sulle balle?
    >
    > Si vuole obbligare tutti gli abitanti del
    > Massachussetes ad installare Open Office? Nemmeno
    > sotto Stalin! A quel punto Microsoft diventa,
    > paradossalmente, paladina di libertà!
    >
    > La più saggia contromossa di Bill Gates è dietro
    > l'angolo: snobbare l'ODF e tirare fuori una nuova
    > versione di Office con caratteristiche
    > innovative.
    >
    > Risultato:
    > a) ODF non serve a un tubo, perchè
    > l'amministrazione si troverà con un formato che
    > non può leggere nessuno, se non quella nicchia
    > con OO
    > b) ODF diventa immediatamente vecchio ed obsoleto.
    > c) il Massachussets ci fa una figura da pirla e
    > torna sui suoi passi...
    >
    > Non si può imporre uno standard CONTRO il mercato
    > e la realtà esistente! E' una cosa senza senso,
    > mai vista, da fanatici utopisti!
    >
    > Peraltro aggiugnerei che la premessa può fregare
    > al massimo al Pubblico . Ad un'azienda non frega
    > proprio niente che il proprio documento possa
    > essere letto ovunque e da chiunque! ANZI! Se
    > potesse essere letto solo nella propria azienda
    > sarebbe meglio!
    >
    > Ed è il motivo per cui uno standard su un
    > documento Office non ha semplicemente senso ed è
    > destianto al fallimento! Vengono meno le basi del
    > ragionamento!

    Senza senso sono tutte le scemate che spari in perfetto stile troll.
    non+autenticato
  • Complimenti, mai letto tante c4zz4t3 tutte insieme.

    P.S. : ma il titolo del thread è riferito al tuo post?Sorride
    non+autenticato
  • Tanto per cominciare ti sfugge il concetto di strandard aperto e consorzio e per un ing. è una cosa abbastanza strana.In secondo luogo dimostri di conoscere poco i software che non siano targati MS dal momento che i formati oasis sono largamente utilizzati.
    Giusto per ricordartelo MS fa parte del consorzio OASIS ma ha "stranamente" deciso di continuare per la sua strada utililizzando un formato royalty free ma comunque saldamente sotto il suo controllo.....
    Per chi volesse saperne di più:

    http://www.oasis-open.org/home/index.php
    http://en.wikipedia.org/wiki/OpenDocument
    non+autenticato

  • - Scritto da: Ekleptical
    > "La questione è tutt'altro che peregrina: si
    > parla della possibilità per i documenti, in
    > particolare quelli di interesse pubblico, di
    > essere letti ed aperti con qualsiasi software, in
    > qualsiasi momento e indipendentemente dal
    > software utilizzato per produrli."
    >
    > Ora, mi fate capire in cosa l'ODF soddisfi questi
    > requisiti? Si può leggere solo con un software:
    > Open Office!!!!

    ...e qualunque altro che implementi le sue specifiche LIBERE

    > E allora che senso ha imporlo?

    perchè le specifiche sono LIBERE

    > Perchè Microsoft
    > sta sulle balle?

    .. perché non hamai dato affidamento nel liberare l'utenza
    ... perchè è un monopolio preso con le mani nel sacco

    >
    > Si vuole obbligare tutti gli abitanti del
    > Massachussetes ad installare Open Office?

    ...che costa zero dollari

    invece il prodottino di MS non costa 0 dollari

    la costrizione ci sarebbe se fossero obbligati a usare ms office

    > A quel punto Microsoft diventa,
    > paradossalmente, paladina di libertà!

    la libertà di versare soldi a MS ?

    Hai una strana definizione di "Liberta"


    > La più saggia contromossa di Bill Gates è dietro
    > l'angolo: snobbare l'ODF e tirare fuori una nuova
    > versione di Office con caratteristiche
    > innovative.

    non tutti devono svoltare l'angolo in cui c'è Bill

    > Risultato:
    > a) ODF non serve a un tubo, perchè
    > l'amministrazione si troverà con un formato che
    > non può leggere nessuno, se non quella nicchia
    > con OO

    ...o la nicchia diventa un pianeta

    > b) ODF diventa immediatamente vecchio ed obsoleto.

    ...secondo i parametri dei galoppini MS

    > c) il Massachussets ci fa una figura da pirla e
    > torna sui suoi passi...

    ... oppure Boston dimostra che è quella che è sempre stata: la terra della libertà dai tiranni (nel 1770 si ribellò per prima al Re d' Inghilterra)

    > Non si può imporre uno standard CONTRO il mercato

    invece sì, se quel mercato è drogato da un monopolio

    Questo va fatto proprio per liberare dal lock gli utenti

    > e la realtà esistente!

    è nefandezza!

    > E' una cosa senza senso,

    solo per chi ha a cuore gli interessi di MS

    > mai vista, da fanatici utopisti!

    l'aspirazione alla libertà della dichiarazione d'indipendenza venne bollata proprio così.

    Oggicome allora: viva l'Indipendenza

    > Peraltro aggiugnerei che la premessa può fregare
    > al massimo al Pubblico

    > . Ad un'azienda non frega
    > proprio niente che il proprio documento possa
    > essere letto ovunque e da chiunque! ANZI! Se
    > potesse essere letto solo nella propria azienda
    > sarebbe meglio!

    non conosci le necessitò e le pratiche aziendali, in cui la documentazione va MANTENUTA e garantita nel tempo, perchè è iol VALORE dell'azienda

    Lasciare in mano le chiavi del proprio valore a un unico fornitore (MS) è quantomeno imprudente

    > Vengono meno le basi del
    > ragionamento!

    è tutto il contrario



    non+autenticato

  • - Scritto da: Ekleptical
    [...]
    >
    > La più saggia contromossa di Bill Gates è dietro
    > l'angolo: snobbare l'ODF e tirare fuori una nuova
    > versione di Office con caratteristiche
    > innovative.
    >
    [...]
    >
    > Peraltro aggiugnerei che la premessa può fregare
    > al massimo al Pubblico . Ad un'azienda non frega
    > proprio niente che il proprio documento possa
    > essere letto ovunque e da chiunque! ANZI! Se
    > potesse essere letto solo nella propria azienda
    > sarebbe meglio!
    >
    > Ed è il motivo per cui uno standard su un
    > documento Office non ha semplicemente senso ed è
    > destianto al fallimento! Vengono meno le basi del
    > ragionamento!


    Sono daccordo sul fatto che proporre una versione di Office che abbia come caratteristica "innovativa" un nuovo formato di documento 'aperto' sia una mossa azzeccata.
    Non sono daccordo sul fatto che uno standard sui documenti 'Office' non abbia senso. Ho idea che ti sfuggano i concetti di 'interoperabilità' e di 'data retainance'.

    Per farti un esempio: supponiamo che i documenti salvati dall'azienda X abbiano una validità legale di 20 anni. Volendo essere ottimisti, tra 10 anni il formato proprietario da loro utilizzato non sarà più supportato... e si ritroveranno ad avere per 10 anni dei documenti validi da un punto di vista legale ma di cui non possono conoscere i contenuti. Ora metti il caso che facciano causa a questa azienda... ti immagini il casino?


    La mossa più 'bella' sarebbe vedere Microsoft utilizzare OpenDocument. Sarebbe una dimostrazione di maturità.


    Lieutenant
    non+autenticato
  • > La mossa più 'bella' sarebbe vedere Microsoft
    > utilizzare OpenDocument. Sarebbe una
    > dimostrazione di maturità.

    La mossa economicamente più saggia di Microsoft (che è un'azienda e quindi pensa, correttamente, prima di tutto al profitto) è snobbare ODF e farlo fallire.

    Ed è quello che Gates farà con tutta probabilità. Poi continuate a vivere nel mondo dei sogni degli idealisti informatici (figura strana di tecnici che si sentono salvatori del mondo, con la loro nicchia tecnica che nulla di salvifico ha.. MAH!)
  • A sostenerlo i big del software, in quanto nella prossima release di OOo e MSoffice i documenti saranno salvati direttamente nella ram anziché in lenti file Occhiolino

    Fonte:
    Apple, IBM e Microsoft
  • Queste sono parole sensate e dette a favore di tutti, anche degli stupidi:
    <<
    Ad arginare le speranze di Microsoft ci sta provando in queste ore Sun Microsystems, tra i numerosi big che supportano ODF. Parlando del Massachussets, Simon Phipps, dirigente della divisione open source di Sun, ha sostenuto che la questione non è contrapporre ODF a Open XML, quanto capire che "continueremo ad avere questo problema di formati di file e di perdita della memoria della società fino a quando non avremo un formato di file plurale". Riferendosi alle difficoltà di accesso ai formati precedenti di Microsoft Office, Phipps ha parlato di "Alzheimer aziendale" contro il quale è necessario muoversi adottando uno standard che, da qui in poi, garantisca un futuro ai documenti e alla memoria.
    >>

    Queste sono richieste stupide, insensate, lobbistiche ( cioe' mafiose, per noi italiani che abbiamo familiriata' con queste cose ), dette a sfavore anche degli stessi che le richiedono e della loro discendenza:
    <<
    La decisione sta sollevando un polverone e ieri ad un forum pubblico presso la Massachusetts State House alcuni senatori hanno chiesto una revisione di quella policy affinché passi invece la possibilità di utilizzare anche formati diversi purché abbiano le caratteristiche di apertura e interoperabilità, ovvero che siano implementabili da qualsiasi software e possano essere gestiti con qualsiasi software che li supporti.
    >>

    Questo e' un esempio di come un'azienda possa comportarsi in maniera criminale con il consenso sociale di una societa' incivile:
    <<
    Una "spinta", questa, necessaria per Microsoft che, come noto, ha già strappato un primo interessamento dello Stato per il suo nuovo formato aperto, Open XML, che sarà il formato portante del prossimo Office, Office 12. Tra le novità anche l'interoperabilità con i formati precedenti di Office che, come noto, sono chiusi e proprietari e per questo esclusi fin qui dalle decisioni del Massachussets (vedi anche l'intervista realizzata da Punto Informatico al vicepresidente di Microsoft Corporation Umberto Paolucci: Perché Microsoft apre i formati di Office?).
    >>

    Ma ci vuole tanto a capirlo? Ci vuole tanto a dire al ricco corruttore di turno che puo' fare cio' che vuole ma non deve ledere gli interessi della comunita' umana? C'e' una sola cosa da fare, cioe' quella piu' giusta, ancor prima di quella piu' intelligente.
    Ma questi, in america, stanno ancora al tempo della sicilia milanese italiana?
    non+autenticato
  • un dito medio alla SUN non glielo leva nessuno con ste cazzate che manda a dire dai suoi scagnozzi
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > un dito medio alla SUN non glielo leva nessuno
    > con ste cazzate che manda a dire dai suoi
    > scagnozzi
    Troll di tutti i colori
    non+autenticato