Apple inaugura l'era x86

di D. Galimberti - Ora che Apple ha tolto i veli ai primi Macintel è possibile analizzare più in profondità le scelte e le strategie della Mela. Con un occhio alle novità software

Con circa sei mesi di anticipo rispetto alle previsioni, e dopo innumerevoli discussioni e indiscrezioni, alla fine sono arrivati. I primi Macintel hanno debuttato al Macworld Expo di San Francisco, un evento in cui il CEO di Apple, Steve Jobs, ha tolto i veli ad un nuovo iMac, disponibile da subito, e al nuovo portatile MacBook-Pro, in consegna a febbraio.

Tutti i nuovi Mac utilizzano il processore Core Duo di Intel, in precedenza noto con il nome in codice di Yonah, e stando a quanto dichiarato da Apple, offrono un sensibile incremento di prestazioni rispetto alle precedenti generazioni basate su processori PowerPC: in particolare, l'iMac x86 promette di essere due volte più veloce del "vecchio" iMac G5, mentre il MacBook-Pro dovrebbe fornire circa quattro volte le performance del PowerBook G4.

Sui Macintel gira la prima release ufficiale di Mac OS X x86, la 10.4.4, disponibile da pochi giorni anche per Mac-PPC tramite Aggiornamento Software.
Le ragioni che hanno portato Apple ad anticipare i tempi sono molteplici e di diversa natura. A livello commerciale l'attesa era tale da rendere tutti gli analisti finanziari più che fiduciosi, a patto che la presentazione dei Macintel avvenisse il più presto possibile. A livello di immagine, Apple ha dimostrato di essere molto reattiva e di essere in grado di sfruttare subito le novità proposte da Intel. A livello tecnico Apple ha ripetuto più volte che il G4 si avvicina al capolinea e il G5 non è utilizzabile per i portatili, per cui era necessario correre ai ripari il più presto possibile. Andiamo ora ad analizzare le ragioni che hanno portato a scegliere l'iMac e il PowerBook come migliori candidati per l'inizio della transizione.

L'iMac è stato aggiornato da non molto tempo, e personalmente non avrei mai pensato ad una sua così rapida migrazione a Intel: probabilmente un G5 dual-core avrebbe portato lo stesso incremento di prestazioni (ammesso che questa scelta non comportasse problemi di dissipazione del calore), soprattutto considerando il fatto che attualmente non è disponibile una grande quantità di software compilato in Universal Binary.

L'Universal Binary (o FAT Binary) è il codice compilato in modo tale da girare nativamente tanto sui Mac-PPC quanto sui Macintel: la quasi totalità del software attualmente in circolazione è realizzata per Mac-PPC e girerà sui nuovi Macintel grazie ad un traduttore dinamico di codice chiamato Rosetta. Questa sorta di emulatore funziona più che bene, ma ha dei limiti: non tutto il software può essere eseguito (in particolare quello che richiede necessariamente un G5) e l'emulazione introduce dei rallentamenti che vanno in parte a vanificare la maggior potenza del processore Core Duo.

Apple ha già pronte tutte le applicazioni consumer in versione "universale", ma i software professionali saranno pronti solo a fine marzo, e i tempi di adeguamento delle terze parti potrebbero essere ancora più lunghi. Dopotutto gli iMac G5 sono ancora in vendita allo stesso prezzo, e i desktop destinati al mercato professionale sono rimasti equipaggiati con processori G5 (e probabilmente lo saranno ancora per molto tempo, magari passando completamente in configurazione quad-processor).

Pensando però a una macchina ad alto impatto sul pubblico, l'iMac è stata sicuramente la scelta migliore, sotto molti aspetti ancora meglio del tanto vociferato Mac Mini Intel-based. Per quanto riguarda le dotazioni, il nuovo iMac mantiene sostanzialmente le stesse caratteristiche dell'iMac-G5, ma implementa una scheda grafica più nuova e potente, la ATI Radeon X1600. I due tipi di iMac sono venduti allo stesso prezzo (1.379 euro per il modello da 17" e 1.799 euro per il modello da 20")

Diverso il caso dei MacBook: il passaggio da G4 a Core Duo implica un incremento di prestazioni molto più significativo, tale da giustificare pienamente eventuali penalizzazioni introdotte dall'emulazione di Rosetta. Non dimentichiamo però quanto detto riguardo il software: le attuali versioni di FinalCut Studio, il recente Aperture e Logic Express (giusto per citare qualche esempio), non possono essere eseguiti sui Macintel, e occorrerà attendere circa tre mesi per avere queste applicazioni in versione Universal Binary. Nel frattempo Apple continuerà a vendere anche i vecchi PowerBook, anche perché il nuovo MacBook è disponibile in due versioni, ma entrambe con schermo da 15": ciò lascia ancora grandi spazi ai portatili più piccoli, come l'iBook e il PowerBook 12" o al PowerBook da 17".

Dal punto di vista del design e della dotazione, oltre ad un profilo più sottile e alla telecamera integrata, il MacBook introduce molte altre novità: dallo slot ExpressCard (che sostituisce il vecchio PCMCIA), alla nuova scheda grafica (anche qui ATI Mobility Radeon X1600), passando per un nuovo connettore "magnetico" per l'alimentazione, l'eliminazione dell'interfaccia Firewire 800 (già rimpianta da chi utilizza intensivamente HD esterni ad elevate prestazioni), e l'introduzione dell'interfaccia grafica FrontRow con relativo telecomando Apple Remote. Il nuovo MacBook è venduto a partire da 2.159 euro, contro i 2.079 euro del corrispondente PowerBook 15".

Al momento non sono ancora noti tutti i dettagli sulle schede madri (che dovrebbero essere proprietarie Apple), e non si conoscono particolari relativi alla possibilità di installare l'ultima versione di Mac OS X x86 sui PC. Ma se le promesse di consegna del nuovo iMac verranno mantenute, potremo conoscere questi dettagli molto presto. Per quanto riguarda la possibilità di installare Windows XP sui nuovi Mac, si veda la news pubblicata oggi su queste stesse pagine.

Il mercato ha dimostrato di apprezzare le scelte di Jobs, e il titolo AAPL ha fatto un salto molto consistente, raggiungendo nuovi massimi storici vicini agli 84 dollari, con un picco del 7% proprio in concomitanza all'annuncio dei Macintel.
TAG: apple
370 Commenti alla Notizia Apple inaugura l'era x86
Ordina
  • Salve, non sono espertissima in pc ma il mio notebook ha avuto installato una ram aggiuntiva che ha causato diversi problemi.
    Vorrei sapere se esistono delle RAM ASUS e non delle RAM compatibili o comunque quale devo mettere per non fare andare in tilt il notebook!
    grazie a tutti quelli che mi risponderanno!
    A.
    non+autenticato
  • 1. Ha sempre avuto un sistema operativo migliore rispetto ai PC, ma volendo adottare una politica di chiusura delle licenze (solo Apple può produrre un Mac, nessuna concorrenza da parte di cloni), si è autocastrata. Oggi solo circa l'8% - 10% del mercato utilizza Apple!
    2. Le migliori prestazioni Hardware e software si sono sempre più rarefatte, tanto che per mantenere i contatti con i PC la Apple ha dovuta prima abbandonare la sua architettura e passare a bus PCI, per poter utilizzare le schede grafiche dei PC (ma vi ricordate l'orgoglio di ancora 10 anni fa del mondo Apple per le loro capacità grafiche, tutti i professionisti della carta stampata utiizzavano per l'impaginazione solo i Mac), poi abbandonare il processore, la prossima mossa quale sarà?
    3. I costi sono sensibilmente superiori alla controparte, e non parlo dei soli cloni, ma anche di numerosi brand commerciali molto conosciuti (Dell, Acer, Sansumg ecc...)
    4. Ormai la quantità di programmi a basso costo reperibili per la piattaforma PC è smisurata, per il Mac e cose sono ben diverse. Es. provate a copiare un DVD con il mac, non credo troverete un Shrink o un Decripter o un Any Dvd .
    5. La stessa MS è in grosse difficoltà, nonostante incassi miliardi sta progressivamente perdendo quote di mercato a favore di Linux, se Windows con la diffusione universale che ha incomincia a sentire la concorrenza di Linux, vi immaginate come se la potrà cavare un Sistema operativo di nicchia come quello dell'Apple?
    6. Avete mai provato ad aggiornare o overcloccare un sistema Apple? State pur sicuri che con i sistemi AMD/INTEL è enormemente più facile e meno costoso!   


    Per rispondere alla domanda iniziale penso proprio di si, anche se probabilmente sarà in buona compagnia (MS)











    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > 1. Ha sempre avuto un sistema operativo
    > migliore rispetto ai PC, ma volendo adottare
    > una politica di chiusura delle licenze (solo
    > Apple può produrre un Mac, nessuna
    > concorrenza da parte di cloni), si è
    > autocastrata. Oggi solo circa l'8% -
    > 10% del mercato utilizza Apple!

    Questo lo facevano tutti, era normale spartirsi il mercato finche' un certo monopolista non ha iniziato ad utilizzare mezzi illegali per distruggere la concorrenza.

    > 2. Le migliori prestazioni Hardware e
    > software si sono sempre più rarefatte, tanto
    > che per mantenere i contatti con i PC la
    > Apple ha dovuta prima abbandonare
    > la sua architettura e passare a bus PCI,
    > per poter utilizzare le schede grafiche
    > dei PC (ma vi ricordate l'orgoglio di ancora 10
    > anni fa del mondo Apple per le loro capacità
    > grafiche, tutti i professionisti della carta
    > stampata utiizzavano per l'impaginazione
    > solo i Mac), poi abbandonare il processore,
    > la prossima mossa quale sarà?

    Secondo me fare concorrenza diretta su pc lasciando copiare OsX... Ma e' solo un'ipotesi.

    > 3. I costi sono sensibilmente superiori alla
    > controparte, e non parlo dei soli cloni, ma
    > anche di numerosi brand commerciali molto
    > conosciuti (Dell, Acer, Sansumg ecc...)

    Vari confronti a parita' di hardware mo dicono che non c'e' tutta sta differenza.

    > 4. Ormai la quantità di programmi a basso
    > costo reperibili per la piattaforma PC è
    > smisurata, per il Mac e cose sono ben
    > diverse.

    Bhe, emule c'e' anche per macA bocca aperta

    > Es. provate a copiare un DVD con il mac,
    > non credo troverete un Shrink o un Decripter
    > o un Any Dvd .
    > 5. La stessa MS è in grosse difficoltà,
    > nonostante incassi miliardi sta
    > progressivamente perdendo quote di
    > mercato a favore di Linux, se Windows
    > con la diffusione universale che ha
    > incomincia a sentire la concorrenza
    > di Linux, vi immaginate come se la potrà
    > cavare un Sistema operativo di nicchia
    > come quello dell'Apple?

    Ma... Se windows e' arrivato ad avere il 90% dell'installato desktop come poteva aumentare ancora ???
    E' ovvio che ora sta diminuendo...

    > 6. Avete mai provato ad aggiornare o
    > overcloccare un sistema Apple? State pur
    > sicuri che con i sistemi AMD/INTEL è
    > enormemente più facile e meno costoso!   

    Nessun problemaA bocca aperta ora i mac sono intel...

    > Per rispondere alla domanda iniziale penso
    > proprio di si, anche se probabilmente sarà in
    > buona compagnia (MS)
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > 1. Ha sempre avuto un sistema operativo migliore
    > rispetto ai PC, ma volendo adottare una politica
    > di chiusura delle licenze (solo Apple può
    > produrre un Mac, nessuna concorrenza da parte di
    > cloni), si è autocastrata. Oggi solo circa l'8% -
    > 10% del mercato utilizza Apple!

    Mercedes e BMW messe assieme non arrivano al 5% del mercato automobilistico...

    SGI meno che meno, Linux non ne parliamo...

    > 2. Le migliori prestazioni Hardware e software si
    > sono sempre più rarefatte, tanto che per
    > mantenere i contatti con i PC la Apple ha dovuta
    > prima abbandonare la sua architettura e passare a
    > bus PCI, per poter utilizzare le schede grafiche
    > dei PC (ma vi ricordate l'orgoglio di ancora 10
    > anni fa del mondo Apple per le loro capacità
    > grafiche, tutti i professionisti della carta
    > stampata utiizzavano per l'impaginazione solo i
    > Mac), poi abbandonare il processore, la prossima
    > mossa quale sarà?

    se un Mac è diverso, "schifo perché è diverso", se è uguale "schifo perché è uguale" decidetevi...

    > 3. I costi sono sensibilmente superiori alla
    > controparte, e non parlo dei soli cloni, ma anche
    > di numerosi brand commerciali molto conosciuti
    > (Dell, Acer, Sansumg ecc...)

    falso, tutti i nuovi Mac conocorrono con Dell con i prezzi, e recentemente Dell è stata superata da Apple come valore di mercato...

    > 4. Ormai la quantità di programmi a basso costo
    > reperibili per la piattaforma PC è smisurata, per
    > il Mac e cose sono ben diverse. Es. provate a
    > copiare un DVD con il mac, non credo troverete un
    > Shrink o un Decripter o un Any Dvd .

    falso, ce ne sono tanti, per esempio io uso questo:
    http://versiontracker.com/dyn/moreinfo/macosx/2271...

    > 5. La stessa MS è in grosse difficoltà,

    verissimo

    > nonostante incassi miliardi sta progressivamente
    > perdendo quote di mercato a favore di Linux, se

    falso, in america perde quote a favore di Apple che ha registrato un +48% delle vendite di computer (non iPod)

    > Windows con la diffusione universale che ha
    > incomincia a sentire la concorrenza di Linux, vi
    > immaginate come se la potrà cavare un Sistema
    > operativo di nicchia come quello dell'Apple?

    Alla grande, OSX è superiore ai Linux desktop e a Windows.

    > 6. Avete mai provato ad aggiornare o overcloccare
    > un sistema Apple? State pur sicuri che con i
    > sistemi AMD/INTEL è enormemente più facile e meno
    > costoso!

    è uguale, se hai la mano ferma basta un saldatore...
       
    > Per rispondere alla domanda iniziale penso
    > proprio di si, anche se probabilmente sarà in
    > buona compagnia (MS)

    io credo proprio di no... e sono a pensarla come me:
    http://www.theinquirer.net/?article=29016

    http://online.wsj.com/public/article/SB11375413012...

    http://sev.prnewswire.com/computer-electronics/200...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > 1. Ha sempre avuto un sistema operativo migliore
    > rispetto ai PC, ma volendo adottare una politica
    > di chiusura delle licenze (solo Apple può
    > produrre un Mac, nessuna concorrenza da parte di
    > cloni), si è autocastrata. Oggi solo circa l'8% -
    > 10% del mercato utilizza Apple!

    Veramente ha una quota che si aggira intorno al 5%, se non qualcosa meno, ma questo non significa nulla, tant'è che il valore dell'azienda è superiore a quello di Dell, ed Apple è al 4 posto (numericamente parlando) come produttore di computer a livello mondiale. Da tre anni a questa parte le vendite sono in continua crescita, anche percentualmente parlando.

    > 2. Le migliori prestazioni Hardware e software si
    > sono sempre più rarefatte, tanto che per
    > mantenere i contatti con i PC la Apple ha dovuta
    > prima abbandonare la sua architettura e passare a
    > bus PCI, per poter utilizzare le schede grafiche
    > dei PC (ma vi ricordate l'orgoglio di ancora 10
    > anni fa del mondo Apple per le loro capacità
    > grafiche, tutti i professionisti della carta
    > stampata utiizzavano per l'impaginazione solo i
    > Mac), poi abbandonare il processore, la prossima
    > mossa quale sarà?

    Apple sceglie sempre la tecnologia migliore del momento: finché il PPC era superiore ha usato G4 e G5, ora che il PPC è "fermo", ha scelto Intel (Intel e non AMD perché Intel ha soluzioni migliori per i portatili e migliori prospettive per i processori futuri)

    > 3. I costi sono sensibilmente superiori alla
    > controparte, e non parlo dei soli cloni, ma anche
    > di numerosi brand commerciali molto conosciuti
    > (Dell, Acer, Sansumg ecc...)

    Balle... gli altri brand hanno macchine di basso costo (tipicamente venduti in mediastore e simili) e macchine più "serie" con prezzi del tutto simili ai Mac.

    > 4. Ormai la quantità di programmi a basso costo
    > reperibili per la piattaforma PC è smisurata, per
    > il Mac e cose sono ben diverse. Es. provate a
    > copiare un DVD con il mac, non credo troverete un
    > Shrink o un Decripter o un Any Dvd.

    Informarsi prima di dire la ca##ata ?
    (e fare la conseguente figura di m&rd@ ?)

    > 5. La stessa MS è in grosse difficoltà,

    Grossissime... è quasi fallita...

    > nonostante incassi miliardi sta progressivamente
    > perdendo quote di mercato a favore di Linux, se
    > Windows con la diffusione universale che ha
    > incomincia a sentire la concorrenza di Linux, vi
    > immaginate come se la potrà cavare un Sistema
    > operativo di nicchia come quello dell'Apple?

    ROTFL... falla girare, non tenerla tutta per te...

    > 6. Avete mai provato ad aggiornare o overcloccare
    > un sistema Apple? State pur sicuri che con i
    > sistemi AMD/INTEL è enormemente più facile e meno
    > costoso!   

    Quindi?
    Tu compri un computer per overcvlocckarlo?
    Se hai più di 12 anni sei messo proprio male per fare una sparata del genere.

    > Per rispondere alla domanda iniziale penso
    > proprio di si, anche se probabilmente sarà in
    > buona compagnia (MS)

    Sentivamo proprio il bisogno di un'analisi così approfondita...

    Bye
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > Veramente ha una quota che si aggira intorno al
    > 5%, se non qualcosa meno, ma questo non significa
    > nulla, tant'è che il valore dell'azienda è
    > superiore a quello di Dell, ed Apple è al 4 posto
    > (numericamente parlando) come produttore di
    > computer a livello mondiale. Da tre anni a questa
    > parte le vendite sono in continua crescita, anche
    > percentualmente parlando.

    E questo fa pensare, 4 posto a livello mondiale!
    Non pensate alla cosa come PC vs MAC, pensate alla Apple come azienda, pensate a cosa vuol dire il quarto posto.
    E ora pensate che il quarto posto se lo e' guadagnata con un sistema operativo diverso da Windows.
    Certo, HP, Dell, Sony e chi piu ne ha ne metta, messi insieme sotto il vessillo "Wintel" fanno il 95 % del mercato, ma la Apple, come vendite, sta sopra a molte di quelle inserite nel "piu ne ha piu ne metta"!
    Come si fa a dire che sta morendo???
    non+autenticato
  • Queste le caratteristiche dei due sistemi, non mi sembra che l'Apple abbia un prezzo cosi sproporzionato, tenuto conto che si paga comunque anche "il marchio" e che non ho la possibilita' di confrontare la qualita' dei materiali che in Apple solitamente e' abbastanza elevata.

    ASUS a6j vs Apple macbook pro 1,6Ghz

    Prezzo A6J: 1499 + iva (1798,8 iva compresa)
    Fonte: listino prezzi in pdf scaricato da:http://notebook.asus.it/prodotti/notebook/dettagli...
    Prezzo Apple: 1799,17 + iva (2159 iva compresa)
    Fonte: Apple Store http://store.apple.com/Apple/WebObjects/italystore/

    Caratteristiche:
    Processore A6J: core duo t2300 (1,66 GHz)
    Processore Mac: core duo t2300 (1,66 GHz)
    Frontside Bus A6J: 667 MHz
    Frontside Bus Mac: 667 MHz
    Ram A6J: 1GB
    Ram Mac: 512MB
    HD A6J: 100GB
    HD Mac: 80GB
    Display A6J: 15,4" (1280x800)
    Display Mac: 15,4" (1440x900)
    Scheda grafica A6J: Ati X1600 256 MB
    Scheda grafica Mac: Ati X1600 128 MB
    Masterizzatore DVD A6J: double layer
    Masterizzatore DVD Mac: single layer

    Connettivita':
    Asus A6J:
    Scheda miniPCI 802.11a/b/g antenna integrata (bluetooth opzionale)

    Apple MacBook pro:
    Connessione in rete wireless AirPort Extreme (802.11g) a 54Mbps integrata (2).
    Bluetooth 2.0+EDR (Enhanced Data Rate) integrata

    Interfacce:
    Asus A6J:
    4 USB2
    1 VGA
    1 IEEE 1394 (firewire)
    3 audio jack
    1 PCMCiA2
    1 RJ11 x modem
    1 RJ45 x Ethernet (gigabit)
    1 TV OUT

    Interfacce:
    Apple MacBook pro
    2 USB2
    1 DVI/VGA
    1 IEEE 1394 (firewire)
    2 audio jack
    (1 audio in, combinato digitale ottico/audio analogico,
    1 audio out, combinata audio digitale ottica/cuffie)
    1 ExpressCard/34
    1 RJ45 x Ethernet (gigabit)

    Varie:
    Asus A6J:
    Videocamera 1,3 MPixel integrata
    Comandi CD (play/pause, stop, forward, rewind)

    Apple MacBook:
    Videocamera iSight integrata (http://it.wikipedia.org/wiki/ISight)
    Tastiera retroilluminata con sensore della luminosita'
    Alimentatore con connettore MagSafe
    Telecomando Apple Remote

    Software:
    Asus A6J:
    Windows XP Home, works, Nero

    Apple MacBook:
    Mac OS X v10.4.4 Tiger,
    iLife ?06 (include iTunes, iPhoto, iMovie HD, iDVD, iWeb, GarageBand)
    Comic Life, Omni Outliner, Photo Booth, Front Row.

    Dimensioni e peso:
    Asus A6J: 345 x 284 x 35 mm 2,85Kg
    Apple MacBook: 357 x 243 x 25,9 mm 2,54Kg
    non+autenticato
  • L'asus è più grosso e più pesante, ha meno software e monitor con una risoluzione minore... senza considerare il design... confrontalo con l'HP nc8230 (2300 Euro)

    ciao
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > L'asus è più grosso e più pesante, ha meno
    > software e monitor con una risoluzione minore...
    > senza considerare il design... confrontalo con
    > l'HP nc8230 (2300 Euro)
    >
    > ciao
    A parte il design (non e' bello quel che e' bello....), qualcuno diceva che ci fossero 600 euro di differenza e che il processore dell'Asus fosse piu veloce, l'ho letto anch'io l'articolo che dava l'A6J con un t2400 da 1,8GHz, e probabilmente esiste, ma il prezzo di 1500 euro circa era probabilmente inteso IVA esclusa e non, come erroneamente riportato, IVA inclusa.
    Il listino Asus e' sotto gli occhi di tutti sul loro sito, e' indicato che i prezzi sono senza IVA.
    Ma ovviamente per trollare su PI non serve informarsi.
    Insomma, tutta sta differenza di prezzo tra Apple e Asus io non la vedo, dovendo scegliere prenderei Apple.

    Ciao
    non+autenticato
  • rispondo a quello che da del pirla a tutti e poi e' proprio lui che non capisce
    il discorso semplicemente e' questo
    e se non lo capisci sei stupido
    il keynote di jobs te lo guardi te e siccome sei prezzolato hai piacere a fare i distinguo
    la gente normale che acquista mac non e' tech geek
    e' gente che lavora
    intel o ppc per loro sono sigle incomprensibili generalmente
    ed e' giusto sia cosi
    sono o no macchine vendute per essere produttivi da subito?
    bene
    se in homepage ci scrivi 4 volte piu' veloce molto semplicemente la gente si chiedera perche' fino a ieri nessuno li ha avvertiti o gli ha fatto sconti
    o perche' l'imac G5 comprato 2 mesi fa non puo' essere convertito a uno nuovo aggiungendo una lieve differenza..
    cose cosi', da persone semplci a cui non piace buttare i soldi
    pero' a te piace fare i distinguo
    sei uno di quelli che quando glielo mettono nel didietro gli piace poter dire che comunque quello che l'ha sodomizzato ce l'aveva piccolo
    buon per te...
    adesso dammi pure dello stupido dicendomi che sono io a non aver capito perche' non mi sono guardato due ore di piappardone di jobs che mi spiega che c'e' una forbice tra 3 e 5 volte a seconda delle applicazioni

    la verita e' che se sta cosa l'avesse fatta qualcun altro (cito a caso, Bill Gates che mi sta pure sulle balle) staresti qui a dire che i mac col G4 rompono il culo ai pentium 4 come jobs ha detto fino a pochi mesi fa...
    e che Gates ci voleva inculare tutti (perche hai pure sta tendenza snob chic per cui per te io sono sutpido e uso windows per forza, giusto?)

    sei triste
    fatti una vita al di fuori della parrocchia
    gli intervalli e i keynotes non sono tutto nella vita
    invece di guardare jobs, guardati un bel film
    magari impari qualcosa davvero

    auguri
    non+autenticato
  • sono un altro, non hai capito una cosa fondamentale....

    Jobs parlava meraviglie dei G5, i G4 sono macchine vecchie di anni che fanno ancora bene il loro lavoro ma sono lente rispetto agli ultimi PC.

    I nuovi Mac non sono nulla di clamoro, il G4 veniva già superato in prestazioni dall'iMac G5 (un pro che viene superato da un home computer) adesso semplicemente l'iMac ha il doppio delle prestazioni perchè ad un G5 monocore viene sostituito una CPU dual core (quindi 2x) stesso discorso per il Powerbook 2x2=4 quindi i nuovi Macbook sono 4 volte più veloci.

    Ergo il G5 dualcore regge a meraviglia le prestazioni della nuova generazione di chip Intel (perché c'è stato salto un genera zionale ve ne siete accorti?)

    Se il G5 avesse avuto un roadmap degna di questo nome ora avremmo dei G5 anni luce avanti agli intel, peccato. Comuqne i quad che abbiamo in ufficio stai sicuro che fanno fare pessima figura ai pentium extreme edition (o come diavolo si chiamano) arrivati da poco.

    Dove stà la fregatura? il Powerbook che mi sono fatto 4 anni fa mi ha fatto prendere dei lavori che superano il valore medio di una casa, facendo egregiamente il suo lavoro, ora dato che i powerbook era la linea non più aggiornata seriamente da anni penso che lo comprerò e non morirò dissanguato per questo, anzi aspetto che esca il 17 pollici.

    tutta sta storia per una c@77ata viziata da ignoranza fin dall'inizio....bah...

    Fan Apple
    non+autenticato
  • > Jobs parlava meraviglie dei G5, i G4 sono
    > macchine vecchie di anni che fanno ancora bene il
    > loro lavoro ma sono lente rispetto agli ultimi
    > PC.
    >

    vero
    non reggono il confronto gia da un po
    senno' non facevano uscire il quad raffreddato a liquido

    > I nuovi Mac non sono nulla di clamoro, il G4
    > veniva già superato in prestazioni dall'iMac G5
    > (un pro che viene superato da un home computer)
    > adesso semplicemente l'iMac ha il doppio delle
    > prestazioni perchè ad un G5 monocore viene
    > sostituito una CPU dual core (quindi 2x) stesso
    > discorso per il Powerbook 2x2=4 quindi i nuovi
    > Macbook sono 4 volte più veloci.
    >

    no qui sei tu che hai fatto i conti senza l'oste
    perche':
    - i centrino duo sono circa il 20% piu' veloci del centrino single core non il 200%
    - i centrino sono cpu mobile, quindi non reggono il confronto con cpu dual core desktop piu' spinte come l'athlon fx-60

    > Ergo il G5 dualcore regge a meraviglia le
    > prestazioni della nuova generazione di chip Intel
    > (perché c'è stato salto un genera zionale ve ne
    > siete accorti?)
    >

    gia ma il g5 non e' tanto meglio dei P4 di stessa generazione
    e non lo e' neanche in tutti i campi

    > Se il G5 avesse avuto un roadmap degna di questo
    > nome ora avremmo dei G5 anni luce avanti agli
    > intel, peccato. Comuqne i quad che abbiamo in
    > ufficio stai sicuro che fanno fare pessima figura
    > ai pentium extreme edition (o come diavolo si
    > chiamano) arrivati da poco.
    >

    coi se e coi ma..
    sai gia cosa voglio dire
    i quad sono appunto due cpu dual core
    un extrem edition e' una cpu single core (o al massimo dual come la serie D che guarda caso e' quella che probabilmente apple adottera per le sue nuove macchine desktop)
    qua sei te che confronti mele con pere
    sarebbe piu' corretto confrontare un quad g5 con un quad opteron

    > Dove stà la fregatura? il Powerbook che mi sono
    > fatto 4 anni fa mi ha fatto prendere dei lavori
    > che superano il valore medio di una casa, facendo
    > egregiamente il suo lavoro, ora dato che i
    > powerbook era la linea non più aggiornata
    > seriamente da anni penso che lo comprerò e non
    > morirò dissanguato per questo, anzi aspetto che
    > esca il 17 pollici.
    >

    sta storia la sento da anni
    ma il p4 a 2 giga e mezzo che ho comprato 4 anni fa
    pagandolo poco piu' di 1000 euro mi ha fatto guadagnare non solo soldi ma mi ha permesso di farmi una posizione nel mio settore
    ho un portatile asus con cui lavoro dallo stesso tempo e ci faccio ancora tutto
    il discorso e' che fino a ieri hanno venduto i powerbook allo stesso prezzo con cui oggi compri una cosa meglio
    e ripeto per l'ennesima volta, c'e' gente che si e' arricchita molto di piu' con delle chiavi inglesi da 10 euro facendo l'idraulico negli ultimi 5 anni
    per cui e' una cosa che proprio eviterei di tirare fuori

    > tutta sta storia per una c@77ata viziata da
    > ignoranza fin dall'inizio....bah...
    >

    tutto cio che non e' conforme al tuo pensiero e' viziato da ignoranza?
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | Successiva
(pagina 1/8 - 38 discussioni)