Super Wi-Fi, primo passo verso la luce

Con l'approvazione della prima bozza di 802.11n l'IEEE ha gettato le basi per l'avvento della tanto attesa evoluzione superveloce di Wi-Fi. Svaniscono invece le speranze sulla nascita di uno standard per Ultra Wide Band

Roma - Per le reti locali wireless (WLAN) da centinaia di megabit al secondo la strada appare ormai spianata. L'IEEE (Institute of Electrical and Electronics Engineers) ha infatti approvato la prima bozza della specifica 802.11n, nome formale di una nuova e più veloce versione di Wi-Fi.

La ratifica ufficiale dello standard 802.11n richiederà ancora svariati mesi di lavoro, tuttavia questa prima bozza riveste particolare importanza perché mette finalmente d'accordo i diversi gruppi industriali rappresentati nell'802.11n Working Group. La specifica appena approvata è infatti il risultato della fusione di tre differenti proposte, e raccoglie buona parte delle linee guida redatte a partire dallo scorso ottobre dall'Enhanced Wireless Consortium (EWC).

Il lavoro dell'EWC ha giocato un ruolo molto importante nel far superare al gruppo di lavoro di 802.11n quella posizione di stallo causata, lo scorso anno, dallo scontro fra il gruppo industriale guidato da Broadcom e quello capitanato da Intel e Philips: il primo proponeva la tecnologia WWiSE (World-Wide Spectrum Efficiency), il secondo la specifica TGnSync. L'attuale bozza di 802.11n contiene elementi di entrambe le proposte e, secondo gli esperti, amplia la rosa delle applicazioni del futuro standard.
L'802.11n Working Group si preoccuperà ora di dirimere le ultime questioni politiche e tecniche che ancora separano 802.11n dal conquistare la condizione di standard ufficiale dell'IEEE: una meta attesa non prima del 2007. Nel frattempo diversi produttori hanno già svelato chipset e dispositivi basati sulla versione preliminare di Super Wi-Fi: ciò significa che, come spesso accade, i primi prodotti basati su 802.11n potrebbero arrivare sul mercato con diversi mesi di anticipo rispetto all'approvazione dello standard. Molti di questi potranno tuttavia essere aggiornati alla specifica finale.

"Le tecnologie alla base di 802.11n sono in sviluppo da un bel po' di tempo, dunque ormai è tutto pronto perché le prime implementazioni commerciali raggiungano il mercato", ha affermato Bill McFarland, CTO del chipmaker californiano Atheros.

La specifica 802.11n incrementa sia la velocità di trasferimento dati, che dovrebbe raggiungere la soglia teorica dei 600 Mbit/s, sia l'estensione della portata radio. Una delle tecnologie chiave alla base del futuro standard sarà MIMO (Multiple Input, Multiple Output), che permette di ampliare la banda trasmissiva attraverso l'impiego simultaneo di più canali di comunicazione e l'uso di più antenne: questa tecnica viene già impiegata su quei dispositivi Wi-Fi che, tramite estensioni proprietarie, permettono di spingere la velocità massima oltre i canonici 54 Mbit/s degli standard 802.11a/g.

Dal fronte delle tecnologie wireless sono arrivate in questi giorni altre due notizie d'interesse: la prima è la certificazione, da parte del WiMAX Forum, dei primi prodotti basati sullo standard 802.16-2004; la seconda è la rinuncia dell'IEEE al tentativo di creare uno standard per l'Ultra Wide Band (UWB).

Quest'ultima notizia rappresenta un'amara sconfitta per l'802.15.3a Task Group, che negli ultimi tre anni era riuscita a ridurre le tecnologie candidate allo standard UWB da 23 a 2. La task force dell'IEEE ha dovuto gettare la spugna di fronte alle posizioni irremovibili dei due gruppi attualmente in competizione: la WiMedia Alliance, promotrice della tecnologia MultiBand Orthogonal Frequency Division Multiplexing, e l'UWB Forum, supporter della tecnologia Direct Sequence. Le due specifiche differiscono in modo sostanziale e, di conseguenza, sono tra lo incompatibili.

Secondo quanto affermato da WiMedia Alliance e UWB Forum in una nota congiunta, il mercato non può più aspettare: "È venuto il momento di tradurre UWB in soluzioni commerciali, e questo anche al costo di adottare tecnologie tra loro differenti". Questa scelta, che rende il futuro di UWB assai incerto, sembra destinata a ritardare ulteriormente la diffusione sul mercato consumer di tecnologie wireless capaci di rivaleggiare con USB e FireWire. Va però detto che, tra le due, la tecnologia con le maggiori chance di emergere sembra essere WiMedia: spalleggiata da un colosso come Intel, tale specifica si trova infatti già alla base della promettente tecnologia Wireless USB.
TAG: wi-fi
25 Commenti alla Notizia Super Wi-Fi, primo passo verso la luce
Ordina
  • Sono anni che qui si parla di WiMax. A quanti di voi è arrivato qualcosa? C'è qualcuno che si connette a banda larga con WiMax?
    Ma dai..
    A me sembra che qua in Italia non si muova un emerito ca**o.
    Per fortuna che c'è il digitale terrestre va... La cui diffusione è stata fatta per rendere più semplice la vita al cittadino, con i servizi interattivi (sì, ma per essere interattivi devi attaccarlo alla presa del telefono, e se non hai l'adsl, è una gran porcata). Ma d'altronde, chissenefrega se la banda larga non arriva a tutti. Gli altri marciscano, con le loro linee analogiche anni '90.
    No riuscite ad navigare su internet, perchè ormai la maggior parte dei siti ha contenuti pesanti, animazioni flash e quant'altro? Fatti vostri. Dovevate avere l'adsl per visitare quei siti.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Sono anni che qui si parla di WiMax. A quanti di
    > voi è arrivato qualcosa? C'è qualcuno che si
    > connette a banda larga con WiMax?
    > Ma dai..
    > A me sembra che qua in Italia non si muova un
    > emerito ca**o.
    > Per fortuna che c'è il digitale terrestre va...
    > La cui diffusione è stata fatta per rendere più
    > semplice la vita al cittadino, con i servizi
    > interattivi (sì, ma per essere interattivi devi
    > attaccarlo alla presa del telefono, e se non hai
    > l'adsl, è una gran porcata). Ma d'altronde,
    > chissenefrega se la banda larga non arriva a
    > tutti. Gli altri marciscano, con le loro linee
    > analogiche anni '90.
    > No riuscite ad navigare su internet, perchè ormai
    > la maggior parte dei siti ha contenuti pesanti,
    > animazioni flash e quant'altro? Fatti vostri.
    > Dovevate avere l'adsl per visitare quei siti.

    un mio amico lavora presso una azienda che sperimenta wimax. per il momento si trasmettono film in alta risolusione a 3 Km di distanza per verificare l'affidabilita' della connessione.

    il tutto fa promettere bene, anche se negli screenshot (ancora purtroppo spesso) si notano molte interferenze.

    stanno facendo sperimentazioni a torino e a Trento. informati di piu' se sei interesato.

  • - Scritto da: awerellwv
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Sono anni che qui si parla di WiMax. A quanti di
    > > voi è arrivato qualcosa? C'è qualcuno che si
    > > connette a banda larga con WiMax?
    > > Ma dai..
    > > A me sembra che qua in Italia non si muova un
    > > emerito ca**o.
    > > Per fortuna che c'è il digitale terrestre va...
    > > La cui diffusione è stata fatta per rendere più
    > > semplice la vita al cittadino, con i servizi
    > > interattivi (sì, ma per essere interattivi devi
    > > attaccarlo alla presa del telefono, e se non hai
    > > l'adsl, è una gran porcata). Ma d'altronde,
    > > chissenefrega se la banda larga non arriva a
    > > tutti. Gli altri marciscano, con le loro linee
    > > analogiche anni '90.
    > > No riuscite ad navigare su internet, perchè
    > ormai
    > > la maggior parte dei siti ha contenuti pesanti,
    > > animazioni flash e quant'altro? Fatti vostri.
    > > Dovevate avere l'adsl per visitare quei siti.
    >
    > un mio amico lavora presso una azienda che
    > sperimenta wimax. per il momento si trasmettono
    > film in alta risolusione a 3 Km di distanza per
    > verificare l'affidabilita' della connessione.
    >
    > il tutto fa promettere bene, anche se negli
    > screenshot (ancora purtroppo spesso) si notano
    > molte interferenze.
    >
    > stanno facendo sperimentazioni a torino e a
    > Trento. informati di piu' se sei interesato.

    Fastweb sta sperimentanto il wimax in valle d'aosta
    non+autenticato
  • Il WiMax Forum ha certificato prodotti 802.16-2004 (WiMax fisso) e NON 802.16e (WiMax mobile) le cui prime certificazioni sono previste verso fine anno! Per favore correggete l'articolo!
    non+autenticato
  • Fanno scrivere gli articoli a chi di wireless non se ne intende e poi scrivono le inesattezze Occhiolino
    L'uwb non è una novità che non sarebbe mai partito, e il wimax non è una novità che molto difficilmente diventerà mai mobile. E' pure molto costoso.
    Il futuro sta nel wifi e nelle sue evoluzioni, non illudiamoci e non crediamo a mere pubblicità che danno il wimax come la panacea di tutti i mali. Non esiste il sistema a microonde che fa superare i muri, come non esiste il sistema che fa raggiungere 30km con 100mw e semplici antennini.
    Non illudetevi e non credete a tutto quello che le aziende tentano di datvi a bere, non è possibile superare le leggi della fisica, ricordatelo bene.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Fanno scrivere gli articoli a chi di wireless non
    > se ne intende e poi scrivono le inesattezze Occhiolino
    > L'uwb non è una novità che non sarebbe mai
    > partito, e il wimax non è una novità che molto
    > difficilmente diventerà mai mobile. E' pure molto
    > costoso.
    > Il futuro sta nel wifi e nelle sue evoluzioni,
    > non illudiamoci e non crediamo a mere pubblicità
    > che danno il wimax come la panacea di tutti i
    > mali. Non esiste il sistema a microonde che fa
    > superare i muri, come non esiste il sistema che
    > fa raggiungere 30km con 100mw e semplici
    > antennini.
    > Non illudetevi e non credete a tutto quello che
    > le aziende tentano di datvi a bere, non è
    > possibile superare le leggi della fisica,
    > ricordatelo bene.

    Oh, finalmente qualcuno che la dice giusta! Vedo spesso gente incavolata che, dopo aver gongolato per il set wi-fi appena comprato, scopre con disappunto che bastano un paio di pareti in più per mandare tutto in tilt e che le portate dichiarate dalle case produttrici sono il più delle volte ingannevoli...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Il WiMax Forum ha certificato prodotti
    > 802.16-2004 (WiMax fisso) e NON 802.16e (WiMax
    > mobile) le cui prime certificazioni sono previste
    > verso fine anno! Per favore correggete
    > l'articolo!

    Link? A me risulta che 802.16e sia stato approvato a novembre. Grazie.
  • Corretto, grazie.

    - Scritto da: Anonimo
    > Il WiMax Forum ha certificato prodotti
    > 802.16-2004 (WiMax fisso) e NON 802.16e (WiMax
    > mobile) le cui prime certificazioni sono previste
    > verso fine anno! Per favore correggete
    > l'articolo!

  • Il wi-Max per coprire finalmente tutta la mezza Italia che non ha acesso alla banda larga. Per far connettere le province con le citta', per non essere l'ULTIMO PAESE d'EUROPA in quanto a connettivita'!

    Spero che il prossimo governo provveda immediatamente a cambiare lo scempio lasciato da questo.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > Il wi-Max per coprire finalmente tutta la mezza
    > Italia che non ha acesso alla banda larga. Per
    > far connettere le province con le citta', per non
    > essere l'ULTIMO PAESE d'EUROPA in quanto a
    > connettivita'!
    >
    > Spero che il prossimo governo provveda
    > immediatamente a cambiare lo scempio lasciato da
    > questo.
    Perché, tu pensi che se vince Prodi, avrai il wi-Max?
    Quello non conosce il significato di ciò che farfuglia, figurati cosa sa di wi-Max.
    Tuttalpiù lo fanno implementare da qualche coop alle feste dell'unità, per razzolare un po' di fondi europei.
    Tu, invece, te ne starai buono buono col modem 56k e Telecom.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > Il wi-Max per coprire finalmente tutta la mezza
    > > Italia che non ha acesso alla banda larga. Per
    > > far connettere le province con le citta', per
    > non
    > > essere l'ULTIMO PAESE d'EUROPA in quanto a
    > > connettivita'!
    > >
    > > Spero che il prossimo governo provveda
    > > immediatamente a cambiare lo scempio lasciato da
    > > questo.
    > Perché, tu pensi che se vince Prodi, avrai il
    > wi-Max?
    > Quello non conosce il significato di ciò che
    > farfuglia, figurati cosa sa di wi-Max.
    > Tuttalpiù lo fanno implementare da qualche coop
    > alle feste dell'unità, per razzolare un po' di
    > fondi europei.
    > Tu, invece, te ne starai buono buono col modem
    > 56k e Telecom.

    Ed inoltre diciamo ancora grazie a Prodi per aver svenduto Telecom con linee telefoniche annesse!!!!! Motivo principale per il quale in italia i prezzi sono alle stelle e la copertura fa schifo!! GRAZIE SINISTRA!!
    non+autenticato
  • Carissimi,
    francamente, ad oggi, non credo di vedere un politico, che sia uno, che abbia un minimo di competenze informatiche/tecnologiche.
    Mi chiedo perchè continuino a far scaldare la poltrona a gente incompetente che fa solo disastri (come esempi recenti, vedi gli ultimi ministri delle telecomunicazioni, vedi la riforma scellerata di Tremonti sul p2p, ecc..). Che sia di destra o di sinistra. Ogni volta che hanno provato a mettere le mani nel mondo delle tecnologie, hanno fatto dei macelli.

    Per quel che mi riguarda, io voterò per il male minore alle elezioni. E il male minore NON è di certo l'attuale governo (tra l'altro, non mi è mai capitato di vedere un governo che cerca di prolungare la legislatura mandando più in là la data delle elezioni, in modo da poter fare ancora i propri comodi: e questo è ciò che sta accadendo). Se il tempo è scaduto, è scaduto.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Carissimi,
    > francamente, ad oggi, non credo di vedere un
    > politico, che sia uno, che abbia un minimo di
    > competenze informatiche/tecnologiche.
    > Mi chiedo perchè continuino a far scaldare la
    > poltrona a gente incompetente che fa solo
    > disastri (come esempi recenti, vedi gli ultimi
    > ministri delle telecomunicazioni, vedi la riforma
    > scellerata di Tremonti sul p2p, ecc..). Che sia
    > di destra o di sinistra. Ogni volta che hanno
    > provato a mettere le mani nel mondo delle
    > tecnologie, hanno fatto dei macelli.
    >
    > Per quel che mi riguarda, io voterò per il male
    > minore alle elezioni. E il male minore NON è di
    > certo l'attuale governo (tra l'altro, non mi è
    > mai capitato di vedere un governo che cerca di
    > prolungare la legislatura mandando più in là la
    > data delle elezioni, in modo da poter fare ancora
    > i propri comodi: e questo è ciò che sta
    > accadendo). Se il tempo è scaduto, è scaduto.

    nessuno dei politici al momento sta cercando di fare un piano politico per fare avanzare l'italia.

    le grandi opere che l'attuale governo sta introducendo sono utili anche se non tutte allo stesso modo. ma non voglio discutere di cio' perche' su PI non ne e' il luogo giusto.

    fattosta' che ne la destra ne la sinistra (e in centro pure) hanno un piano delineato per gestire l'ondata internet e informatica che sta subendo l'italia. mi spiace ma se vogliamo fare qualcosa qui dobbiamo avere un partito formato da cente PREPARATA sull'argomento. oppure un partito che si affida ad un orgnao di consulenza che abbia le idee chiare e che sia superpartes.
  • >
    > nessuno dei politici al momento sta cercando di
    > fare un piano politico per fare avanzare
    > l'italia.

    Già.

    >
    > le grandi opere che l'attuale governo sta
    > introducendo sono utili anche se non tutte allo
    > stesso modo. ma non voglio discutere di cio'
    > perche' su PI non ne e' il luogo giusto.

    Certo, come no. Lasciamo perdere (ottima scelta).

    >
    > fattosta' che ne la destra ne la sinistra (e in
    > centro pure) hanno un piano delineato per gestire
    > l'ondata internet e informatica che sta subendo
    > l'italia. mi spiace ma se vogliamo fare qualcosa
    > qui dobbiamo avere un partito formato da cente
    > PREPARATA sull'argomento. oppure un partito che
    > si affida ad un orgnao di consulenza che abbia le
    > idee chiare e che sia superpartes.

    Non esiste, e siccome dobbiamo basarci sulla realtà, hai la sola opzione di non andare a votare (non che serva poi a molto, anzi).

  • - Scritto da: Anonimo
    > http://www.forzaitalia.it/failatuaparte/forum.htm

    Vade retro Saragat! =)
    [D.Abatantuono in "Sballato, gasato, completamente fuso", 1982]
    non+autenticato
  • esistono anche i verdi. fiorello cortiana e' decisamente il piu' competente in parlamento per le tematiche informatiche.

    non esistono solo il prosciuttone e il nano pelato...

    non+autenticato
  • in primo luogo secondo me dovreste solo vergognarvi di fare politica in questo sito.
    il prob ha dimensioni ben più articolate che sia di dx o che sia di sx.
    non+autenticato
  • obiettivamente qui' chi si deve vergognare non sono sicuramente i cittadini e utenti finali di servizi disastrosi e moralisti fannulloni...
    non+autenticato
  • ...a st'ora saremmo ancora all'epoca degli urlatori nelle piazze!!


    -> http://promo.resetmultimedia.com
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ...a st'ora saremmo ancora all'epoca degli
    > urlatori nelle piazze!!
    >
    >
    > -> http://promo.resetmultimedia.com
    A me sembra di essere ancora lì.....
    non+autenticato