Milano, arrestati per phishing dalla GdF

Presi i membri di una gang internazionale: avrebbero sfruttato l'ingenuità degli utenti e malware per recuperare dati di accesso ai servizi di home banking e sfruttare i conti altrui per il riciclaggio di denaro frutto di truffe

Milano - Sono considerati membri di una sofisticata organizzazione criminale gli uomini arrestati nel capoluogo lombardo dal Nucleo Regionale PT Lombardia della Guardia di Finanza, in quella che viene ritenuta la più importante operazione anti-phishing nel nostro paese.

Dalle indagini, coordinate dal sostituto procuratore della Repubblica di Milano, Francesco Cajani, sono emersi i contorni di una complessa attività internazionale fondata su truffe e frodi informatiche, condotte anche per mezzo del phishing, ossia inganni sviluppati per via telematica, spesso via email, perpetrati ai danni degli utenti internet meno esperti.

Per ricostruire l'insieme dei traffici messi in opera dagli arrestati, tutti originari dell'Est europeo, le Fiamme Gialle hanno monitorato migliaia di operazioni, individuato e identificato oltre 70 persone e bloccato trasferimenti per 220mila euro, denaro che veniva stornato su conti all'estero con bonifici internazionali.
Gli inquirenti hanno spiegato che al fine di bypassare la rete di monitoraggio delle forze dell'ordine, l'organizzazione aveva sviluppato un network di società fasulle con cui hanno cercato, talvolta riuscendoci, di raggirare utenti e utilizzarli come "financial manager": intestatari di conti correnti bancari che "prestano" il proprio conto per far transitare denaro che in molti casi non sanno essere frutto di frodi. Una tipologia di truffa già descritta nei dettagli da Punto Informatico e che sta conoscendo una notevole diffusione. Come spiegano gli esperti di Anti-Phishing Italia (API), gli utenti vengono ingannati da una richiesta di assistenza dei truffatori in apparenza del tutto legittima.

Uno degli arrestati è stato colto "con le mani nel sacco": aveva con sé anche la documentazione relativa ad una delle fantomatiche società usate per la frode. Che il fenomeno sia di dimensioni enormi lo dimostrano proprio i dati pubblicati da API che indicano decine e decine di società estere dedite a questo "giochino". E funzionava: un cittadino italiano è stato persino indotto ad aprire un conto Bancoposta per dare una mano ad alcuni "studenti stranieri" in difficoltà...

Nel caso specifico l'organizzazione, spiegano gli inquirenti, si è servita anche di software malevoli, come il già noto cavallo di Troia Wayphisher, per carpire informazioni riservate sui conti bancari: i trojan venivano installati sui computer non adeguatamente protetti di utenti che, cliccando sulla URL di una mail ingannatoria, finivano su siti infetti. Altri software sono stati utilizzati per re-indirizzare la navigazione dell'utente: anziché sul sito ufficiale dei servizi di internet banking questi si ritrovava su pagine del tutto simili ma fasulle, utili a "catturare" i dati di accesso inseriti dall'inconsapevole vittima.

Proprio Wayphisher era stato utilizzato contro gli utenti italiani in quanto "specializzato" nel registrare i dati di accesso su una serie di siti di riferimento per l'home banking del BelPaese, come internetbank.intesabci.it o anche ww.isideonline.it o ww3.sella.it. Non è un caso che proprio gli istituti di credito italiani si siano attivati contro il fenomeno, segnalando alle Fiamme Gialle tutte le evidenze di truffe, agevolando così le operazioni necessarie a bloccare il trasferimento illegale di denaro.

Le persone arrestate a Milano nei primi giorni di gennaio, secondo gli inquirenti sono arrivate nel nostro paese proprio per "riscuotere" i denari che avevano fatto passare sui conti delle vittime, cercando di trasferirli su propri conti all'estero.

Tutti gli arrestati ora sono oggetto di un provvedimento di custodia cautelare in carcere per sei mesi, in attesa del processo.

La Guardia di Finanza ha segnalato anche che la Banca d'Italia ha formalmente definito il phishing una "anomalia rilevante ai sensi delle Istruzioni operative della Banca d'Italia per l'individuazione delle operazioni sospette (c.d. "decalogo antiriciclaggio") ai fini antiriciclaggio". Una definizione che rende potenzialmente ancora più pesante la già difficile posizione giudiziaria degli arrestati.
TAG: cybercops
42 Commenti alla Notizia Milano, arrestati per phishing dalla GdF
Ordina
  • non ne potevo più di ricevere email ingannevoli. un plauso alle forze dell 'ordine, e una richiesta ai maggistrati colpire duro diamogli 30 anni veri di galera, ai politici fate una legge che vieta il malcostume
    del phishing .
    ant
    non+autenticato
  • Ficchiamoli dentro!!!pene pesanti per favore.
    non+autenticato

  • Vogliono soffocare la tv via internet libera!

    http://www.repubblica.it/2006/a/sezioni/cronaca/po...

    ACCUSE BASATE SULLA DISINFORMAZIONE INTENZIONALE!! LE RETI P2PTV SONO LEGALISSIME, COOLSTREAMING NON E' RESPONSABILE DI QUELLO CHE LA GENTE TRASMETTE!

    Con la P2PTV è possibile per chiunque con una connessione internet aprire un canale tv e trasmettere video e informazioni "scomode" per i media, e con la scusa dei cinesi che condividono gratuitamente le partite del campionato italiano in diretta vogliono soffocare il più grande sito di P2PTV nato in italia:

    http://www.coolstreaming.it/

    INTERNET HA LIBERATO LA TV DAL DOMINIO DEI POCHI, NON PERMETTIAMO CHE SE LO RIPRENDANO!

    PROTESTIAMO CONTRO CHI VUOLE CHIUDERE TUTTA LA P2PTV PER DUE O TRE CANALI CINESI!

    I ragazzi di coolstreaming.it NON SONO RESPONSABILI DI QUELLO CHE VIENE TRASMESSO VIA P2PTV! IL LORO SOLO IMPEGNO E' STATO QUELLO DI DIFFONDERE LA CONOSCENZA DELLA P2PTV NEL PAESE DEI MONOPOLI DELLA TELEVISIONE, E ORA STANNO PAGANDO PER IL LORO CORAGGIO!

    W LA TELEVISIONE LIBERA VIA INTERNET!
    non+autenticato
  • Intanto cominciamo mettendo te in galera.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Intanto cominciamo mettendo te in galera.
    A bocca aperta A bocca aperta A bocca aperta A bocca aperta A bocca aperta A bocca aperta A bocca aperta A bocca aperta A bocca aperta A bocca aperta A bocca aperta
    non+autenticato
  • una risposta seria, danneggiava il tuo cefalo muffo?
    Sgabbio
    26178

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > Vogliono soffocare la tv via internet libera!
    >
    > http://www.repubblica.it/2006/a/sezioni/cronaca/po
    >
    > ACCUSE BASATE SULLA DISINFORMAZIONE
    > INTENZIONALE!! LE RETI P2PTV SONO LEGALISSIME,
    > COOLSTREAMING NON E' RESPONSABILE DI QUELLO CHE
    > LA GENTE TRASMETTE!
    >
    > Con la P2PTV è possibile per chiunque con una
    > connessione internet aprire un canale tv e
    > trasmettere video e informazioni "scomode" per i
    > media, e con la scusa dei cinesi che condividono
    > gratuitamente le partite del campionato italiano
    > in diretta vogliono soffocare il più grande sito
    > di P2PTV nato in italia:
    >
    > http://www.coolstreaming.it/
    >
    > INTERNET HA LIBERATO LA TV DAL DOMINIO DEI POCHI,
    > NON PERMETTIAMO CHE SE LO RIPRENDANO!
    >
    > PROTESTIAMO CONTRO CHI VUOLE CHIUDERE TUTTA LA
    > P2PTV PER DUE O TRE CANALI CINESI!
    >
    > I ragazzi di coolstreaming.it NON SONO
    > RESPONSABILI DI QUELLO CHE VIENE TRASMESSO VIA
    > P2PTV! IL LORO SOLO IMPEGNO E' STATO QUELLO DI
    > DIFFONDERE LA CONOSCENZA DELLA P2PTV NEL PAESE
    > DEI MONOPOLI DELLA TELEVISIONE, E ORA STANNO
    > PAGANDO PER IL LORO CORAGGIO!
    >
    > W LA TELEVISIONE LIBERA VIA INTERNET!

    No, attenzione!
    E' legalissimo vedere le partite con coolstreaming!
    Perché non le vedi da sky, ma da un canale cinese non a pagamento!
    E' come se dovessi pagare sky per vedere la tv francese, cinese o di dov'é!
    Mica é di loro proprietà!
    Spero che il tutto si concluda positivamente!
    (per i gestori dei siti)
    non+autenticato
  • Cito da coolstreamig.us

    "In relazione alla notizie diffuse da radio/tv/giornali vorremmo sottolineare alcuni punti

    Lo staff di coolstreaming.it rigetta le accuse formulate da Sky Italia s.r.l. in merito alla lesione del suo diritto d'autore in quanto nè sul proprio sito, nè sul mediaplayer (software non peer-to-peer legato allo stesso sito web) sono mai state trasmesse illegalmente immagini di proprietà di Sky Italia s.r.l.
    Inoltre le informazioni contenute nel forum, riguardanti il campionato di calcio di "serie A" e il campionato di "NBA", avevano ad oggetto palinsesti televisivi, pubblicamente reperibili via internet, di canali televisivi cinesi che detengono regolarmente la licenza di trasmissione per gli eventi sopra citati.
    In merito ai programmi peer-to-peer, dei quali si danno informazioni, e che sono attualmente oggetto di indagine, lo staff di coolstreaming.it tiene a precisare che essi sono di proprietà dei rispettivi autori e che tali software, hanno la possibilità di trasmettere soltanto televisioni cinesi o asiatiche in quanto sono dei semplici "client", abilitati cioè soltanto alla ricezione.
    Pertanto coolstreaming.it si ritiene non colpevole dell'accusa di violazione dell'art 171 comma I lett.A-bis della legge 633/41, in quanto non ha mai immesso materialmente in un sistema di reti telematiche alcuna opera protetta da diritto d'autore.
    Coolstreaming, tramite i propri legali, si attiverà nelle sedi competenti prendendo tutte le iniziative del caso, al fine di chiarire al più presto l'incresciosa vicenda, gravemente lesiva dell'immagine del sito"

    non+autenticato
  • In realta' è come se avessero chiuso Tv sorrisi e canzoni.
    Il segnale ed i programmi sono ancora online, ovviamente.
    Si puo' tranquillamente cercare la programmazione su altri
    siti internazionali.Assurdo che il sito sia stato messo sotto sequestro perche' non commette nessun illecito.Non ruba proprio niente come invece gli "scienziati" di Repubblica o di altri grandi quotidiani italiani scrivono (da querela).Perfino il tg1 ha riportato la notizia in modo totalmente sbagliato, per non dire fazioso. Le emittenti cinesi hanno i diritti per trasmettere. Sky se vuole l'esclusiva planetaria deve pagare i diritti per la trasmissione in cina invece di prendersela con i gestori di 2 siti web italiani. Le TV p2p comunque sono una risorsa ed uno strumento di liberta' anche senza calcio.
    non+autenticato
  • Usare quei programmi indicati da Coolstreaming, è perfettamente legale, perchè, è come se si andasse in Cina a vedere i canali cinesi, nessuno può vietarlo!
    non+autenticato
  • Ho impressione che alla fine:
    si stabilirà la liceità di vedere le partite p2ptv;
    tutta questa pubblicità amplierà il fenomeno delle partite viste gratuitamente.
    non+autenticato
  • LA REALE COLPA E' DI CHI NON GLI VA DI ALZARE IL CULO ED STA FACENDO LA FORTUNA DI SKY, MEDIASET E LA7.

    Televisione sempre televisione, il primo ministro ci vince le primarie e spero di NO anche le elezioni (stessa cosa auguro all'odiena opposizione che con la sua inaudeguatezza ha favorito se non perpretato quanti di inutile svolto nella precedente legislatura per arginarne il fenomeno casa delle no-libertà che si annunciava).

    Se realmente credete nel futuro GETTATE LA TV che finora ha smembrato le menti, ha creato falsi eroi, ha rovesciato quel che era buono per delegarlo a quello che pubblicizza, ci ha preso per il culo senza che nessuno se ne accorgesse (vedi pubblicità occulta) ci ha presentato con i film americani una razza di infami mostrandoceli come salvatori del mondo, ci ha fornito e ci fornisce informazione mendace come per l'11/9 che è servita solo per chiudere tutte le libertà finora acquisite col sangue di chi le aveva conquistate (anche se non ne siete a conoscenza nelle vostre dinnastie avete tutti un morto in famiglia per guadagnare la libertà di cui ora godete) chi ha un computer e sky in casa sgelga tra la libertà o il monopolio che la nega, o ci troveremo tutti quanto prima senza un futuro e non c'è da aspettare che questo accada solo alle generazioni future.
    non+autenticato
  • alla gdf e istituzioni varie.
    Un piccolo appunto pero' sembra che si muovano veloci quando si tratta di initeressi di banche, phising o di grasse, scusate, grosse aziende discografiche, azioni anti-pirateria mentre contro gli spammer che intasano le caselle di noi poveri mortali non sembra che si faccia un granche' Arrabbiato
    non+autenticato
  • credo sia un problema di soldi.
    se ci sono soldi è molto più facile agire all'estero.
    non+autenticato
  • Attenzione a dove godi
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)