Picus punta tutto sull'SDSL

A breve verrà allargato il parco utenti che oggi in via sperimentale godono del bundling su SDSL, ovvero di servizi di tlc veloci forniti nell'ambito della liberalizzazione dell'ultimo miglio

Roma - Picus ha confermato ieri che, a breve, verrà terminata la fase di testing che ha consentito all'operatore di sperimentare la fornitura dei propri servizi telefonici direttamente agli utenti finali. Una volta conclusa la fase sperimentale e perfezionato il contratto con Telecom Italia, Picus come tutti gli altri operatori che in queste settimane stanno cercando di approfittare della liberalizzazione dell'ultimo miglio, potrà offrire all'utente finale servizi di telefonia e altri servizi TLC direttamente "a domicilio".

La compagnia è uno dei 16 operatori ad aver firmato con Telecom Italia l'accordo per le sperimentazioni dell'unbundling, ovvero per poter affittare "l'ultimo miglio", la terminazione che collega il domicilio dell'utente alla rete telefonica. Stando ad una nota diffusa da Picus, già dal novembre dell'anno scorso gli apparati dell'azienda operano in quattro dei sette siti messi a disposizione da Telecom per la fase di test, tutti nell'area milanese.

I progetti di Picus sono quelli di fornire su ampia scala quello che oggi viene offerto in via sperimentale, ovvero una linea SDSL (Symmetric Digital Subscriber Line) con una banda larga da un megabit. Una banda che consentirà a Picus, e agli altri operatori che seguiranno questa strada, di offrire ai propri clienti i servizi "a valore aggiunto" ("il bundling" di cui parla Picus), tra cui naturalmente spicca la connessione veloce ad Internet, la videoconferenza e la telefonia su IP.
TAG: italia
3 Commenti alla Notizia Picus punta tutto sull'SDSL
Ordina
  • La compagnia è uno dei 16 operatori ad aver firmato con Telecom Italia l'accordo per le sperimentazioni dell'unbundling, ovvero per poter affittare "l'ultimo miglio", la terminazione che collega il domicilio dell'utente alla rete telefonica.

    ******************************************

    Come si e' detto in varie sedi e anche su questo sito, il canone che verseremo ai carrier concorrenti di Telecom verranno "girati" da questi alla Telecom stessa: non ho capito bene pero' il senso di questo.
    Voglio dire: se le linee dell'Ultimo Miglio saranno "affittate" da Telecom ai suoi concorrenti, dove sarebbe la concorrenza, visto che in realta' poi la Telecom fa anche concorrenza ai suoi clinti ??

    Io non capisco: ma questo mi sembra una FARSA degna della peggiore Italietta! Triste

    O mi sbaglio ?



    non+autenticato
  • Ho letto adesso di uno che ha dovuto aspettare solo 6 mesi per l'adsl,sono stato precipitoso a
    disdire il contratto dopo 51 giorni,ma non mi
    pento,vadano al diavolo.Quello che non capisco.è
    il fatto che a qualcuno abbiano fatto il servizio
    in 10 giorni(con Infostrada),Mah,misteri italiani.
    non+autenticato
  • Io personalmente non vedo l'ora di usare questi sistemi. A rigor di logica dovrebbero essere migliori, più semplici, con opzioni inesistenti per il telefono normale...
    MA
    Forse il prodotto non è pensato per i privati. Piuttosto si punta agli uffici e le grandi aziende che possono ottenere servizi più efficienti (appunto la teleconferenza senza troppe "borchie" ISDN...). Però a me non convince... sarà che non mi fido molto di quello che promettono le aziende di TLC, ma l'esperienza ADSL mi è bastata... 6 mesi di fila per avere un caXXo di contratto!!!
    Viva gli USA!!!
    non+autenticato