Occhio, ora l'open source fa sul serio

Il mondo dell'open source può ormai contare su servizi di supporto, training e persino certificazione. Una terremoto che scuoterà dalle fondamenta il mondo del software

Roma - Oggi la filosofia open source non è più solo una moda un pO' hippy di distribuire software od una forma di "fratellanza" fra sviluppatori. Oggi la filosofia open source è un mezzo alternativo, ma concreto e maturo, per approcciare il mercato del software.

La Free Software Foundation è stata l'organizzazione che per prima si è posta l'obiettivo di tradurre in licenza il concetto, generale, di software "aperto" o "libero", e che coniò l'infelice termine "free software" per indicare, appunto, quel software i cui sorgenti potevano essere ridistribuiti e liberamente modificati. Purtroppo la parola "free" in inglese ha il duplice significato di "libero" e di "gratuito": questo ha sempre portato i più a credere che pubblicare il proprio software sotto licenza "aperta" significasse, in pratica, regalarlo. Oggi per fortuna, anche grazie alla ridenominazione di "free software" in "open source", questo concetto è uscito dai suoi confini prettamente "linuxiani" ed è entrato di diritto a far parte del bagaglio culturale di un'ampia schiera di sviluppatori, di ogni scuola e fede. Non solo, ma l'open source è divenuto una nuova forma di business anche per diversi big del settore, quali Netscape, Corel, Oracle, IBM, e altri ancora.

Ma ciò che fino a poco tempo fa ha impedito, tranne poche eccezioni, la diffusione del software open source in azienda, è stata principalmente la mancanza di supporto tecnico, oltre che di mentalità aperta da parte degli IT manager. Ora quel supporto è finalmente arrivato e con esso possiamo salutare con piacere i primi corsi di training, i primi esami di certificazione ed un numero in continua crescita di libri e manuali dedicati ai principali software open source.
Come si può vedere, non ci sono più scuse: chi ancora rifiuta a priori l'open source commette un errore con cui presto o tardi finirà per fare i conti. "Open your software, open your mind".
1 Commenti alla Notizia Occhio, ora l'open source fa sul serio
Ordina