UE, data retention, Direttiva in vigore

come previsto

Roma - La controversa direttiva europea sulla Data retention, nata per combattere il terrorismo e finita per essere uno strumento contro le violazioni della proprietà intellettuale, è formalmente entrata in vigore e dovrà essere recepita entro 18 mesi dai paesi membri dell'Unione Europea.

La Direttiva prevede la conservazione per un minimo di 6 mesi fino a un massimo di 2 anni di tutti i dati di tutte le conversazioni telefoniche ed elettroniche, ma non dei contenuti delle stesse. Non prevede compensazioni per operatori telefonici e provider a copertura delle spese di registrazione.

Per saperne di più clicca qui
TAG: privacy
4 Commenti alla Notizia UE, data retention, Direttiva in vigore
Ordina