Ma da dove arrivano quei webmaster?

Riempiono siti che dovrebbero essere seri di banner fasulli camuffati da caselle di testo, finestre di dialogo, form. Per la pagnotta dimenticano l'utente

Roma - caro PI, cercando informazioni sui dvd sono capitato su un paio di siti semiprofessionali sull'argomento (uno era una guida di supereva).
sono rimasto disgustato:
1) dalla quantità e dalla qualità di banner presenti,
2) dal fatto che quasi tutti questi banner riproducessero alla perfezione gli strumenti di interazione con le interfacce dei programmi e dei browser, nella fattispecie le cosiddette combo-box (scrollini), checkbox, caselle di testo, pulsanti e quant'altro.

questo è un modo per prendere in giro l'utenza meno accorta (il 90%). si vuole dare la falsa impressione che si sta interagendo con dei "controlli", che si sta scrollando una lista, che si può scrivere qualcosa dentro una casella, che si può selezionare un checkbox quando invece si clicca su una "piatta" gif collegata a chissaché.

addirittura, per mezzo dell'animazione, si simula il cursore intermittente di una casella di testo.
altrove, si simula una cosiddetta messagebox con avvisi di pericolo e il pulsante Ok, o si danno informazioni false sulla qualità della connessione, o si riproducono elementi tipici dell'interfaccia di quello che è il più diffuso sistema operativo degli ingenuotti bersaglio di queste pratiche stupide, e cioè windows (a scanso di equivoci, quello che voglio dire non è che è da ingenuotti usare windows - molte persone in gamba lo usano e fanno pure bene - bensì che è molto probabile che un ingenuotto usi windows).

insomma, falsità a raffica. quello che passa per le menti di chi crea questi banner è: "so benissimo che tu utente non vuoi avere a che fare con la mia stupida pubblicità, allora ti faccio credere che quello che vedi non è quello che vuoi evitare per delle ottime ragioni, ma è un'interfaccia sulla quale tu puoi agire. ti faccio credere di scrivere qualcosa mentre invece ti faccio cliccare su un banner, e quello che succede dopo (dialer e quant'altro) non te lo dico. tanto lo so che sei un cretino, se caschi in questi trabocchetti...".

fate un po' conto di vedere un bel giardinetto con una panchina, pensare "aah, adesso vado lì e mi ci siedo", e scoprire, a posteriori, che era tutto un trompe l'oeil, che era un ologramma tipo quelli di star trek e che in realtà siete entrati, chessò, da un consulente finanziario aggressivissimo che vi vuole propinare i suoi fondi di investimento.

quante volte funzionerà? una, due? tre? poi l'ingenuotto di turno (e ricordiamoci che la maggioranza, per quello che riguarda internet, è composta di ingenuotti) penserà "internet è tutta una cazzata", lo dirà in giro ai suoi amici ingenuotti (che magari sono anche professori, ingegneri, avvocati, imprenditori che con internet potevano farci qualcosa di serio), la bolla speculativa della niu-economi continuerà a floppare sempre di più e andremo in giro a cercare espedienti sempre più beceri (vedi l'articolo di Mantellini sui dialer) per permettere ai quattro tontolotti che si autofregiano del titolo di "webmaster" di guadagnare qualche decina di euro al mese coi loro bannerini idioti, invece di andare a zappare la terra.

insomma, mi meraviglio che ci sia tanta mancanza di un minimo (mica dico tanto!) di buon senso e buon gusto. e di rispetto per gli utenti.

Luca Boccianti
TAG: italia
108 Commenti alla Notizia Ma da dove arrivano quei webmaster?
Ordina
  • se compare la manina, in tutti i browsers indica che e' un link...e' la base dell'hyper text...
    non+autenticato
  • Dopo aver letto quasi la metà degli "interventi" su questo topic, quasi non riesco a credere ai miei occhi, e sono costretto a smettere.
    E' incredibile come il senso della civiltà, dell'onestà e del rispetto altrui siano calpestati senza ritegno.
    Il tono generale che ho rilevato avalla o, nel migliore dei casi, giustifica la pratica dei banner taroccati. E la cosa triste è che a seguire questa linea non sono generalmente i cosiddetti "webmaster" che, a loro dire, poco hanno a che fare con le scelte di politica economica dei siti che hanno in gestione (non entro nel merito non essendolo a mia volta); chi giustifica e avalla sono proprio gli utenti, gli obiettivi/vittima di questo raggiro. E lo fanno con una veemenza ed argomentazioni tali che sembra quasi si stiano intaccando chissà quali diritti fondamentali dell'uomo.
    E' il segno che l'"obiettivo tarocco" è stato perfettamente centrato; è il segno che i "furbi" che commissionano (e pensano), e/o direttamente disegnano, tali beceri espedienti trovano terreno preoccupantemente fertile per il proprio seminato; è la conferma del degrado intellettuale (dopo che culturale) nel quale soprattutto le nuove generazioni stanno sprofondando (il primo che mi accusasse di retorica non farebbe che confermare questa tesi). I vari TVTB, CPC, MSG, NN, XCHE', KE, SMS, CHAT, loghi, suonerie, sfondi, culi, tette digitali e tutte le altre boiate che ruotano attorno alla "socializzazione wireless" non sono che uno dei sintomi esteriori di un vuoto interno che fa paura. E che apre le porte ad uno sfruttamento che somiglia molto ad una forma di prostituzione mentale di massa.

    L'Autore (Luca) ha legittimamente esposto le sue preoccupazioni circa questa pratica. Buona parte di chi gli ha "risposto", ha dimostrato la gravità e la fondatezza di tali preoccupazioni.

    Personalmente, auspico un intervento dell'Autorità Garante (e possibilmente del legislatore) per arginare un fenomeno che, ben lungi dall'"affondare Internet" (come qualcuno ha esageratamente paventato), non ne valorizza certamente lo spirito fondante, né tantomeno ne nobilita gli utenti.
    Non vedo perchè il cittadino "reale" debba essere garantito da cartelloni o spot ingannevoli, mentre quello della "rete" possa essere preso per i fondelli impunemente. Tanto più se si considera che un cartellone ingannevole non agisce istantaneamente come un click su un banner, perlomeno in termini di soldi movimentati (per gli spot, la cosa è diversa, essendo "prepagati").

    E "mi scuso", a questo punto, se il mio pensiero è "troppo lungo" per entrare in un SMS. Come qualcuno, qui, ha lamentato.

    Saluti,
    @ngel
    non+autenticato
  • >è la
    > conferma del degrado intellettuale (dopo che
    > culturale) nel quale soprattutto le nuove
    > generazioni stanno sprofondando (il primo
    > che mi accusasse di retorica non farebbe che
    > confermare questa tesi).
    io direi che "ormai non c'e piu niente di sacro"...
    le nuove generazioni non hanno tempo per la cultura devono spendere spendere spendere e sentirsi qualcuno di speciale...
    piccolo triste mondo malato...
    non+autenticato
  • Eccone un altro che dopo essere salito su un piedistallo si mette a pontificare.

    SONO DISGUSTATO DA COME ESPRIMI TUO DISGUSTO

    Sei uno di quelli a cui non piace la gente eh? Ma allora perchè non vai a vivere su un'isola deserta?

    ------------------------------------------------

    - Scritto da: @ngel
    > (il primo
    > che mi accusasse di retorica non farebbe che
    > confermare questa tesi). I vari TVTB, CPC,
    > MSG, NN, XCHE', KE, SMS, CHAT, loghi,
    > suonerie, sfondi, culi, tette digitali e
    > tutte le altre boiate che ruotano attorno
    > alla "socializzazione wireless" non sono che
    > uno dei sintomi esteriori di un vuoto
    > interno che fa paura.
    non+autenticato
  • Pensa a fare la cosa più giusta per te stesso, gli altri penseranno a fare la cosa più giusta per se stessi... nessuno ha la ragione assoluta.
    Poi credo che la maggior parte delle persone sappia badare a se stessa: non siamo tutti ebeti (con rispetto parlando).
    non+autenticato
  • I primi e reali colpevoli di questa ignobile e diffusissima pratica sono in primis i siti che "ospitano" questo tipo di pubblicità. Perchè a loro basta che l'utente (ingenuo) di turno faccia click per alzare guadagni, a prescindere dal fatto che si guardi o meno la pagina linkata al banner.
    Tanto di cappello all'ingegno degli "inserzionisti" che, col solito occhio lungo, hanno colto un'altra occasione di abbindolare i buoi del popolo on-line; una ferma condanna, invece, ai webmaster che accondiscendono a tali pratiche truffaldine.

    Saluti,
    @ngel

    P.S.: I siti che sembrano più inquinati da questo fenomeno sono proprio i cosiddetti "portali", cioè i siti che dovrebbero avere la maggiore diffusione in quanto "punti di partenza" per moltissimi utenti. Non è un caso.
    non+autenticato
  • dovete attaccarvi i banner esisteranno sempre
    se non li volete fatevi una paginetta
    sul vostro pc e attaccatevi altram rosiconi
    non+autenticato
  • La regola della niueconomy,
    "chiagni e fotti", come dice
    Livraghi
    [...]
    C?è chi non ha mai capito che cosa sia l?internet
    (né come si   possa offrire qualche   servizio
    realmente utile e trarne onestamente un meritato
    guadagno) e manifesta il suo cronico e malcelato
    odio contro la rete proclamando che ?non può
    essere gratis? e cercando di inventare qualche
    trucco per impadronirsi di un varco e imporre un
    pedaggio, come i ?baroni ladroni? del medioevo.
    [...]
    http://www.gandalf.it/netforum/piagni.htm

    Pino Silvestre
    l1vo8f1yv9hw08a001@sneakemail.com
    non+autenticato
  • Livraghi i soldi intanto li ha fatti, e non certo con INTERNET, e sarebbe anche ora che lasciasse il posto ai giovani e che andasse in PENSIONE.
    Se è tanto bravo perchè non ha raddoppiato il capitale con la RETE?
    Con il suo Gandalf da dove no fa altro che SPUTARE SENTENZE ci ha somatizzato i marroni a TUTTI...
    non+autenticato
  • - Scritto da: popper
    > Livraghi i soldi intanto li ha fatti, e non
    > certo con INTERNET,
    questo mi pare un argomento a suo favore...

    > e sarebbe anche ora che
    > lasciasse il posto ai giovani e che andasse
    > in PENSIONE.
    meglio uno come Livraghi che un neolaureato
    in marketing che pensa di essere gesu`
    cristo sceso in terra e poi ti fa perdere
    i milioni in investimenti del piffero

    > Se è tanto bravo perchè non ha raddoppiato
    > il capitale con la RETE?
    se lo conosci te lo ha spiegato..
    perche` la rete non e` una terra dove
    puoi sperare di arraffare ed imbrogliare,
    c'e` una competitivita` paurosa,
    e l'incompetenza non paga come nel mondo reale;
    o offri REALMENTE dei servizi oppure
    la gente non ti da` retta...

    e cmq non si fanno i miliardi per il solo
    fatto di aver registrato un dominio...

    > Con il suo Gandalf da dove no fa altro che
    > SPUTARE SENTENZE ci ha somatizzato i marroni
    > a TUTTI...
    la tua mancanza di argomentazioni e`
    sconcertante, se ti stessi zitto faresti
    meta` del tuo dovere...

    Pino Silvestre
    non+autenticato
  • Caro Pino Silvestre, vatti a fare una doccia.
    Non ne hai detta una giusta neanche per sbaglio, e quale che sia IL MIO DOVERE non sei certo tu a potermelo dire.

    > la tua mancanza di argomentazioni e`
    > sconcertante, se ti stessi zitto faresti
    > meta` del tuo dovere...
    >
    > Pino Silvestre
    non+autenticato
  • - Scritto da: popper
    > Caro Pino Silvestre, vatti a fare una doccia.
    > Non ne hai detta una giusta neanche per
    > sbaglio, e quale che sia IL MIO DOVERE non
    > sei certo tu a potermelo dire.

    > > la tua mancanza di argomentazioni e`
    > > sconcertante, se ti stessi zitto faresti
    > > meta` del tuo dovere...
    > >
    > > Pino Silvestre
    sei un troll da due lire, non hai dignita`,
    sprechi il tuo tempo a provocare le persone
    sul forum ma non hai argomentazioni
    che non siano le offese gratuite

    la gente come te e` il cancro della
    rete, avessi almeno avuto la decenza
    di spiegare almeno perche` secondo te
    non ne avrei detta una giusta...

    Pino Silvestre
    non+autenticato
  • Non sono qui per tenere lezioni gratuite a degli ignoranti come te, visto che citi Livraghi si presume che tu sappia di cosa stai parlando e che per lo meno lo conosca personalmente.
    non+autenticato
  • - Scritto da: popper
    > Non sono qui per tenere lezioni gratuite a
    > degli ignoranti come te, visto che citi
    > Livraghi si presume che tu sappia di cosa
    > stai parlando e che per lo meno lo conosca
    > personalmente.
    clap clap clap

    si, come no, mi ha pagato
    per fondare il Livraghi Fan Club...

    riguardo alle tue lezioni di cosa sia
    la rete, spett, dovrei avere qualche
    monetina da 1 euro in tasca...

    Pino Silvestre
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | Successiva
(pagina 1/6 - 26 discussioni)