Se la rete va anche in tv

Le Tv americane iniziano a pescare, nel mare magnum dei contenuti televisivi online, clip ed altri contributi che poi riciclano in trasmissioni di grande successo. Bassi i costi, vasta l'audience

Roma - Alla fine la televisione statunitense si è accorta del valore della produzione di clip online, e si prepara - come avviene sempre in questi casi - a trasformare il fenomeno in un business. Bravo TV, questa settimana, ha presentato un nuovo programma, chiamato Outrageous and Contagious: Viral Video, che mostra i più popolari video amatoriali online. Una sorta di contenitore che dura non più di 30 minuti dove le clip più gettonate del Web diventano protagoniste. Nei prossimi mesi, però, scenderanno in campo anche i giganti, come USA Networks, Fox e NBC. ABC News Digital si spingerà oltre, perché ha intenzione di scommettere sui filmati dei telefonini. Insomma, il video amatoriale è diventato una nuova frontiera, almeno per la televisione.

"Nessun può dire che si tratta di un genere di nicchia, perché anche mia madre, come d'altronde mio nipote, mi mandano sempre più spesso mini-filmati divertenti scovati online", ha dichiarato Andy Cohen, vice presidente della programmazione e produzione per Bravo TV - sussidiaria di NBC Universal.

Sebbene in Italia nessun network abbia ancora ammesso ufficialmente che il Web stia diventando un media di riferimento, negli Stati Uniti, dove il pragmatismo finanziario è quasi un culto, la convergenza fra televisione e Web è vista come una nuova sfida potenzialmente remunerativa. I produttori sono alla ricerca di nuovi programmi che possano sfruttare la popolarità di alcuni fenomeni online. Il broadband, la disponibilità di strumenti di sviluppo facilmente utilizzabili e la creatività degli utenti hanno prodotto qualcosa di nuovo. Contenuti video alla portata di tutti, perfetti - secondo i network - per il prime time.
Allo stesso tempo i produttori non possono che esultare per l'esiguità degli investimenti. Di solito un "pilota" costa tempo e denaro, ma programmare filmati che sono già popolari online è senza ombra di dubbio una sicurezza. "E' come se i network avessero la possibilità di creare show innovativi a basso prezzo", ha confermato Tim Hanlon, senior vice presidente di Starcom Mediavest Group, un'agenzia pubblicitaria di Chicago.

Secondo Adam Gerber, vice presidente di Brightcove - una società specializzata in servizi Internet TV, il modello economico riguardante gli investimenti è destinato a cambiare in questo contesto. "I content producer saranno chiamati a concentrarsi su più generi e ad investire in maniera più mirata ed efficiente", ha dichiarato Gerber.

"Facciamo sempre più attenzione alla cultura pop. E' stato un passo naturale", ha aggiunto Cohen. Le implicazioni legali, inoltre, sembrano essere già alle spalle. Secondo Cohen, ottenere la licenza di distribuzione dai realizzatori dei video ha dato vita ad un nuovo mercato, in totale legalità. "In alcuni casi i videoamatori possono anche raggranellare qualche soldo", ha commentato Cohen.

Ritornando all'Italia, bisogna sottolineare che l'unico network che ha deciso di lasciare un po' di spazio ai video più gettonati della Rete è Sky Italia. Questo avviene ogni settimana nella pillola ICT
"Reporter Diffuso" di SKY TG24, condotta da Marco Montemagno. Un inizio insomma.

Dario d'Elia
7 Commenti alla Notizia Se la rete va anche in tv
Ordina
  • Gia' gia'...
    Prima ci rompono le scatole perche' internet deve essere blindata e dobbiamo vedere solo quello che vogliono loro.
    Poi ci "fregano" tutte le idee ganze che abbiamo avuto e ce le rivendono (con gli abbonamenti,card e quant'altro).
    E se mi azzardo a scaricare (ovvero "copiare" e non "rubare"...) un mp3 senza scopo di lucro,arrivano squadroni della morte pagati dalle multinazionali a sequestrarmi il computer con le foto della zia alle terme...
    Bah...
    J.J.
    non+autenticato
  • Ehy, cucciolo, quando pensi di crescere?

    Copiare degli mp3 E' RUBARE.
    E il fatto che tu non lo faccia a fini di lucro è una bella panzana che ti stai immaginando.
    Quando copi della musica, eviti di comprarla, il che significa che ti rimetti in tasca dei soldi che NON ti appartengono. Questo è rubare.
    E' vero che non rubi gli mp3 per rivenderli al prossimo, ma ciò non significa che tu non stia rubando.
    Quanto ai siti oscurati, come ben saprai, lo Stato (e non il governo) ha il monopolio sulle scommesse. Questo significa che gli Italiano NON devono giocare a giochi d'azzardo illecitamente. Se lo fanno commettono reato.
    Giocare su internet senza passare attraverso lo Stato E' un DANNO per lo Stato intero, quindi anche per te. Quindi aver oscurato dei siti che permettono agli italiani di fregare lo Stato E' GIUSTO.

    Se poi non vuoi capirlo, problemi tuoi.
    Ma almeno cerca di non farti disinformare. Pensa con la tua testa e guarda alla realtà più oggettivamente.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ehy, cucciolo, quando pensi di crescere?
    >
    > Copiare degli mp3 E' RUBARE.
    > E il fatto che tu non lo faccia a fini di lucro è
    > una bella panzana che ti stai immaginando.
    > Quando copi della musica, eviti di comprarla, il
    > che significa che ti rimetti in tasca dei soldi
    > che NON ti appartengono. Questo è rubare.
    > E' vero che non rubi gli mp3 per rivenderli al
    > prossimo, ma ciò non significa che tu non stia
    > rubando.
    > Quanto ai siti oscurati, come ben saprai, lo
    > Stato (e non il governo) ha il monopolio sulle
    > scommesse. Questo significa che gli Italiano NON
    > devono giocare a giochi d'azzardo illecitamente.
    > Se lo fanno commettono reato.
    > Giocare su internet senza passare attraverso lo
    > Stato E' un DANNO per lo Stato intero, quindi
    > anche per te. Quindi aver oscurato dei siti che
    > permettono agli italiani di fregare lo Stato E'
    > GIUSTO.
    >
    > Se poi non vuoi capirlo, problemi tuoi.
    > Ma almeno cerca di non farti disinformare. Pensa
    > con la tua testa e guarda alla realtà più
    > oggettivamente.

    Ehy, squaletto, quando pensi di smettere di mordere?
    Quando la differenza tra costo di un oggetto e prezzo di vendita tende a infinito, ogni forma di difesa che tenda a riportare il profitto a livelli accettabili è più che lecita, è doverosa.
    Forse non c'è nelle regole dell'acquisizione che tanto ami, ma come diceva un altro ferengi come te, se non c'è una regola che ti serve, aggiungila.


    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Ehy, cucciolo, quando pensi di crescere?
    > >
    > > Copiare degli mp3 E' RUBARE.
    > > E il fatto che tu non lo faccia a fini di lucro
    > è
    > > una bella panzana che ti stai immaginando.
    > > Quando copi della musica, eviti di comprarla, il
    > > che significa che ti rimetti in tasca dei soldi
    > > che NON ti appartengono. Questo è rubare.
    > > E' vero che non rubi gli mp3 per rivenderli al
    > > prossimo, ma ciò non significa che tu non stia
    > > rubando.
    > > Quanto ai siti oscurati, come ben saprai, lo
    > > Stato (e non il governo) ha il monopolio sulle
    > > scommesse. Questo significa che gli Italiano NON
    > > devono giocare a giochi d'azzardo illecitamente.
    > > Se lo fanno commettono reato.
    > > Giocare su internet senza passare attraverso lo
    > > Stato E' un DANNO per lo Stato intero, quindi
    > > anche per te. Quindi aver oscurato dei siti che
    > > permettono agli italiani di fregare lo Stato E'
    > > GIUSTO.
    > >
    > > Se poi non vuoi capirlo, problemi tuoi.
    > > Ma almeno cerca di non farti disinformare. Pensa
    > > con la tua testa e guarda alla realtà più
    > > oggettivamente.
    >
    > Ehy, squaletto, quando pensi di smettere di
    > mordere?
    > Quando la differenza tra costo di un oggetto e
    > prezzo di vendita tende a infinito, ogni forma di
    > difesa che tenda a riportare il profitto a
    > livelli accettabili è più che lecita, è doverosa.
    > Forse non c'è nelle regole dell'acquisizione che
    > tanto ami, ma come diceva un altro ferengi come
    > te, se non c'è una regola che ti serve,
    > aggiungila.
    >
    >
    quando ci sara' un equita nel fare legge e rispettarle, ripassa, e ne riparliamo...
    1 mp3:fino a 3 anni di galera
    Pacciani per lo stupro della figlia e della moglie prese poco piu' di due anni

    Ritenta sarai piu fortunato
  • dico stai scherzando?
    copiare non è rubare.
    rubare è un concetto che viene usato per farci un lavaggio del cervello, e che vuol far passare il concetto "una copia piratata = una copia invenduta"...inutile dire che questo concetto è assoluttamente falso.

    l'unica soluzione è rivedere le norme sul diritto d'autore e pagare una tariffa "flat" x poter usufruire del p2p.

    ciao
    non+autenticato
  • anche questa cosa (home video su internet passato in tv per $$ = major esultanti per trasmettere roba senza spendere) dimostrera' ancora una volta come il sistema dei "diritti d'autore/proprieta intelettuale" sia TOTALMENTE da rifare...

    perche capitera' (se non e' gia capitato) che , come per le aziende minuscole che si svegliano 10 anni dopo , per reclamare un brevetto alla M$, guadagnando loro e gli avvocati qualche milione di dollari... si svegliera' anche il vicino della porta accanto che con la sua home camera ha fatto un filmato ed e' finito sulla NBC... alla quale intentera' causa per non aver pagato i diritti... e via di avvocati..
    non+autenticato

  • > roba senza spendere) dimostrera' ancora una volta
    > come il sistema dei "diritti d'autore/proprieta
    > intelettuale" sia TOTALMENTE da rifare...

    avete ieri sera su rai1 da vespa cosa si faceva?
    insinuavano che anche le ricette di cudina erano da proteggere.
    Ricordate a cosa paragona il sotware libero Stallman? proprio alle ricette di cucina che sono libere e non brevettabili!
    Questo e' feticismo perverso, la proprieta' di ogni genere e' da considerarsi una perversione anale, in senso freudiano, a questi livelli e' puramente criminale.
    non+autenticato