Borland annuncerà Kylix a febbraio

Dopo lunga attesa Borland si appresta finalmente a rilasciare Kylix, l'ambiente di sviluppo visuale per Linux e Windows basato su Delphi ed in grado, secondo gli esperti, di erigere un solido ponte fra le due piattaforme

Scotts Valley (USA) - Dopo due lunghissimi anni di attesa Borland (che da poco ha ripreso la sua denominazione originaria) si prepara a rilasciare Kylix, un ambiente di sviluppo visuale per Linux e Windows basato sul linguaggio Pascal ad oggetti di Borland, Delphi, ed il C++ Builder.

La data di rilascio, il 15 febbraio, dovrebbe essere ufficializzata giovedì presso il Linux World di New York. Per la prima volta Borland rilascerà per prima la versione Linux di un suo prodotto: Kylix per Windows verrà infatti rilasciato un paio di mesi più tardi.

Con Kylix, Borland intende offrire agli sviluppatori Windows un punto d'incontro importante con il mondo Linux, e alla comunità open source un tool visuale che porti in Linux tutta l'esperienza di Borland e la facilità d'utilizzo tipica di un ambiente di sviluppo rapido (RAD).
Kylix darà agli utenti Delphi e Visual Basic la capacità di sviluppare rapidamente applicazioni native Linux e di effettuare il porting in questo ambiente di molte applicazioni Windows scritte in Delphi e in C++ Builder. Inoltre consentirà la produzione di applicazioni efficienti compilate nativamente per utilizzare Internet, web, database e ambienti desktop come GNOME e KDE.

Il progetto Kylix non è sviluppato secondo un modello open source, ma gli sviluppatori saranno in grado di usare lo strumento per sviluppare sia applicazioni GPL sia applicazioni commerciali. Secondo le anticipazioni della Borland nella licenza d'uso ci sarà una chiara opzione che permetterà il supporto allo sviluppo di applicazioni GPL.

Kylix arriverà sul mercato in due differenti versioni: una server, che includerà il supporto per Apache, Oracle e DB2, ed una desktop, più incentrata sull'interfaccia grafica ed i database locali. Entrambe le versioni saranno basate sulla libreria multipiattaforma che Borland chiama Component Library for Cross Platform (CLX).
11 Commenti alla Notizia Borland annuncerà Kylix a febbraio
Ordina
  • FINALMENTE IS BACK
    WITH THE ORIGINAL NAME

    grande borland grande
    non+autenticato
  • E' bello sapere quanta gente aspetta la nascita di Kylix con la bava alla bocca!
    non+autenticato
  • e' possibile scrivere una applicazione distribuita
    ed utilizzare RMI gratuitamente senza royalties.

    La Remote Method Invocation fa le stesse cose di
    Corba (che e' a pagamento) ma ti vincola
    ad usare "solo" il java.

    Puoi scrivere una applicazione distribuita anche
    con il jb4 foundation (gratis)

    ma va da via el Q tu e le royalties...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pino Silvestre
    > La Remote Method Invocation fa le stesse
    > cose di Corba (che e' a pagamento) ma ti
    > vincola ad usare "solo" il java.
    Se consideri che ha successo Visual Basic che ti vincola a usare "solo" il Windows, penso che allora Kylix fa un passo avanti notevole..
    ---------------------
    > ma va da via el Q tu e le royalties...
    Cattivo gusto!
    non+autenticato
  • Vedo che l'articolo e' una mera traduzione di quello (sbagliato anch'esso) apparso su ZDNet.
    Infatti non e' vero che uscira' prima la versione per Linux che per Windows, Kylix per Windows altro non e' che Delphi 6!
    Ad ogni modo... Go Borland!

    Paolo.
    non+autenticato

  • Le critiche sono sempre le benvenute qui in redazione, a patto che queste non siano un pretesto per offendere il nostro lavoro quotidiano che è portato avanti con passione e professionalità. Chi ci legge sa che le nostre notizie non sono la mera traduzione di nulla, ma semmai, quando non si tratta di esclusive, prendono spunto da varie fonti e cercano sempre di approfondire l'argomento e verificarlo eventualmente con le aziende interessate. Se il nostro lavoro contiene delle imprecisioni, come può capitare, siamo i primi a dispiacercene e scusarcene con i nostri lettori.
    In questo caso sinceramente mi sembra che Delphi/Kylix sia a questo punto solo un gioco di nomi, ma se di imprecisione si tratta me ne scuso fin d'ora.

    Alessandro Del Rosso

    - Scritto da: Paolo
    > Vedo che l'articolo e' una mera traduzione
    > di quello (sbagliato anch'esso) apparso su
    > ZDNet.
    > Infatti non e' vero che uscira' prima la
    > versione per Linux che per Windows, Kylix
    > per Windows altro non e' che Delphi 6!
    > Ad ogni modo... Go Borland!
    >
    > Paolo.
    non+autenticato
  • ...
    > Infatti non e' vero che uscira' prima la
    > versione per Linux che per Windows, Kylix
    > per Windows altro non e' che Delphi 6!
    > Ad ogni modo... Go Borland!
    ...

    Ma Delphi 6 per Windows non uscirà a giugno 2001?
    non+autenticato
  • Java e'
    load di classi a runtime
    multipiattaforma
    sviluppo distribuito

    e tutto gratis. online.
    free. Con i compilatori visuali gratis.
    Quello che si puo' fare con JBuilder 4 foundation
    (quella gratis...) e' molto di piu' di quanto
    si possa fare con vb6 standard.
    Il software java
    1) non va ricompilato per girare su linux.
    2) va veloce come il Visual C++ dal jdk130

    se ne parla molto di piu' di quanto si conosce.
    conosco imbecilli che quando sentono Java
    pensano al linguaggio per fare le applet e basta.
    Se uso Java non devo pagare royalties
    alla Sun. E con Borland? e con Microzozz?
    ma va da via el Q

    non+autenticato

  • - Scritto da: Pino Silvestre
    > free. Con i compilatori visuali gratis.
    > Quello che si puo' fare con JBuilder 4
    > foundation (quella gratis...) e' molto
    > di piu' di quanto
    > si possa fare con vb6 standard.
    > Se uso Java non devo pagare royalties
    > alla Sun. E con Borland? e con Microzozz?
    > ma va da via el Q

    Beh, se ti piace cosi' tanto JBuilder, potresti anche ringraziarla Borland invece di insultarla...

    delphi rulez!
    non+autenticato


  • Penso che non hai per nulla ragione. Inanzitutto penso che java sia un linguaggio eccezzionale. Però, a parte che non vedo cosa centra VB con delphi, uno è un cesso, l'altro è una cosa bella, penso che se i vecchi applicativi che giravano su M$ potranno essere ricomplitati sotto linux, beh, sai quanti bei programmini in più ci saranno...
    E' poi trovo una cosa ottima che la Borlad si sia preoccupata di permettere l'opzione di compilare con l'opzione OpenSouce, così il programmatore non deve preoccuparsi di usare oggetti che non soddisfano la licenza.
    In quanto alle royaltes: i tool visuali per java li paghi... delphi anche....
    Quando hai fatto il programma sei a posto. Se per java usi delgli oggetti che hanno qualche royalties paghi anche per java.
    Sono 2 ottimi linguaggi.... e finalemente cross-platform. Tra l'altro lo sforzo della Borland è stato di renderlo retrocompatibile....
    E' bello stare a discutere se è meglio la Ferrari o la Porche.... e non dover per forza discutere tra qual'è il meno peggio...

    non+autenticato
  • .... sarà una rivoluzione.. più che il Kernel 2.4, più che il Mac Os X
    non+autenticato