Nanofluidi per gelare le CPU

Unità di calcolo sempre più potenti, sempre più bollenti? Niente problemi: pronto un fluido a base di nanoparticelle che dissipa il calore fino a quattro volte più velocemente rispetto ad altri liquidi

Leeds - Gli esperti in nanotecnologie dell'Università di Leeds sono riusciti a realizzare un prototipo di nanofluido ad altissima capacità termodissipativa. Richard Williams e Yulong Ding, appartenenti al consorzio accademico NanoFactory, sono entusiasti: "I nanofluidi possono aprire le porte alla prossima generazione di elaboratori elettronici".

I nanofluidi sono infatti delle sospensioni liquide di nanoparticelle, utilizzabili all'interno di qualsiasi sistema di dissipazione. Rispetto ad altri fluidi solitamente impiegati nel raffreddamento dei componenti elettronici, quelli messi a punto nello Yorkshire hanno dimostrato una efficienza fino a quattro volte maggiore.

Le particelle sono progettate per essere completamente "tappezzate" di atomi ad altissima densità, in modo da poter assorbire e trasferire calore in maniera più rapida ed efficace. "Dobbiamo ancora capire appieno le proprietà di questi fluidi", dice Ding, "soprattutto dobbiamo sperimentarne le applicazioni dinamiche, ovvero quando sono fatti passare ad alta velocità all'interno di microcondutture".
L'Università di Leeds ha già avviato alcune trattative con varie imprese per produrre in serie un'interessante varietà di apparecchi in grado di sfruttare questa nuova tecnologia. I ricercatori pensano soprattutto alle applicazioni pratiche nel campo della microelettronica, dove la combinazione tra nanofluidi e nanocondutture potrà essere utilizzata per sviluppare processori più piccoli e più potenti.

In Italia lo studio sui nanofluidi è condotto soprattutto in Veneto, dove lo Sportello Nanotech ha offerto alcuni bandi di ricerca proprio in questo interessantissimo campo.

Tommaso Lombardi
TAG: ricerca
15 Commenti alla Notizia Nanofluidi per gelare le CPU
Ordina
  • l'idea è stupida ma se davvero scaldano così tanto perchè non far passare del'acqua per alzarne la temperatura?

    comunque dovrebbe portar via un po' di calore alla cpu e si potrebbe riutilizzare
    8 )
    Akiro
    1907
  • Ma non c'era il pazzo che aveva immerso il suo pc in olio vegetale ??

    http://www.tomshw.it/howto.php?guide=20060110

    geniale, cosi' se il pc scalda troppo butti pure le patatine nel case!!! A bocca aperta Deluso Rotola dal ridereGeek
  • - Scritto da: awerellwv
    > Ma non c'era il pazzo che aveva immerso il suo pc
    > in olio vegetale ??
    >
    > http://www.tomshw.it/howto.php?guide=20060110
    >
    > geniale, cosi' se il pc scalda troppo butti pure
    > le patatine nel case!!! A bocca aperta Deluso Rotola dal ridereGeek
    Nei commenti successivi su Tomshardware sono emerse decine di problemi probabili con questa soluzione.

    Uno dei più pericolosi è legato al fatto che l'olio vegetale sottoposto a riscaldamento degrada (diciamo "va a male", per capirci) e diventa un bel brodo (maleodorante) di batteri. Il vantaggio è che nel tuo PC ti trovi quasi pronta una vasca per produrre armi batteriologiche e improvvisamente la partita di HalfLife 2 assume un altro spessore... A bocca aperta
    non+autenticato
  • addio patatine fritte insomma...

    uff... peccato...

  • > Uno dei più pericolosi è legato al fatto che
    > l'olio vegetale sottoposto a riscaldamento
    > degrada (diciamo "va a male", per capirci) e
    > diventa un bel brodo (maleodorante) di batteri.

    Bhè e usare un bel SAE 15W40 sintetico???
    Magari non è bellissimo a vedersi, però regge sicuramente le alte temperature...

    --
    Ciaociao
    ilGimmy
  • Ci vorrebbe un bel liquido viscoso rosso vivo.

    "Pronto, assistenza tecnica? La motherboard é ferita."

    "Come ferita?"

    "Bé, sanguina!"

    non+autenticato
  • addirittura tirano in ballo i nanocosi e si vedono sistemi di dissipazione del calore basati sul ciclo frigorifero (con tanto di compressorino) quando basterebbe un semplice, silenzioso ed economico sistema di refrigerazione a celle di peltier
    non+autenticato
  • Si da una parte raffreddi e dall' altra scaldi la pizza per lo spuntino di mezzanotte eheheh, è solo una battuta, ma ci stavo quasi pensando, ho uno slot da dvd che mi avanza.......... Rotola dal ridere


  • - Scritto da: Anonimo
    > addirittura tirano in ballo i nanocosi e si
    > vedono sistemi di dissipazione del calore basati
    > sul ciclo frigorifero (con tanto di
    > compressorino) quando basterebbe un semplice,
    > silenzioso ed economico sistema di refrigerazione
    > a celle di peltier

    " Richard Williams e Yulong Ding, appartenenti al consorzio accademico NanoFactory, sono entusiasti: "I nanofluidi possono aprire le porte alla prossima generazione di elaboratori elettronici"."

    Te lo riporto meglio

    "prossima generazione di elaboratori elettronici"

    Hai capito? Si tratta di un auspicio per applicazioni future. Se A TE, ADESSO basta un frigo, questo nuovo fluido potra' permettere a chi ne avra' bisogno, nuovi sistemi di raffreddamento avanzati. Ovviamente per chi non e' bisogno sara' sempre una scelta inutile e costosa da schifare come stupidaggine.
    non+autenticato
  • > addirittura tirano in ballo i nanocosi e si
    > vedono sistemi di dissipazione del calore basati
    > sul ciclo frigorifero (con tanto di
    > compressorino) quando basterebbe un semplice,
    > silenzioso ed economico sistema di refrigerazione
    > a celle di peltier

    Che ha un rendimento osceno... Ma l'importante è dare aria alla boccaA bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > addirittura tirano in ballo i nanocosi e si
    > > vedono sistemi di dissipazione del calore basati
    > > sul ciclo frigorifero (con tanto di
    > > compressorino) quando basterebbe un semplice,
    > > silenzioso ed economico sistema di
    > refrigerazione
    > > a celle di peltier
    >
    > Che ha un rendimento osceno... Ma l'importante è
    > dare aria alla boccaA bocca aperta

    infatti la cella di peltier scalda piu' che raffreddare, o meglio raffredda da una parte e scalda dall'altra. l'unico vantaggio della cella e' che distribuisce il calore su una superficie piu' ampia e facilita il lavoro del dissipatore montato sopra la cella stessa.
    con la cella di peltier, il problema del calore non viene risolto, viene spostato ad un livello superiore.

    se funziano bene questi nanofluidi ben venga.

  • - Scritto da: awerellwv
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > > addirittura tirano in ballo i nanocosi e si
    > > > vedono sistemi di dissipazione del calore
    > basati
    > > > sul ciclo frigorifero (con tanto di
    > > > compressorino) quando basterebbe un semplice,
    > > > silenzioso ed economico sistema di
    > > refrigerazione
    > > > a celle di peltier
    > >
    > > Che ha un rendimento osceno... Ma l'importante è
    > > dare aria alla boccaA bocca aperta
    >
    > infatti la cella di peltier scalda piu' che
    > raffreddare, o meglio raffredda da una parte e
    > scalda dall'altra. l'unico vantaggio della cella
    > e' che distribuisce il calore su una superficie
    > piu' ampia e facilita il lavoro del dissipatore
    > montato sopra la cella stessa.
    > con la cella di peltier, il problema del calore
    > non viene risolto, viene spostato ad un livello
    > superiore.
    >
    > se funziano bene questi nanofluidi ben venga.

    Ma davvero ? Tanto è che interi rack al livello industriale usano dissipatori basati su celle di peltier.. pensa te, eh ?!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    >
    > Ma davvero ? Tanto è che interi rack al livello
    > industriale usano dissipatori basati su celle di
    > peltier.. pensa te, eh ?!

    link please? e immagine, dato che non credo che a raffreddare il procio ci sia solamente la cella di peltier...


  • - Scritto da: Anonimo
    > addirittura tirano in ballo i nanocosi e si
    > vedono sistemi di dissipazione del calore basati
    > sul ciclo frigorifero (con tanto di
    > compressorino) quando basterebbe un semplice,
    > silenzioso ed economico sistema di refrigerazione
    > a celle di peltier

    Oddio.... economico? Quello delle scatole per i sigari costa un occhio
    ed e' 10 volte meno performante di quello che servirebbe su una CPU
    (si parla di sistemi che tenderebbero a superare i 100 gradi e vanno mantenuti sotto i 60.....)
    non+autenticato