Londra approva le carte d'identità biometriche

Via libera del parlamento per le carte d'identità elettroniche, complete di impronte digitali e foto dell'iride. Obbligatorie a partire dal 2010, i cittadini potranno ottenerne una già dai prossimi mesi

Londra - L'era britannica dell'identificazione biometrica è iniziata a tutti gli effetti ed i sudditi di Sua Maestà hanno l'obbligo di registrare impronte digitali e foto dell'iride entro e non oltre il 2010.

Così ha deciso il Parlamento, forte di una maggioranza più che assoluta (287 voti contro 60 nella House of Lords e 301 contro 83 nella House of Commons). Malgrado le preoccupazioni del Garante europeo dei dati personali, la Gran Bretagna aveva deciso di adottare questa soluzione centralizzata già da tempo, sulla scia del modello americano.

Fino al 2010, i cittadini potranno richiedere volontariamente la nuova smartcard identificativa o ne otterranno obbligatoriamente una con il rinnovo del passaporto. I dati biometrici verranno registrati in un unico database nazionale, simile a quello attualmente in funzione negli Stati Uniti. La registrazione prevede inoltre un colloquio privato con esperti ed impiegati dello Stato.
Biometria?La decisione di Londra ha immediatamente scatenato un'aspra polemica, capeggiata dal comitato No2ID. "L'introduzione della biometria cambierà la vita della maggior parte dei cittadini", sono convinti i portavoce dell'associazione, "molti dei quali non hanno la minima idea di cosa siano le tecnologie d'identificazione basate su impronte digitali e scan dell'iride".

Nonostante il ministro degli interni Charles Clarke garantisca l'integrità totale e la sicurezza del database biometrico nazionale, il segretario di No2ID Phil Booth è convinto che "il problema non è mai stato il documento in sé, quanto esattamente il database". Alla luce della polemica sull'archivio genetico in mano al governo, Booth è convinto che "l'archivio è una cosa quantomai inquietante".

Le rassicurazioni del Governo non bastano a tranquillizzare Booth, convinto che l'archivio esponga il cittadino a "gravi pericoli" legati alla sicurezza dei propri dati sensibili.

Gli attivisti di No2ID fanno poi sapere che la procedura di registrazione biometrica avrà un costo individuale compreso tra le 30 e le 100 sterline. Lo smarrimento della tessera, dotata di smart-chip probabilmente a radiofrequenza, costerà fino a mille sterline, mentre i cittadini che non si faranno registrare "potranno incorrere in gravi ammende, fino a 2.500 sterline", si legge sul sito dell'organizzazione.

Tommaso Lombardi
TAG: biometria
235 Commenti alla Notizia Londra approva le carte d'identità biometriche
Ordina
  • Nonostante il ministro degli interni Charles Clarke garantisca l'integrità totale e la sicurezza del database biometrico nazionale, il segretario di No2ID Phil Booth è convinto che "il problema non è mai stato il documento in sé, quanto esattamente il database".
    non+autenticato
  • un ignobile speculatore inglese e i suoi soci di affari altrettanto ignobili presumibilmente di Londra fanno approvare una legge che obbliga a inserire dat biometrici nelle carte al fine di guadagnarci un sacco di soldi con il fine di aumentare il potere di controllo sui cittadini inermi e con motivazioni apparentemente nobili ma false.Naturalmente tutti questi dati al momento politicamente opportuno potranno essere manipolati e utilizzati per altri fini anche non legali mettendo in pericolo l'incolumità di molti cittadini innocenti.
    A pensar male è peccato ma quasi sempre ci si azzecca.

    BY Bossix
    non+autenticato
  • da un lato c'è la persona, unica per caratteristiche
    da un lato un pezzo di carta (passaporto, CI, patente)

    associare l'identità di una persona usando il pezzo di carta è una cosa stupida. Il foglio di carta di per se è completamente staccato dalla persona che attualmente lo usa. Solo la fotografia attesta che quel documento appartiere a quella persona. Un viso simile, o una falsificazione del documento ed una persona diversa ha l'identità di un'altra.
    Ergo quella persona può presentarsi ad uno sportello ed incassare un assegno (ovviamente falso anch'esso) e sparire.

    Un documento biometrico invece dovrebbe invece collegare un particolare della persona che non è il volto (un particolare più certo, quindi una impronta o una retina) ed associarlo non ad un pezzo di plastica, ma ad un database centralizzato.

    Davanti ad un poliziotto o ad un impiegato di banca devi farti fare la scansione della retina. Come fai? Come Tom Cruise, ti fai trapiantare l'occhio di un altro?
    Qualcuno dice che falsifichi l'impronta. Possibile, ma cosa fai davanti all'impiegato di banca? Ti metti il guanto sul dito e ti fai leggere l'impronta? O tieni l'occhio di una persona in mano?

    Il problema è che con i documenti di oggi tu registri ciò che è letto sulla carta, con i biometrici ciò che è letto nel tuo corpo e finchè non ti fai cancellare le impronte o cavare gli occhi tu hai un tuo ID che è tuo per sempre.

    Se anche falsificassero i DB risulterebbe sempre che ad esempio un furto, è stato fatto con una retina diversa dalla tua.

    Il controllo che voi dite è solo fantasia, tant'è vero che ormai in ogni post si parla di Hittler e dittatori improbabili.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Il controllo che voi dite è solo fantasia, tant'è
    > vero che ormai in ogni post si parla di Hittler e
    > dittatori improbabili.

    Ecco visto che ti piace tanto vai in fila a farti superscansionare e non rompere a chi non vuol essere controllato.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Il controllo che voi dite è solo fantasia,
    > tant'è
    > > vero che ormai in ogni post si parla di Hittler
    > e
    > > dittatori improbabili.
    >
    > Ecco visto che ti piace tanto vai in fila a farti
    > superscansionare e non rompere a chi non vuol
    > essere controllato.
    di un discorso lungo una pagina ti attacchi a questa frase, per altro non dicendo nulla
    cresci
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > da un lato c'è la persona, unica per
    > caratteristiche
    > da un lato un pezzo di carta (passaporto, CI,
    > patente)
    >
    > associare l'identità di una persona usando il
    > pezzo di carta è una cosa stupida. Il foglio di
    > carta di per se è completamente staccato dalla
    > persona che attualmente lo usa. Solo la
    > fotografia attesta che quel documento appartiere
    > a quella persona. Un viso simile, o una
    > falsificazione del documento ed una persona
    > diversa ha l'identità di un'altra.
    > Ergo quella persona può presentarsi ad uno
    > sportello ed incassare un assegno (ovviamente
    > falso anch'esso) e sparire.
    >
    > Un documento biometrico invece dovrebbe invece
    > collegare un particolare della persona che non è
    > il volto (un particolare più certo, quindi una
    > impronta o una retina) ed associarlo non ad un
    > pezzo di plastica, ma ad un database
    > centralizzato.
    >
    > Davanti ad un poliziotto o ad un impiegato di
    > banca devi farti fare la scansione della retina.
    > Come fai? Come Tom Cruise, ti fai trapiantare
    > l'occhio di un altro?
    > Qualcuno dice che falsifichi l'impronta.
    > Possibile, ma cosa fai davanti all'impiegato di
    > banca? Ti metti il guanto sul dito e ti fai
    > leggere l'impronta? O tieni l'occhio di una
    > persona in mano?
    >
    > Il problema è che con i documenti di oggi tu
    > registri ciò che è letto sulla carta, con i
    > biometrici ciò che è letto nel tuo corpo e finchè
    > non ti fai cancellare le impronte o cavare gli
    > occhi tu hai un tuo ID che è tuo per sempre.
    >
    > Se anche falsificassero i DB risulterebbe sempre
    > che ad esempio un furto, è stato fatto con una
    > retina diversa dalla tua.
    >
    > Il controllo che voi dite è solo fantasia, tant'è
    > vero che ormai in ogni post si parla di Hittler e
    > dittatori improbabili.

    come mai a questo esempio non risponde nessuno?
    non+autenticato

  • > > Il controllo che voi dite è solo fantasia,
    > tant'è
    > > vero che ormai in ogni post si parla di Hittler
    > e
    > > dittatori improbabili.



    il nazismo è una realtà che poteva benissimo essere la regola, se la guerra fosse andata diversamente, solo che da una generazione all'altra si dimentica tutto
    ps:
    è improbabile tutto ciò che non hai mai visto
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > > > Il controllo che voi dite è solo fantasia,
    > > tant'è
    > > > vero che ormai in ogni post si parla di
    > Hittler
    > > e
    > > > dittatori improbabili.
    >
    >
    >
    > il nazismo è una realtà che poteva benissimo
    > essere la regola, se la guerra fosse andata
    > diversamente, solo che da una generazione
    > all'altra si dimentica tutto
    > ps:
    > è improbabile tutto ciò che non hai mai visto
    rispondi alla prima parte
    non+autenticato

  • > >
    > > Il problema è che con i documenti di oggi tu
    > > registri ciò che è letto sulla carta, con i
    > > biometrici ciò che è letto nel tuo corpo e
    > finchè
    > > non ti fai cancellare le impronte o cavare gli
    > > occhi tu hai un tuo ID che è tuo per sempre.
    > >
    > > Se anche falsificassero i DB risulterebbe sempre
    > > che ad esempio un furto, è stato fatto con una
    > > retina diversa dalla tua.
    > >
    > > Il controllo che voi dite è solo fantasia,
    > tant'è
    > > vero che ormai in ogni post si parla di Hittler
    > e
    > > dittatori improbabili.
    >
    > come mai a questo esempio non risponde nessuno?


    semplice: perché eventuali riserve si devono avere non sull'efficacia della identificazione, ma sul fatto che l'identificazione è troppo univoca, e si rischia di identificare poi la carta d'identità con la persona. Uno dei rischi è proprio il furto di identità... Se ti fregano la carta di identità oggi ne fai un'altra, la prima non è più valida e comunque non ti identifica in modo univoco e definitivo (nessuno giura che sei tu in presenza della carta attuale ), la carta di credito anche... Ma se ti fregano la carta di identità digitale, è per sempre...
    Allora sei tu a doverti cavare gli occhi per dimostrare che non sei tu quell'identità digitale che agisce al posto tuo.
    Quanto all'immagine della retina, non è detto che non si possa "emulare", partendo da quella "scannerizzata", lo stesso dicasi per le impronte digitali
    non+autenticato
  • Gli anglosassoni stanno riempiendo il mondo della loro merda, e tutti a seguirli.

    Che deprimenti, che nausea gli articoli di oggi!

  • - Scritto da: Gatto Selvaggio
    > Gli anglosassoni stanno riempiendo il mondo della
    > loro merda, e tutti a seguirli.
    >
    > Che deprimenti, che nausea gli articoli di oggi!

    Sai la cosa più allucinante? Che quelli della mia generazione sono cresciuti col culto dell'Inghilterra culla della privacy, dove nessuno mai oserebbe parlare di carta di identitá e tantomeno chiedertela per strada. Oggi gli inglesi sono in prima fila nel controllo totale del cittadino, sia per strada che con i dati biometrici...
    L'estremo che si trasforma nel suo contrario.
  • > Sai la cosa più allucinante? Che quelli della mia
    > generazione sono cresciuti col culto
    > dell'Inghilterra culla della privacy, dove
    > nessuno mai oserebbe parlare di carta di identitá
    > e tantomeno chiedertela per strada. Oggi gli
    > inglesi sono in prima fila nel controllo totale
    > del cittadino, sia per strada che con i dati
    > biometrici...
    > L'estremo che si trasforma nel suo contrario.

    E gli Stati Uniti come culla della libertà.

    Presumo di essere anch'io "della tua generazione".
  • La cosa davvero allucinante è che
    tanta gente accetti tutto questo
    senza fiatare.
    non+autenticato
  • > La cosa davvero allucinante è che
    > tanta gente accetti tutto questo
    > senza fiatare.

    La cosa che mi fa davvero disperare e venir voglia di emigrare sull'Isola della Desolazione è che non posso parlare di questo con nessuno dei miei amici.
    Leggono i quotidiani seri, e se nomino Punto Informatico non sanno cos'è; se lo spiego rispondono "ah, su Internet, i blog, i grup..." guardandosi l'uno con l'altro sorridicchiando come a dire: le solite teorie complottiste da acher. Non conoscono i problemi (biometria, intrusioni nella vita privata, brevetti software...) e vivono beati come pulcini nella stoppa. E parlo di persone con un'istruzione superiore, anche universitaria.
    Adesso ci sono le elezioni, son contenti e giulivi perché pare vinca la sinistra, han già formato il trenino per andare a votare e cantano in coro: ciuf ciuf, ciuf ciuf!
  • - Scritto da: Gatto Selvaggio
    > non posso parlare di questo
    > con nessuno dei miei amici.

    Ovvio.

    > Leggono i quotidiani seri, e se nomino Punto
    > Informatico non sanno cos'è

    La tua espressione è quasi un ossimoro. Sorride

    Tra tutti i quotidiani, trovo che Punto Informatico
    sia tra i più seri ed attenti nel portare alla nostra
    attenzione le problematiche dei legami tra
    tecnologia e libertà.

    > se lo spiego rispondono "ah, su Internet, i
    > blog, i grup..." guardandosi l'uno con l'altro
    > sorridicchiando come a dire: le solite teorie
    > complottiste da acher.

    Fanno anche "Muu!" per caso?Deluso

    Scherzo... In lacrime

    > Non conoscono i problemi (biometria,
    > intrusioni nella vita privata, brevetti
    > software...) e vivono beati come pulcini nella
    > stoppa. E parlo di persone con un'istruzione
    > superiore, anche universitaria.

    Purtroppo non tutti sanno o vogliono sapere
    cosa accade nel mondo.

    > Adesso ci sono le elezioni, son contenti e
    > giulivi perché pare vinca la sinistra, han già
    > formato il trenino per andare a votare e cantano
    > in coro: ciuf ciuf, ciuf ciuf!

    Non dirgli che per noi non cambierà nulla,
    mi raccomando. ;-|
    non+autenticato
  • > > se lo spiego rispondono "ah, su Internet, i
    > > blog, i grup..." guardandosi l'uno con l'altro
    > > sorridicchiando come a dire: le solite teorie
    > > complottiste da acher.
    >
    > Fanno anche "Muu!" per caso?Deluso

    Credo somigli più a un "Bèèèèh".

    > > Non conoscono i problemi (biometria,
    > > intrusioni nella vita privata, brevetti
    > > software...) e vivono beati come pulcini nella
    > > stoppa. E parlo di persone con un'istruzione
    > > superiore, anche universitaria.
    >
    > Purtroppo non tutti sanno o vogliono sapere
    > cosa accade nel mondo.

    Si ma sono gli stessi amici con cui dieci anni fa dicevamo le stesse cose di altri che, ad esempio, non vedono i problemi dell'ambiente perché non li conoscono e non vogliono informarsi.

    E poi persone con una laurea se gli parli di carte d'identità biometriche non dovrebbero limitarsi a dire "eeh, beeeeh, ma perché tu hai qualcosa da nascondere?"

    > > Adesso ci sono le elezioni, son contenti e
    > > giulivi perché pare vinca la sinistra, han già
    > > formato il trenino per andare a votare e cantano
    > > in coro: ciuf ciuf, ciuf ciuf!
    >
    > Non dirgli che per noi non cambierà nulla,
    > mi raccomando. ;-|

    Già detto e ripetuto, ma non ascoltano.
  • - Scritto da: Gatto Selvaggio
    > E poi persone con una laurea se gli parli di
    > carte d'identità biometriche non dovrebbero
    > limitarsi a dire "eeh, beeeeh, ma perché tu hai
    > qualcosa da nascondere?"

    Beata ingenuità di chi si fida dei governi. Triste
    non+autenticato
  • > La cosa che mi fa davvero disperare e venir
    > voglia di emigrare sull'Isola della Desolazione è
    > che non posso parlare di questo con nessuno dei
    > miei amici.
    Gli amici si scelgono.
    > Leggono i quotidiani seri, e se nomino Punto
    > Informatico non sanno cos'è; se lo spiego
    > rispondono "ah, su Internet, i blog, i grup..."
    > guardandosi l'uno con l'altro sorridicchiando
    > come a dire: le solite teorie complottiste da
    > acher. Non conoscono i problemi (biometria,
    > intrusioni nella vita privata, brevetti
    >
    Potresti proporre una legge che obbliga a scegliere
    liberamente le libertà che vuoi imporre.
    > software...) e vivono beati come pulcini nella
    > stoppa. E parlo di persone con un'istruzione
    > superiore, anche universitaria.
    > Adesso ci sono le elezioni, son contenti e
    > giulivi perché pare vinca la sinistra, han già
    > formato il trenino per andare a votare e cantano
    > in coro: ciuf ciuf, ciuf ciuf!
    >
    Invece scrivere un post dando del deficente a quelli che chiami amici aiuta molto a raggiungere la (tua) libertà.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Gli amici si scelgono.

    Già. Probabilmente dovrebbe cambiare amici.

    > Potresti proporre una legge che obbliga a
    > scegliere liberamente le libertà che vuoi imporre.

    Ognuno è libero di scegliere quello che vuole.
    Anche di tenere la testa nascosta sotto la sabbia
    e di fare solo quello che gli è esplicitamente
    permesso dal tiranno di turno, chiamando
    questo "libertà".

    > Invece scrivere un post dando del deficente a
    > quelli che chiami amici aiuta molto a raggiungere
    > la (tua) libertà.

    Ha espresso in libertà il suo pensiero. Come te.
    non+autenticato
  • > > che non posso parlare di questo con nessuno dei
    > > miei amici.
    > Gli amici si scelgono.

    Hai anche ragione, ma me li sono trovati quando avevano idee come le mie, e poi pian piano si sono acquietati al punto da esser diventati una croce da sopportare.

    > > Leggono i quotidiani seri, e se nomino Punto
    > > Informatico non sanno cos'è; se lo spiego
    > > rispondono "ah, su Internet, i blog, i grup..."
    > > guardandosi l'uno con l'altro sorridicchiando
    > > come a dire: le solite teorie complottiste da
    > > acher. Non conoscono i problemi (biometria,
    > > intrusioni nella vita privata, brevetti
    > >
    > Potresti proporre una legge che obbliga a
    > scegliere
    > liberamente le libertà che vuoi imporre.

    Non è così semplice. La libertà non si impone, così come non si fa la pace. Al contrario, la prigionia e la guerra si impongono. Quando un bene consiste nell'assenza di qualcosa, non lo si può imporre.

    > > software...) e vivono beati come pulcini nella
    > > stoppa. E parlo di persone con un'istruzione
    > > superiore, anche universitaria.
    > > Adesso ci sono le elezioni, son contenti e
    > > giulivi perché pare vinca la sinistra, han già
    > > formato il trenino per andare a votare e cantano
    > > in coro: ciuf ciuf, ciuf ciuf!
    > >
    > Invece scrivere un post dando del deficente a
    > quelli che chiami amici aiuta molto a raggiungere
    > la (tua) libertà.

    Probabilmente dovrei emigrare nella taiga siberiana prima che il cosiddetto progresso arrivi anche lì.
  • parlate che vi limitano la libertà ma non riuscite neanche a capire come e vi rifate ad esempio di nazismo degli anni 30.
    E' solo questa idea che vi da fastidio
    l'unico motivo è che avete la coda di paglia.
    Tanto ora mi darete del troll e non riuscirete a dirmi cosa vi limita se non appunto esempi di nazismo e schiavitù che niente hanno a che fare con tutto questo
    non+autenticato
  • Il grosso problema non e' secondo me l'intento, ma l'implementazione, in una societa' utopica sarei il primo a dire ok, io non ho nulla da nascondere ben venga un sistema di riconoscimento quasi infallibile ( apropo' perche' non usare il dna come in gattaga? )

    Il problema e' sempre nel gestire queste informazioni ossia, chi mi assicura che per magilla i miei dati o quelli di qualcun altro vengano in qualche modo trafugati?

    personalmente non mi fido dei governanti e mai mi fidero'
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > parlate che vi limitano la libertà ma non
    > riuscite neanche a capire come

    Anzitutto, trovo immorale che lo Stato
    prelevi coattivamente dati biometrici
    dal "cittadino". L'Habeas Corpus di fatto è
    in via di disapplicazione, a quanto pare.

    Ma i "cittadini" sono padroni del loro corpo e della
    loro vita? E di accettare o rifiutare un mezzo
    d'identificazione?

    O sono solo ingranaggi sacrificabili in una
    macchina socialista senza né freni né controllo?

    Ciò detto...

    Le limitazioni di libertà ci potrebbero essere
    per chi NON ha la Carta. Chi ha il potere di
    dare o revocare una Carta unica obbligatoria,
    i cui usi potrebbero essere estesi a tutto,
    potrebbe avere potere di vita e di morte su
    una persona.

    > vi rifate ad esempio di nazismo degli anni 30.

    La sete di potere di alcuni uomini non è diminuita
    da allora, anzi. Ci saranno sempre uomini corrotti
    disposti a usare ogni mezzo per avere più potere.

    Vediamo dunque di non creare la situazione ideale
    per un potenziale disastro.
    non+autenticato
  • > Anzitutto, trovo immorale che lo Stato
    > prelevi coattivamente dati biometrici
    > dal "cittadino". L'Habeas Corpus di fatto è
    > in via di disapplicazione, a quanto pare.
    le visite obbligatorie non sono una novità. I 3 giorni ad esempio lo sono, idem per i vaccini obbligatori

    > Ma i "cittadini" sono padroni del loro corpo e
    > della
    > loro vita? E di accettare o rifiutare un mezzo
    > d'identificazione?
    la legge ti obbliga già ad avere un documento di riconoscimento

    > Le limitazioni di libertà ci potrebbero essere
    > per chi NON ha la Carta. Chi ha il potere di
    > dare o revocare una Carta unica obbligatoria,
    > i cui usi potrebbero essere estesi a tutto,
    > potrebbe avere potere di vita e di morte su
    > una persona.
    cioè, vuoi vivere in una società di leggi non rispettandole?

    > La sete di potere di alcuni uomini non è diminuita
    > da allora, anzi. Ci saranno sempre uomini corrotti
    > disposti a usare ogni mezzo per avere più potere.
    come sei teatrale

    > Vediamo dunque di non creare la situazione ideale
    > per un potenziale disastro.
    come al solito nessuna risposta
    non lo sapete il perchè. Mi ricordo a scuola al liceo tutti ad occupare urlando, vogliamo una futuro migliore.
    Quando poi ho schiesto al più asino del liceo, perchè protesta per una scuola migliore se non studia mai e fa sempre assenze lui mi disse "stai zitto che fai più bella figura".
    Strana questa cosa, organizzano sempre le proteste i dipendenti più pigri e gli studenti meno diligenti (e non parlo di comportamento ma di risultati).
    Se queste sono le vostre proteste io mi schiero dall'altra parte
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > le visite obbligatorie non sono una novità. I 3
    > giorni ad esempio lo sono, idem per i vaccini
    > obbligatori

    In Inghilterra? Perché di Inghilterra parliamo.

    > la legge ti obbliga già ad avere un documento di
    > riconoscimento

    Fonte precisa e dettagliata a sostegno di questa
    tua affermazione? Sono curioso...

    > cioè, vuoi vivere in una società di leggi non
    > rispettandole?

    Premesso che le leggi non le faccio io e che
    nessuno sceglie né di nascere né dove nascere,
    uno può sempre scegliersi un posto meno
    restrittivo dove vivere. Ah già, se emigrare
    fosse illegale uno dovrebbe restare secco e
    pesto nel suo Paese perché ... sarebbe illegale
    emigrare.

    > come sei teatrale

    Leggi realista e non ingenuo.

    > come al solito nessuna risposta

    Gli inglesi non saranno di fatto liberi di rifiutare
    la nuova carta d'identità. Ecco la prima libertà
    che hanno perso. CVD, il caso è chiuso.

    > Se queste sono le vostre proteste io mi schiero
    > dall'altra parte

    Schierati dove ti pare. A me non interessa di certo.
    non+autenticato
  • > Gli inglesi non saranno di fatto liberi di
    > rifiutare
    > la nuova carta d'identità. Ecco la prima libertà
    > che hanno perso. CVD, il caso è chiuso.
    ahahahah
    vedi, non sai neanche cosa possa comportare, sei ridicolo
    tu sei il classico studente svogliato che per non andare a scuola organizza l'occupazione per avere un trattamento migliore a scuola.
    Mi spieghi perchè chi si impegna nel lavoro o nella scuola non sente mai la necessità di combattere questo sistema?
    Semplice, perchè appartieni alla categoria di persone che vuole tutto in modo furbo e una volta controllato non potresti più farlo. Se ti guadagnassi il tuo ruolo nella società onestamente non avresti bisogno di nasconderti.
    La verità vi renderà liberi
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > > Gli inglesi non saranno di fatto liberi di
    > > rifiutare
    > > la nuova carta d'identità. Ecco la prima libertà
    > > che hanno perso. CVD, il caso è chiuso.

    > ahahahah

    Il riso abbonda.

    > vedi, non sai neanche cosa possa comportare,

    A domanda ho già risposto. La prima libertà
    persa dagli inglesi da quando è stata introdotta
    la carta è la libertà di rifiutarla. Inoltre, chiunque
    rifiuti la carta potrebbe gradualmente perdere
    ogni libertà, secondo l'umore del legislatore locale.

    E ricorda che chi controlla la carta, controlla la vita
    della persona. Ma che te lo dico a fare...

    > sei ridicolo
    > tu sei il classico studente svogliato che per non
    > andare a scuola organizza l'occupazione per avere
    > un trattamento migliore a scuola.

    Attacchi "ad hominem"...

    > Mi spieghi perchè chi si impegna nel lavoro o
    > nella scuola non sente mai la necessità di
    > combattere questo sistema?

    Informazioni irrilevanti e/o fallaci
    e/o non verificabili e/o generalizzanti...

    > Semplice, perchè appartieni alla categoria di
    > persone che vuole tutto in modo furbo e una volta
    > controllato non potresti più farlo. Se ti
    > guadagnassi il tuo ruolo nella società
    > onestamente non avresti bisogno di nasconderti.

    Conclusioni che sono tutto fuorché impeccabili...

    Ma non sarebbe più semplice confutare i
    miei argomenti anziché usare questi metodi?

    > La verità vi renderà liberi

    E lo Stato vi renderà schiavi.
    non+autenticato
  • > A domanda ho già risposto. La prima libertà
    > persa dagli inglesi da quando è stata introdotta
    > la carta è la libertà di rifiutarla. Inoltre,
    > chiunque
    > rifiuti la carta potrebbe gradualmente perdere
    > ogni libertà, secondo l'umore del legislatore
    > locale.
    i documenti sono obbligatori.
    Devi avere un documento di riconoscimento. Non puoi vivere in una società senza neanche far sapere chi cavolo sei. Qui stai scadendo nel pietoso, regolati.
    Ma ti immagini il caos se la gente non avesse alcun documento.

    > E ricorda che chi controlla la carta, controlla
    > la vita
    > della persona. Ma che te lo dico a fare...
    ma smettila, parli come un protagonista di un film, sei scadente, non sai nemmeno perchè protesti, sei ridicolo

    > Attacchi "ad hominem"...
    per forza, non mi dici perchè questo sistema non va bene. Dici cose idiote come il fatto che non si può rifiutare di avere i documenti.
    Quanti anni hai? 15? No perchè non ragioni come una persona adulta, ti batti per idee che hai sentito in giro e che ti sono piaciute ad orecchio ma non sai nemmeno cosa comporterebbe vivere in una società come vuoi tu.

    > Informazioni irrilevanti e/o fallaci
    > e/o non verificabili e/o generalizzanti...
    si come no, ti rode perchè ti ho scoperto

    comunque mi hai risposto 3 volte ma per dire le stesse cose. Io la vedo positiva.
    Un mio amico questa estate è andato a fare un viaggio per l'europa dell'est. E' rimasto bloccato perchè il suo documento non è stato accettato ad un controllo all'interno mi sembra della Romania o simile e si è fatto un giorno in cella per accertamenti perchè la CI è solo un pezzo di carta. Poi tutto si è risolto per sua fortuna
    Posso raccontarti di documenti falsi e di tanti altri casi.
    Io ci vedo uno snellimento della burocrazia e tanti altri vantaggi. Con un solo documento potrei avere riconoscimento totale a livello mondiale per enti di credito, aerei. I documenti sarebbero molto più sicuri. La CI è una buffonata, bastano due testimoni per accertare la tua identità, significa che qualsiasi idiota può avere una carta di identità falsa semplicemente andando con due compari o approfittando di qualche ingenuo in fila. Poi questi documenti sono pezzi di carta, si falsificano con due soldi.
    Dimmi perchè dovrei rinunciare a queste comodità perchè te vedi troppa televisione?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > Ma ti immagini il caos se la gente non avesse
    > alcun documento.
    >

    Io ho il passaporto. Solo quello. Ho viaggiato praticamente dappertutto e non ho mai avuto bisogno di altro. E il bello é che di dati, sopra, ce ne sono una manciata.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > i documenti sono obbligatori.
    > Devi avere un documento di riconoscimento.

    Sto ancora aspettando che tu citi una legge
    PRECISA a sostegno di questa tua teoria.
    E non ripetermi che "lo dice la legge".
    Troppo comodo. Cita la legge PRECISA.

    Sono PROPRIO curioso... Estremamente.

    > Non puoi vivere in una società senza neanche far
    > sapere chi cavolo sei.

    Ja, Mein Fuhrer.

    > Qui stai scadendo nel pietoso, regolati.

    Ah beh, con questi argomenti chiunque può "vincere".

    > Ma ti immagini il caos se la gente non avesse
    > alcun documento.

    Ma non dirmi. Tua madre non ti riconoscerebbe,
    magari. Non senza un preventivo controllo delle
    impronte, eh. E poi chissà come avranno fatto
    gli Inglesi fino ad ora, senza carta d'identità per
    SECOLI. Poveri diavoli, eh.

    > > E ricorda che chi controlla la carta, controlla
    > > la vita
    > > della persona. Ma che te lo dico a fare...
    > ma smettila, parli come un protagonista di un
    > film, sei scadente, non sai nemmeno perchè
    > protesti, sei ridicolo

    Sto ancora aspettando VERI argomenti confutativi.
    Non sono io a rendermi ridicolo qui, te lo assicuro.

    > > Attacchi "ad hominem"...
    > per forza, non mi dici perchè questo sistema non
    > va bene.

    Perchè riduce una persona alla mercé dello Stato,
    dato che i diritti di una persona dipenderanno
    non dall'esistenza del cittadino in quanto tale
    ma dall'avere o no (diritto) a quella carta!

    Ma tu non lo vuoi capire. Non puoi capire. Inizio
    a temere che sia al di fuori della tua portata.

    > Dici cose idiote come il fatto che non
    > si può rifiutare di avere i documenti.

    Se per te sono cose idiote non le commentare.
    Ma pare che non riuscire a confutare i miei
    argomenti ti procuri un certo grado di frustrazione,
    per cui devi ricorrere agli attacchi personali, una
    fallacia con cui nessuno ha mai vinto alcun argomento.

    > Quanti anni hai? 15? No perchè non ragioni come
    > una persona adulta, ti batti per idee che hai
    > sentito in giro e che ti sono piaciute ad
    > orecchio ma non sai nemmeno cosa comporterebbe
    > vivere in una società come vuoi tu.

    Tu non lo sai di sicuro. E la mia identità non è affar tuo.

    > > Informazioni irrilevanti e/o fallaci
    > > e/o non verificabili e/o generalizzanti...
    > si come no, ti rode perchè ti ho scoperto

    Argomenti, non attacchi. Non puoi provare un fico
    secco di quello che stai falsamente accusando.

    > comunque mi hai risposto 3 volte ma per dire le
    > stesse cose. Io la vedo positiva.

    Che dire, se uno non vuol capire non vuol capire.
    Ma quello non è colpa mia.

    > Un mio amico questa estate è andato a fare un
    > viaggio per l'europa dell'est. E' rimasto
    > bloccato perchè il suo documento non è stato
    > accettato ad un controllo all'interno mi sembra
    > della Romania o simile e si è fatto un giorno in
    > cella per accertamenti perchè la CI è solo un
    > pezzo di carta. Poi tutto si è risolto per sua
    > fortuna
    > Posso raccontarti di documenti falsi e di tanti
    > altri casi.
    > Io ci vedo uno snellimento della burocrazia e
    > tanti altri vantaggi.

    Hitler avrebbe adorato un sistema del genere
    per separare rapidamente gli ebrei dai non ebrei.
    Dipende dai punti di vista, come molte cose. Ci
    sono vantaggi E SVANTAGGI. Ma i secondi
    vengono molto spesso ignorati in nome di una
    presunta maggiore sicurezza o comodità.

    > Con un solo documento
    > potrei avere riconoscimento totale a livello
    > mondiale per enti di credito, aerei. I documenti
    > sarebbero molto più sicuri.

    Se qualcuno ti mettesse in una lista nera, capiresti
    meglio i rischi di un sistema del genere. Forse.

    > Dimmi perchè dovrei rinunciare a queste comodità

    Se per te sono comodità, buon per te. Ma non
    aspettarti che tutti accettino il tuo punto di vista.

    > perchè te vedi troppa televisione?

    Mi sa che sei tu a guardarne troppa. Senza offesa.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > - Scritto da: Anonimo
    > > i documenti sono obbligatori.
    > > Devi avere un documento di riconoscimento.
    >
    > Sto ancora aspettando che tu citi una legge
    > PRECISA a sostegno di questa tua teoria.
    > E non ripetermi che "lo dice la legge".
    > Troppo comodo. Cita la legge PRECISA.
    >
    > Sono PROPRIO curioso... Estremamente.
    >
    > > Non puoi vivere in una società senza neanche far
    > > sapere chi cavolo sei.
    >
    > Ja, Mein Fuhrer.
    >
    > > Qui stai scadendo nel pietoso, regolati.
    >
    > Ah beh, con questi argomenti chiunque può
    > "vincere".
    >
    > > Ma ti immagini il caos se la gente non avesse
    > > alcun documento.
    >
    > Ma non dirmi. Tua madre non ti riconoscerebbe,
    > magari. Non senza un preventivo controllo delle
    > impronte, eh. E poi chissà come avranno fatto
    > gli Inglesi fino ad ora, senza carta d'identità
    > per
    > SECOLI. Poveri diavoli, eh.
    >
    > > > E ricorda che chi controlla la carta,
    > controlla
    > > > la vita
    > > > della persona. Ma che te lo dico a fare...
    > > ma smettila, parli come un protagonista di un
    > > film, sei scadente, non sai nemmeno perchè
    > > protesti, sei ridicolo
    >
    > Sto ancora aspettando VERI argomenti confutativi.
    > Non sono io a rendermi ridicolo qui, te lo
    > assicuro.
    >
    > > > Attacchi "ad hominem"...
    > > per forza, non mi dici perchè questo sistema non
    > > va bene.
    >
    > Perchè riduce una persona alla mercé dello Stato,
    > dato che i diritti di una persona dipenderanno
    > non dall'esistenza del cittadino in quanto tale
    > ma dall'avere o no (diritto) a quella carta!
    >
    > Ma tu non lo vuoi capire. Non puoi capire. Inizio
    > a temere che sia al di fuori della tua portata.
    >
    > > Dici cose idiote come il fatto che non
    > > si può rifiutare di avere i documenti.
    >
    > Se per te sono cose idiote non le commentare.
    > Ma pare che non riuscire a confutare i miei
    > argomenti ti procuri un certo grado di
    > frustrazione,
    > per cui devi ricorrere agli attacchi personali,
    > una
    > fallacia con cui nessuno ha mai vinto alcun
    > argomento.
    >
    > > Quanti anni hai? 15? No perchè non ragioni come
    > > una persona adulta, ti batti per idee che hai
    > > sentito in giro e che ti sono piaciute ad
    > > orecchio ma non sai nemmeno cosa comporterebbe
    > > vivere in una società come vuoi tu.
    >
    > Tu non lo sai di sicuro. E la mia identità non è
    > affar tuo.
    >
    > > > Informazioni irrilevanti e/o fallaci
    > > > e/o non verificabili e/o generalizzanti...
    > > si come no, ti rode perchè ti ho scoperto
    >
    > Argomenti, non attacchi. Non puoi provare un fico
    > secco di quello che stai falsamente accusando.
    >
    > > comunque mi hai risposto 3 volte ma per dire le
    > > stesse cose. Io la vedo positiva.
    >
    > Che dire, se uno non vuol capire non vuol capire.
    > Ma quello non è colpa mia.
    >
    > > Un mio amico questa estate è andato a fare un
    > > viaggio per l'europa dell'est. E' rimasto
    > > bloccato perchè il suo documento non è stato
    > > accettato ad un controllo all'interno mi sembra
    > > della Romania o simile e si è fatto un giorno in
    > > cella per accertamenti perchè la CI è solo un
    > > pezzo di carta. Poi tutto si è risolto per sua
    > > fortuna
    > > Posso raccontarti di documenti falsi e di tanti
    > > altri casi.
    > > Io ci vedo uno snellimento della burocrazia e
    > > tanti altri vantaggi.
    >
    > Hitler avrebbe adorato un sistema del genere
    > per separare rapidamente gli ebrei dai non ebrei.
    > Dipende dai punti di vista, come molte cose. Ci
    > sono vantaggi E SVANTAGGI. Ma i secondi
    > vengono molto spesso ignorati in nome di una
    > presunta maggiore sicurezza o comodità.
    >
    > > Con un solo documento
    > > potrei avere riconoscimento totale a livello
    > > mondiale per enti di credito, aerei. I documenti
    > > sarebbero molto più sicuri.
    >
    > Se qualcuno ti mettesse in una lista nera,
    > capiresti
    > meglio i rischi di un sistema del genere. Forse.
    >
    > > Dimmi perchè dovrei rinunciare a queste comodità
    >
    > Se per te sono comodità, buon per te. Ma non
    > aspettarti che tutti accettino il tuo punto di
    > vista.
    >
    > > perchè te vedi troppa televisione?
    >
    > Mi sa che sei tu a guardarne troppa. Senza offesa.

    http://www.vehicle-documents.it/articoli/articoli1...


    ""In alcuni paesi europei e nel mondo la carta d?identità è obbligatoria mentre nel nostro paese è facoltativa e sebbene regolata da norme statali il suo rilascio è demandato alle Autorità Comunali, le quali così come previsto dalla normativa vigente sono tenute a rilasciare il documento, della validità di cinque anni, a tutti coloro che ne facciano richiesta ""




    NSA
    1909
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | Successiva
(pagina 1/5 - 21 discussioni)