Fox Linux si fa Professional

Nuova e più completa versione di una giovane distribuzione italiana di Linux

Roma - A tre mesi dall'uscita della versione Lite, il team italiano di foxlinux.org ha rilasciato la nuova FoX Desktop Professional 1.0, una distribuzione di Linux basata su Fedora.

La nuova edizione estende le funzionalità della versione Lite mantenendo la stessa base con tutto il software aggiornato e corretto.

"Nella versione Professional, che pesa poco più di 3 GB, trovano spazio GNOME, diverse tecnologie della versione 5 di Fedora Core, il supporto a tutte le lingue e molti altri programmi che per ragioni di spazio non erano stati inclusi nella versione Lite", ha spiegato Matteo Pettenuzzo, portavoce del FoX Linux Team, a Punto Informatico. "La versione Professional si presenta leggermente più matura anche in termini di look, con uno stile un po' rivisto e certamente ancora più accattivante".
FoX Desktop 1.0 Professional, la cui ISO DVD può essere scaricata da qui, contiene oltre 2.000 pacchetti software, tra cui le ultime release di KDE, GNOME, Mono, Beagle, F-Spot, TomBoy, e un nuovo gestore automatico della frequenza del processore. Il kernel è il 2.6.15 con driver per NTFS, ndiswrapper, ATI Radeon e NVidia GeForce.

Le note di rilascio si trovano qui.
TAG: italia
43 Commenti alla Notizia Fox Linux si fa Professional
Ordina
  • Non si può fare una distro coi driver nvidia, ntfs (captive?) e ati inclusi. Spero che ati&co gli denuncino
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Non si può fare una distro coi driver nvidia,
    > ntfs (captive?) e ati inclusi. Spero che ati&co
    > gli denuncino

    Per ntfs tramite l'utilizzo di dll di windows penso anche io che non si possa, ma per ati & nvidia sbagli, si possono ridistribuire i driver (e lo fa anche la debian).


    non+autenticato
  • ho visto sul sito gli screenshot foxdesktop 1.0 mi sembra una copia di mac os x ?
    non+autenticato
  • lo faccio anche io focs linucs:
    scarica -> copia -> masterizza -> pubblicizza su PI

    WOW!
    non+autenticato
  • Non sono un macaco ma su una cosa sono certo: paragonare una qualunque desktop di linux a osx è bestemmiare
    non+autenticato
  • OsX è decisamente più elegante ma lo sfondo e la "casetta" è decisamente Mac-like.
    non+autenticato
  • ...non concentrate le forze e producete una o due distro furbe anzichè creare l'ennesimo pacchetto prendendo modulini qua e là e accrocchiando tutto insieme?

    l'unione fa la forza, ricordatevelo linari...

    non vogliatemene.
    non+autenticato
  • > ...non concentrate le forze e producete una o due
    > distro furbe anzichè creare l'ennesimo pacchetto
    > prendendo modulini qua e là e accrocchiando tutto
    > insieme?

    Come puoi pretendere che da un kernel sviluppato in
    maniera accrocchia, senza un repository centrale, come
    per esempio il CVS, possa nascere qualcosa di buono?


    non+autenticato
  • La pluralità del sistema è alla base della forza del GNU project, perchè ogni persona ha le sue idee in fatto di desktop o server e linux cerca di incarnarle tutte. Non so se siate window users, comunque fate commenti che nn stanno ne in cielo ne in terra perchè linux viene sviluppato tutti insieme: il cuore e i programmi sono gli stessi, cambia il modo di gestirli. E' un modo di vedere lo sviluppo software che rende tutti fratelli e allo stesso tempo tutti concorrenti. In questo modo si cerca di fare sempre meglio, senza però precludere i propri sviluppi agli altri.

    Io non so perchè volete trolleggiare così, ma non è importante: per quanto cerchiate di prendere in giro linux, non riuscirete mai a farci cambiare idea. Linux è grande, veramente grande, la sua filosofia da del filo da torcere a qualunque legge di mercato, le piega al suo volere e ci fa cosa vuole. Adesso è facile parlare, ma tra qualche anno linux prenderà davvero piede tra chi come me sogna un mondo migliore dove esistono anche *altre* aziende oltre alla Microsoft e alla Sony, dove ogni cosa è fatta perchè sia studiabile dagli altri e potenziabile da chiunque. Linux cresce velocemente, le statistiche sono chiare, e cresce sempre seguendo il principio dell'Open Source. Non importa se non lo capite e non importa quello che dite, io vado davvero fiero di usare questo sistema operativo.
    non+autenticato
  • > il principio dell'Open Source. Non importa se non
    > lo capite e non importa quello che dite, io vado
    > davvero fiero di usare questo sistema operativo.

    anche io, resta lo spunto di riflessione sul disperdere o meno le energie in diverse distro. Il punto non e' che Linux e' sempre Linux, il punto e' che se cambi interfaccia, o semplicemente i programmi lincati nel menu di KDE o Gnome o altri, gli utenti "desktop" non potranno basarsi su percorsi comuni, quindi l'approccio sara' diversificato e quindi si ramificheranno le energie anche nell'insegnarlo o nell'apprenderlo.
    Lati negativi e positivi, magari riflettendoci partendo da punti di vista differenti farebbe bene anche a Linux ed ai programmi GNU che lo circondano.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo

    > > il principio dell'Open Source. Non
    > > importa se non lo capite e non importa
    > > quello che dite, io vado davvero fiero
    > > di usare questo sistema operativo.

    > anche io, resta lo spunto di riflessione sul
    > disperdere o meno le energie in diverse
    > distro.

    Tanto poi per selezione naturale sono 5 - 6 quelle che tutti conoscono ed usano.

    > Il punto non e' che Linux e' sempre Linux,
    > il punto e' che se cambi interfaccia, o
    > semplicemente i programmi lincati nel menu
    > i KDE o Gnome o altri, gli utenti "desktop"
    > non potranno basarsi su percorsi comuni,
    > quindi l'approccio sara' diversificato e quindi
    > si ramificheranno le energie anche
    > nell'insegnarlo o nell'apprenderlo.

    Allora forse bisognerebbe smettere di insegnare agli utenti a fare le cose stupidamente a memoria.

    Bisognerebbe spiegare loro che l'interfaccia non e' il programma.

    Insomma iniziare ad insegnare veramente, non limitarsi a fare in modo che l'allievo superi l'esamino solo perche' l'insegnante conosceva gia' le domande e ha insegnato a memoria le risposte all'allievo.

    > Lati negativi e positivi, magari riflettendoci
    > partendo da punti di vista differenti farebbe
    > bene anche a Linux ed ai programmi GNU
    > che lo circondano.

    Indubbiamente... Parliamone...
    non+autenticato
  • Secondo me si dovrebbe sviluppare tutti insieme una versione di linux di base, dalla quale partono poi le varie distro. Mi spiego: le utility principali di linux per la rete, la gestione utenti, la gestione sistema, dischi ecc...dovrebbero essere uguali per tutti i sistemi unix. Non che sotto slackware il comando net-config fa partire una utility per la gestione della rete unica per il sistema slackware mentre sotto gentoo bisogna usare /etc/init.d/net.interface start dopo aver configurato per bene la rete. Così slackware e gentoo sembrano diversi ma in realtà non lo sono. Dovrebbe esserci uno script unico per tutte le distro e dei files di gestione unici e inequivocabili per tutte le distro. E' la parte grafica che deve essere differenziata e le gui. Secondo me creare una comunità che raggruppi tutte le utility di linux e quei programmini che aiutano alla gestione non farebbe male.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Secondo me si dovrebbe sviluppare tutti insieme
    > una versione di linux di base, dalla quale
    > partono poi le varie distro. Mi spiego: le
    > utility principali di linux per la rete, la
    > gestione utenti, la gestione sistema, dischi
    > ecc...dovrebbero essere uguali per tutti i
    > sistemi unix.

    Bhe in parte e' gia' cosi': da una parte abbiamo il kernel, praticamente identico o con minime modifiche, dall'altra le utils GNU, anche quelle sempre uguali.

    > Non che sotto slackware il comando
    > net-config fa partire una utility per la gestione
    > della rete unica per il sistema slackware mentre
    > sotto gentoo bisogna usare
    > /etc/init.d/net.interface start dopo aver
    > configurato per bene la rete.

    Stai parlando delle utility che slack mette a disposizione per le configurazioni, queste sono solo di slack, e' vero, ma su entrambe puoi configurare tutto con le utils GNU di base: ifconfig.

    > Così slackware e gentoo sembrano diversi ma in
    > realtà non lo sono.

    E quindi dov'e' il problema ??

    > Dovrebbe esserci uno script unico per tutte le
    > distro e dei files di gestione unici e inequivocabili
    > per tutte le distro. E' la parte grafica che deve
    > essere differenziata e le gui.

    Esattamente cosi': proprio il netconfig che descrivevi prima non fa altro che richiamare ifconfig e fare degli add gw.

    > Secondo me creare una comunità che raggruppi
    > tutte le utility di linux e quei programmini che
    > aiutano alla gestione non farebbe male.

    Bho, creala A bocca aperta    
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > Secondo me si dovrebbe sviluppare tutti insieme
    > una versione di linux di base, dalla quale
    > partono poi le varie distro. Mi spiego: le
    > utility principali di linux per la rete, la
    > gestione utenti, la gestione sistema, dischi
    > ecc...dovrebbero essere uguali per tutti i

    Quello che dici esiste gia`, e si chiama Linux Standard Base.
    Pero` ci vuole un po' di tempo perche` tutte le distro si adeguino.
    Oltre a questo, gran parte delle distro sono ispirate a System-V (debian, RH, SuSE, ecc.), altre sono ispirate a BSD (Slackware tra tutte), quindi il sistema di init e` gestito diversamente.

    Un po' alla volta si stanno uniformando le cose fondamentali, ma si cerca di non rompere troppo col passato e di non mettere paletti troppo stretti per il futuro.

    Scusa se approfitto di questo reply e rispondo all'ignorante che non sa di cosa sta parlando. Il kernel di Linux E` gestito con un programma di version tracking, e si chiama GIT. All'inizio era CVS, poi e` stato cambiato con Bitkeeper, ora e` GIT. E GIT l'ha scritto Linus Torvalds in meno di una settimana, giusto per dire quanto lui sia stupido e tu intelligente.
    Shu
    1232


  • >
    > Un po' alla volta si stanno uniformando le cose
    > fondamentali, ma si cerca di non rompere troppo
    > col passato e di non mettere paletti troppo
    > stretti per il futuro.

    Secondo me invece bisognerebbe avere il coraggio di farlo soprattutto quando si punta a creare un sistema che debba poter finire indistintamente su di un server come di un desktop. La base di linux è unix e unix è server quindi linux è server non desktop. Se si vuoel creare un linux desktop bisogna avere il coraggio di rompere con il passato ma non inventandosi stramberie come in ubuntu dove gli utenti comuni possono fare casino come si fa in windos
    non+autenticato
  • > E GIT l'ha scritto Linus Torvalds in >meno di
    > una settimana, giusto per dire quanto >lui sia stupido e tu intelligente.

    Eh gia'. Perche' usare un software robusto, maturo e testato da migliaia di programmatori in tutto il mondo come CVS , quando in 1 settimana potete rifarvelo in casa? Se questo e' sinonimo d'intelligenza, annamo bene. Ma d'altronde dalla comunita' Linux mi aspetto questo ed altro.
    non+autenticato
  • Sono queste cose qui infatti che impediscono a linux di fare il botto. Ci sono tante cose da fare a cominciare da una vera semplificazione del sistema in generale (non sparandogli sopra quel copia/incolla di kde) eppure si considera più utile reinventare la ruota ad ogni giro.
    I concorrenti commerciali invece sono più organizzati e furbi: quando esce qualcosa di buono dal mondo open se ne impossessano senza pensarci due volte e poi si organizzano per migliorare dove serve non per ridiscutere il concetto di come funziona l'editor di testo.
    non+autenticato