Italia, nuova campagna di BSA

L'associazione dei produttori di software proprietario scrive alle imprese italiane spiegando che l'illegalità è... salata. Un'azione definita di moral suasion

Roma - Annunciata nei giorni scorsi, sta ora partendo una nuova campagna di BSA Italia indirizzata alle imprese italiane, ancora una volta per indurre imprenditori ed industriali a non ricorrere a software illegale e a non installare programmi proprietari in quantità superiore a quanto previsto dalle rispettive licenze.

Sono 20mila società su tutto il territorio nazionale quelle che verranno contattate da BSA, imprese che gestiscono un "parco computer" compreso tra 25 e 250 PC. Tutte riceveranno nei prossimi giorni una lettera, concepita come lo strumento "che meglio ci consente - per dirla con una nota dell'associazione dei produttori di software proprietario - di sviluppare un dialogo diretto con i responsabili delle imprese".

"Scopri il gusto dell'illegalità", recita il banner che promuove la campagna, che associa a contenitori da tavola per il sale il concetto secondo cui "l'Illegalità è salata".
Norberto Didier, vicepresidente di BSA Italia, ha sottolineato che alle campagne precedenti, pensate per "sollevare la consapevolezza del problema (pirateria, ndr.) nel pubblico in generale" seguono ora nuove strategie. "Noi - ha spiegato - abbiamo sviluppato strumenti di software asset management che possono aiutare le aziende a non incorrere nei rigori della legge previsti per chi utilizza illegalmente il software. Inviare una busta direttamente sulla scrivania del manager ci consente di attivare un canale di comunicazione assai più focalizzato ed efficace presso chi effettivamente è responsabile di queste risorse all'interno dell'organizzazione".

Il messaggio di fondo della campagna è ribadire le conseguenze economiche, fiscali ed occupazionali dell'uso illegale del software nelle imprese, un "costume" non certo solo italiano, ma che in Italia è particolarmente sviluppato, e che a detta dei produttori provoca anche un danno alla competitività internazionale delle imprese nostrane.

"La probabilità di incorrere in situazioni di duplicazione abusiva è quindi abbastanza elevata - spiega BSA - con conseguenze potenziali molto serie per l'azienda ed i suoi responsabili; tra queste rientrano anche il sequestro dei PC, che potrebbe anche compromettere seriamente la continuità operativa aziendale, e il danno all'immagine ed alla reputazione se la notizia dell'illecito commesso si diffondesse nella "comunità" (clienti, fornitori, partner,...) a cui l'azienda appartiene e si rivolge".

L'idea di fondo, dunque, è prevenire , spiega BSA, perché ciò che potrebbe accadere a chi non sta alle regole del gioco può rivelarsi molto pesante, anzi molto "salato".

In questo senso BSA ricorda che oltre alle conseguenze dirette della violazione del diritto d'autore, sul piano civile e su quello penale, ci sono altri rischi in ballo , ad esempio il fatto che eventuali pendenze di tipo penale e civile rientrano tra i numerosi parametri di valutazione del rischio di credito di un'impresa "ed incidono quindi sul suo default rate, ovvero l'indice che misura il merito creditizio e, quindi, l'affidabilità dell'azienda. Anche l'eventuale coinvolgimento dei responsabili aziendali in procedimenti giudiziari innalza il profilo di rischiosità dell'azienda, fattore che, con il precedente, potrebbe rendere decisamente più difficile ed oneroso l'accesso alle fonti di finanziamento".

Con l'occasione, BSA ricorda alle aziende italiane che sul proprio sito sono attivi una serie di strumenti pensati tanto per analizzare il parco software a disposizione dei propri computer quanto per individuare eventuali situazioni di illegalità.
41 Commenti alla Notizia Italia, nuova campagna di BSA
Ordina
  • Openoffice e risparmiate almeno 150 euro per installazione.
    non+autenticato
  • Può valere solo per le piccole imprese. Per le grandi il TCO è molto minore per MS Office!
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Può valere solo per le piccole imprese. Per le
    > grandi il TCO è molto minore per MS
    > Office!

    Non è detto.
    Credo che in un ottica di continuous improvement il risparmio garantito da OpenOffice (e soluzioni gratuite/open alternative) è significativo.

    Nell'azienda dove lavoro (25 PC circa) stiamo attivando un progetto pilota per una graduale migrazione verso linux.

    In totale le postazioni interessate dovrebbero essere una ventina. I calcoli sono brevi:

    (MS Office Pro + Win XP Pro) * 20 PC = (555 + 322) * 20 = 17540 Euro risparmiati installando Linux + OpenOffice

    Chiaramente il passaggio verso la nuova piattaforma sarà graduale e strutturato in modo tale da consentire agli operatori di imparare senza grandi difficoltà.

    E poi in futuro non si avrebbe la necessità di addestrarli nuovamente.

    bye

    non+autenticato
  • "Noi - ha spiegato - abbiamo sviluppato strumenti di software asset management che possono aiutare le aziende a non incorrere nei rigori della legge previsti per chi utilizza illegalmente il software".

    Com'è che funzionerebbe?

    Hai una licenza originale? (si) (no)
    se clicchi (si) ti dice che sei bravo, se clicchi (no) ti dice che stai sbagliando.

    O utilizza sistemi più evoluti?

    non+autenticato
  • A proposito di BSA e di controlli, io ho il computer abbastanza carico di software taroccato.
    Io lavoro in un ufficio di un avvocato.
    Ho sempre confidato, in caso di un controllo, di avere quell'attimo di tempo per poter perlomeno cancellare le partizioni del disco con un comando del tipo "fdisk" del dos.
    Penso però che non si tratti di un attimo di tempo. Ci vogliono 2 o 3 minuti per spegnere, riavviare, fare il boot dos dal dischetto e avviare "fdisk".
    Troppi.
    Conoscete qualche metodo più veloce per fare tabula rasa dell'hard disk (a parte la dinamite o comprare le licenze, cosa che non farò mai)?
    grazie

    ps.lo so, sono un ladro,ok lo so, lo so
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > A proposito di BSA e di controlli, io ho il
    > computer abbastanza carico di software
    > taroccato.
    > Io lavoro in un ufficio di un avvocato.
    > Ho sempre confidato, in caso di un controllo, di
    > avere quell'attimo di tempo per poter perlomeno
    > cancellare le partizioni del disco con un comando
    > del tipo "fdisk" del
    > dos.
    > Penso però che non si tratti di un attimo di
    > tempo. Ci vogliono 2 o 3 minuti per spegnere,
    > riavviare, fare il boot dos dal dischetto e
    > avviare
    > "fdisk".
    > Troppi.
    > Conoscete qualche metodo più veloce per fare
    > tabula rasa dell'hard disk (a parte la dinamite o
    > comprare le licenze, cosa che non farò
    > mai)?
    > grazie
    >
    > ps.lo so, sono un ladro,ok lo so, lo so

    Fare tabula rasa via sw col fdisk e' inutile, si ritrova quel che si vuole in poco tempo.
    Prova con un elettromagnete da accendere con un bottone...
    non+autenticato

  • - Scritto da:

    >
    > Fare tabula rasa via sw col fdisk e' inutile, si
    > ritrova quel che si vuole in poco
    > tempo.
    > Prova con un elettromagnete da accendere con un
    > bottone...


    Dirò una scemenza, ma l'involucro dell'HD collegato a massa non fa da gabbia di Faraday ed è pertanto immune alla maggior parte di campi elettromagnetici?

    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    >
    > >
    > > Fare tabula rasa via sw col fdisk e' inutile, si
    > > ritrova quel che si vuole in poco
    > > tempo.
    > > Prova con un elettromagnete da accendere con un
    > > bottone...
    >
    >
    > Dirò una scemenza, ma l'involucro dell'HD
    > collegato a massa non fa da gabbia di Faraday ed
    > è pertanto immune alla maggior parte di campi
    > elettromagnetici?
    >


    è vero; l'involucro scherma; bisogna estrarre i dischi fissi dall'involucro per usare un elettromagnete.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > >
    > > - Scritto da:
    > >
    > > >
    > > > Fare tabula rasa via sw col fdisk e' inutile,
    > si
    > > > ritrova quel che si vuole in poco
    > > > tempo.
    > > > Prova con un elettromagnete da accendere con
    > un
    > > > bottone...
    > >
    > >
    > > Dirò una scemenza, ma l'involucro dell'HD
    > > collegato a massa non fa da gabbia di Faraday ed
    > > è pertanto immune alla maggior parte di campi
    > > elettromagnetici?
    > >
    >
    >
    > è vero; l'involucro scherma; bisogna estrarre i
    > dischi fissi dall'involucro per usare un
    > elettromagnete.

    Mai provato con una calamita?
    non+autenticato
  • Non so se funziona ma sql server 2000 ti permette di creare dei files di qualunque dimensione a patto che i files siano preventivamente cancellati. Questi files sono database vuoti nei quali ogni bit è impostato per default a 0. Io pensavo di cancellare tutto quello che non ho intenzione di fare vedere e quindi creare un database diciamo di 10 mega in meno dello spazio vuoto dell'hd. Bisogna cmq tenere conto del log che non so quanto spazio tenga. Se ti va bene ti trovano solo windows e sql server 2000 (che costa una cifra).
    PS c'è anche la versione free (MSDE) ma non penso che ti faccia scegliere lo spazio da allocare al file del db. Ho provato giusto questa sera con Sql server 2005 express(versione free di sql server 2005) che ha il limite di 4 gb per database ma non ho trovato dove impostare la dimensione del file del database Triste penso cmq che ci siano programmini free fatti apposta con questa funzioncina.
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > Non so se funziona ma sql server 2000 ti permette
    > di creare dei files di qualunque dimensione a
    > patto che i files siano preventivamente
    > cancellati. Questi files sono database vuoti nei
    > quali ogni bit è impostato per default a 0. Io
    > pensavo di cancellare tutto quello che non ho
    > intenzione di fare vedere e quindi creare un
    > database diciamo di 10 mega in meno dello spazio
    > vuoto dell'hd. Bisogna cmq tenere conto del log
    > che non so quanto spazio tenga. Se ti va bene ti
    > trovano solo windows e sql server 2000 (che costa
    > una cifra).
    >
    > PS c'è anche la versione free (MSDE) ma non penso
    > che ti faccia scegliere lo spazio da allocare al
    > file del db. Ho provato giusto questa sera con
    > Sql server 2005 express(versione free di sql
    > server 2005) che ha il limite di 4 gb per
    > database ma non ho trovato dove impostare la
    > dimensione del file del database Triste penso cmq
    > che ci siano programmini free fatti apposta con
    > questa
    > funzioncina.

    a parte che stai rispondendo a un messaggio di Maggio, ma ti pare di dover usare SQL Server per cancellare i dati dall'hard disk?

    toh va: http://www.heidi.ie/eraserPerplesso

    non+autenticato
  • Se ce l'hai già va benissimo
    non+autenticato
  • Grazie per la correzzione. Ma quello che penso e che faccio seguono questa logica e forse sono stato mal interpretato: quando faccio una ricerca su google come ieri cerco soluzioni. Poco importa se siano del 99 o di ieri. Quello che mi interessa è che siano delle risposte. Ho proposto un'opinione che se ricerchi, trovi. Non possiamo chiudere un thread entro la giornata. A volte le risposte impiegano molto tempo per essere soddisfatte.
    Ciao.
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > Grazie per la correzzione. Ma quello che penso e
    > che faccio seguono questa logica e forse sono
    > stato mal interpretato: quando faccio una ricerca
    > su google come ieri cerco soluzioni. Poco importa
    > se siano del 99 o di ieri. Quello che mi
    > interessa è che siano delle risposte. Ho proposto
    > un'opinione che se ricerchi, trovi. Non possiamo
    > chiudere un thread entro la giornata. A volte le
    > risposte impiegano molto tempo per essere
    > soddisfatte.
    > Ciao.

    Va bene, allora sappi che SQL Server 2005 se ci sono le condizioni (xp/2003 server + Perform Volume Maintenance Tasks security policy) inizializza i file istantaneamente senza riempirli con gli zeri.

    Cose che capitano quando si usano gli strumenti sbagliati.
    non+autenticato
  • Carica di termite collegata al rack. Come l'ispettore lo leva, la carica salta e fonde il disco.

    L'ispettore brucia vivo o, se gli va bene, rimane solo orribilmente ustionato.

    Due piccioni con una fava.

    non+autenticato
  • Nessuno, sano di mente, mette in discussione la tutela della proprietà intellettuale anche perché siamo tutti consci che la medesima è alla base dell'evoluzione della conoscenza.
    Quello che BSA ed il "club" del Trousted Computing Group (finalmente ha un nome: prima agivano.....sotto traccia) è il costo di un software.
    Una copia di sistema operativo XP costa 200 euro e si vende in 45milioni di copie (dati della Microsoft, perciò inconfutabili): quanto è costato realizzare quel sistema?
    Oggi i produttori di CD stanno cominciando a calmierare i prezzi e gli utenti cominciano a comprare CD (di musica o altro) ORIGINALI.
    La strada da percorrere non è il terrorismo, come fa la BSA, ma la calmierazione dei prezzi all'utente finale.
    Ma da questo orecchio nè il "Club" nè la BSA (che è emissione del Club) ci sentono e non pare proprio che vogliono sentire se stanno realizzando la tecnologia DRM che tende a monopolizzare - con il pretesto di tutelare la proprietà intellettuale - tutto il software circolante.A danno dei programmatori indipendenti e dell'evoluzione della conoscenza, perché per avere la "patente" dal TC sarà necessario sottoporsi da un salasso economico (non inferiore a 2.500 euro) che annullerà qualsiasi applicativo realizzato da un programmatore per soddisfare le esigenze di una piccola azienda.
    Cominciamo a parlare di cifre, aride cifre che - però - rendono bene le dimensioni del fenomeno che si verificherà fra pochi mesi, non fra un secolo!

  • - Scritto da: marcel
    > Nessuno, sano di mente, mette in discussione la
    > tutela della proprietà intellettuale anche perché
    > siamo tutti consci che la medesima è alla base
    > dell'evoluzione della
    > conoscenza.

    Devo contraddirti:

    La proprietà intellettuale FRENA L'EVOLUZIONE DELLA CONOSCENZA.
    Come l'usura (le banche) rovina gli uomini anzichè dargli possibilità di riprendersi.

    E vogliono a tutti i costi farci credere del contrario.


    Vedremo chi ha ragione.

    non+autenticato

  • - Scritto da:

    >
    > Vedremo chi ha ragione.
    >

    Hanno ragione quelli che la pensano come te.

    Ma a che serve? Tanto vincono loro in ogni caso.
    non+autenticato
  • Sicuramente ci vorrà ancora tanto tempo prima che un passaggio simile cominci a prendere piede, specialmente in Italia, famosa per la sua inerzia al cambiamento, ma non penso proprio che una simile campagna possa portare ai risultati sperati, anzi spingerà sempre di più all'adozione di prodotti open, con buona pace di BSA e dei suoi amici.

    Leggete, ad esempio, la sentenza presente nel sito, si parla di 22 postazioni con 71 software copiati e un valore stimato di poco più di 100000 euro di software. Il tizio è stato condannato a sei mesi più multe varie. Considerando che 22 postazioni è una piccola azienda e immaginando che si facciano dei controlli a tappeto, quante aziende da 22 postazioni sarebberi disposte a spendere 100000 euro per del software di cui spesso si trova l'alternativa gratuita?

    non+autenticato
  • 100.000 Euro di valore per programmi che girano su 22 macchine significa solo che ogni macchina aveva una caterva di programmi installati ma la cosa è difficile perchè generalmente ogni macchina viene dedicata ad uno scopo ben preciso quindi ha installati pochi programmi a volte uno solo oltre al sistema. Ipotizzando che queste macchine avevano alla fine 22 programmi installati sopra (1 per macchina) cosa poteva costare quasi 5000 euro a licenza ?

    forse un programma di cad ed in tal caso dove starebbe l'alternativa open paragonabile al programma da 5000 euro ?
    non+autenticato
  • brlcad
    non+autenticato
  • LOLcad allora
    non+autenticato
  • non lo conosco.
    non+autenticato
  • Se questa è l'alternativa...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)