La rete brucia i radioamatori

Diminuiscono le richieste di patentino

Roma - Non sarebbero solo le frequenze sempre più affollate e sempre meno disponibili ad incidere negativamente sulla moltiplicazione dei radioamatori, tradizionalmente numerosissimi in Italia.

Secondo dati provenienti da fonti ministeriali, infatti, il numero di richieste di patentino sarebbe talmente diminuito da aver causato il rinvio degli ultimi esami per ottenerlo a causa delle mancanza di aspiranti radioamatori. Le stesse fonti indicano che almeno 2 su 3 degli interessati preferisce sviluppare la propria attività su internet.
TAG: italia
9 Commenti alla Notizia La rete brucia i radioamatori
Ordina
  • de IW7BCX , in Taranto.

    Cari amici et Colleghi OM,

    non vi scoraggiate anzitempo. Io ho cominciato nel 1965, da "bordo" di I7THN (il mitico "Umbertone" di Taranto (con apparecchiature valvolari della "GELOSO") e, qualche anno dopo, ho dato inizio al fenomeno "CB". Non me ne vergogno, sono stati begli anni. Pensate che i primi apparecchi ricetrasmittenti, da 50 mW, erano stati acquistati a Napoli: erogavano, di alimentazione allo stadio finale, la "mostruosa" potenza di cui sopra!

    Dal1987 al 1989 abbiamo fatto tanto packet-radio, qui nel Sud Italia: si andava benissimo, tra Sicilia, Calabria, Puglia e Marche...Poi, è arrivata la Rete... Ma va benissimo così!

    "Salveto atque valeto".

    ovvero:" Ciao, e stattevi bene".

    Parentesi: NON SONO ITALIANO, MA UNGHERESE E LA CITTADINANZA L'HO CONSEGUITA SOLAMENTE NEL 1984.

    73 de iw7bcx Giorgio, in Taranto

    k@katamail.com
    iw7bcx@katamail.com
    iw7cx@hotmail.com


    et altri ancora...

    Ciao a tutti !!!    
    non+autenticato
  • ...l'esame lo facevate passare a tutti quelli che lo facevano bene...
    No perchè ho avuto sentore (da amici a cui è capitato in prima persona) che anche con l'esame fatto tutto correttamente non si passava!
    E poi cosa mi dite dei rinnovi? Gente che aspetta il rinnovo del patentino da anni e anni, impiegati del ministero che non rispondono MAI ai telefoni! Non tocchiamo il tasto radioamatori perchè ne sapterebbero fuori di cotte e di crude...
    E poi ci si chiede come mai nessuno lo vuole più fare, ma ti credo, i radioamatori sono stati uccisi dalla burocrazia del ministero!
    Questa è l'unica VERITA'-REALTA'!
    non+autenticato
  • E sono dovuti alla burocrazia da cui dipendono le attivita' radioamatoriali! Per esempio ottenere il patentino... oppure le autorizzazioni che devono essere richieste per
    effettuare anche le piu' banali trasmissioni con frequenze o modulazioni fuori standard... Addirittura c'e' bisogno del patentino anche per la sola ricezione...... qualsiasi cosa non autorizzata e' illegale: e' vergognoso! Questo deve essere un hobby, dopotutto non si rompono le scatole ne si mette a rischio nessuno... quindi perche' rendere sempre le cose buracratiche e impossibili?

    non+autenticato
  • > autorizzazioni che devono essere richieste
    > per
    > effettuare anche le piu' banali trasmissioni
    > con frequenze o modulazioni fuori
    > standard... Addirittura c'e' bisogno del

    Le frequenze 'fuori standard' significa che sono frequenze che non puoi usare. Che autorizzazioni vuoi chiedere per le cose vietate?
    Per le modulazioni nessun problema, basta la licenza normale ed hai via libera.
    Non e' mica un CB Sorride

    > patentino anche per la sola ricezione......

    Non piu' dall'anno scorso. Ora la ricezione e' libera sulle frequenze radioamatoriali.

    > qualsiasi cosa non autorizzata e' illegale:
    > e' vergognoso! Questo deve essere un hobby,
    > dopotutto non si rompono le scatole ne si
    > mette a rischio nessuno... quindi perche'
    > rendere sempre le cose buracratiche e
    > impossibili?

    Questo e' vero! Retaggi del fascismo! Periodo a cui risale l'ultima legislazione in materia, salvo qualche modifica piu' recente.
    non+autenticato
  • Io avevo la patente dal 1979, la licenza mi era scaduta anni fa... ne ho chiesta una nuova e l'ho avuta in un mese! Spendendo poco e senza fare il giro degli uffici per avere strani certificati. Quindi direi che la burocrazia si è ridotta. Le cause della morìa di radioamatori? La suggestione operata sui giovani da Internet.
    non+autenticato
  • Ma come mai queste fonti ministeriali non raccontano quanti mesi se non anni ci vogliono per rinnovare patenti,licenze cambi di domicilio e quant'altro? Vi assicuro che è molto facile stufarsi, ho richiesto il rinnovo quinquennale della mia licenza ormai da due anni e non so ancora nulla, nemmeno se il mio nominativo è ancora valido...
    non+autenticato


  • - Scritto da: Dario Arbulla
    > Ma come mai queste fonti ministeriali non
    > raccontano quanti mesi se non anni ci
    > vogliono per rinnovare patenti,licenze cambi
    > di domicilio e quant'altro? Vi assicuro che
    > è molto facile stufarsi, ho richiesto il
    > rinnovo quinquennale della mia licenza ormai
    > da due anni e non so ancora nulla, nemmeno
    > se il mio nominativo è ancora valido...

    Accidenti quanto hai ragione!!!

    Non si fanno trovare al telefono, informazioni nebulose, tempi geologici per ottenere qualche cosa!

    non+autenticato
  • Io il rinnovo l'ho richiesto da 4 anni, ma niente!!!!
    Ho chiamato il ministero al centralino: tutti a casa ammalati!!!!
    Hanno spostato 3 volte la sede, ma nessuno si è mai sognato di comunicarcelo, almeno per mandare i pagamenti annuali all'indirizzo giusto!!!

    Loro sono sempre li a fare i vigilantes, a castrarti se sbagli una virgola, non ti tutelano, se ne sbattono le balle, affogano nella burocrazia, nelle scartoffie, e non sono in grado di cavare un ragno dal buco!!!

    V E R G O G N A !!!!

    Ultimamente me ne sto fregndo anch'io della mia patente, prima o poi smetterò pure di pagare il canone a quei menefreghisti e se vorrò parlare mi metterò a fare il pirata, tanto... anzi, avrei meno da perderci se mi beccano!

    Evviva l'Italia!
    non+autenticato

  • Nessuno sembra piu' ricordare che quando non funziona piu' nulla a seguito di grossi disastri (vedi recentemente la Valle D'Aosta) con internet non si va da nessuna parte. Le radio funzionano ancora...

    Nicola, IW2NGG
    non+autenticato