USA, studenti sempre più sotto controllo

Una scuola superiore costringe gli alunni a firmare una delibera: le attività via Internet saranno monitorate e potranno essere usate per motivare provvedimenti didattici o disciplinari

Chicago (USA) - Il boom dei cosiddetti social network , le comunità virtuali frequentate da milioni di persone, ha portato una scuola superiore degli Stati Uniti ad adottare il pugno di ferro contro MySpace, Facebook ed i loro mille emuli. Gli studenti che partecipano ai laboratori extracurriculari dovranno firmare un accordo: tutte le loro attività via Internet coi computer della scuola saranno monitorate ed eventualmente usate per motivare sospensioni o altri provvedimenti. Sebbene siano diversi gli istituti che mettono al bando l'uso di un certo numero di siti e servizi, è la prima volta che si esplicitano regole di questa durezza o che queste giungono all'attenzione dei media.

Qualsiasi "attività illegale ed inappropriata condotta su Internet", dicono i segretari della Community High School 128 di Libertyville, "potrà essere impugnata dall'amministrazione scolastica ed utilizzata contro gli alunni". La scuola utilizzerà filtri per bloccare numerose attività web e sniffer per monitorare quel che combinano online gli studenti, spesso - sostiene la direzione didattica - troppo occupati da chat e blog per poter seguire le lezioni pomeridiane con profitto.

La misura adottata dalla scuola statunitense è infatti pensata per contrastare un fenomeno estremamente diffuso tra i teenager, che spesso sfruttano le risorse informatiche messe a disposizione delle scuole per passare il tempo a chiacchierare con gli amici, condividere foto oppure scaricare musica, non sempre in modo legale.
La questione non è certamente nuova. Non sono mancati negli States casi di ragazzini finiti nei guai per aver usato i propri blog e spazi web personali per attacchi personali contro altri alunni o docenti, o per aver esplicitato singolari pulsioni aggressive. Ci sono studenti persino finiti agli arresti per aver pubblicato immagini "troppo eloquenti" sulle proprie pagine di MySpace: foto della propria collezione di armi così come scatti piccanti rubati a ragazze (ed ex-ragazze), immagini dettagliate di sostanze stupefacenti, materiali pornografici autoprodotti e non e via dicendo.

Recentemente, MySpace ha eliminato 200mila utenti dal proprio enorme database di aficionado per fare felici genitori e persino le alte cariche istituzionali: il social network, ultimamente, è il bersaglio preferito di media e politici, che cavalcano facilmente tragici episodi di cronaca, come l'uccisione di alcune ragazze da parte di "amici" conosciuti tramite il servizio.

Tommaso Lombardi
14 Commenti alla Notizia USA, studenti sempre più sotto controllo
Ordina