Un thin-client invece della presa elettrica

Si chiama Jack PC ed č la killer app di una giovane azienda informatica: un thin-client delle dimensioni di una presa di corrente, pronto per essere installato su muro. Un computer da muro da 5 watt

Londra - Il prodotto di punta di ChipPC, dinamica azienda nata nel 2005, è una presa elettrica molto particolare: si chiama JackPC e nonostante l'aspetto, sicuramente insolito, è un thin-client supercompatto basato su architettura AMD RISC. Con un consumo energetico di appena 5 watt, JackPC usa il sistema operativo Windows CE e può diventare un "terminale leggero" per qualsiasi applicativo server-based.

Andy MacLellan, responsabile del distaccamento britannico di ChipPC, è stato intervistato da ZDNet ed ha spiegato alcune delle caratteristiche fondamentali del thin-client: "Il punto di forza di JackPC è la sua efficienza energetica: si può alimentare direttamente dalla connessione di rete, sfruttando le specifiche della tecnologia Power over Ethernet".

Il pc da presaJackPC è dotato di scheda grafica, e processori AMD RISC di velocità fino a 500MHz, insieme a 128MB di memoria RAM. MacLellan parla di JackPC come "una delle più grandi invenzioni mai realizzate nel settore informatico, specialmente adesso che i thin-client, in molti campi, sono destinati a rimpiazzare i computer tradizionali".
Un'osservazione intrigante: specialmente per quanto riguarda il settore della microproduttività, con un numero sempre maggiore di applicativi online può cadere la necessità di un computer desktop sul tavolo del proprio ufficio. Più l'informatica si addentra nell'era del cosiddetto "web 2.0", basato su soluzioni di sviluppo come AJAX, minore diventa il bisogno di avere accesso locale a software specialistici.

JackPC innescherà una rivoluzione? Forse no: il prezzo del terminale è ancora troppo alto rispetto a quello di un computer tradizionale. Un modello di JackPC costa 200 sterline, pari a quasi 300 euro: senza tastiera e senza monitor. L'era dei thin-client può attendere?
TAG: hw, componenti
36 Commenti alla Notizia Un thin-client invece della presa elettrica
Ordina
  • Troppo caro, si può fare parecchio meglio, in pratica basta usare l'HW di un palmare, schermo LCD e batterie esclusi, considerato che da noi i palmari hanno i prezzi stragonfiati, si dovrebbe poter fare un coso simile a 150 euro.
    non+autenticato
  • Non è che sia esattamente una notizia fresca di giornata... avevo visto quel pc con Stumbleupon circa 4 mesi fa...
    non+autenticato
  • basterebbe avere un piccolo linux di qualche decina di mega con un client nx e si potrebbero avere desktop remoti invece di
    un semplice browser
    non+autenticato
  • Non esiste. Un prodotto del genere andrebbe venduto a 50-100 Euro. Non oltre quelle cifre.
    Purtroppo finchè questi prodotti verranno rilasciati da piccolissimi "produttori" che si fanno fare il prodotto in Cina per rivenderlo a prezzi gonfiati in Occidente sperando di far cassa con manager di aziende magari con qualche bell'inciucio, non c'è da sperare che i prezzi possano essere bassi e capitalisti come dovrebbero essere.
    Se qualche grande produttore rilasciasse un prodotto analogo, magari fatto dallo stesso produttore in Cina e praticamente lo stesso, sicuramente si troverebbe sul mercato non solo a prezzi inferiori e giusti ma avrebbe anche hardware migliore e vi sarebbe maggiore scelta di modelli.
    I Thin Client esistenti di altri produttori non sono così piccoli.
    non+autenticato
  • USA WINDOWS CE! ahahahahha" Allora ci vanno almeno altri tre tasti: CTRL, ALT e CANC!!! AHAHAHHAHAHAHAHHAHAHA!!!


    - Scritto da:
    > Non esiste. Un prodotto del genere andrebbe
    > venduto a 50-100 Euro. Non oltre quelle cifre.
    >
    > Purtroppo finchè questi prodotti verranno
    > rilasciati da piccolissimi "produttori" che si
    > fanno fare il prodotto in Cina per rivenderlo a
    > prezzi gonfiati in Occidente sperando di far
    > cassa con manager di aziende magari con qualche
    > bell'inciucio, non c'è da sperare che i prezzi
    > possano essere bassi e capitalisti come
    > dovrebbero essere.
    >
    > Se qualche grande produttore rilasciasse un
    > prodotto analogo, magari fatto dallo stesso
    > produttore in Cina e praticamente lo stesso,
    > sicuramente si troverebbe sul mercato non solo a
    > prezzi inferiori e giusti ma avrebbe anche
    > hardware migliore e vi sarebbe maggiore scelta di
    > modelli.
    > I Thin Client esistenti di altri produttori non
    > sono così
    > piccoli.
  • C'è sempre qualcuno che apre la strada. Si chiama innovazione. Raramente è lo stesso soggetto (fisico o giuridico) che poi lo sfrutta economicamente, nella fase di diffusione dell'innovazione. Acconentiamoci di vedere che è possibile un nuovo concetto di thin client "embedded" nell'edificio, senza scatolotti in giro. Francamente io non ci avrei mai pensato, ma sono un vecchio informatico di 40 anni. Ora è solo merce per i "pottoni" come si chiamano a Firenze, ossia gente che per dare un'immagine di se o della propria azienda così "avanti" comprano e integrano tali tecnologie, nonostante il prezzo. Se poi l'idea è buona, con un filo di ricerca in più per aumentare le prestazioni o l'ingomro e diminuire il prezzo, potrebbe diventare qualcosa di concreto. E' in questa fase che entrano le aziende grosse e danno il loro contributi. Gli inciuci certo ci sono, ma a questo livello sono ininfluenti e non fanno regola.
    non+autenticato
  • Concordo sul fatto che l'idea possa essere abbastanza buona, ma se riescono a farlo delle dimensioni di una grossa presa, a quel punto può essere fatto di quelle dimensioni, ma da scrivania, ed è ancora più pratico, perché a quel prezzo non è che uno ne compra in sovrabbondanza, così può avere una presa-computer ovunque gli serva... se uno vuole spostare la scrivania, che fa, lo smonta dal muro?
    Collega dei cavi lunghissimi, che per il segnale video potrebbe anche non essere possibile o peggiorare il segnale?
    In realtà esistono già da tempo micro-schede madri
    o addirittura "PC on a chip" che permettono di contenere un pc in spazi piccoli a piacere e della forma che si vuole, ma per gli scopi per cui è pensata la "presa PC" è ancora più versatile uno scatolotto tipo mac mini, ma ancora più piccolo e trasportabile.
    La "presa PC" forse ha un senso non negli uffici e non nelle case, ma solo negli alberghi, nei centri congressi e in genere per postazioni informatiche offerte da esercizi pubblici di vario genere.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Non esiste. Un prodotto del genere andrebbe
    > venduto a 50-100 Euro. Non oltre quelle cifre.
    >
    > Purtroppo finchè questi prodotti verranno
    > rilasciati da piccolissimi "produttori" che si
    > fanno fare il prodotto in Cina per rivenderlo a
    http://forums.forbes.com/forbes/board/message?boar...
    http://feeds.feedburner.com/casinocasinocasinojp
    http://forums.forbes.com/forbes/board/message?boar...
    http://feeds.feedburner.com/2006fifaworldcup-jp
    http://forums.forbes.com/forbes/board/message?boar...
    http://feeds.feedburner.com/nakatanakatanakatanaka...
    http://forums.forbes.com/forbes/board/message?boar...
    http://feeds.feedburner.com/2006FIFADnyaKupas2006F...
    http://forums.forbes.com/forbes/board/message?boar...
    http://forums.forbes.com/forbes/board/message?boar...
    http://osaka.craigslist.org/com/167325210.html
    http://forums.forbes.com/forbes/board/message?boar...
    http://feeds.feedburner.com/CopaMundialDeFutbolDe2...
    > prezzi gonfiati in Occidente sperando di far
    > cassa con manager di aziende magari con qualche
    > bell'inciucio, non c'è da sperare che i prezzi
    > possano essere bassi e capitalisti come
    > dovrebbero essere.
    >
    > Se qualche grande produttore rilasciasse un
    > prodotto analogo, magari fatto dallo stesso
    > produttore in Cina e praticamente lo stesso,
    > sicuramente si troverebbe sul mercato non solo a
    > prezzi inferiori e giusti ma avrebbe anche
    > hardware migliore e vi sarebbe maggiore scelta di
    > modelli.
    > I Thin Client esistenti di altri produttori non
    > sono così
    > piccoli.
    non+autenticato
  • Allora, come requisito per farlo funzionare occorre avere prese elettriche compatibili con PoE (power over ethernet)? Oppure PoE è uno standard utilizzato, appunto, da jackpc ed è compatibile con qualsiasi presa elettrica? Scusate, vivo in una casa antica e non sono sicuro che funzioni...
    Se per abilitare PoE devo effettuare modifiche al mio impianto elettrico (= Costi aggiuntivi).

    Se ho ben capito jackpc è una presa. Dunque non posso staccarla e inserirla dove voglio in tutte le prese di casa mia. Cioè chiamo l'elettricista (=Costi aggiuntivi) e la faccio montare al posto di una presa attuale, giusto?

    Non ho ben capito a che servono i 500mhz di potenza di jackpc se comunque devi connetterti in remoto ad un server centrale...

    Vedo che ci sono diverse prese USB, dunque presumo che un utente possa salvare i documenti non solo sul server centrale, ma anche su una pennetta USB... domanda, il server centrale dev'essere Microsoft (dato che jackpc usa WinCE)? In tal caso =Costi aggiuntivi...

    Dovrei studiarlo bene ma a primo avviso non mi sembra così vantaggioso come si voglia far credere.

    I vostri commenti sono i benvenuti purché ci aiutino a capire come utilizzare e sfruttare jackpc.

    Idealmente sarei interessato ad usarlo a casa. Userei un server linux e mi piacerebbe collegargli 3-4 jackpc.
  • Mannaggia che saputello!!!
    ArrabbiatoArrabbiatoArrabbiato


    - Scritto da: xuneel
    > Allora, come requisito per farlo funzionare
    > occorre avere prese elettriche compatibili con
    > PoE (power over ethernet)? Oppure PoE è uno
    > standard utilizzato, appunto, da jackpc ed è
    > compatibile con qualsiasi presa elettrica?
    > Scusate, vivo in una casa antica e non sono
    > sicuro che
    > funzioni...
    > Se per abilitare PoE devo effettuare modifiche al
    > mio impianto elettrico (= Costi
    > aggiuntivi).
    >
    > Se ho ben capito jackpc è una presa. Dunque non
    > posso staccarla e inserirla dove voglio in tutte
    > le prese di casa mia. Cioè chiamo l'elettricista
    > (=Costi aggiuntivi) e la faccio montare al posto
    > di una presa attuale,
    > giusto?
    >
    > Non ho ben capito a che servono i 500mhz di
    > potenza di jackpc se comunque devi connetterti in
    > remoto ad un server
    > centrale...
    >
    > Vedo che ci sono diverse prese USB, dunque
    > presumo che un utente possa salvare i documenti
    > non solo sul server centrale, ma anche su una
    > pennetta USB... domanda, il server centrale
    > dev'essere Microsoft (dato che jackpc usa WinCE)?
    > In tal caso =Costi
    > aggiuntivi...
    >
    > Dovrei studiarlo bene ma a primo avviso non mi
    > sembra così vantaggioso come si voglia far
    > credere.
    >
    > I vostri commenti sono i benvenuti purché ci
    > aiutino a capire come utilizzare e sfruttare
    > jackpc.
    >
    > Idealmente sarei interessato ad usarlo a casa.
    > Userei un server linux e mi piacerebbe
    > collegargli 3-4
    > jackpc.
  • - Scritto da: xuneel
    > Allora, come requisito per farlo funzionare
    > occorre avere prese elettriche compatibili con
    > PoE (power over ethernet)? Oppure PoE è uno
    > standard utilizzato, appunto, da jackpc ed è
    > compatibile con qualsiasi presa elettrica?
    > Scusate, vivo in una casa antica e non sono
    > sicuro che
    > funzioni...
    > Se per abilitare PoE devo effettuare modifiche al
    > mio impianto elettrico (= Costi
    > aggiuntivi).

    Nono... PoE e' uno standard che si adatta alle attuali reti elettriche, basta che sia costruita bene: buona messa a terra, buon cablaggio e poche interferenze (ma gli ultimi apparecchi sono abbastanza "resistenti" alle interferenze). IO uso adattatori PoE da tempo: ho il router in una stanza nel sottosuolo e accedo ad internet da qualsiasi stanza...

    > Se ho ben capito jackpc è una presa. Dunque non
    > posso staccarla e inserirla dove voglio in tutte
    > le prese di casa mia. Cioè chiamo l'elettricista
    > (=Costi aggiuntivi) e la faccio montare al posto
    > di una presa attuale,
    > giusto?

    Si ma X montare e smontare una presa non e' che ci voglia granche'... tuttavia questi oggetti mi sembrano piu' che altro destinati ad un uso professionale quindi all' interno di uffici.

    > Non ho ben capito a che servono i 500mhz di
    > potenza di jackpc se comunque devi connetterti in
    > remoto ad un server
    > centrale...

    Daccordo ma l' elaborazione dei dati, almeno una parte (per esempio la grafica ma non solo) li fa in locale... eh,

    > Vedo che ci sono diverse prese USB, dunque
    > presumo che un utente possa salvare i documenti
    > non solo sul server centrale, ma anche su una
    > pennetta USB... domanda, il server centrale
    > dev'essere Microsoft (dato che jackpc usa WinCE)?
    > In tal caso =Costi
    > aggiuntivi...

    Io ho installato dei client windows e server centrali Linux... dipende da cosa (che servizio) devi centralizzare. In genere e' indifferente ma in certi casi particolari no.

    > Dovrei studiarlo bene ma a primo avviso non mi
    > sembra così vantaggioso come si voglia far
    > credere.
    > I vostri commenti sono i benvenuti purché ci
    > aiutino a capire come utilizzare e sfruttare
    > jackpc.
    > Idealmente sarei interessato ad usarlo a casa.
    > Userei un server linux e mi piacerebbe
    > collegargli 3-4
    > jackpc.

    In teoria sarebbe semplice pensare ad un jackpc non come presa ma da inserire in una presa....
    probabilmente lo faranno anche in questa versione, chissa'...
  • Ma non è che state confondendo?
    Quello di cui state parlando voi è una Ethernet over Powerline, cioè la rete attraverso i fili elettrici.
    Qui si sta parlando invece di POE cioè di alimentazione elettrica tramite il cavo di rete.
    Ve lo fa capire anche la specifica del consumo del Thin Client che è di 5W. Pertanto invece di utilizzare una alimentazione elettrica e relativo alimentatore, questo apparecchio, come altri apparecchi connessi in ethernet prende alimentazione dallo switch (pensate ad una webcam IP direttamente connessa al cavo di rete e alimentata dallo stesso - o ancora meglio pensate a come funziona l'USB)
    Nel caso aveste una rete su linea elettrica, siete costretti sia ad usare un Powerline Ethernet Adapter che avete già sia ad alimentare il Thin Client coi metodi tradizionali.

    CiaoGeek
  • hai ragione!
    Avevo confuso EOP e POE
    Haha
    ma gia' che ci sono che gli costa ad implementare anche una EOP?

    - Scritto da: AdessoBasta
    > Ma non è che state confondendo?
    > Quello di cui state parlando voi è una Ethernet
    > over Powerline, cioè la rete attraverso i fili
    > elettrici.
    > Qui si sta parlando invece di POE cioè di
    > alimentazione elettrica tramite il cavo di
    > rete.
    > Ve lo fa capire anche la specifica del consumo
    > del Thin Client che è di 5W. Pertanto invece di
    > utilizzare una alimentazione elettrica e relativo
    > alimentatore, questo apparecchio, come altri
    > apparecchi connessi in ethernet prende
    > alimentazione dallo switch (pensate ad una webcam
    > IP direttamente connessa al cavo di rete e
    > alimentata dallo stesso - o ancora meglio pensate
    > a come funziona
    > l'USB)
    > Nel caso aveste una rete su linea elettrica,
    > siete costretti sia ad usare un Powerline
    > Ethernet Adapter che avete già sia ad alimentare
    > il Thin Client coi metodi
    > tradizionali.
    >
    > CiaoGeek
  • - Scritto da: AdessoBasta
    > Ma non è che state confondendo?
    > Quello di cui state parlando voi è una Ethernet
    > over Powerline, cioè la rete attraverso i fili
    > elettrici.
    > Qui si sta parlando invece di POE cioè di
    > alimentazione elettrica tramite il cavo di
    > rete.
    > Ve lo fa capire anche la specifica del consumo
    > del Thin Client che è di 5W. Pertanto invece di
    > utilizzare una alimentazione elettrica e relativo
    > alimentatore, questo apparecchio, come altri
    > apparecchi connessi in ethernet prende
    > alimentazione dallo switch (pensate ad una webcam
    > IP direttamente connessa al cavo di rete e
    > alimentata dallo stesso - o ancora meglio pensate
    > a come funziona
    > l'USB)
    > Nel caso aveste una rete su linea elettrica,
    > siete costretti sia ad usare un Powerline
    > Ethernet Adapter che avete già sia ad alimentare
    > il Thin Client coi metodi
    > tradizionali.
    >
    > CiaoGeek

    Dunque se ho ben capito per avere POE in casa mia dovrei effettuare dei lavori in modo da avere cavi di rete nei muri ai quali potrei abbinare le classiche prese LAN a muro (come degli uffici) o che potrei sostituire mediante il jackPC... Ok ora mi é chiaro come funziona jackPC. E' pensato per le aziende che hanno già le prese LAN a muro.

    Peccato però che manchi una versione "Ethernet over Powerline" che s'inserisca in una presa normalissima. In tal caso il thin client si potrebbe spostare a seconda delle esigenze e nelle abitazioni non sarebbe necessario chiamare l'elettricista per creare una rete come nelle aziende.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 02 giugno 2006 17.39
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: xuneel
    > Dunque se ho ben capito per avere POE in casa mia
    > dovrei effettuare dei lavori in modo da avere
    > cavi di rete nei muri ai quali potrei abbinare le
    > classiche prese LAN a muro (come degli uffici) o
    > che potrei sostituire mediante il jackPC... Ok
    > ora mi é chiaro come funziona jackPC. E' pensato
    > per le aziende che hanno già le prese LAN a
    > muro.

    > Peccato però che manchi una versione "Ethernet
    > over Powerline" che s'inserisca in una presa
    > normalissima. In tal caso il thin client si
    > potrebbe spostare a seconda delle esigenze e
    > nelle abitazioni non sarebbe necessario chiamare
    > l'elettricista per creare una rete come nelle
    > aziende.

    A questo punto un thin client te lo fai anche da te con una systemboard mini-itx, la scheda eth e' integrata, l' alimentazione la prende dalla rete elettrica normale sulla quale viaggia anche la EOP con l' apposito adattatore.
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)