Oggi si saprÓ quanto fa eBay + Skype

Durante la conferenza annuale della societÓ, i vertici di eBay sveleranno gli sviluppi dell'integrazione tra le due realtÓ. Su cui piove pi¨ di una critica

Las Vegas - Qual è il futuro del connubio tra Skype e il colosso delle aste online eBay? La risposta sarà data oggi, durante lo speech di Bill Cobb, presidente di eBay North America, che avrà luogo durante "eBay Live", la convention annuale della Società.

"Martedì avremo qualche novità su Skype", ha annunciato John Donahoe, presidente della divisione Marketplace di eBay, rivolgendosi alla platea di sviluppatori convenuti alla conferenza. Notizie che sono state sommariamente anticipate da Newsweek: il settimanale ha riportato che l'azienda prevede di inserire collegamenti nelle pagine web delle aste per incentivare i contatti VoIP tra clienti di eBay, soprattutto su determinate categorie merceologiche: immobili, automobili, solitari (anelli con diamanti). Trattative di valore elevato, insomma, che nelle intenzioni dichiarate da Meg Whitman, CEO della società, potranno essere rese meno "fredde" dal contatto personale.

Si tratterebbe di implementare quindi il "click to call", un servizio tramite il quale chi consulterà le inserzioni di eBay sarà messo in grado di entrare direttamente in contatto l'eBayer, avvalendosi delle funzionalità di Skype (chat e comunicazione audio/video). Non è superfluo ricordare che gli utenti registrati fino ad oggi dal sistema VoIP hanno superato il tetto dei 100 milioni, cifra su cui il mercato americano incide ancora ben poco.
Per questo motivo l'azienda ha dato inizio, lo scorso mese, ad una campagna promozionale valida in USA e Canada, che offre chiamate SkypeOut (verso linee telefoniche tradizionali) gratuite. La durata dell'offerta, ad oggi, è prevista "almeno fino alla fine del 2006", ma potrebbe essere prorogata in funzione del consenso riscontrato.

All'interno del gruppo eBay non mancano comunque i dubbi sull'opportunità di integrare sinergicamente le aste online con Skype. Tra gli scettici c'è Peter Thiel, venture capitalist e co-fondatore di PayPal: "Non mi sono chiare le sinergie esistenti tra eBay e Skype". Altri osservatori ed analisti aggiungono invece che il click-to-call potrebbe potenzialmente nuocere proprio ad eBay e al sistema di pagamento online offerto da PayPal: agevolare il contatto diretto su Skype potrebbe portare gli eBayers a svolgere le trattative privatamente, eludendo le tariffe praticate da eBay. Un rischio valutato anche dal fondatore di Skype Niklas Zennstrom, che dichiara di averne parlato a Meg Whitman prima di vendere l'azienda. Ma il CEO di eBay avrebbe convinto Zennstrom e gli investitori sul fatto che l'operazione sarebbe stata profittevole per tutti, se le aste fossero state integrate da servizi finalizzati a transazioni sicure.

Newsweek sottolinea che, per mettere a tacere tutte le critiche finora ricevute, la Whitman dovrà dimostrare anche da un punto di vista finanziario che l'integrazione con Skype avrà effetti benefici per tutto il gruppo e che permetterà ad eBay di raggiungere (e superare) i risultati conseguiti da Google, che nella Rete riveste il doppio ruolo di competitor e partner (eBay, tra l'altro, è un cliente dell'advertising di Google).

Dario Bonacina
TAG: voip, mercato