GRID, incontro UE-Cina

In corso

Roma - Si sta tenendo proprio in queste ore a Pechino il primo Workshop dedicato alle infrastrutture di grid nell'ambito della collaborazione tra Unione Europea e Cina. Il progetto è noto come EUChinaGRID -Interconnection & Interoperability of Grids between Europe & China ed è finanziato dall'Unione Europea.

Il workshop viene vissuto dai ricercatori dei due paesi, si apprende dalle note ufficiali, come un primo passo per la creazione di un "Network umano nei settori delle Griglie, e-Science ed e-Infrastructures tra Europa e Cina, promuovendo le collaborazioni già esistenti e creandone di nuove, attraverso l'adozione di potenti strumenti e servizi di Griglia"

Alla tre giorni di Pechino sono al centro le applicazioni dei sistemi grid per campi della e-science, come la Fisica delle Alte Energie, la Biologia Computazionale, la Bioinformatica e la Cura della Salute.
Altri dati e valutazioni sul sito dedicato al progetto
TAG: ricerca
2 Commenti alla Notizia GRID, incontro UE-Cina
Ordina
  • Cosa §%$£ç# sono i sistemi GRID e i servizi GRIGLIA?????
    Roba di traduttori automatici? Non lo sapete nemmeno voi?
    Eddai con ste news! non si capisce un tubo...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Cosa §%$£ç# sono i sistemi GRID e i servizi
    > GRIGLIA?????

    Grid Services, una specializzazione dei Web Services.

    Che cosa sono i web services?

    In parallelo allo sviluppo delle tecnologie Grid nell’ambito dei programmi di ricerca per l’e-science, IBM e altre aziende hanno sviluppato la tecnologia degli web services[17] che mira a raggiungere quel livello di standardizzazione per la comunicazione fra programmi che la tecnologia Internet ha messo a disposizione per la comunicazione fra utenti e programmi. Tecnicamente un Web service è un’interfaccia che descrive un insieme di operazioni che sono accessibili tramite messaggi XML. Concettualmente i web services sono una tecnologia che permette di semplificare, ottimizzare e velocizzare l’integrazione fra applicazioni, sia all’interno di un’azienda, Enterprise Application Integration (EAI) che fra aziende diverse, Business-to-Business (B2B)[18].



    Il modello di funzionamento dei web services prevede che un’organizzazione che vuole mettere a disposizione i propri servizi web (Service Provider) renda pubbliche le descrizioni dei servizi fornendole a un registro distribuito (Service Registry). Le organizzazioni che vogliono avvalersi di questi servizi (Service Requestor) non devono far altro che interrogare il registro per avere le specifiche del servizio e quindi connettersi (binding) con il fornitore di servizio.



    I web services sono stati dunque introdotti per rendere molto più agevole, grazie a standard precisamente definiti, l’interazione fra aziende nell’ambito dell’e-business. La semplificazione del modello di interazione è cruciale in ambienti diversi quali l’ottimizzazione di una supply chain o la ricerca di informazioni tramite un motore di ricerca. La standardizzazione è stata operata attraverso la definizione di una serie di protocolli dei quali i più importanti sono Simple Object Access Protocol[19] (SOAP), Web Services Description Language[20] (WSDL), Universal Desciption Discovery and Integration[21] (UDDI) e Web Services Flow Language[22] (WSFL).



    I Web services sono alla base di alcune delle più importanti iniziative nel mondo dell’Information Technology: IBM Dynamic e-Business, Microsoft .NET e Sun ONE.


    Che cosa sono i Grid services?

    L’architettura OGSA si basa sul concetto di Grid service definito come un web service, specificato per mezzo del linguaggio WSDL, che dispone di un insieme ben definito di interfacce che consentono di

        * creare servizi (in particolare transitori)
        * gestirne l’arco di vita (in particolare la distruzione)
        * scoprire l’esistenza e le caratteristiche dei servizi disponibili
        * gestire il problema della notificazione reciproca fra servizi.

    Problematiche quali autorizzazione all’accesso e gestione della concorrenza non sono attualmente indirizzati dalle specifiche ma lo saranno in seguito.



    Le interfacce di cui dispone un Grid service lo rendono agevolmente manipolabile per mezzo dei protocolli Grid sviluppati dal progetto Globus, in particolare i protocolli Globus Resource Allocation Manager (GRAM), Meta Directory Service-2 e Grid Security Infrastructure (GSI). GRAM affronta i seguenti tre specifici problemi[25]:

        * gestire le richieste di risorse, rifiutandole o allocando risorse per gestirle
        * controllare e gestire i jobs creati per soddisfare le richieste
        * aggiornare periodicamente il Meta Directory Service sullo stato delle risorse.

    MDS[26] fornisce i meccanismi che consentono di scoprire le risorse e controllarne lo stato, in modo tale da consentire alle applicazioni di adattarsi dinamicamente alle risorse disponibili. GSI[27] indirizza le problematiche di autenticazione e di controllo dell’accesso, senza imporre ai vari domini amministrativi sui quali si innesta la struttura Grid l’uniformazione delle politiche di gestione della sicurezza.





    OGSA mira a rendere possibile lo sviluppo agevole di applicazioni distribuite che sono costituite da componenti sviluppate con tecniche di programmazione diverse, ospitate su ambienti di elaborazione (hosting environment) eterogenei che possono appartenere a organizzazione distinte e con politiche di sicurezza distinte, in modo tale da garantire quei livelli di Quality of Service (QoS) che sono essenziali per la conduzione di operazioni e-Business all’interno di un’azienda e in cooperazione fra aziende diverse. QoS significa in particolare in questo contesto livelli di affidabilità, performance e sicurezza. L’architettura OGSA, che sarà alla base dello sviluppo delle famiglie di prodotti IBM Websphere e Tivoli, fornirà per esempio

        * ai Service Provider la tecnologia della quale necessitano per gestire in modo efficiente ed economico la qualità del servizio in presenza di picchi di richieste
        * alle aziende per le quali è cruciale ottimizzare la Supply Chain la tecnologia per integrare agevolmente le loro operazioni senza dover uniformare i sistemi informativi e garantendo nondimeno i livelli di sicurezza e la tempificazione richiesta.
    non+autenticato