Milioni di dollari contro il porno web

Sono 120 milioni i dobloni con cui l'Australia spera di poter proteggere i più piccoli dalle immagini scabrose che affollano la rete. Filtri in arrivo anche per le biblioteche. Gli ISP? Possono iniziare a preoccuparsi

Roma - Parte in Australia una nuova campagna di sensibilizzazione che ha come obiettivo la salvaguardia dei navigatori minorenni. Helen Coonan, ministro delle comunicazioni australiano, ha annunciato che verrà fornito ad ogni genitore un tool gratuito che, una volta installato sul proprio computer domestico, consentirà di monitorare la navigazione della prole, impedendogli l'accesso a pagine web dai contenuti ritenuti inadatti.

Per portare a termine questo progetto, denominato Protecting Australian Families, il governo aussie ha stanziato 120 milioni di dollari australiani che in gran parte saranno utilizzati per la fornitura del filtro, del quale non è ancora stato specificato il nome, mentre il resto sarà dedicato a rendere i genitori più consapevoli dei rischi cui possono andare incontro i propri figli quando sono su web.

Questi filtri verranno installati anche nei computer della Biblioteca Nazionale, in modo da creare un esempio che, auspica il ministro, venga emulato dalle altre biblioteche. Una decisione controversa, che ha suscitato disappunto tra gli utenti "abituali", i quali si sentono tarpati nel loro diritto di navigare liberamente.
Buona quindi l'idea di informare le famiglie a scopo preventivo, non è altrettanto chiaro invece il motivo per cui si debbano introdurre i filtri negli accessi internet delle biblioteche, ma Coonan rassicura: "Non è un'iniziativa a senso unico, che non tiene conto della diversità degli utenti, di certo non vogliamo decidere noi cosa possono vedere o no, ma dobbiamo proteggere i nostri bambini".

Una politica che ricorda quella adottata ultimamente anche dal Congresso USA, che ha aumentato la presa nei confronti dei provider, minacciandoli di pesanti sanzioni nel caso in cui nei siti da essi ospitati il materiale classificabile come pornografico non sia adeguatamente segnalato.
Alcuni deputati statunitensi hanno peraltro messo in cantiere una legge specifica, che obbliga i webmaster a segnalare gli eventuali contenuti over18 attraverso speciali bolli o disclaimer e prevede in caso di mancata segnalazione pene che possono arrivare a 20 anni di reclusione.

Tutto qui dunque? No, infatti l'esecutivo di Canberra sta già facendo pressioni ai maggiori ISP non solo affinché forniscano gratuitamente un sistema di filtraggio per i siti a carattere pornografico, ma che addirittura ne impediscano l'accesso a monte a qualsiasi tipo di utente, filtrando i dati a livello di server.

Giorgio Pontico
28 Commenti alla Notizia Milioni di dollari contro il porno web
Ordina
  • Il tool non è detto che lo installino tutti gli utenti e comunque viola la privacy, senza contare che potrebbe essere usato anche per scopi futuri, dunque da evitare assolutamente come la peste bubbonica.

    Gli ISP non sono altro che fornitori di connettività, a loro spetta solo far si che la connessione sia priva di problemi, il resto è a discrezione di altri organi.

    Come un'altro utente aveva fatto presente, anch'io sono della stessa idea: i siti porno devono essere ".xxx", ma non solo, devono anche essere nascoste e non pubblicizzate attraverso motori di ricerca.
    non+autenticato
  • Detto senza ironie, la domanda è seria.
    Voi che ne pensate?

  • - Scritto da: lorenzot
    > Detto senza ironie, la domanda è seria.
    > Voi che ne pensate?

    Fanno molto più male l'inflazione, la disoccupazione, la mafia, la fine delle risorse energetiche, l'inquinamento, la corruzione in politica, il clientelismo, il nepotismo, il baronismo universitario, le guerre, gli omicidi, la gente che muore di overdose, la povertà, la mancanza di cibo e acqua per miliardi di individui, 4.000 missili atomici pronti a partire da USA URSS CINA e altri, eccetera eccetera eccetera.

    Eppure, per molti sembra che l'unico Problema al mondo sia nemmeno il sesso o la violenza sessuale o gli abusi sessuali, ma un insieme di pixel che rappresentano atti sessuali. Siamo messi davvero bene.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da: lorenzot
    > > Detto senza ironie, la domanda è seria.
    > > Voi che ne pensate?
    >
    > Fanno molto più male l'inflazione, la
    > disoccupazione, la mafia, la fine delle risorse
    > energetiche, l'inquinamento, la corruzione in
    > politica, il clientelismo, il nepotismo, il
    > baronismo universitario, le guerre, gli omicidi,
    > la gente che muore di overdose, la povertà, la
    > mancanza di cibo e acqua per miliardi di
    > individui, 4.000 missili atomici pronti a partire
    > da USA URSS CINA e altri, eccetera eccetera
    > eccetera.
    >
    > Eppure, per molti sembra che l'unico Problema al
    > mondo sia nemmeno il sesso o la violenza sessuale
    > o gli abusi sessuali, ma un insieme di pixel che
    > rappresentano atti sessuali. Siamo messi davvero
    > bene.

    Quoto tutto. Comunque bisognerebbe chiederlo ad un certo Salieri se il porno fa male, ma penso che la risposta sarà abbastanza scontata :°D
    non+autenticato
  • > Fanno molto più male l'inflazione, la
    > disoccupazione, la mafia, la fine delle risorse
    > energetiche, l'inquinamento, la corruzione in
    > politica, il clientelismo, il nepotismo, il
    > baronismo universitario, le guerre, gli omicidi,
    > la gente che muore di overdose, la povertà, la
    > mancanza di cibo e acqua per miliardi di
    > individui, 4.000 missili atomici pronti a partire
    > da USA URSS CINA e altri, eccetera eccetera
    > eccetera.
    >
    > Eppure, per molti sembra che l'unico Problema al
    > mondo sia nemmeno il sesso o la violenza sessuale
    > o gli abusi sessuali, ma un insieme di pixel che
    > rappresentano atti sessuali. Siamo messi davvero
    > bene.

    Che tristezza! Siete uguali uguali ai preti che tanto sputtanate. Triste

    non+autenticato

  • - Scritto da: lorenzot
    > Detto senza ironie, la domanda è seria.
    > Voi che ne pensate?

    No. La religione e le fobie in genere invece sicuramente SI.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da: lorenzot
    > > Detto senza ironie, la domanda è seria.
    > > Voi che ne pensate?
    >
    > No. La religione e le fobie in genere invece
    > sicuramente
    > SI.

    Il porno, se visto bene non fa male, la piaga da combattere,ma veramente da combattere è la pedofilia...troppo dilagante nel mondo.E' la pedofilia che deve fare paura e i governi devono combatterla....altro che cercare ragazzini o chicchesia che scaricano mp3 o divx!

  • - Scritto da: SardinianBoy
    > Il porno, se visto bene non fa male, la piaga da

    Il porno NON fa male. Indipendentemente da come te lo vedi.

    > combattere,ma veramente da combattere è la
    > pedofilia...troppo dilagante nel mondo.E' la

    Non sono d'accordo.
    Stai solo scambiando una caccia alle streghe per un altra approfittandoti della psicosi di massa di questi tempi (né più né meno nella psicosi di massa ai tempi delle streghe).

    > altro che cercare ragazzini o
    > chicchesia che scaricano mp3 o
    > divx!

    Su questo sono d'accordo.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da: SardinianBoy
    > > Il porno, se visto bene non fa male, la piaga da
    >
    > Il porno NON fa male. Indipendentemente da come
    > te lo
    > vedi.

    Se il porno diventa un'ossessione, può far male, tanto quanto qualsiasi altra ossessione. Se rimane un gioco, un divertimento, allora NON fa male.

    > > combattere,ma veramente da combattere è la
    > > pedofilia...troppo dilagante nel mondo.E' la
    >
    > Non sono d'accordo.
    > Stai solo scambiando una caccia alle streghe per
    > un altra approfittandoti della psicosi di massa
    > di questi tempi (né più né meno nella psicosi di
    > massa ai tempi delle
    > streghe).
    >
    > > altro che cercare ragazzini o
    > > chicchesia che scaricano mp3 o
    > > divx!
    >
    > Su questo sono d'accordo.
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > Se il porno diventa un'ossessione, può far male,
    > tanto quanto qualsiasi altra ossessione. Se
    > rimane un gioco, un divertimento, allora NON fa
    > male.

    Bé, questo credo sia chiaro. Qui si stava parlando di "porno" in generale, non di ossessioni.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > - Scritto da:
    > > Se il porno diventa un'ossessione, può far male,
    > > tanto quanto qualsiasi altra ossessione. Se
    > > rimane un gioco, un divertimento, allora NON fa
    > > male.
    >
    > Bé, questo credo sia chiaro. Qui si stava
    > parlando di "porno" in generale, non di
    > ossessioni.

    Allora d'accordo, è solo che il post a cui ho risposto mi era sembrato troppo generico. Perdona la precisazione.Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: lorenzot
    > Detto senza ironie, la domanda è seria.
    > Voi che ne pensate?

    Eccerto, si diventa cechi A bocca aperta
  • così s'imparano a votare
    non+autenticato
  • Tutto qui dunque? No, infatti l'esecutivo di Canberra sta già facendo pressioni ai maggiori ISP non solo affinché forniscano gratuitamente un sistema di filtraggio per i siti a carattere pornografico, ma che addirittura ne impediscano l'accesso a monte a qualsiasi tipo di utente, filtrando i dati a livello di server.

    Del resto cosa vi aspettavate? Che i genitori una volta capito cosa circola su internet lasciavano spazio al vostro diritto supremo alla masturbazione selvaggia?
    "Uuhhhh, uhhhhh, una passerina, che scandalo il corpo umano!" hanno ipocritamente ribattuto i più. Ma per piacere! Squartamenti, sbudellamenti con scopata, sangue e merda circolano in rete! Altro che passerine! Se io adulto decido che mi sta bene guardare certa robba, pretendere che un minore ci passi attraverso senza il minimo turbamento mi pare fuori da ogni logica, e ci arriviamo tutti. Negarlo significa fregarsene altamente delle conseguenze che una certa cultura pornografica può avere su una psiche in formazione.
    Ma la soluzione c'era! Quante volte vi ho detto di mettere dei suffissi .xxx in modo da lasciare all'utente la libertà di potersi gestire il pc?
    E voi: "No no censura! Io libertà fare sega!"
    E io a precisare: "Ma nessuno toglie tua libertà fare sega! E' l'utente che decide per sè". Ma voi niente eh, sempre con la solita litania "No no censura! Io libertà fare sega!"
    Bene. Avete scelto la linea dura. Quello che sta bene a me deve andare bene pure a te! La tua morale si deve adattare alla mia come un guanto, altrimenti sei uno con dei problemi o sei un matusa! Avete voluto lo scontro, il braccio di ferro! Ora Canberra vi toglierà pure la libertà di farvi una pippa!
    Chi è causa del suo male pianga se stesso.
    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Tutto qui dunque? No, infatti l'esecutivo di
    > Canberra sta già facendo pressioni ai maggiori
    > ISP non solo affinché forniscano gratuitamente un
    > sistema di filtraggio per i siti a carattere
    > pornografico, ma che addirittura ne impediscano
    > l'accesso a monte a qualsiasi tipo di utente,
    > filtrando i dati a livello di
    > server.

    >
    > Del resto cosa vi aspettavate? Che i genitori una
    > volta capito cosa circola su internet lasciavano
    > spazio al vostro diritto supremo alla
    > masturbazione
    > selvaggia?
    > "Uuhhhh, uhhhhh, una passerina, che scandalo il
    > corpo umano!" hanno ipocritamente ribattuto i
    > più. Ma per piacere! Squartamenti, sbudellamenti
    > con scopata,

    Io ho visto centinaia di porno e ti assicuro che un porno con squartamenti e sbudellamento mi manca.
  • Non ti va bene Internet com'è? Non vuoi accettare le sue regole non scritte?
    Bene, stacca la spina.
    Non sei necessario.

    O pensi che tutti gli altri debbano adattarsi alle tue fobie? Fai una bella cosa, fatti fare una visita da un bravo psicologo e fatti curare dalla paura del sesso che hai. Veramente, lo dico per il tuo bene. Nel frattempo segui l'altro mio consiglio... stacca la spina... quando tornerai ad essere una persona normale ti accoglieremo senza riserve.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Non ti va bene Internet com'è? Non vuoi accettare
    > le sue regole non
    > scritte?
    > Bene, stacca la spina.
    > Non sei necessario.

    1) Nessuno è necessario.
    2) Internet non appartiene neppure a te.

    > O pensi che tutti gli altri debbano adattarsi
    > alle tue fobie? Fai una bella cosa, fatti fare
    > una visita da un bravo psicologo e fatti curare
    > dalla paura del sesso che hai. Veramente, lo dico
    > per il tuo bene. Nel frattempo segui l'altro mio
    > consiglio... stacca la spina... quando tornerai
    > ad essere una persona normale ti accoglieremo
    > senza
    > riserve.

    Rotola dal ridereRotola dal ridere
    A parte la risposta da cafone, comunque viva la democrazia, eh? O la pensi come me oppure sei fallato! Clap clap! Complimenti!
    Ti ho già risposto. Volete prendere la cosa di petto, non volete mediare con il prossimo, imponete la vostra morale (perchè anche tu a tuo modo sei un moralista, non ti credere). L'unica cosa che vi meritate è gente come Canberra di cui rappresentate l'altra faccia della medaglia. Come ho già detto la soluzione che accontenta tutti esiste e la considero equilibrata e liberale. Se poi si insiste a fare la voce grossa per imporre il proprio stile di vita a scapito degli altri ... beh, allora se proprio proprio devo scegliere di salvaguardare dei "sega dipendenti" a scapito dei bambini che per usufruire del web devono essere poi sorvegliati da un adulto ... beh, forse Canberra è veramente il male minore. Tanto alla fine si tratta sempre di accettare "la dittatura" di qualcuno.
    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • ...ma invece di spendere milioni e milioni per ste cazzate non fanno prima a dire NON LASCIATE I VOSTRI FIGLI MINORENNI DA SOLI SU INTERNET!!!!!!

    Cazzo ci vuole tanto???????
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > ...ma invece di spendere milioni e milioni per
    > ste cazzate non fanno prima a dire NON LASCIATE I
    > VOSTRI FIGLI MINORENNI DA SOLI SU
    > INTERNET!!!!!!
    >
    > Cazzo ci vuole tanto???????

    Non ci vuole un cazzo infatti
  • ma poi mi chiedo io che male farà mai un po' di sano porno free :/


    Mah, tanto i bimbi sono riempiti di porno (vabbeh spesso molto leggero) dalla TV.. qui al posto di andare avanti si torna indietro..


    E la caccia alle streghe ? xD
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > ma poi mi chiedo io che male farà mai un po' di
    > sano porno free
    > :/
    >
    >
    > Mah, tanto i bimbi sono riempiti di porno (vabbeh
    > spesso molto leggero) dalla TV.. qui al posto di
    > andare avanti si torna indietro..
    >
    >
    >
    > E la caccia alle streghe ? xD

    Talibano sempre a zonzo su queste news?
    non+autenticato
  • Eh niente cicci belli! Dovete tornare a fare amicizia col giornalaio! Basta trovarne uno discreto e specializzato (di solito quelli alla stazione dei treni sono l'ideale).
    Rotola dal ridere
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > ma poi mi chiedo io che male farà mai un po' di
    > sano porno free
    > :/
    >
    >
    > Mah, tanto i bimbi sono riempiti di porno (vabbeh
    > spesso molto leggero) dalla TV.. qui al posto di
    > andare avanti si torna indietro..
    >
    >
    >
    > E la caccia alle streghe ? xD


    io direi più caccia alle seghe DelusoA bocca apertaSorpresa

    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > ...ma invece di spendere milioni e milioni per
    > ste cazzate non fanno prima a dire NON LASCIATE I
    > VOSTRI FIGLI MINORENNI DA SOLI SU
    > INTERNET!!!!!!
    >
    > Cazzo ci vuole tanto???????

    No ci vuole poco. Ma qui evidentemte non siamo di fronte a una campagnia di sensibilizzazione fatta di suggerimenti. E' un programma per moralizzare internet nel tuo paese, e decidere per tutti, non solo per i bambini e allora ti servono leggi e soldi.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > ...ma invece di spendere milioni e milioni per
    > ste cazzate non fanno prima a dire NON LASCIATE I
    > VOSTRI FIGLI MINORENNI DA SOLI SU
    > INTERNET!!!!!!
    >
    > Cazzo ci vuole tanto???????

    Semplice; perchè quella dei bambini è solo una scusa. La realtà è che l'Australia è un paese di bigotti i quali anzichè spendere quei soldi per aiutarli veramente i bambini (pensiamo ad esempio quanti bambini nel mondo muoiono di fame guerre e malattie) si preoccupano di spenderli in nome della moralità.
    L'ipocrisia di questi bigotti è un qualcosa di veramente spregevole.
    non+autenticato
  • Guardiamo in faccia la realtà, io senza porno non avrei superato i 15 anni.

  • - Scritto da:
    > ...ma invece di spendere milioni e milioni per
    > ste cazzate non fanno prima a dire NON LASCIATE I
    > VOSTRI FIGLI MINORENNI DA SOLI SU
    > INTERNET!!!!!!
    >
    > Cazzo ci vuole tanto???????

    io sarei essenzialmente d'accordo con te ma...

    1) genitori che lavorano

    Un mio collega che lavora con me, divorziato, deve spesso lasciare i figli da soli a casa. Sono 3 maschi, sono molto esperti nell'uso del pc. Uno ha 16 anni, l'altro 8 l'altro 5.

    Mi ha chiesto se conoscevo qualche strumento di controllo, perchè il figlio di 16 anni stava avendo un calo pazzesco a scuola e secondo lui gli raccontava balle.

    Ovviamente sono contro gli strumenti di controllo, ma ci sono quelli che sono stati recensiti anche qui, per l'auto-controllo del tempo speso al pc.

    Dato che lui non vuole chiudere i lucchetti sui pc, che ritiene uno strumento utile sia per studio e divertimento, sia perchè i figli restino a contatto con le tecnologie che saranno parte del loro futuro, gli ho suggerito questo:

    lasciare acceso il pc 24/24 (ha connessione flat e il pc acceso costantemente non è un problema di corrente per lui) e chiedere ai figli, parlandone schiettamente, di non spegnere il pc e non staccare il programma di conteggio, in modo che si regolino da soli, con l'aiuto di quello strumento.

    E così hanno fatto (non so se abbiano usato quelli qui recensiti o altri). Certo non è detto che non siano così bravi da individuare i meccanismi necessari ad ingannare il programmino... ma il pc è ancora acceso, viene usato con una buona libertà e il rendimento è tornato stabile. Si vede che non si rendevano nemmeno conto. Capita.

    2) assuefazione al controllo

    L'Australia non ha assolutamente la mia simpatia per quanto riguarda la limitazione della libertà del cittadino e i controlli imposti. Tra Londra e l'Australia ci vuol poco a paragonarli con gli stati totalitari.

    Dunque - data la mia proverbiale paranoia, dietrologia e "complottismo" (per dirla con Attivissimo) - penso che dando uno strumento del genere ai genitori, si possa convincerli che anche loro possono e devono essere controllati per il loro bene dal "governo grande padre" per motivazioni della stessa natura di quelle che permettono a loro di spiare i figli.




    Fare il genitore non è facile.
    Nemmeno il cittadino.
  • Mi è piaciuto il tuo post, per equilibrio e concretezza.

    Buona serata,

    Lorenzo