Il telefonino? Un guaio per la polizia

Lo sostengono alcuni esperti, secondo cui l'inaccessibilità ai dati cancellati dai cellulari può creare non pochi grattacapi in fase di indagine. Colpa degli standard proprietari

Cambridge - L'uso di tecnologie proprietarie e la scarsa diffusione di standard aperti nella telefonia mobile sempre più rischia di impattare sulla capacità degli inquirenti di tutto il Mondo di investigare su delitti e illeciti che coinvolgano il telefono cellulare.

Ad affermarlo sono gli scienziati dei Computer Labs dell'Università di Cambridge che nel corso di un workshop sulla sicurezza nella telefonia mobile hanno spiegato come "il sedici per cento dei telefonini non sia accessibile oltre ai dati contenuti nella SIM. Questa è una diretta conseguenza dell'uso di standard proprietari anziché standard aperti".

Secondo Tyler Moore, ricercatore del celebre ateneo, una parte consistente dei dati che vengono cancellati dagli utenti dei cellulari è nei fatti "perduta per sempre". Sebbene vi siano metodi e strumenti per ricostruire una porzione importante di quelle informazioni, molte oggi risultano inaccessibili alle autorità investigative. "Gli strumenti standard di indagine - ha spiegato Moore - non si occupano dei telefonini meno popolari".
Moore ha sottolineato che sui PC è generalmente possibile recuperare tutta o quasi l'informazione eventualmente cancellata, sebbene non manchino programmi di "erasing sicuro", tanto che nella stragrande maggioranza dei casi la polizia riesce ad arrivarci.

A complicare la vita agli inquirenti sui cellulari, invece, il fatto che le informazioni siano archiviate e gestite in modo assai diverso da modello a modello e da marca a marca, così come scarsi sono gli strumenti di analisi forense per i cellulari meno utilizzati. Arrivare a quei dati, dunque, può richiedere molto tempo e può rivelarsi costoso.

Non tutti, come sottolinea ZdNet UK sono però d'accordo con questa analisi. "Perché preoccuparsi ad esaminare messaggi di testo cancellati - ha dichiarato un altro esperto al workshop - quando si possono ottenere i dati di chi sta parlando a chi? Con il giusto mandato si può anche leggere il traffico in tempo reale". L'accenno, evidentemente, è ai potenti mezzi di indagine a disposizione della magistratura nel campo delle intercettazioni.
19 Commenti alla Notizia Il telefonino? Un guaio per la polizia
Ordina
  • non cambierebbe nulla, anzi...

    Ci si potrebbe fare programmi fai-da-noi che aumentino la privacy dell'utente!

    W il freesoftware!
    non+autenticato
  • Prima di prendersela con i sistemi attuali, alludendo al fatto che le nuove tecnologie rendono piu' difficile le indagini, forse e' il caso di valutare che sono proprio le nuove tecnologie a permettere questo tipo di indagini e altre indagini tecnologicamente (e scientificamente) avanzate.

    E poi si pensi a che punto saremmo se fossimo alla tecnologia di solo un secolo fa.

    Gli appunti che si volevano far sparire venivano scritti su carta, spesso in forma criptata, e poi bruciati nel caminetto.

    Avevano voglia a lamentarsi contro la non omogeneita. Magari sara' stato diversi il legno utilizzato per il caminetto, magari qualcuno usava il carbone, la carta era stata fabbricata da diverse fabbriche, ma il risultato era sempre lo stesso: se bruciato bene era impossibile ricostruire cosa c'era scritto (e che rimaneva un pezzetto non bruciato e guarda caso era il pezzo dove c'era scritta la cosa piu' importante era una cosa che succedeva solo nei romanzi gialli)
  • E' come se prima dei cellulari fosse proibito categoricamente di disfarsi di ogni singolo pezzo di carta scarabocchiato... se un messaggio lo voglio cancellare DEVE ESSSERE CANCELLATO. Ma i poliziotti di oggi la sanno fare un'indagine o si devono aiutare con controlli in ogni luogo e in ogni dove? Perchè se è così che si fanno le indagini oggi, siamo tutti sono capaci...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > E' come se prima dei cellulari fosse proibito
    > categoricamente di disfarsi di ogni singolo pezzo
    > di carta scarabocchiato... se un messaggio lo
    > voglio cancellare DEVE ESSSERE CANCELLATO. Ma i
    > poliziotti di oggi la sanno fare un'indagine o si
    > devono aiutare con controlli in ogni luogo e in
    > ogni dove? Perchè se è così che si fanno le
    > indagini oggi, siamo tutti sono
    > capaci...

    Allora accomodati, caro novello ispettore.
    non+autenticato
  • E' vero che le "celle" del sistema GSM loggano l'IMEI di un telefonino che si trova a passare nel suo raggio di copertura?
    Altrimenti non si spiegherebbero certe indagini...
    non+autenticato
  • > I telefonini sono "spie"?

    Le persone sicuramente.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > E' vero che le "celle" del sistema GSM loggano
    > l'IMEI di un telefonino che si trova a passare
    > nel suo raggio di
    > copertura?
    > Altrimenti non si spiegherebbero certe indagini...

    Non ho info al riguardo, ma è quasi sicuramente così. L'accesso ad un sistema informatico viene di norma sempre loggato... ritengo quindi che sia altamente probabile che l'IMEI (nonché il seriale della SIMCard) di un cell che si trovi a passare accanto ad una cella venga loggato e preservato per anni nei database della centrale di telefonia.

  • - Scritto da:
    > E' vero che le "celle" del sistema GSM loggano
    > l'IMEI di un telefonino che si trova a passare
    > nel suo raggio di
    > copertura?


    Anche e soprattutto quando è spento Rotola dal ridere
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > E' vero che le "celle" del sistema GSM loggano
    > > l'IMEI di un telefonino che si trova a passare
    > > nel suo raggio di
    > > copertura?
    >
    >
    > Anche e soprattutto quando è spento Rotola dal ridere


    Se non fosse vero, come mai vogliono una "data retention" cosi' lunga?

    I cellulari forniscono agli investigatori una marea di dati. Anzi il problema e' che ce ne sono troppi.
    non+autenticato


  • > > Anche e soprattutto quando è spento Rotola dal ridere
    >
    >
    > Se non fosse vero, come mai vogliono una "data
    > retention" cosi'
    > lunga?

    Se fosse vero, la batteria del mio cellulare (che tengo sempre spento) durerebbe 6 mesi Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato

  • nessuno di voi ha mai partecipato ai forum o alle conferenza organizzate, vero? nemmeno io pero' le cose piu' interessanti mele faccio spiegare.
    Le celle sono in grado di fare triangolazione, tant'e' che una volta in fiera a pd mostrarono in realtime un addetto che si muoveva per la fiera ricalcolamdo la posizione su richiesta e fornendo una precisione approssimata al metro.
    ovviamente in zone con meno copertura e poche celle la precisione va a farsi friggere e se non ci sono almeno tre celle che ricevono la stima sale e potrebbe diventare centinaia di metri se non qualche km.
    Adesso provate a pensare ad alcuni recenti casi di cronaca in cui la polizia ha raccolto informazioni sul movimento delle persone grazie al cellulare, questo potrebbe voler dire che tutti i movimenti probabilmente vengono loggati anche se non sono in grado di dire quanti campionamenti vengono effettuati.
    Sarebbe utile avere un dispositivo che avvisi quando i cellulare sta trasmettendo in antenna mentre e' a riposo e verificare quante trasmissioni ci sono da fermi e in movimento.
    non+autenticato
  • ma come facevi ad avere accesso ai dati delle celle?

  • - Scritto da:
    > E' vero che le "celle" del sistema GSM loggano
    > l'IMEI di un telefonino che si trova a passare
    > nel suo raggio di
    > copertura?
    > Altrimenti non si spiegherebbero certe indagini...


    La struttura GSM prevede che ci sia un logging dell'IMEI in una cella ogni volta che si passa nella zona coperta da questa. Questa funzionalità è quella che permette, ad esempio, l'impossibilità di clonare le SIM: nel caso in cui un operatore rilevi la stessa sim loggata su una cella e su un'altra troppo distante (la stessa SIM potrebbe essere loggata da n celle nelle vicinanze) la sim stessa viene automaticamente loggata.

    Del resto il logging dell'imei sulla cella è quello che consente a Vodafone di proporre il suo piano vodafone casa.

    Demo
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > E' vero che le "celle" del sistema GSM loggano
    > > l'IMEI di un telefonino che si trova a passare
    > > nel suo raggio di
    > > copertura?
    > > Altrimenti non si spiegherebbero certe
    > indagini...
    >
    >
    > La struttura GSM prevede che ci sia un logging
    > dell'IMEI in una cella ogni volta che si passa
    > nella zona coperta da questa. Questa funzionalità
    > è quella che permette, ad esempio,
    > l'impossibilità di clonare le SIM: nel caso in
    > cui un operatore rilevi la stessa sim loggata su
    > una cella e su un'altra troppo distante (la
    > stessa SIM potrebbe essere loggata da n celle
    > nelle vicinanze) la sim stessa viene
    > automaticamente
    > loggata.
    >
    > Del resto il logging dell'imei sulla cella è
    > quello che consente a Vodafone di proporre il suo
    > piano vodafone
    > casa.
    >
    > Demo

    Se il cellulare è spento, anche se ha la batteria, è vero che non si "logga" nella cella in cui si trova in quel momento?
    non+autenticato
  • Con il GSM puoi anche individuare la zona dove transita il tuo cellulare....
    non+autenticato