La mannaia delle major sugli spartiti online

Chiude un riferimento storico per gli appassionati di musica: le major non hanno sistemi di licensing per quei materiali ma pretendono che siano rimossi. Migliaia di appassionati usavano quel sito ogni giorno

La mannaia delle major sugli spartiti onlineRoma - Dopo sette anni di attività e di celebrità online ha chiuso i battenti un sito di riferimento per tutti gli appassionati di musica, dai musicisti in erba ai cultori dei brani che caratterizzano la storia della musica contemporanea. Mxtabs ha infatti annunciato di aver dovuto autocensurarsi prima di trovarsi dinanzi ad una offensiva legale della MPA, l'associazione che raccoglie gli editori musicali americani.

"7 anni fa - si legge ora sulla home page del notissimo sito web - Mxtabs era partito come hobby di un aspirante batterista che tentava di imparare le sue canzoni preferite. Negli anni il sito di spartiti è cresciuto in una risorsa di valore per migliaia di musicisti. Abbiamo gioito nell'ascoltare le storie di successo di migliaia di suonatori di chitarra, basso o batteria che hanno aumentato le proprie capacità e sono cresciuti utilizzando questo sito web".

Si potrebbe ritenere che MPA abbia cercato un accordo con il sito, visto il suo clamoroso successo ma, stando a quanto riferiscono i gestori, gli editori semplicemente non hanno stretto accordi con Mxtabs o con nessun altro. E questo nonostante il fatto che i link posti sul sito a spartiti ufficiali venduti online portassero nelle casse degli editori almeno 3mila dollari al mese.
In sé la notizia della chiusura non deve stupire: nei mesi scorsi Mxtabs si era autosospeso per cercare di stimolare un dibattito con gli editori, che non ha però mai preso il volo. E ha così deciso di riaprire lo scorso febbraio. "Ad ogni modo - spiegano i gestori di Mxtabs - dal momento che nessun editore di spartiti ha in animo di offrire una qualche forma di licenza, e non ha interesse nel negoziarla, abbiamo deciso di chiudere tutto anziché continuare ad aggravare il settore. Fino ad ora non abbiamo ricevuto diffide, chiudiamo di nostra volontà". "In assenza di risposte - chiariscono i promotori del sito - è il triste momento di chiudere".

È il timore di una denuncia per violazione di diritto d'autore, dunque, ad aver spinto i webmaster a concludere il proprio apprezzatissimo lavoro, un timore pienamente giustificato visti gli annunci da guerra incombente rilasciati proprio da MPA lo scorso dicembre e indirizzati proprio ai siti che pubblicano spartiti.

Mxtabs chiude con un appello, affinché sia riconosciuto agli spartiti il ruolo che meritano nel formare nuovi musicisti e nel diffondere la cultura musicale. Chiede anche che vengano elaborate forme di licensing di quei materiali. Tutte richieste che, però, si scontrano con la determinazione di MPA, ben espressa dal suo presidente, Lauren Keiser, secondo cui "un po' di carcere sarebbe decisamente risolutivo. La pubblicazione degli spartiti sui siti musicali per anni è stata completamente illegale".

Sono molti, moltissimi, i blog che stanno dedicando post all'argomento, così come sono moltissimi coloro che fruivano per le proprie ricerche e crescita musicale di quei materiali. Qualcuno scrive: "MPA si aspetta davvero che ora correremo tutti a comprare spartiti?".
106 Commenti alla Notizia La mannaia delle major sugli spartiti online
Ordina
  • .. il dado è tratto, le denuncie sono già in atto e la mpa avrà altri soldi ingiustamente.

    Cioè, non so se avete capito il discorso.. quelli vogliono i soldi anche dai loro pronipoti!! Arrabbiato

    Io comunque, a parte questi sciagurati ORMAI senza via di scampo, consiglierei un bel boicottaggio, a partire dal cinema, poi vediamo se hanno ancora da ridere.Idea!

    Gli spartiti... Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • ecco come noi scegliamo i pezzi da suonare:

    1 ci confrontiamo se li possiede uno di noi, se dobbiamo comprare un cd per avere un pezzo cambiamo canzone.

    2 troviamo su internet i testi/accordi, se dobbiamo comprare uno spartito, cambiamo canzone

    3 quelle che suoniamo le scriviamo sul borderò della siae .

    Volete sapere perchè non spendiamo una lira per la musica?: perchè quando suoniamo prendiamo al massimo 40/50 euro e vi assicuro che non siamo dei cani e non possiamo permetterci di spendere per ogni canzone del nostro repertorio il costo di 5 cd e 5 spartiti.


    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > ecco come noi scegliamo i pezzi da suonare:
    >
    > 1 ci confrontiamo se li possiede uno di
    > noi, se dobbiamo comprare un cd per avere un
    > pezzo cambiamo
    > canzone.
    >
    > 2 troviamo su internet i testi/accordi, se
    > dobbiamo comprare uno spartito, cambiamo
    > canzone
    >
    > 3 quelle che suoniamo le scriviamo sul
    > borderò della siae
    > .
    >
    > Volete sapere perchè non spendiamo una lira per
    > la musica?: perchè quando suoniamo prendiamo al
    > massimo 40/50 euro e vi assicuro che non siamo
    > dei cani e non possiamo permetterci di spendere
    > per ogni canzone del nostro repertorio il costo
    > di 5 cd e 5
    > spartiti.
    >
    >

    Fatevi furbi: prendete una cantante che si metta in mutande e farete miliardi, o se no, se siete carini, fate un balletto scemo stile fighetti.
    Non è il saper suonoare che rende, credimi.
    Anni fa, a torino, nella stessa settimana c'erano Madonna e Frank Zappa (Frank Zappa!!!):
    a vedere Madonna c'erano 80000 persone, a vedere Zappa eravamo in 3000.
    è questo il vero motivo che fa si che le major possano spadroneggiare nel mondo; la gente è stupida e stupida vuole restare.
    PS: erano i tempi di "like a vergin", non si può neanche dire che Madonna fosse una pop star con una certa esperienza E con dei professionisti al seguito.
    PS2: la musica non c'entra niente in tutto sto casino. Solo soldi e stupidità.
    LA MUSICA NON ANDREBBE NEANCHE NOMINATA IN CERTI CONTESTI!
    Ad ogni modo auguri per la band (e il resto)
    non+autenticato
  • scorreggiando ho suonato volare... devo pagare una tassa?
    non+autenticato
  • Insomma, queste avide major del cavolo non vogliono proprio darci tregua. Maledetti riccacci del cavolo, succhiasangue a tradimento della gente che lavora.
    Sono già pieni di soldi e ne vogliono ancora di più, mentre noi qua a fare la fame e a sentirci in colpa se una volta di più andiamo a mangiarci una pizzetta fuori.
    non+autenticato
  • E' vero che esistono inchiostri antifotocopia? Tanti anni fa, se non erro con le fotocopiatrici b/n bastava stampare in rosso su sfondo nero o viceversa per impedire la fotocopia.

  • - Scritto da: Cobra Reale
    > E' vero che esistono inchiostri antifotocopia?
    > Tanti anni fa, se non erro con le fotocopiatrici
    > b/n bastava stampare in rosso su sfondo nero o
    > viceversa per impedire la
    > fotocopia.

    anche antilettura con quei colori....
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | Successiva
(pagina 1/7 - 34 discussioni)