I computer di oggi sono più affidabili

Lo sostiene uno studio Gartner: negli ultimi anni lo sviluppo dei componenti hardware per PC è giunto ad un livello che ridurrebbe grandemente il rischio di danneggiamento. Per la felicità degli utenti che se ne accorgono

Roma - L'affidabilità dell'hardware dei computer prodotti dalle industrie di settore sta notevolmente migliorando. Lo indica una ricerca Gartner, nella quale si parla di un decremento del 25% di guasti alle parti ferrose dei computer costruiti negli ultimi due anni rispetto a quanto accadeva in precedenza.

Anche i portatili, solitamente più soggetti a rischi rispetto ai cugini "fissi", mostrano un discreto aumento dell'affidabilità del proprio hardware.
Per i notebook prodotti tra il 2003 e il 2004, il 20 per cento degli utenti ha lamentato almeno un guasto nell'arco del primo anno di utilizzo, una percentuale che cresce al 28 per cento se si arriva al quarto anno di utilizzo.
Una musica senz'altro migliore è quella che riguarda i portatili usciti nel 2005 e nel 2006, per cui la percentuale di guasti hardware si riduce, arrivando fino al 15% nel corso dei primi dodici mesi dall'acquisto.

Per quanto riguarda i numeri sui desktop, il rischio di "hardware failure" è invece diminuito dal 7 al 5 per cento, sempre prendendo in considerazione il primo anno di attività.
Gartner ha spiegato che poiché le case produttrici tendono a non rivelare dati sulle rotture dei propri prodotti, gli analisti si sono rivolti alle società che gestiscono le garanzie sull'hardware, dalle quali sarebbe così possibile estrapolare dati attendibili.

Sono peraltro molte le tecnologie introdotte, soprattutto nel mondo del mobile, per ridurre le rotture o i guasti, dai sistemi antishock al parcheggio rapido delle puntine: i più avanzati laptop possono "capire", ad esempio, quando stanno cadendo, grazie a sensori di inclinazione, ed attivare sistemi di emergenza a protezione ad esempio del disco rigido.

Secondo Lesile Fiering, analista Gartner, l'incremento dell'innovazione nel campo della stabilità degli hardware è da ricercare nella maggiore attenzione prestata durante le operazioni di testing dei componenti. Fino ad un paio di anni fa i costruttori di PC era praticamente costretti, dalle regole di mercato, a produrre elementi hardware sempre più in fretta e a basso costo.

Giorgio Pontico
32 Commenti alla Notizia I computer di oggi sono più affidabili
Ordina

  • Obsolescenza programmata: tutte le parti di un prodotto vengono ingegnerizzate per durare X anni. Ovviamente più X è maggiore più i costi aumentano.

    Una volta era solo una questione di rapporto costi benefici (vale la pena spendere il doppio per avere una durata maggiore del 20%?).

    Adesso i markettari dettano legge: i prodotti vanno cambiati in fretta e quindi devono sempre e comunque durare meno, per assurdo oggi si preferisce un prodotto che costa 100 e dura 100 ad uno "migliore" con costo 110 e durata 200

    Compra, popolo bue, compra e stai zitto.
    non+autenticato
  • > Compra, popolo bue, compra e stai zitto.
    Tanto che te ne fai di un computer perfettamente funzionante se Windows Vista va come una lumaca?? Deluso
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > > Compra, popolo bue, compra e stai zitto.
    > Tanto che te ne fai di un computer perfettamente
    > funzionante se Windows Vista va come una lumaca??
    >
    >Deluso
    Usare, al posto di sVista un OS che lo fa andare come un treno, no?
    non+autenticato
  • Voglio conoscere il loro pusher se affermano questo.

    Io sono un tecnico hardware/software e noto continuamente che i PC nuovo fanno CAG**RE IL CA**O nel senso che si rompono sempre (soprattutto i Dell); mentre i vecchi PC e' da 10 anni che vanno come dei muli...
  • è morta una scheda tv comprata da due settimane. Collegata direttamente alla parabola, tempo di fare la scansione di metà dei canali e... odore di bruciato, e bom, ora la riconosce come un altro tipo di periferica. Ma mi han detto che la garanzia non è probabilemnte valida perchè si sarà bruciato un componente e quindi diranno che è stato qualcosa che l'ha fatta bruciare... fa davvero piacere sapere che se su una scheda si brucia un componente, automaticamente non la prendono in garanzia perchè si attaccano a queste cose... soprattutto dato che la corrente, all'illuminatore della parabola, avrebbe dovuto darla lei. Vedremo...
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 28 giugno 2006 11.27
    -----------------------------------------------------------
    Davz
    189
  • Una volta gli HD avevano una vita media di 10 anni, ora dopo 3-4 anni in media si rompono.

    Sì, lo so, tengono millemila volte più dati, ma se si rompono....

    Questo qui è ciucco!
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Una volta gli HD avevano una vita media di 10
    > anni, ora dopo 3-4 anni in media si
    > rompono.
    >
    > Sì, lo so, tengono millemila volte più dati, ma
    > se si
    > rompono....
    >
    > Questo qui è ciucco!


    A me sembra che anche una volta si rompevano dopo 3 o 4 anni.

    I dischi di adesso, esattamente come i processori, hanno requisiti più stringenti di un vecchio disco da 3200rpm, se lo lasci senza dissipazione in un case senza ventola ci credo che non dura una settimana, ma varrebbe lo stesso con un processore, o con un disco scsi da 15krpm

  • - Scritto da: avvelenato
    >
    > - Scritto da:
    > > Una volta gli HD avevano una vita media di 10
    > > anni, ora dopo 3-4 anni in media si
    > > rompono.
    > >
    > > Sì, lo so, tengono millemila volte più dati, ma
    > > se si
    > > rompono....
    > >
    > > Questo qui è ciucco!
    >
    >
    > A me sembra che anche una volta si rompevano dopo
    > 3 o 4
    > anni.
    >
    > I dischi di adesso, esattamente come i
    > processori, hanno requisiti più stringenti di un
    > vecchio disco da 3200rpm, se lo lasci senza
    > dissipazione in un case senza ventola ci credo
    > che non dura una settimana, ma varrebbe lo stesso
    > con un processore, o con un disco scsi da
    > 15krpm

    ti assicuro che in questo momento ho sopra la scrivania, tra gli altri:

    hd della Seagate da 500m, funzionante e collegato
    hd della ???(illeggible) da 50m funzionante e collegato(ad un 386-serverino).
    quest'ultimo è talmete massiccio da occupare 2 spazi per hd e fa un casino spaventoso.

    hanno entrambi più di 15 anni, e vanno ancora.

    non si può dire lo stesso dei vari 20,50,80 e 120 giga che hanno neanche 5 anni...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da: avvelenato
    > >
    > > - Scritto da:
    > > > Una volta gli HD avevano una vita media di 10
    > > > anni, ora dopo 3-4 anni in media si
    > > > rompono.
    > > >
    > > > Sì, lo so, tengono millemila volte più dati,
    > ma
    > > > se si
    > > > rompono....
    > > >
    > > > Questo qui è ciucco!
    > >
    > >
    > > A me sembra che anche una volta si rompevano
    > dopo
    > > 3 o 4
    > > anni.
    > >
    > > I dischi di adesso, esattamente come i
    > > processori, hanno requisiti più stringenti di un
    > > vecchio disco da 3200rpm, se lo lasci senza
    > > dissipazione in un case senza ventola ci credo
    > > che non dura una settimana, ma varrebbe lo
    > stesso
    > > con un processore, o con un disco scsi da
    > > 15krpm
    >
    > ti assicuro che in questo momento ho sopra la
    > scrivania, tra gli
    > altri:
    >
    > hd della Seagate da 500m, funzionante e collegato
    > hd della ???(illeggible) da 50m
    > funzionante e collegato(ad un
    > 386-serverino).
    > quest'ultimo è talmete massiccio da occupare 2
    > spazi per hd e fa un casino
    > spaventoso.
    >
    > hanno entrambi più di 15 anni, e vanno ancora.
    >
    > non si può dire lo stesso dei vari 20,50,80 e 120
    > giga che hanno neanche 5
    > anni...


    Beato te, il mio fujitsu da 500mb mi si è mezzo rotto dopo un annetto. Fortuna che era solo roba di qualche cluster (peccato che fossero proprio dei cluster dove c'era roba di sistema....Arrabbiato)
  • prendete e compratene tutti...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)