P2P, mica solo ragazzini

Lo dice FPM

Milano - La Federazione contro la Pirateria musicale, FPM, ha dichiarato di aver studiato i casi legali che riguardano persone denunciate in Italia per condivisione illegale di brani musicali sulle piattaforme del peer-to-peer. Casi che evidenziano come il fenomeno P2P non riguardi soltanto gli utenti più giovani.

"Non sono ragazzini minorenni la maggior parte di coloro che diffondono musica pirata su internet in Italia - si legge in una nota - In base alle statistiche di FPM negli ultimi due anni in Italia sono state denunciate circa 200 persone per violazione della legge sul diritto d'autore, in quanto condividevano brani musicali illegalmente. Tra questi solo uno è un minorenne, pochi gli studenti, la maggior parte sono piccoli imprenditori, lavoratori autonomi o impiegati, di età media sui 30 anni, prevalentemente di sesso maschile".

"Viene quindi - sostiene FPM - delineato un identikit preciso di chi offre illegalmente musica da Internet: fa scalpore il fatto che quasi la metà dei soggetti denunciati siano professionisti, tra i quali anche medici e consulenti informatici, il 30 % studenti, il restante 20% pensionati o disoccupati. Notevole il quantitativo medio di brani musicali messi a disposizione illegalmente, oltre 5 mila file".
14 Commenti alla Notizia P2P, mica solo ragazzini
Ordina
  • "Fa scalpore il fatto che quasi la metà dei soggetti denunciati siano professionisti, tra i quali anche medici e consulenti informatici"

    Mi meraviglia che tra "colleghi" LADRONI non ci sia SOLIDARIETA'!!!!!!
    Newbie, inespertoNewbie, inespertoNewbie, inesperto
    non+autenticato
  • non credo che il ragazzino abbia i soldi per aquistare l'ultimo cd di pincopallo o la versione 2043 di fotoziop

    ma l'adulto deve rispettare la legge, essere responsabile, dare l'esempio: pertanto se sgarra va punito e punito duramente, anche se a causa della sua non sorveglianza sono i figli che si macchiano di reati di pirateria di qualche genere, specie software (a scuola gli dicono che deve avere foziop55, offic 56, e lui li pirata - no, deve essere il padre a procurarglieli, come il resto del materiale scolastico)

    galera, se l'adulto non è un esempio

    non+autenticato
  • Siiiiiiii ?
    Perche non proproni anche la pena di morte ?

    Poi i vari grandi nomi (e sono sicuro che te ne vengono in mente una quantita spropositata) che compiono frodi per milioni di euro ...... beh, a quelli possiamo anche garantire la liberta .. in fondo i criminali sono quelli che scaricano mp3, non quelli che fanno bancarotta fraudolenta .........

    Sai cosa dobbiamo sperare tutti ..... che il popolo continui ad essere una mandria di pecore addomesticate come te ....... altrimenti fossi nei signori che hanno creato queste leggi, beh, comincerei a nascondermi.

    RIDICOLI
    non+autenticato
  • Quando si fanno leggi inique significa che le majors puntano allo "status-quo" del mercato senza pensare ad innovative campagne per promuovere le vendite !
    I cosidetti "pirati" come dicono loro , sono i loro potenziali clienti quindi ,scavandosi la fossa , devono per forza rifarsela con qualcuno - stato di diritto a parte !
    non+autenticato
  • > I cosidetti "pirati" come dicono loro , sono i
    > loro potenziali clienti quindi ,scavandosi la
    > fossa , devono per forza rifarsela con qualcuno
    > - stato di diritto a parte
    > !
    Vuoi dire che i ladri di macchine sono i clienti della mercedes?
    MahA bocca aperta
    non+autenticato
  • Ecco le solite minchiate per giustificare l'iniquità delle leggi e dei provvedimenti contro la pirateria.

    Quando si chiede appoggio governativo contro il fenomeno della pirateria si va con queste cifre da individui inutili e ignoranti (la quasi totalità dei politici) per convincerli a legiferare a loro favore...

    non+autenticato
  • "fa scalpore il fatto che quasi la metà dei soggetti denunciati siano professionisti, tra i quali anche medici e consulenti informatici, il 30 % studenti, il restante 20% pensionati o disoccupati."

    50% professionisti
    30% studenti
    20% pensionati e disoccupati

    E i lavoratori dipendenti? Non li denunciano?
    Come al solito quando si parla di numeri i discografici hanno qualche difficolta': come quando quantificano i danni della pirateria o le percentiali di crescita del P2P, ad esempio.
    Dev'essere per quello che odiano computer e dati digitali Sorride
    non+autenticato
  • 50% e' meta' esatta, non quasi la meta'...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)