WGA Microsoft, chiesta la class action

Gli utenti che si sentono gabbati dalla penultima versione del tool di controllo di Windows hanno intenzione di trascinare BigM in tribunale

San Francisco (USA) - Potrebbe rivelarsi più faticoso del previsto per Microsoft uscire dall'impiccio scaturito dalle polemiche sul suo programma Windows Genuine Advantage: ora c'è chi vuole denunciare l'azienda per quello che ritiene uno spyware, chiamando a raccolta tutti coloro che la pensano allo stesso modo.

L'obiettivo di una denuncia presentata dal cittadino Brian Johnson di Los Angeles presso il Tribunale distrettuale di Seattle, è infatti quello di trasformare il proprio caso in una class action: se il tribunale desse il via libera, questo il ragionamento di Johnson e dei suoi legali, sarebbero centinaia di migliaia gli utenti che potrebbero unirsi per sconfiggere Microsoft in tribunale e chiedere danni all'azienda in caso di vittoria.

La denuncia sostiene che Microsoft abbia "installato software WGA sui sistemi dei consumatori senza prima fornire loro la possibilità di una scelta informata su quel software". A detta dei legali di Johnson, Microsoft ha seguito una "condotta illegale e ambigua nell'installare software di controllo di validità sulle licenze che non è disinstallabile, mascherandolo come aggiornamento di sicurezza".
A finire nel mirino anche la funzionalità, ora ampiamente rivista da Microsoft, che consentiva alla penultima versione del software di contattare con frequenza i server dell'azienda per "riferire" una serie di dati: configurazione di sistema del computer su cui è installato Windows, tipologia di computer, product key, numero IP all'atto della verifica, GUI (Global Unique Identifier), tipologia di BIOS e numero seriale dell'hard disk.

Da parte sua Microsoft ha già commentato la denuncia osservando come prima cosa che il WGA in nessun modo può essere definito uno spyware. Un portavoce ha chiarito: "lo spyware è un software nascosto che viene installato sul computer dell'utente senza il suo consenso e che ha uno scopo malevolo". Dunque WGA non potrebbe essere descritto in questo modo. Il big di Redmond ha dunque definito "priva di fondamento" l'iniziativa legale.

Intanto una nuova polemica viene sollevata su Slashdot: illazioni vorrebbero che dal prossimo autunno tutti gli Windows installati sui PC e privi di WGA cessino di funzionare. A questa enormità, Microsoft per ora non ha risposto.
170 Commenti alla Notizia WGA Microsoft, chiesta la class action
Ordina
  • uscite dal tunnel, attraversate il mar rosso,
    raddizzate la schiena, non accettate di farvi ravanare dappertutto, tra un pò anche da robaccia come drm e deretanium

    fate un'operazione di alta ecologia: formattone ai winzombi

    basta sniffate di dati, basta stress da copia piratata, basta estenuanti ricerche di crack, basta cuggini babbioni, svezzatevi dalle schifezze del pancione

    su, rientrate nei ranghi dell'umanità che ragiona, non inquina, vuole avere diritti
    e dignità
    non+autenticato
  • Mia nipote ha una versione recente di XP ed ha aggiornato il Media Player.

    Adesso quando scarica mp3 da siti leciti tipo www.comradef.com, anche usando Firefox, Windows gli intercetta il download e inizia a suonarglieli senza permettergli di salvarli su disco.
    Anche se Firefox è configurato per salvarli su disco, ti chiede la directory, inizia a scaricare ma poi il file non c'è su disco, lo sta suonando il WMP.

    Ma è normale questo comportamento?


    non+autenticato
  • In generale queste operazioni sono un bene perchè impediscono alle corporation di fare troppo le cattive però... io penso sempre male.

    Microsoft è un facile bersaglio perchè è un monopolista ma i nostri amici discografici dove li mettiamo? E quelli di Hollywood? E' facile attaccare Microsoft ma questi altri sono bene ammanicati e stanno facendo passare le leggi peggiori che ci possano essere. Lo stesso DRM di Microsoft (e IBM e Intel e...) è in buona parte dovuto a questi ultimi.

    Mi viene in mente il caso Unipol. E' stato bloccato perchè erano disonesti o perchè i disonesti non facevano parte del gruppo giusto? A tal proposito mi viene in mente com'è finito il caso Bipop.

    Mah...

    non+autenticato
  • "lo spyware è un software nascosto che viene installato sul computer dell'utente senza il suo consenso e che ha uno scopo malevolo".

    appunto
  • Windows non cesserà mai di funzionare, e anche vista consentirà certamente di essere facilmente crackato: è tutto nell'interesse di microsoft.
    Quello che non capisco è perchè ancora non lo diano gratuitamente...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Windows non cesserà mai di funzionare, e anche
    > vista consentirà certamente di essere facilmente
    > crackato: è tutto nell'interesse di
    > microsoft.
    > Quello che non capisco è perchè ancora non lo
    > diano
    > gratuitamente...
    Fanno come la sony con la psx. Chiamali fessi...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Windows non cesserà mai di funzionare, e anche
    > vista consentirà certamente di essere facilmente
    > crackato: è tutto nell'interesse di
    > microsoft.
    > Quello che non capisco è perchè ancora non lo
    > diano
    > gratuitamente...

    Perché in USA esiste una cosa chiamata antitrust, che di tanto in tanto, saltuariamente (sembra dipendere dai rapporti con l'amministrazione di turno) fa persino finta di funzionare, o minaccia di farlo.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 17 discussioni)