Internet per monitorare gli anziani

Nuova iniziativa nell'Oregon per tranquillizzare le famiglie che trasferiscono in strutture dedicate i propri membri meno giovani ma che vogliono comunque seguirli. Da lontano

Portland (USA) - Una casa di riposo nella quale l'assistenza agli anziani è facilitata attraverso l'utilizzo di alcuni accorgimenti tecnologici. L'iniziativa, presa dall'istituto Oatfield Estate di Milwaukie, Oregon, intende consentire ai propri residenti di essere monitorati giorno e notte.

L'idea, cioè, è di consentire ai familiari di conoscere in qualsiasi momento le condizioni del proprio congiunto parcheggiato nell'istituto, per facilitare anche al personale della struttura il compito di intervenire in caso di bisogno o di malore.

A figli e nipoti basta dunque collegarsi al sito web della casa di riposo per controllare lo stato dell'anziano parente. Una serie di sensori disseminati in ogni ambiente della struttura, perfino nei letti, consentono il monitoraggio della posizione esatta dei residenti. Questa viene rilevata da un badge elettronico che viene fornito a chi ne fa richiesta e consente, sostengono i gestori dell'istituto, di accertarsi se l'ospite sia in buona salute, se non abbia problemi di peso o di insonnia.
Non tutti i residenti di questo istituto si avvalgono della possibilità di essere monitorati: il costo del servizio è elevatissimo, va dai 3.580 ai 6mila dollari al mese (quando la media nazionale statunitense per le normali case di riposo è di 2.905 dollari mensili), dunque non è proprio alla portata di tutte le famiglie. Inoltre agli individui che secondo la casa di riposo presentano particolari caratteristiche, come aggressività e misantropia, non viene concesso, indipendentemente dalla disponibilità economica, il trattamento denominato "Elite Care".

Le apparecchiature di controllo sono ben mimetizzate, tanto da non essere individuabili se non dopo un'accurata ricerca, per cui - spiegano i responsabili della struttura - i visitatori, e in particolare i residenti, non si sentono particolarmente oppressi dagli apparati tecnologici.

Gli esperti statunitensi sono entusiasti di questa novità, poiché secondo loro rappresenta un trampolino di lancio verso l'uso intensivo della tecnologia nell'ambito del tracking degli esseri umani. Il prossimo passo? Ci ha già pensato Verichip, un chippetto sottopelle che in futuro potrebbe raccontare molto, se non tutto, sulla vita dell'impiantato. In diretta web.

Giorgio Pontico
10 Commenti alla Notizia Internet per monitorare gli anziani
Ordina
  • che poi e' il problema che colpisce gli anziani soli non si risolve cosi, questa soluzione serve solo a non far sentire la coscienza sporca a chi sta fuori la casa di riposo col paliativo del "guarda come mi preoccupo! so sempre dove e' grazie a questo widget sul desktop".
    non+autenticato
  • Vi scrive una mamma di cui sapere se un genitore che vive solo in qualuncque momento come stà è una cosa bellissima , perchè non tutti i genitori anziani vogliono andare a vivere con i figli , perchè non vogliono lasciare la casa a cui loro ècara per i ricordi di una vita vissuta in quella casa , ma è comodo anche per chi ha il genitore anziano in casa , perchè non tutti possono permettersi di non dover lavorare e stare insieme al genitore anziano giorno e notte , allora sapere dal posto di lavoro come stà un genitore e poter intervenire immediatamente è una cosa bellissima perchè a volte gli si può salvare la vita .Vi invio un cielo di sorrisi che entrino nelle case di tutto il mondo A bocca aperta ...un abbraccio a tutte le persone che soffrono *SorrideSorride Da una mamma di nome Angela
  • "L'idea, cioè, è di consentire ai familiari di conoscere in qualsiasi momento le condizioni del proprio congiunto parcheggiato nell'istituto, per facilitare anche al personale della struttura il compito di intervenire in caso di bisogno o di malore."

    Newbie, inesperto
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > "L'idea, cioè, è di consentire ai familiari di
    > conoscere in qualsiasi momento le condizioni del
    > proprio congiunto
    parcheggiato
    > nell'istituto, per facilitare anche al
    > personale della struttura il compito di
    > intervenire in caso di bisogno o di
    > malore."

    >
    > Newbie, inesperto

    Si per es. il Sig. Rollo Rois è parcheggiato al secondo piano, spazio 1D.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > "L'idea, cioè, è di consentire ai familiari di
    > conoscere in qualsiasi momento le condizioni del
    > proprio congiunto
    parcheggiato
    > nell'istituto, per facilitare anche al
    > personale della struttura il compito di
    > intervenire in caso di bisogno o di
    > malore."

    >
    > Newbie, inesperto

    ..o nel caso il malore tardasse ad arrivare!
    D'altronde si sa: i parcheggi costano. Ormai è tutto zona blu. E se la "cosa" è vecchia, il gioco non vale la candela.
    non+autenticato
  • E il parchimetro correee!!!!!!!!!
    non+autenticato
  • cdo.
    Dopo essersi scaricati del peso degli anziani, si scaricano anche del peso sulla coscienza trattandoli peggio dei cani alla catena.
    Chissenefrega di andare a trovarli e mostrare un minimo di UMANA SOLIDARIETA', tanto li si può osservare da casa come cavie mentre si pensa ai beati affaracci propri! ArrabbiatoCylon
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > cdo.
    > Dopo essersi scaricati del peso degli anziani, si
    > scaricano anche del peso sulla coscienza
    > trattandoli peggio dei cani alla
    > catena.
    > Chissenefrega di andare a trovarli e mostrare un
    > minimo di UMANA SOLIDARIETA', tanto li si può
    > osservare da casa come cavie mentre si pensa ai
    > beati affaracci propri!
    >ArrabbiatoCylon

    l'uomo è egoista
    avvelenato
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > cdo.
    > > Dopo essersi scaricati del peso degli anziani,
    > si
    > > scaricano anche del peso sulla coscienza
    > > trattandoli peggio dei cani alla
    > > catena.
    > > Chissenefrega di andare a trovarli e mostrare un
    > > minimo di UMANA SOLIDARIETA', tanto li si può
    > > osservare da casa come cavie mentre si pensa ai
    > > beati affaracci propri!
    > >ArrabbiatoCylon
    >
    > l'uomo è egoista
    > avvelenato

    Verissimo, ma che non usi questa condizione come scusa per comportarsi male.

  • - Scritto da: Zuljin
    >
    > - Scritto da:
    > >
    > > - Scritto da:
    > > > cdo.
    > > > Dopo essersi scaricati del peso degli anziani,
    > > si
    > > > scaricano anche del peso sulla coscienza
    > > > trattandoli peggio dei cani alla
    > > > catena.
    > > > Chissenefrega di andare a trovarli e mostrare
    > un
    > > > minimo di UMANA SOLIDARIETA', tanto li si può
    > > > osservare da casa come cavie mentre si pensa
    > ai
    > > > beati affaracci propri!
    > > >ArrabbiatoCylon
    > >
    > > l'uomo è egoista
    > > avvelenato
    >
    > Verissimo, ma che non usi questa condizione come
    > scusa per comportarsi
    > male.


    Eh? Non ho capito il senso! Uno che si comporta male usa la scusa di comportarsi male per comportarsi male?
    ...della serie: io ho capito...ma tu che hai detto?
    non+autenticato