William H. lancia il decennio africano

Dieci anni di fuoco: sotto il sole del continente nero si svilupperanno nuove reti, elettriche ed elettroniche, e una nuova cultura digitale. Lavoriamo insieme, questo il motto del founder di Microsoft. Si parte dalla formazione IT

Roma - Africa online, promessa di Bill Gates. Grazie allo sviluppo della tecnologia wireless, il fondatore del colosso di Redmond fissa l'obiettivo: portare il web nel continente nero a prezzo e condizioni accessibili.

Parla di certezze Bill Gates, fondatore di Microsoft e insieme alla moglie titolare della Bill & Melinda Gates Foundation, il più ricco ente benefico del pianeta. Certezze basate non solo sulla notevole risorsa economica di cui dispone la fondazione, ma anche sui recenti passi in avanti nella ricerca tecnologica. Portare internet in Africa è cosa possibile, assicura, ma bisogna innanzitutto migliorare ed ottimizzare le carenti risorse tecniche dell'area: in Africa in pochi vivono in luoghi raggiunti da energia elettrica e per molti una linea telefonica è un vero e proprio lusso.

A corroborare lo sviluppo infrastrutturale dovrà intervenire la formazione IT: con partnership pubbliche e private Gates prevede sul lungo termine, da qui ad una decina d'anni, la possibilità di introdurre all'informatica almeno 45 milioni di persone.
Sul piano della connettività, la soluzione individuata è incentrata sullo sviluppo della rete wireless. "L'accesso ad internet costa molto di più nelle zone dove vi sono meno utenti connessi" dichiara Gates ai leader africani intervenuti al Microsoft Government Leaders Forum for Africa di Johannesburg, un incontro presenziato anche dall'ex presidente degli USA Bill Clinton. "Nelle zone urbane i costi d'accesso al web sono elevati e nelle zone rurali lo sono ancora di più, mentre in altre zone il servizio è semplicemente non disponibile. Noi guideremo quest'incremento delle risorse nel mondo in via di sviluppo".

Progetto a lungo termine quello portato avanti dalla sua fondazione: incrementando la capacità e capillarità della rete elettrica si creeranno nuovi scenari e la domanda di mercato di servizi telematici crescerà con il successivo abbassamento dei costi di fornitura dei servizi e produzione. La visione di Gates dovrebbe concretizzarsi nei prossimi 5-10 anni: "Anche se adesso ogni particolare sembra difficoltoso, guardando verso il futuro, in un decennio saremo in grado di ottenere una situazione tale da permettere di sfruttare tecnologie molto più economiche di quelle attuali".

Gates torna sul suo cavallo di battaglia di sempre: internet e tecnologia come chiavi di volta per la crescita dei paesi in via di sviluppo, marce in più che permetterebbero di abbattere i muri del digital divide. "La tecnologia - ribadisce Gates - rende il mondo un posto meno vasto e, in particolar modo per gente che non vive nei centri urbani, (il wireless, ndr.) potrebbe essere rivoluzionario". "Il costo esorbitante necessario per connettere i computer al World Wide Web è stato spesso citato come il fattore che più inibisce l'accesso all'autostrada dell'informazione, soprattutto in Africa", prosegue il fondatore di Microsoft.

Ma sono collaborazione e cooperazione i tasti su cui preme di più il chairman Microsoft. "Perché l'Africa divenga davvero competitiva nell'economia globale, è essenziale una collaborazione strategica tra aziende, governi e organizzazioni non governative". Parole che pesano, visto il peso del personaggio e della sua Foundation.

Gli fa eco, peraltro, Bill Clinton, dichiarando ai giornalisti come la tecnologia abbia permesso di espandere le opportunità di milioni di persone in tutto il mondo: "Sia che favorisca l'incrementarsi dell'accesso all'informazione, all'educazione o alla sanità, sia che permetta la crescita del potere collettivo del singolo permettendone una maggiore e migliore aggregazione, la tecnologia ha un ruolo importante per creare e rendere dinamica e competitiva l'Africa". Clinton ha anche reso omaggi alle politiche sanitarie di lungo periodo che la Gates Foundation porta avanti in Africa soprattutto sul fronte di AIDS e Malaria.

Lo stesso Clinton in compagnia di Gates si è recato poi nel Lesotho, ancora una volta per spingere a nuove politiche e nuove consapevolezze sulla diffusione delle malattie, in particolare l'AIDS, in queste aree ancora una gravissima piaga.

Vincenzo Gentile
16 Commenti alla Notizia William H. lancia il decennio africano
Ordina

  • Più chiaro di questo ! Che non si tratta di una associazione "scopo benefico" , ma di una associazione per ridurre le tasse e sviluppare il commercio dei soliti noti !

    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    mda
    783

  • - Scritto da: mda
    >
    > Più chiaro di questo ! Che non si tratta di una
    > associazione "scopo benefico" , ma di una
    > associazione per ridurre le tasse e sviluppare il
    > commercio dei soliti noti
    > !
    >
    > Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    o per preparare un terreno di "consumatori" tra 10 anni
    non+autenticato
  • C'è il rischio che i PAESI IN VIA DI SVILUPPO si... sviluppino con SOFTWARE LIBERO.

    Miliardi di UTENTI LIBERI?

    Non sia mai!!
    Non si può rischiare di perdere bella fetta del mondo, una fetta di futuri utenti...

    Come rimediare?

    C'è chi vede pericoli in ciò che rappresenta la Microsoft e, tra il popolo, Bill è visto come un imperatore.
    Cosa serve ad un imperatore per poter mantenere il potere?

    forza fisica (il denaro)
    forza coercitiva (le licenze, le royalties)

    manca il consenso.
    La filosofia del Software Libero riesce molto bene a trovare consenso negli stili di vita di gran parte dei paesi in via di sviluppo.
    Quindi, l'opinione pubblica, se lasciata a se stessa, opterebbe inesorabilmente verso la soluzione proposta dal Software Libero.

    L'unico modo per cercare di trovare consenso è quella di apparire come il Buon Imperatore. Una storia vecchia come il mondo.

    Certo che fa del bene, ora. Ma quali saranno le conseguenze a lungo termine?

    ___________

    Ora, questo è solo un possibile modo di vedere la cosa. Ma è la più ovvia.
    Ed anche se Bill (impazzito) non lo facesse con spirito imprenditoriale, le conseguenze sarebbero le stesse.

    La questione tra Bill ed il Software Libero è roba veramente personale. E' un odio viscerale che è stato ufficializzato con la celebre "lettera agli hobbisti" risalente al '79 o giù di lì. E tutt'oggi, se si presta attanzione si può leggere lo stesso odio nei suoi discorsi e nelle sue iniziative. Naturalmente ognuno ci può leggere cosa vuole.

    Quale poi, sia la vera ed unica soluzione per i paesi in via di sviluppo, è un altro discorso.
    Software Proprietario o Software Libero ?

    Questo prescinde dal discorso che ho fatto prima.

    ____________

    ps. credo che 80% dei lettori sia d'accordo con me. Non ho detto nulla di nuovo.
    Il mio sforzo va nel cercare di stuzzicare le persone che certe domande, non se le sono ancora poste.



    HACK THE FACTS !

    non+autenticato
  • Bill gates ha capito che il nuovo schiavismo non si fa con le catene ma con il software.
    Più il suo modelli software saranno diffusi dei paesi in via di sviluppo è legato alla azienda è più il controllo culturale ed intelletuale sarà forte:

    Il media è più importante del messaggio: Accettare la carità dell ricco filantropo americano in connettevità, software oltre medicine e cibo vuol dire accettare la sua "autorità" morale intelluale.

    Africa dite di NO a Gates e cercate un nuovo modello di sviluppo economico ( e software) Fan Linux

    Il petrolio tra qualche anno raggiungera il picco -> crisi economica -> crisi microsoft?
    non+autenticato
  • http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1530642

    Gates annuncia: sarò solo part time in Microsoft: Il chairman e fondatore di Microsoft Bill Gates ha annunciato che tra due anni rallenterà i ritmi nel suo impegno nell'azienda [...] dedicandosi invece completamente alla "Bill and Melinda Gates Foundation", il maggiore ente di beneficienza americano.

    In questo articolo: Parla di certezze Bill Gates, fondatore di Microsoft e insieme alla moglie titolare della Bill & Melinda Gates Foundation, il più ricco ente benefico del pianeta.

    Decide di dedicarsi a tempo pieno alla sua fondazione benefica... E la stessa fondazione cerca di portare un certo sistema operativo con le finestre in Africa...

    Sento puzza di marketing...

  • - Scritto da: Fidech
    > http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1530642
    >
    > Gates annuncia: sarò solo part time in Microsoft:
    > Il chairman e fondatore di Microsoft Bill Gates
    > ha annunciato che tra due anni rallenterà i ritmi
    > nel suo impegno nell'azienda [...] dedicandosi
    > invece completamente alla "Bill and Melinda Gates
    > Foundation", il maggiore ente di beneficienza
    > americano.
    >
    > In questo articolo: Parla di certezze Bill Gates,
    > fondatore di Microsoft e insieme alla moglie
    > titolare della Bill & Melinda Gates Foundation,
    > il più ricco ente benefico del
    > pianeta.
    >
    > Decide di dedicarsi a tempo pieno alla sua
    > fondazione benefica... E la stessa fondazione
    > cerca di portare un certo sistema operativo con
    > le finestre in
    > Africa...
    >
    > Sento puzza di marketing...

    Windows: la finestra spalancata sull'inferno!!! Indiavolato
    non+autenticato
  • Ottima iniziativa , meglio che niente.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)