Chi cerca open source trova Ohloh

Il nuovo search sull'open source cerca di distinguersi per ricchezza e attendibilità di informazioni. Forniti anche dati e statistiche che semplificano la comparazione tra progetti

Bellevue (USA) - Chi ha la necessità di cercare e comparare software open source, ha oggi a disposizione un nuovo strumento: Ohloh. Si tratta di un servizio web gratuito che, oltre a fungere da directory di software open source, fornisce una dettagliata serie di informazioni sui relativi progetti.

Dei software e dei progetti indicizzati dal sito, e ricercabili per mezzo di un motore di ricerca, Ohloh fornisce informazioni quali età del progetto, link, tipo di licenza, numero degli sviluppatori attivi e loro salario medio, linguaggio di programmazione utilizzato, numero delle linee di codice, stima del costo complessivo di sviluppo, e due tabelle grafiche che mostrano il livello di attività (espresso in tempo e in codice) di ciascun programmatore. Di ogni software, Ohloh fornisce anche una lista di progetti simili o a questo relazionati, così da facilitare la comparazione tra software (ad esempio, verificare la compatibilità della licenza).

"Abbiamo fondato Ohloh perché ci siamo accorti di quanto sia difficile, per utenti e sviluppatori, cercare e valutare un software open source utilizzando i motori di ricerca, le directory e le community esistenti", ha affermato Scott Collison, CEO di Ohloh. "Il nostro servizio gratuito fornisce una ricchezza di informazioni ed un livello di attendibilità che oggi non trova pari sul Web".
Collison sostiene che il proprio servizio raccoglie le proprie informazioni direttamente dai singoli progetti catalogati, rifacendosi agli strumenti di tracking delle attività e del codice utilizzati dagli sviluppatori. Questo contribuisce, secondo il boss dell'azienda, a rendere Ohloh "qualcosa di ben diverso dalle directory e community tradizionali", quali SWiK, Freshmeat o SourceForge.

Il servizio, attualmente in beta testing, prende il nome dalla stessa società che lo gestisce, fondata in USA da due ex dipendenti di Microsoft: Collison e Jason Allen. Curiosamente sono ex Microsoft anche i due principali finanziatori dell'azienda, Paul Maritz e Pradeep Singh. I quattro soci sperano di guadagnare dall'iniziativa offrendo, nel prossimo futuro, servizi a pagamento destinati alle aziende e agli sviluppatori open source. Collison non ha escluso la possibilità, in futuro, di dedicare un servizio analogo anche ai software proprietari.
37 Commenti alla Notizia Chi cerca open source trova Ohloh
Ordina
  • Da quello che si evince dalla notizia sembra proprio che i due autori del progetto OhLoh abbiano intenzione di guadagnare denaro su un lavoro che orbita nel mondo Open Source, ebbene siamo stanchi di questi finti filantropi e benefattori dell'umanità

    il software DEVE ESSERE GRATIS, punto, non deve esserci nessuna scusa o escamotage per spillare soldi a nessuno

    chi ama il software ama il sapere e la cultura e la storia umana e non si farà mai pagare per lo sviluppo di un software...

    è come se io decidessi di farmi pagare da voi per aver scritto queste parole, ma non ci penso nemmeno!

    *** software libero, pensiero libero (RMS) ***

    Fan LinuxFan LinuxFan LinuxFan Linux
    non+autenticato
  • Beati voi figli di papà che non avete bisogno di lavorare!

    - Scritto da:
    > Da quello che si evince dalla notizia sembra
    > proprio che i due autori del progetto OhLoh
    > abbiano intenzione di guadagnare denaro su un
    > lavoro che orbita nel mondo Open Source, ebbene
    > siamo stanchi di questi finti filantropi e
    > benefattori
    > dell'umanità
    >
    > il software DEVE ESSERE GRATIS, punto, non deve
    > esserci nessuna scusa o escamotage per spillare
    > soldi a
    > nessuno
    >
    > chi ama il software ama il sapere e la cultura e
    > la storia umana e non si farà mai pagare per lo
    > sviluppo di un
    > software...
    >
    > è come se io decidessi di farmi pagare da voi per
    > aver scritto queste parole, ma non ci penso
    > nemmeno!
    >
    > *** software libero, pensiero libero (RMS) ***
    >
    > Fan LinuxFan LinuxFan LinuxFan Linux
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > Beati voi figli di papà che non avete
    > bisogno di lavorare!

    Tu che ci fai su PI ? Cazgi sui forum he ?
    A lavorare a lavorare, giu' la testa tu che non puoi permetterti di non farlo.


    > - Scritto da:
    > > Da quello che si evince dalla notizia sembra
    > > proprio che i due autori del progetto OhLoh
    > > abbiano intenzione di guadagnare denaro su un
    > > lavoro che orbita nel mondo Open Source, ebbene
    > > siamo stanchi di questi finti filantropi e
    > > benefattori
    > > dell'umanità
    > >
    > > il software DEVE ESSERE GRATIS, punto, non deve
    > > esserci nessuna scusa o escamotage per spillare
    > > soldi a
    > > nessuno
    > >
    > > chi ama il software ama il sapere e la cultura e
    > > la storia umana e non si farà mai pagare per lo
    > > sviluppo di un
    > > software...
    > >
    > > è come se io decidessi di farmi pagare da voi
    > per
    > > aver scritto queste parole, ma non ci penso
    > > nemmeno!
    > >
    > > *** software libero, pensiero libero (RMS) ***
    > >
    > > Fan LinuxFan LinuxFan LinuxFan Linux
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > - Scritto da:
    > > Beati voi figli di papà che non avete
    > > bisogno di lavorare!
    >
    > Tu che ci fai su PI ? Cazgi sui forum he ?
    > A lavorare a lavorare, giu' la testa tu che non
    > puoi permetterti di non
    > farlo.
    >
    >

    A bocca apertaA bocca aperta
    E voi sareste quelli che "abbasso il capitalismo e viva i lavoratori???"
    Non ti preoccupare adesso arrivano i signori con la camicia bianca e non sentirai più nulla!



    > > - Scritto da:
    > > > Da quello che si evince dalla notizia sembra
    > > > proprio che i due autori del progetto OhLoh
    > > > abbiano intenzione di guadagnare denaro su un
    > > > lavoro che orbita nel mondo Open Source,
    > ebbene
    > > > siamo stanchi di questi finti filantropi e
    > > > benefattori
    > > > dell'umanità
    > > >
    > > > il software DEVE ESSERE GRATIS, punto, non
    > deve
    > > > esserci nessuna scusa o escamotage per
    > spillare
    > > > soldi a
    > > > nessuno
    > > >
    > > > chi ama il software ama il sapere e la
    > cultura
    > e
    > > > la storia umana e non si farà mai pagare per
    > lo
    > > > sviluppo di un
    > > > software...
    > > >
    > > > è come se io decidessi di farmi pagare da voi
    > > per
    > > > aver scritto queste parole, ma non ci penso
    > > > nemmeno!
    > > >
    > > > *** software libero, pensiero libero (RMS) ***
    > > >
    > > > Fan LinuxFan LinuxFan LinuxFan Linux
    non+autenticato
  • > E voi sareste quelli che "abbasso il capitalismo
    > e viva i lavoratori???"
    >
    > Non ti preoccupare adesso arrivano i signori con
    > la camicia bianca e non sentirai più nulla!

    Quando passano? Devo chiedergli un'altra camicia di forza che sento freddo...
    non+autenticato
  • Che cosa fai nella vita bamboccio?

    - Scritto da:
    > Da quello che si evince dalla notizia sembra
    > proprio che i due autori del progetto OhLoh
    > abbiano intenzione di guadagnare denaro su un
    > lavoro che orbita nel mondo Open Source, ebbene
    > siamo stanchi di questi finti filantropi e
    > benefattori
    > dell'umanità
    >
    > il software DEVE ESSERE GRATIS, punto, non deve
    > esserci nessuna scusa o escamotage per spillare
    > soldi a
    > nessuno
    >
    > chi ama il software ama il sapere e la cultura e
    > la storia umana e non si farà mai pagare per lo
    > sviluppo di un
    > software...
    >
    > è come se io decidessi di farmi pagare da voi per
    > aver scritto queste parole, ma non ci penso
    > nemmeno!
    >
    > *** software libero, pensiero libero (RMS) ***
    >
    > Fan LinuxFan LinuxFan LinuxFan Linux
    non+autenticato

  • > siamo stanchi di questi finti filantropi e
    > benefattori
    > dell'umanità
    >
    > il software DEVE ESSERE GRATIS, punto, non deve
    > esserci nessuna scusa o escamotage per spillare
    > soldi a nessuno

    Oddio. E ho pure perso circa 10 minuti prima per fare un bel post di spiegazione su questa faccenda.

    http://punto-informatico.it/pm.aspx?m_id=1582295&i...

    (spero tu lo legga, e' su una notizia di ieri o l'altro ieri, ho visto con la notifica mail che mi hai risposto oggi (il che la dice lunga sul tempo che passi sul forumA bocca aperta))

    Non so cosa sperare.
    Potrei sperare che tu sia un anima un po' troppo naive, troppo giovane e con scarsa idea di quello che e' il mondo del lavoro.
    Spero che le mie parole del post linkato sopra in quel caso ti abbiano un po' aiutato.

    Oppure, se non sei giovanissimo, mi tocca sperare che tu sia un troll. Perche' e' demoralizzante credere che si arrivi a livelli di fanatismo cosi' insensato.

    O troll, o fanatico, o ingenuo.
    L'ingenuita' non e' necessariamente un male.
    Dimmi dove staiSorride

  • - Scritto da: mikeUS
    >
    > > siamo stanchi di questi finti filantropi e
    > > benefattori
    > > dell'umanità
    > >
    > > il software DEVE ESSERE GRATIS, punto, non deve
    > > esserci nessuna scusa o escamotage per spillare
    > > soldi a nessuno
    >
    > Oddio. E ho pure perso circa 10 minuti prima per
    > fare un bel post di spiegazione su questa
    > faccenda.
    >
    > http://punto-informatico.it/pm.aspx?m_id=1582295&i
    >
    > (spero tu lo legga, e' su una notizia di ieri o
    > l'altro ieri, ho visto con la notifica mail che
    > mi hai risposto oggi (il che la dice lunga sul
    > tempo che passi sul forum
    >A bocca aperta))
    >
    > Non so cosa sperare.
    > Potrei sperare che tu sia un anima un po' troppo
    > naive, troppo giovane e con scarsa idea di quello
    > che e' il mondo del
    > lavoro.
    > Spero che le mie parole del post linkato sopra in
    > quel caso ti abbiano un po'
    > aiutato.
    >
    > Oppure, se non sei giovanissimo, mi tocca sperare
    > che tu sia un troll. Perche' e' demoralizzante
    > credere che si arrivi a livelli di fanatismo
    > cosi'
    > insensato.
    >
    > O troll, o fanatico, o ingenuo.
    > L'ingenuita' non e' necessariamente un male.
    > Dimmi dove staiSorride

    mi dispiace ma il tuo non è altro che un concetto liberale con la coda di paglia e che ha sposato il capitalismo

    il software deve essere gratis come tutte le cose astratte di questo mondo (musica, parole, poesie, ecc...), se poi hai bisogno di denaro (cosa di cui potremmo tutti farne a meno in un mondo più giusto) per vivere, puoi sempre chiedere delle donazioni come fanno tutti i programmatori open source di questo mondo oppure svolgere delle attività (falegname, medico, ecc..)

    ps. ho letto il tuo post dell'altro ieri e penso proprio che stallman stia dalla mia parte

    e il tempo mi darà ragione

    http://www.stampalternativa.it/liberacultura/books...

    *** Tutti i tipi di sviluppo possono essere finanziati da una Tassa per il
    Software (RMS) ***

    Fan Linux
    non+autenticato

  • > mi dispiace ma il tuo non è altro che un concetto
    > liberale con la coda di paglia e che ha sposato
    > il
    > capitalismo

    Beh, allora c'e' un problema politico di fondo.
    Io non credo che il capitalismo in se sia il male...E l'opensource non e' MAI stato in XOR con il capitalismo.

    > il software deve essere gratis come tutte le cose
    > astratte di questo mondo (musica, parole, poesie,
    > ecc...)

    Dunque un professore universitario (che nelle sue lezioni dice PAROLE) non dovrebbe essere pagato.


    , se poi hai bisogno di denaro (cosa di
    > cui potremmo tutti farne a meno in un mondo più
    > giusto)

    Si', anche a me piace Star TrekA bocca aperta
    Sembra bello un mondo senza soldi, ma il discorso e' un po' complesso e sinceramente non lo saprei affrontare con cognizione di causa.
    Ma siamo nel 2006, i soldi esistono.

    > per vivere, puoi sempre chiedere delle
    > donazioni come fanno tutti i programmatori
    > open source di questo mondo oppure svolgere
    > delle attività (falegname, medico, ecc..)

    E' piu' importante un medico o un programmatore, per l'umanita'?
    Seguendo questo ragionamento il medico non dovrebbe essere pagato...potrebbe fare un'altra attivita' oltre al medico...il falegname?


    > ps. ho letto il tuo post dell'altro ieri e penso
    > proprio che stallman stia dalla mia
    > parte
    >
    > e il tempo mi darà ragione

    Spero di no, o mi tocca imparare a usare la pialla.

    > *** Tutti i tipi di sviluppo possono essere
    > finanziati da una Tassa per
    > il
    > Software (RMS) ***

    Uhm si'...questa suona di Stallman, ma torniamo al problema politico.
    Stallman, che ho avuto il piacere di sentire dal vivo, non ha MAI escluso a priorio la commerciabilita' del sw libero, anzi il contrario.

    Il concetto e' che tu non vendi "il software", inteso come la scatola presa dallo scaffale.
    Vendi il tuo lavoro per averlo svolto, o vendi le tue conoscenze per fare assistenza.
    Poi il software e' libero e si puo' distribuire gratis, o coprendo i costi dei supporti.

    Ti sembra illiberale? Ti sembra capitalistico?
    La discussione mi piaceSorride spero continui.
  • Ah, e leggi da pagina 17 a pagina 20 dell'ebook che mi hai linkato (di cui ti ringrazio, ho poco tempo per leggerlo ma lo sto sfogliando)

  • - Scritto da: mikeUS
    >
    > > mi dispiace ma il tuo non è altro che un
    > concetto
    > > liberale con la coda di paglia e che ha sposato
    > > il
    > > capitalismo
    >
    > Beh, allora c'e' un problema politico di fondo.
    > Io non credo che il capitalismo in se sia il
    > male...E l'opensource non e' MAI stato in XOR con
    > il
    > capitalismo.
    >
    > > il software deve essere gratis come tutte le
    > cose
    > > astratte di questo mondo (musica, parole,
    > poesie,
    > > ecc...)
    >
    > Dunque un professore universitario (che nelle sue
    > lezioni dice PAROLE) non dovrebbe essere
    > pagato.
    >
    >
    > , se poi hai bisogno di denaro (cosa di
    > > cui potremmo tutti farne a meno in un mondo più
    > > giusto)
    >
    > Si', anche a me piace Star TrekA bocca aperta
    > Sembra bello un mondo senza soldi, ma il discorso
    > e' un po' complesso e sinceramente non lo saprei
    > affrontare con cognizione di
    > causa.
    > Ma siamo nel 2006, i soldi esistono.
    >
    > > per vivere, puoi sempre chiedere delle
    > > donazioni come fanno tutti i programmatori
    > > open source di questo mondo oppure svolgere
    > > delle attività (falegname, medico, ecc..)
    >
    > E' piu' importante un medico o un programmatore,
    > per
    > l'umanita'?
    > Seguendo questo ragionamento il medico non
    > dovrebbe essere pagato...potrebbe fare un'altra
    > attivita' oltre al medico...il
    > falegname?
    >
    >
    > > ps. ho letto il tuo post dell'altro ieri e penso
    > > proprio che stallman stia dalla mia
    > > parte
    > >
    > > e il tempo mi darà ragione
    >
    > Spero di no, o mi tocca imparare a usare la
    > pialla.
    >
    > > *** Tutti i tipi di sviluppo possono essere
    > > finanziati da una Tassa per
    > > il
    > > Software (RMS) ***
    >
    > Uhm si'...questa suona di Stallman, ma torniamo
    > al problema
    > politico.
    > Stallman, che ho avuto il piacere di sentire dal
    > vivo, non ha MAI escluso a priorio la
    > commerciabilita' del sw libero, anzi il
    > contrario.
    >
    > Il concetto e' che tu non vendi "il software",
    > inteso come la scatola presa dallo
    > scaffale.
    > Vendi il tuo lavoro per averlo svolto, o vendi le
    > tue conoscenze per fare
    > assistenza.
    > Poi il software e' libero e si puo' distribuire
    > gratis, o coprendo i costi dei
    > supporti.
    >
    > Ti sembra illiberale? Ti sembra capitalistico?
    > La discussione mi piaceSorride spero continui.


    Il medico, il musicante, il professore vanno pagati, è ovvio, per quello che fanno, e per quello che hanno fatto, se riescono a venderlo, ma che "brevettino" i loro prodotti una volta messi sul mercato o rendano illegali le copie senza la tassa e la loro semplice diffusione è forse appropriazione indebità della altrui libertà. E' sufficiente che l'autore sia proprietario delle vendite di ciò che produce, non anche della libera diffusione. Il problema nasce dalla paura. L'artista ha paura che poi nessuno paghi per quello che ha fatto. Ma non è detto che tutti siano avari e che non abbiano la gentilezza di farlo, premiando la qualità. La differenza è tra diritto d'autore sulle vendite e diritto sulle copie e le riproduzioni. Se io imparo una lezione all'università, poi posso impararla a memoria e ripeterla pari pari. Se lo faccio gratuitamente mi devrebbe essere concessa anche la possibilità di usare una registrazione, lo stesso con la musica diffusa alla radio o quella usata dal deejay in una discoteca. (L'unica cosa proprietaria di una registrazione è la voce dell'autore, che viola la sua privacy, ma se l'autore ha già autorizzato pubblicamente la diffusione parlando in una scuola pubblica senza vietare la registrazione il problema non esiste, salvo poi che si penta di averla autorizzata.) Impedire la diffusione della musica non è difendere il diritto d'autore, è volere un diritto sull'opera. Ma se l'opera è stata venduta da te una volta, la prima, quante volte ti dev'essere pagata? Sulle lezioni registrate di un professore all'università nessuno deve lucrare, ma non deve diventare illegale la duplicazione o la diffusione gratuita (purché egli stesso abbia autorizzato la registrazione e quindi responsabilizzato l'uditorio) Meglio di tutti ha fatto la Microsoft, che ha tenuto per sé il codice sorgente. Ma se non l'avesse fatto, il suo progetto sarebbe dovuto comunque essere automaticamente "open". Poi sono d'accordo con te. Non c'è nulla di male perfezionare qualcosa di "open" e venderlo. Senza soldi non si fa nulla. Ma se lo vendi e non riesci a tenere per te, in pratica e non per legge, il suo codice, sono problemi tuoi. Tutte le professioni si basano sulla libera ricerca e sulle scoperte di altri, anche il medico è pagato per esercitare competenze che ha imparato da altri, spesso gratuitamente. Se tutti avessero brevettato tutto o avessero i diritti d'autore saremmo qui tutti con le mani legate. Per fortuna allora che gli autori muoiono. Certo, per evitare che li ammazzino tutti hanno deciso che solo dopo settant'anni dalla morte le opere siano svincolate, che in sé stessa è una assurdità.
    non+autenticato
  • Google, per esempio.
    O Yahu, o exite, o msn search quantanche, o laicos...ce n'è per tutti i gusti, non se ne sentiva certo il bisogno.

    Per tutti gli opensorciari all'ascolto:

    www.google.it

    non+autenticato
  • Leggi l'articolo prima di scrivere.
    non+autenticato
  • guarda che l'ha letto, trollone da corsa.
    non+autenticato
  • allora forse non l'ha capito
    non+autenticato
  • sarebbe utikle avere "disponibiltà binari compilati per sistemi operativi:" e la lista/link
    non+autenticato