Washington disegna un Web a misura di bimbo

Varata la legge per proteggere i minori da sesso e droga: fino a 20 anni di reclusione per i webmaster di siti che permettono l'accesso a contenuti espliciti ai minorenni o li ingannano trascinandoli su pagine porno

Washington (USA) - Il Senato federale degli Stati Uniti ha approvato un disegno di legge, chiamato Child Protection and Safety Act, ideato per punire severamente i webmaster che espongono gli utenti minorenni a contenuti pornografici non desiderati.

Manca solo la firma di Bush, dopodiché i responsabili dei siti che reindirizzano verso foto e video "piccanti" senza protezioni e disclaimer rischieranno fino a 20 anni di reclusione.

La normativa, a detta di molti osservatori, è poco chiara su molti nodi essenziali: secondo l'esperto Declan McCullagh, rischia di finire in galera chi "utilizzerà parole chiave o immagini atte a confondere un minorenne per indurlo a visitare un sito potenzialmente pericoloso". Definire delle pagine pornografiche con parole o metadati che si richiamano a cartoni animati o fumetti per bambini, ad esempio, costituirà un'aggravante in caso di denuncia.
Questo significa che i vari siti pornografici creati per generare preziose impression dai risultati dei motori di ricerca dovranno obbligatoriamente revisionare l'uso di parole chiave fin qui sfruttate. Il reato, in base all'interpretazione dei testi ufficiali, sussisterebbe solo ed esclusivamente se l'inserimento di parole chiave ed immagini "trappola" fosse del tutto intenzionale. "L'approvazione di questa legge", ha dichiarato il Procuratore Generale degli Stati Uniti Alberto Gonzales, "proteggerà in maniera più efficace i bambini dal peggior incubo dei genitori americani: stupratori e maniaci".

Al di là di questo punto piuttosto nebuloso ed aperto all'interpretazione dei giudici, il nuovo decreto prevede l'introduzione di pesantissime pene per chi vende online le cosiddette "date rape drug", sostanze farmaceutiche spesso utilizzate dagli stupratori per stordire vittime ignare e costringerle a rapporti sessuali. I colpevoli di reati di tipo sessuale, i cosiddetti "sexual predator", verranno obbligati ad utilizzare bracciali elettronici GPS affinché possano essere controllati e rintracciati dalle forze dell'ordine.

L'FBI aumenterà inoltre l'attività di prevenzione online e godrà di nuovi poteri per perseguire lo scambio online di materiale pedopornografico e lo sfruttamento dei minori. Nelle ultime settimane un webmaster è stato condannato a 150 anni di reclusione per aver sfruttato un minorenne ed averlo filmato in comportamenti osceni: i legislatori statunitensi sembrano pertanto decisissimi a proseguire la lotta all'abuso pedofilo col pugno di ferro.
55 Commenti alla Notizia Washington disegna un Web a misura di bimbo
Ordina
  • ho una soluzione drastica,tagliare tutti i piselli ai bambini appena nati,niente sesso
    niente pornografia!!!
    non+autenticato
  • Il governo inglese è affettuoso, si preoccupa e fa grandi sforzi per dare una formazione morale ai giovani britannici. Probabilmente pensano che la virtù e la moralità dovrebbero essere identificate con il loro ordine del giorno politico e non con la famiglia.
    Stiamo andando verso un nuovo nazismo che ci vuole tutti perfettini e gli intellettuali tacciono!
    non+autenticato
  • scusate ho sbagliato notizia dovevo postarlo su londa contro il bullismo,
    Chiedo scusa
    non+autenticato
  • In Italia il massimo previsto per un processo con rito abbreviato è 30 anni di reclusione.
    Anche se hai massacrato un milione di persone.

    Dare 20 anni per una pagina web dai contenuti perfettamente legali e che oggi è la normalità è oltraggioso.
    non+autenticato
  • Non c'è più fine al peggio. Si salvi chi può!
    non+autenticato
  • Lo Stato sottrae ai genitori una parte di libertà di educare i propri figli in nome della individualità dei figli, i quali hanno prima di tutto dei genitori ma al contempo diritti. QUindi i poteri dei genitori sui figli è limitata dallo Stato in nome dei diritti dei figli in quanto individui, ovvero individui liberi. Non è però tutto così lineare come sembra. In quanto regala ai figli dei diritti, lo Stato regala loro una individualità e una libertà e dunque gli stessi diritti che proteggono, garantiscono, i diritti di qualunque individuo, ben prima del compimento del diciottesimo anno di vita. Questi diritti non sono prerogativa di leggi e leggine che di volta in volta vengono varate. Sono inalienabili. A proteggere i bambini non può essere quindi né solo lo Stato né solo i genitori, ma i diritti. Senza distinguere i diritti fondamentali a fondamento delle leggi dalle leggi stesse si cade nella seguente contraddizione. Se da una parte la parziale sottrazione alla potestà genitoriale garantisce loro diritti propri inalienabili, dall'altra, dato che gli stessi individui non sono considerati autonomi (e il potere genitoriale è di fatto, dal punto di vista strettamente legislativo, semplicemente un affidamento temporaneo), la stessa sottrazione li sottopone a leggi e leggine potenzialmente deleterie per questa loro stessa libertà garantita (esempi: le vaccinazioni obbligatorie, che hanno fatto più handicappati di qualunque tara genetica, l'affidamento a un solo genitore, anche quando la loro individualità sembra griudare una propria autonoma volontà, diversa da quella del giudice). E' quindi importantissimo che le leggi sui bambini siano molto attente a garantire loro i diritti fondamentali (che loro stessi non possono difendere non avendo diritto di voto) CHE NON SIANO SEMPLICEMENTE le leggi della maggioranza ma ANCHE i diritti a fondamento della stessa, i Diritti Costituzionali. I genitori sono i primi individui che hanno il dovere di essere garanti dei diritti dei propri figli contro eventuali storture legalizzate. E il loro potere di genitori dovrebbe essere qualcosa in più di un semplice affidamento temporaneo, dovrebbe essere considerato un ministero ad personam con propri poteri autonomi in senso garantista, indipendente da quello della maggioranza al governo (che dura solo 7 anni). Ovviamente solo poteri di garanti, ma comunque poteri. (esempio:decidere se insegnare e cosa non insegnare a scuola) Partendo da questi presupposti si può discutere di cosa è giusto e cosa non è giusto dal punto di vista del diritto e della libertà e quindi anche per i figli degli altri. (esempio: l'istruzione pubblica che invada il meno possibile la sfera personale dell'individuo, evitando quando possibile una istruzione obbligatoria uguale per tutti) Lo Stato invece dovrebbe avere il compito di dare ai figli la possibilità di rendersi economicamente e legalmente autonomi dai genitori il prima possibile. (esempio: la maggiore età dovrebbe poter essere abbassata in presenza del consenso dei genitori, e/o di manifesta volontà dei figli.) Spero di non avervi annoiato...

    A conclusione di questo ragionamento, deduco che lo Stato (in questo caso gli Stati Uniti d'America) , quando vuole imporre delle leggi uguali per tutti in nome dei figli o dei bambini IN AMBITI, LA CUI POSSIBILITA' PER GLI ADULTI E' DISCREZIONALE, COMMETTE UNA INGERENZA nella sfera dell'educazione dei figli (che credo sia in contrasto con i diritti costituzionali di quel paese) quindi non può che esprimere leggi che sono frutto di una dittatura della maggioranza.
    non+autenticato

  • > lo Stato (in questo caso gli Stati Uniti
    > d'America) , quando vuole imporre delle leggi
    > uguali per tutti in nome dei figli o dei bambini
    > IN AMBITI, LA CUI POSSIBILITA' PER GLI ADULTI E'
    > DISCREZIONALE, COMMETTE UNA INGERENZA nella sfera
    > dell'educazione dei figli (che credo sia in
    > contrasto con i diritti costituzionali di quel
    > paese) quindi non può che esprimere leggi che
    > sono frutto di una dittatura della
    > maggioranza.

    Esattamente. Ciò che è libero (non illegale) per gli adulti dev'essere lasciato all'educazione. Purtroppo i politici non ragionano "diritto" ma pensano al tornaconto elettorale e anche per questo c'è una dittatura della maggioranza.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 13 discussioni)