IBM conferma la fiducia in AMD

Big Blue ha annunciato un'estensione dell'accordo di collaborazione con AMD e il lancio, nei prossimi mesi, di nuovi modelli di server basati sulla prossima generazione di processori Opteron

New York (USA) - Ieri IBM ha annunciato che estenderà la collaborazione con AMD per commercializzare nuove soluzioni - sistemi, chip e software - ad elevate prestazioni e a bassi consumi energetici.

Il big di Armonk sostiene che sta ampliando la propria linea di server con processori AMD per rispondere alla crescente domanda dei clienti nel segmento x86 in rapida espansione, che vede in particolare una presenza sempre più rilevante di blade server nei data center. Questi nuovi sistemi sono il risultato della collaborazione di ricerca e sviluppo tra AMD e IBM che continua da circa un decennio ed è destinata a proseguire fino al 2011.

I nuovi sistemi annunciati sono cinque, tutti basati sugli imminenti Opteron di terza generazione: i BladeCenter LS41 e LS21, rispettivamente scalabili fino a 4 e 2 vie; e i System x 3755, 3655 e 3455, indirizzati ad una gamma di applicazioni che vanno dal calcolo scientifico al web serving.
L'LS41 è il primo blade di IBM a consentire il collegamento a scatto di un secondo blade con due socket AMD, in modo tale da far funzionare due blade come se fossero uno solo.

"Grazie alla tecnologia di interconessione sviluppata da AMD, questa risorsa scalabile di IBM consente ai clienti di raddoppiare la capacità di un blade a due socket", ha affermato IBM. Big Blue fa riferimento alla tecnologia HyperTransport di AMD, la stessa utilizzata in una nuova funzione in attesa di brevetto, chiamata Xcelerated Memory Technology, che riduce i colli di bottiglia e rende l'accesso alla memoria più veloce.

Con i nuovi sistemi AMD, IBM intende rafforzare la propria posizione sul mercato globale dei server, e in particolare nell'area dei server x86, dai blade ai rack. Secondo IDC, in Italia IBM domina il settore dei server Blade con una quota del 60,8%.

AMD e IBM hanno anche annunciato i piani per continuare la loro collaborazione nello sviluppo di tecnologie di produzione dei chip a 32 e a 22 nanometri. AMD prevede di costruire chip a 32 nm entro la fine dell'attuale decennio.

Stando all'ultimo rapporto pubblicato dalla società di analisi Mercury Research, nell'ultimo trimestre AMD ha ulteriormente incrementato la propria quota di mercato nel settore dei server x86, ora pari al 25,9%. Intel ora possiede il 72,9% dell'intero mercato dei processoi x86 contro il 21,6% di AMD.
8 Commenti alla Notizia IBM conferma la fiducia in AMD
Ordina
  • Quando li vedremo?
    Nelle pmi sono molto usati, e li' vedo solo intel.

    E tra l'altro, se mi e' concesso, le nuove linee dei server sono orrende.. 206 tanto per dirne uno.. osceno.
    E non parliamo della scheda madre.. basta aprire il case per inorridire.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Quando li vedremo?
    > Nelle pmi sono molto usati, e li' vedo solo intel.
    >
    > E tra l'altro, se mi e' concesso, le nuove linee
    > dei server sono orrende.. 206 tanto per dirne
    > uno..
    > osceno.
    > E non parliamo della scheda madre.. basta aprire
    > il case per
    > inorridire.

    Mi associo totalmente. I nuovi server fanno proprio schifo.

    Quanto a AMD non capisco perchè non si sono mossi prima!

    Non è più la vecchia IBM.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > Quando li vedremo?
    > > Nelle pmi sono molto usati, e li' vedo solo
    > intel.
    > >
    > > E tra l'altro, se mi e' concesso, le nuove linee
    > > dei server sono orrende.. 206 tanto per dirne
    > > uno..
    > > osceno.
    > > E non parliamo della scheda madre.. basta aprire
    > > il case per
    > > inorridire.
    >
    > Mi associo totalmente. I nuovi server fanno
    > proprio
    > schifo.
    >
    > Quanto a AMD non capisco perchè non si sono mossi
    > prima!
    >
    >
    > Non è più la vecchia IBM.

    sembra che ci sia lo zampino di lenovo anche qui: la qualita' e' in caduta libera.

    Nei server piu' grossi ma sempre entry level, 226 per fare un nome, o anche nella serie 30x, si vede che sono macchine ibm, ma questi...
    non+autenticato

  • - Scritto da:

    > E non parliamo della scheda madre.. basta aprire
    > il case per
    > inorridire.

    Maggiori dettagli per i profani? Che ha la scheda madre che fa tanto schifo? E' di color marrone-cacca, ha il PCB fatto con carne umana o che altro?
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    >
    > > E non parliamo della scheda madre.. basta aprire
    > > il case per
    > > inorridire.
    >
    > Maggiori dettagli per i profani? Che ha la scheda
    > madre che fa tanto schifo? E' di color
    > marrone-cacca, ha il PCB fatto con carne umana o
    > che
    > altro?

    penso che ci si riferisca ai componenti.... ma ormai nel mondo dei PC è così: ho degli Olivetti M24 che funzionano ancora (dopo esser stati usati per anni e anni) mentre vedo pc nuovi al quale parte l'alimentatore anche se sotto UPS
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > >
    > > - Scritto da:
    > >
    > > > E non parliamo della scheda madre.. basta
    > aprire
    > > > il case per
    > > > inorridire.
    > >
    > > Maggiori dettagli per i profani? Che ha la
    > scheda
    > > madre che fa tanto schifo? E' di color
    > > marrone-cacca, ha il PCB fatto con carne umana o
    > > che
    > > altro?
    >
    > penso che ci si riferisca ai componenti.... ma
    > ormai nel mondo dei PC è così: ho degli Olivetti
    > M24 che funzionano ancora (dopo esser stati usati
    > per anni e anni) mentre vedo pc nuovi al quale
    > parte l'alimentatore anche se sotto
    > UPS

    Si ma quanto costavano gli olivetti m24? Fatti i conti un computer casalingo costava tranquillamente cinque milioni di lire vent'anni fa, pari almeno a diecimila euro di adesso, e il trend è analogo se non più spiccato per il settore professionale. Certo, si economizzerà un po' sulla componentistica, però non penso che qualcuno sarebbe disposto a pagare tutto il doppio o più solo per non bruciare un computer su 100.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > >
    > > - Scritto da:
    > > >
    > > > - Scritto da:
    > > >
    > > > > E non parliamo della scheda madre.. basta
    > > aprire
    > > > > il case per
    > > > > inorridire.
    > > >
    > > > Maggiori dettagli per i profani? Che ha la
    > > scheda
    > > > madre che fa tanto schifo? E' di color
    > > > marrone-cacca, ha il PCB fatto con carne
    > umana
    > o
    > > > che
    > > > altro?
    > >
    > > penso che ci si riferisca ai componenti.... ma
    > > ormai nel mondo dei PC è così: ho degli Olivetti
    > > M24 che funzionano ancora (dopo esser stati
    > usati
    > > per anni e anni) mentre vedo pc nuovi al quale
    > > parte l'alimentatore anche se sotto
    > > UPS
    >
    > Si ma quanto costavano gli olivetti m24? Fatti i
    > conti un computer casalingo costava
    > tranquillamente cinque milioni di lire vent'anni
    > fa, pari almeno a diecimila euro di adesso, e il
    > trend è analogo se non più spiccato per il
    > settore professionale. Certo, si economizzerà un
    > po' sulla componentistica, però non penso che
    > qualcuno sarebbe disposto a pagare tutto il
    > doppio o più solo per non bruciare un computer su
    > 100.

    E invece sì, Poste Italiane, per esempio, che per essere ancora più sicuri che non si rovinassero, li lasciarono negli scantinati ancora imballati ArrabbiatoArrabbiatoArrabbiato
    non+autenticato

  • > E invece sì, Poste Italiane, per esempio, che per
    > essere ancora più sicuri che non si rovinassero,
    > li lasciarono negli scantinati ancora imballati
    >ArrabbiatoArrabbiato
    >Arrabbiato

    Questo è un problema ulteriormente differente...
    non+autenticato