iPod gratuiti per studenti universitari

Accade nel Regno Unito: un college ha stanziato 25mila sterline per regalare iPod Nano agli studenti. Serviranno per seguire lezioni e lettorati, diffusi come podcast

Dover (UK) - Il rettorato del South Kent College ha deciso di equipaggiare gli studenti con lettori iPod Nano, così da avviare la diffusione via Internet delle lezioni accademiche in formato podcast, da ascoltare direttamente sul proprio lettore MP3 portatile. L'operazione avrà un costo di 23mila sterline, pari a circa 33mila euro.

Gli iPod verranno regalati agli studenti in pari con i programmi e con le presenze, così da avere una funzione addizionale di "incentivo" e di premio al merito. I docenti sono piuttosto soddisfatti del progetto e per il momento l'università mette a disposizione il download di lezioni d'ingegneria, informatica e scienze dell'educazione. Successivamente, altri curriculum accademici saranno toccati da questa piccola rivoluzione didattica.

Non mancano voci discordanti e critiche piuttosto aspre: secondo l'associazione Campaign for Real Education, si tratta di un enorme spreco di denaro prezioso che non ha assolutamente alcun impatto sul rendimento accademico degli studenti. Per Nick Seaton, dirigente dell'associazione britannica, l'iniziativa equivale a "denaro pubblico buttato via".
Tuttavia, negli Stati Uniti ed in Australia il formato podcast è utilizzato da molti atenei di prestigio per diffondere le registrazioni di lezioni e seminari: la Stanford University, ad esempio, gode di un accordo speciale con Apple per l'attuazione del progetto iTunes U, una soluzione interamente pensata per le esigenze delle università.

Uno dei promotori dell'uso didattico dei podcast, Michael Gay della Purdue University, è convinto che la digitalizzazione delle lezioni sia una grande convenienza per gli studenti, soprattutto per coloro che non riescono ad avere una frequenza assidua. "Con la registrazione audio delle lezioni in classe", ha spiegato Gay in un'intervista rilasciata a PodcastingNews, "uno studente può aggiornare continuamente il proprio iPod con tutte le ultime lezioni e novità provenienti dai corsi che segue, semplicemente utilizzando un apposito software".

I podcast, infatti, vengono diffusi attraverso la tecnologia RSS, che facilita l'aggregazione di contenuti attraverso semplici meccanismi di "sottoscrizione": l'utente seleziona i podcast preferiti ed il software, automaticamente, si aggiorna con le ultime trasmissioni. La Purdue University è particolarmente all'avanguardia ed è dotata di un servizio, detto BoilerCast, che permette l'accesso ai podcast accademici a seconda delle materie d'insegnamento.

In Italia alcune università, come ad esempio l'Università degli Studi di Bergamo, offrono un servizio di podcasting gratuito ed abbastanza curato. Nonostante gli sforzi profusi dai creatori del servizio, al giorno d'oggi nessuna università italiana prevede la digitalizzazione delle lezioni e la loro diffusione via web.

Tommaso Lombardi
80 Commenti alla Notizia iPod gratuiti per studenti universitari
Ordina
  • Gentile Tommaso Lombardi sono un Docente della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università di Bari e Le scrivo per segnalarLe che oltre Bergamo e Milano nel nuovo anno accademico 2006-2007 gli Studenti di alcuni Corsi della Facoltà di Medicina   e Chirugia di Bari potranno utilizzare l'iPod insieme ad altre tecnologie di E-Learning messe a punto e ormai collaudate qui da noi già da alcuni anni. La nostra personale esperienza sull'E-Learning ed oggi anche sul mobility-Learning risulta essere molto positiva. Cordiali saluti.
    Vito Lavolpe
    non+autenticato
  • Visto che ormai l'hardware è identico non capisco che senso abbia continuare queste operazioni commerciali per piazzare nelle scuole dell'hardware "specifico" per far girare MacOs (visto che l'iPod è, senza tanti misteri da parte di Apple, un modo per dare visibilità al marchio e tirare utenti sulla propria piattaforma chippata).
    Non ha più alcun senso visto che appunto l'hardware è uguale e quindi non più specifico.
    Per questo gli utenti pc (incluse le scuole) dovrebbero aderire all'iniziativa UN LEOPARDO SU OGNI PC. Aderire poi è molto semplice perchè si tratta di non comprare computer che rechino sopra un logo con una mela morsicata.
    non+autenticato


  • > Per questo gli utenti pc (incluse le scuole)
    > dovrebbero aderire all'iniziativa UN LEOPARDO
    > SU OGNI PC


    Che ne dici di un troll in meno per ogni forum?
    ti sembra una buona iniziativa?
    A bocca apertaCon la lingua fuoriA bocca aperta
    non+autenticato

  • > Che ne dici di un troll in meno per ogni forum?
    > ti sembra una buona iniziativa?
    > A bocca apertaCon la lingua fuoriA bocca aperta

    Io sono serio, mica sto trollando.
    non+autenticato

  • > Aderire poi è molto semplice
    > perchè si tratta di non comprare computer che
    > rechino sopra un logo con una mela
    > morsicata.

    Be' allora aderisco già da 30 anni senza nemmeno saperlo!
    non+autenticato

  • > Be' allora aderisco già da 30 anni senza nemmeno
    > saperlo!

    E non fa stare meglio sapere di essere impegnati nel sociale?
    A bocca aperta
    non+autenticato
  • intervento senza né capo né coda il tuo
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > intervento senza né capo né coda il tuo

    Questo invece si che è un intervento serio e ponderato...
    non+autenticato
  • ... non sa più cosa inventare per farsi della pubblicità nella speranza che qualcuno compri i suoi prodotti carissimi e pessimi!

    Che tristesssss!!
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > ... non sa più cosa inventare per farsi della
    > pubblicità nella speranza che qualcuno compri i
    > suoi prodotti carissimi e
    > pessimi!
    >
    > Che tristesssss!!

    "carissimo" é il superlativo di "caro"

    "pessimo" é il superlativo di "cattivo"... ma a me piace pensare che sia di "peo"

    eheh

    (inutile come il tuo post)
  • Le lezioni sarebbero registrate "live"? No perchè c'é una curiosa questione che tirò fuori un nostro professore in classe (non mi ricordo che professore e di quale materia): ascoltare una lezione in aula non é assolutamente la stessa cosa che registrarla e ascoltarla in un secondo tempo. In una classe non si é tutti silenziosi, anzi, ci sono costanti rumori: qualcuno che sposta una sedia, qualcuno tossisce, cade una penna... ecc ecc... Quindi, mentre quando sei immerso nell'ambiente della classe vi sei "dentro" con tutti i sensi e il professore é l'attore principale di uno show su cui ti puoi facilmente focalizzare, nell'ascoltare la lezione successivamente verresti distratto da tutti i rumori di fondo...

    (per la cronaca... mai provato: sono uscito con 39/60 e who's seen has seen - chi s'é visto s'é visto)
  • Devono pur campare no? Soprattutto all'universita' il docente potrebbe essere sostituito da un video registrato (tipo nettuno) aggiornato ogni tot anni. Ci sono professori che hanno le slide, uguali da decenni e si limitano a leggerle a lezione.


    - Scritto da: soulista
    > Le lezioni sarebbero registrate "live"? No perchè
    > c'é una curiosa questione che tirò fuori un
    > nostro professore in classe (non mi ricordo che
    > professore e di quale materia): ascoltare una
    > lezione in aula non é assolutamente la stessa
    > cosa che registrarla e ascoltarla in un secondo
    > tempo. In una classe non si é tutti silenziosi,
    > anzi, ci sono costanti rumori: qualcuno che
    > sposta una sedia, qualcuno tossisce, cade una
    > penna... ecc ecc... Quindi, mentre quando sei
    > immerso nell'ambiente della classe vi sei
    > "dentro" con tutti i sensi e il professore é
    > l'attore principale di uno show su cui ti puoi
    > facilmente focalizzare, nell'ascoltare la lezione
    > successivamente verresti distratto da tutti i
    > rumori di
    > fondo...
    >
    > (per la cronaca... mai provato: sono uscito con
    > 39/60 e who's seen has seen - chi s'é visto s'é
    > visto)
    non+autenticato
  • "Gli iPod verranno regalati agli studenti in pari con i programmi e con le presenze, così da avere una funzione addizionale di "incentivo" e di premio al merito."


    "Uno dei promotori dell'uso didattico dei podcast, Michael Gay della Purdue University, è convinto che la digitalizzazione delle lezioni sia una grande convenienza per gli studenti, soprattutto per coloro che non riescono ad avere una frequenza assidua."

    Non è una contraddizione? Occhiolino
    non+autenticato
  • Decisamente!
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Decisamente!

    si vede che non avete mai né studiato né lavorato in parallelo

    mah
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)