Microsoft: sviluppatori, non vi denunceremo

Con una mossa che solletica l'appetito di chi realizza software open source, il big di Redmond apre all'utilizzo gratuito di 34 standard per i web service. Un'operazione che può liberare il gigante da potenziali problemi legali

Redmond (USA) - Si chiama Open Specification Promise ed è a tutti gli effetti proprio questo: una promessa. Pubblicata sul sito di Microsoft, impegna il big di Redmond a non perseguire legalmente chi utilizzerà anche a fini commerciali 35 standard per web service sui quali il colosso vanta diritti di brevetto. Una mossa che mantiene a Microsoft la proprietà intellettuale su quelle tecnologie ma ne permette l'ampia adozione, togliendo così di mezzo potenziali contestazioni sulla libera concorrenza, che in casi analoghi in passato hanno infastidito la società di Bill Gates.

"Microsoft promette in modo irrevocabile - si legge nello statement pubblicato dall'azienda - di non invocare Microsoft Necessary Claims contro chi realizza, usa, vende, offre in vendita, importa o distribuisce qualsiasi implementazione compresa tra le Covered Specification". Un linguaggio in apparenza oscuro ma che si riferisce a un set di standard di primo piano per lo sviluppo dei web service.

"Questa - continua Microsoft rivolgendosi al singolo sviluppatore - è una promessa personale che Microsoft fa direttamente a te, e tu comprendi che una condizione per beneficiarne è quella di non ricevere diritti (sulle tecnologie utilizzate, ndr.) da fornitori, distributori o chi in altro modo è collegato a questa promessa".
Il big di Redmond, poi, prevede un'ulteriore clausola, che se non si rispetta fa cadere la promessa stessa: "Se si presenta, si promuove o si partecipa a una denuncia per violazione di brevetto contro una implementazione Microsoft di queste Covered Specification, allora questa promessa personale non si applica in relazione alle implementazioni di quelle Specification realizzate o usate da te".

In buona sostanza, dunque, Microsoft lega chi accetta la promessa di un utilizzo free che riguarda non solo l'impiego che si fa di quelle tecnologie, che sia totale o parziale, ma anche quello che viene fatto dall'intera filiera di proprio riferimento (sviluppatori, distributori e via dicendo). Una promessa che evidentemente non può coprire eventuali altri reclami di brevetto provenienti da terze parti.

Andy Updegrove, avvocato specializzato nei brevetti, sul proprio blog analizza la "promise" di Microsoft spiegando che ricorda molto da vicino quanto già fatto da Microsoft con il suo Office 2003 XML Reference Schema ma che va più in là nel tentare di rendere il tutto "più chiaramente compatibile con le licenze open source".

Tra le novità segnalate da Updegrove, il fatto che la promessa sia immediatamente efficace: chi utilizza quegli standard non dovrà firmare alcun accordo, come avviene tradizionalmente, ma potrà muoversi in semplicità, e come lui tutti coloro che faranno riferimento o uso delle implementazioni di quelle tecnologie.

Di interesse segnalare, tra le FAQ sull'argomento, quella relativa alla GPL, la licenza al cuore del software libero. La promessa - spiega Microsoft - "è un modo semplice e chiaro per garantire che la più ampia audience di sviluppatori e clienti che lavorano con software commerciale o open source possano implementare le specifiche. Lasciamo a color che implementano queste tecnologie di capire l'ambito legale nel quale operano. Questo include anche chi opera in un ambito GPL. Poiché la General Public License (GPL) non è interpretata in modo univoco da tutti, non possiamo dare a nessuno un'opinione legale su come il nostro testo si relazioni alla GPL o ad altre licenze di software open source, ma in base al feedback dalla comunità open source riteniamo che una vasta gamma di sviluppatori possano implementare le specifiche".
48 Commenti alla Notizia Microsoft: sviluppatori, non vi denunceremo
Ordina
  • Spero che i winari, per coerenza, non accettino, e si rifiutino di non pagare a mamma Gates...

    Perche' avere gratis cio' che si puo' pagare?
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Spero che i winari, per coerenza, non accettino,
    > e si rifiutino di non pagare a mamma
    > Gates...
    >
    > Perche' avere gratis cio' che si puo' pagare?

    qui si parla di standard brevettati e non di applicazioni open source belle e buone

    e comunque ognuno è libero di usare il software che vuole, lunica cosa che mi meraviglia è l'interesse morboso degli sviluppatori linux per il software gratis

    insomma, è come se i muratori insorgessero perchè scoprono che le case sono in vendita
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > Spero che i winari, per coerenza, non accettino,
    > > e si rifiutino di non pagare a mamma
    > > Gates...
    > >
    > > Perche' avere gratis cio' che si puo' pagare?
    >
    > qui si parla di standard brevettati e non di
    > applicazioni open source belle e
    > buone

    non vedo dove sia la contraddizione con quello che ho scritto... forse i brevetti non li paghi?


    > e comunque ognuno è libero di usare il software
    > che vuole, lunica cosa che mi meraviglia è
    > l'interesse morboso degli sviluppatori linux per
    > il software
    > gratis

    la cosa che mi incuriosisce invece e' l'interesse per i winari per il software a pagamento di MS... che ci propina da sempre software antiquato, con l'unico pregio che ha un bell'involucro...
    il prograsso informatico non esisterebbe se ci fosse solo MS


    > insomma, è come se i muratori insorgessero perchè
    > scoprono che le case sono in
    > vendita

    io direi, meglio, che e' come se i uno protesta perche' non puo' spendere i propri soldi, ma e' costretto ad avere tutto gratis...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > >
    > > - Scritto da:
    > > > Spero che i winari, per coerenza, non
    > accettino,
    > > > e si rifiutino di non pagare a mamma
    > > > Gates...
    > > >
    > > > Perche' avere gratis cio' che si puo' pagare?
    > >
    > > qui si parla di standard brevettati e non di
    > > applicazioni open source belle e
    > > buone
    >
    > non vedo dove sia la contraddizione con quello
    > che ho scritto... forse i brevetti non li
    > paghi?
    >
    >
    > > e comunque ognuno è libero di usare il software
    > > che vuole, lunica cosa che mi meraviglia è
    > > l'interesse morboso degli sviluppatori linux per
    > > il software
    > > gratis
    >
    > la cosa che mi incuriosisce invece e' l'interesse
    > per i winari per il software a pagamento di MS...
    > che ci propina da sempre software antiquato, con
    > l'unico pregio che ha un
    > bell'involucro...
    > il prograsso informatico non esisterebbe se ci
    > fosse solo
    > MS

    se dici che vista è antiquato, oppure .Net è antiquato, oppure office è antiquato, allora possiamo pure cambiare discussione, su questa ti do ragione e ti lascio contento

    >
    >
    > > insomma, è come se i muratori insorgessero
    > perchè
    > > scoprono che le case sono in
    > > vendita
    >
    > io direi, meglio, che e' come se i uno protesta
    > perche' non puo' spendere i propri soldi, ma e'
    > costretto ad avere tutto
    > gratis...

    è ovvio che agli utenti consumatori piace avere tutto gratis, ma perchè tutto questo piace tanto anche ai programmatori linux?

    ipotesi a
    non sono dei veri programmatori, probabilmente sanno solo giocare con la shell

    ipotesi b
    sono dei trolloni che si divertono a macellare la già misera industria software italiana

    anche io sono un consumatore, ma essendo anche un mezzo sviluppatore penso che l'open source riduca col tempo la qualità del software in circolazione e inoltre vizi gli utenti a pretendere tutto gratis

    tu continua pure a sputare sul piatto dove mangi, io mi difendo i miei interessi, visto che nessuno si preoccupa dei miei
    non+autenticato

  • > è ovvio che agli utenti consumatori piace avere
    > tutto gratis, ma perchè tutto questo piace tanto
    > anche ai programmatori
    > linux?
    >
    > ipotesi a
    > non sono dei veri programmatori, probabilmente
    > sanno solo giocare con la
    > shell
    >
    > ipotesi b
    > sono dei trolloni che si divertono a macellare la
    > già misera industria software
    > italiana
    >
    > anche io sono un consumatore, ma essendo anche un
    > mezzo sviluppatore penso che l'open source riduca
    > col tempo la qualità del software in circolazione
    > e inoltre vizi gli utenti a pretendere tutto
    > gratis
    >
    > tu continua pure a sputare sul piatto dove mangi,
    > io mi difendo i miei interessi, visto che nessuno
    > si preoccupa dei
    > miei

    MS non fa assolutamente i tuoi interessi... anzi
    e' pieno il mondo di ottimi software a pagamento, soffocati dalla montagna di MS
    Il software libero e' l'unica strada che attualmente si vede per poter contrastare il suo monopolio...
    L'open source finora e' stato l'unico movimento in grado di contrastarla... e' leggittima difesa!
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > > è ovvio che agli utenti consumatori piace avere
    > > tutto gratis, ma perchè tutto questo piace tanto
    > > anche ai programmatori
    > > linux?
    > >
    > > ipotesi a
    > > non sono dei veri programmatori, probabilmente
    > > sanno solo giocare con la
    > > shell
    > >
    > > ipotesi b
    > > sono dei trolloni che si divertono a macellare
    > la
    > > già misera industria software
    > > italiana
    > >
    > > anche io sono un consumatore, ma essendo anche
    > un
    > > mezzo sviluppatore penso che l'open source
    > riduca
    > > col tempo la qualità del software in
    > circolazione
    > > e inoltre vizi gli utenti a pretendere tutto
    > > gratis
    > >
    > > tu continua pure a sputare sul piatto dove
    > mangi,
    > > io mi difendo i miei interessi, visto che
    > nessuno
    > > si preoccupa dei
    > > miei
    >
    > MS non fa assolutamente i tuoi interessi... anzi
    > e' pieno il mondo di ottimi software a pagamento,
    > soffocati dalla montagna di
    > MS
    > Il software libero e' l'unica strada che
    > attualmente si vede per poter contrastare il suo
    > monopolio...
    > L'open source finora e' stato l'unico movimento
    > in grado di contrastarla... e' leggittima
    > difesa!

    benissimo, le applicazioni open source sono l'alternativa a MS e comunque io ho sottolineato che nessuno fa i miei interessi, nessuno quindi anhe MS naturalmente

    ma io purtroppo non sviluppo sistemi operativi e wordprocessor, sono solo uno sparagestionali della peggio specie, quindi dell'open source che sviluppa anche gestionali free per ammazzare il mercato e la qualità dei gestionali stessi non posso sicuramente gioire

    tu invece sei contento, probabilmente il tuo lavoro si limita a installare i gestionali degli altri, personalizzando il tutto con logo e colori del cliente, in pratica un grafico installatore
    non+autenticato

  • > ma io purtroppo non sviluppo sistemi operativi e
    > wordprocessor, sono solo uno sparagestionali
    > della peggio specie, quindi dell'open source che
    > sviluppa anche gestionali free per ammazzare il
    > mercato e la qualità dei gestionali stessi non
    > posso sicuramente
    > gioire

    > tu invece sei contento, probabilmente il tuo
    > lavoro si limita a installare i gestionali degli
    > altri, personalizzando il tutto con logo e colori
    > del cliente, in pratica un grafico
    > installatore

    Cioe', tu preferisci reinventare la ruota ad ogni gestionale che realizzi?
    Riscriverti le funzioni di base da zero, rischiando di introdurre bug?
    Non e' meglio prendere moduli testati e integrarli ad hoc sulle esigenze del cliente?
    Magari creare altri moduli e metterli a disposizione degli altri, cosi' come altri ancora hanno messo a disposizione i moduli che useresti, cosi' che i primi a loro volta non debbano reinventarsi la ruota?
    Un Vero Programmatore e' quello che si e' riscritto da zero il sistema operativo, i tool di sviluppo, le librerie di algoritmi?

    E se un giorno ti capita un cliente che vuole modificare il gestionale che ha in uso, ma chi glielo ha realizzato 1) non gli ha dato i sorgenti (tu non cedi i sorgenti, vero?), 2) ha cessato l'attivita' o che so io?
    Reinventi la ruota da zero, giusto?

    E ovviamente, quando trovi una falla nella tua ruota, aggiorni il gestionale di tutti i clienti che la usano... oppure solo di quelli che hanno sottoscritto un contratto di assistenza, altrimenti li lasci con un prodotto _difettoso_ che non potranno mai correggere di propria sponte, a meno di venire a Canos... da te a pregarti di perdonarli dell'immane errore di non_sottoscrizione_di_assistenza?

    Ma, ovviamente, la tua ruota e' priva di falle a prescindere, vero?

    Insomma, il concetto di Open Source e/o di Free Software (free come libero, non come gratis) porta maggiori vantaggi e semplificazione e rapidita' e affidabilita' sempre maggiori a mano a mano che la base di moduli/software si ampia.

    Bisogna "solo" ripensare il proprio modo di lavorare, orientandolo verso i servizi e la qualita'.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > > ma io purtroppo non sviluppo sistemi operativi e
    > > wordprocessor, sono solo uno sparagestionali
    > > della peggio specie, quindi dell'open source che
    > > sviluppa anche gestionali free per ammazzare il
    > > mercato e la qualità dei gestionali stessi non
    > > posso sicuramente
    > > gioire
    >
    > > tu invece sei contento, probabilmente il tuo
    > > lavoro si limita a installare i gestionali degli
    > > altri, personalizzando il tutto con logo e
    > colori
    > > del cliente, in pratica un grafico
    > > installatore
    >
    > Cioe', tu preferisci reinventare la ruota ad ogni
    > gestionale che
    > realizzi?

    preferisco non reinventare la ruota usando codice mio senza dover applicare simboli di GNU o riferimenti a programmatori sconosciuti

    se uso codice degli altri, questo sarà sempre degli altri o di tutti in ogni caso

    preferisco faticare un po' di più, ma sempre una volta sola, mica fesso Occhiolino

    le tue teorie sul riutilizzo non vanno bene per il panorama medio italiano, ma bensì per produttori di hardware, utenti privati smanettoni, società di consulenza e fornitura software

    se tutti facessero come dici tu, secondo me, ripeto IMHO, la qualità del software tenderebbe a scadere e noi sviluppatori ci ritroveremmo con centinaia di "potenziali" clienti immersi nel disordine di 1000 personalizzazioni, lavoreremmo come degli asini per un reddito medio basso mantenendo in vita un sistema e un mercato confusi

    e comunque permettimi di dirti una cosa, per me alla fin fine quello che conta è guadagnare nel modo migliore possibile. Degli interessi degli utenti, condivisione sorgenti, umanità, salvezza, paradiso, non me ne frega un fico secco

    faccio solo un lavoro tutto sommato onesto e allineato alla legge

    l'astio e il sospetto dei cosiddetti "programmatori linux" verso chi produce software commerciale (con sorgente aperto o chiuso che sia) per me rimane un mistero
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > E se un giorno ti capita un cliente che vuole
    > modificare il gestionale che ha in uso, ma chi
    > glielo ha realizzato 1) non gli ha dato i
    > sorgenti (tu non cedi i sorgenti, vero?), 2) ha
    > cessato l'attivita' o che so io?

    dimenticavo...

    i sorgenti li cedo se me li chiedono, succede spesso, se non me li chiedono invece li darò all'occorrenza, mi dispiace ma non sono un santo e probabilmente me ne andrò all'inferno del programmatori wc closed

    comunque non è mai successo che un cliente si ritrovasse nella merda per colpa mia

    anzi, sono spesso molto contenti dal fatto che all'applicazione è associata un'assistenza definita nel tempo

    in pratica pagano software e assistenza, pagano una volta solo e son felici, il codice è disponibile, ma il copyright e tutti i diritti di rivendita e ridistribuzione (gratis o a pagamento) rimangono miei

    non+autenticato
  • così schifosa una società dove ognuno possa passare vicino ad un muro ed aggiungervi il proprio mattone?
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > così schifosa una società dove ognuno possa
    > passare vicino ad un muro ed aggiungervi il
    > proprio
    > mattone?

    non è schifosa, ma bisogna stare attenti a non degenerare in una società dove diventi illegale avere un muro di proprietà, se no potremmo dire che il fallimento del comunismo sovietico non ci ha insegnato proprio nulla
    non+autenticato
  • Ma se poi non denuncia nessuno e lasci l'utilizzo libero per scopi commerciali, perché allora brevettarle queste tecnologie?

    Le potrebbe tranquillamente rilasciare libere come opensourc e diventerebbero subito prior art.

    Perché prendere i brevetti e poi dire "tanto non li useremo contro di voi"?

    Forse perché non li useranno contro gli sviluppatori finchè questi resteranno piccoli sviluppatori, e quando invece saranno cresciuti in aziende agguerrite, allora li inizieranno ad usare?

    Non vedete che è come un potenziale arma ricattatoria?
    Perché usare tecnologie a queste condizioni?
    Meglio ignorarle e cercare qualcosa di veramente libero!!!

    non+autenticato

  • - Scritto da:

    > Non vedete che è come un potenziale arma
    > ricattatoria?
    > Perché usare tecnologie a queste condizioni?
    > Meglio ignorarle e cercare qualcosa di veramente
    > libero!!!

    Cerca sul vocabolario il significato della locuzione "in modo irrevocabile"

    non+autenticato
  • La risposta è semplice, purtroppo: Microsoft brevetta affinché non sia qualcun altro a brevettare e denunciare.

    E' tutto il sistema che è sbagliato.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > La risposta è semplice, purtroppo: Microsoft
    > brevetta affinché non sia qualcun altro a
    > brevettare e
    > denunciare.

    esiste la 'prior art' o qualcosa del genere, altrimenti sarebbe passato il brevetto al click su un testo abbinato ad un link...

    il concetto che brevetta per 'parasilculo' non è sempre credibile


    > E' tutto il sistema che è sbagliato.

    concordo
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Ma se poi non denuncia nessuno e lasci l'utilizzo
    > libero per scopi commerciali, perché allora
    > brevettarle queste
    > tecnologie?

    già erano brevettate e poi questa moda l'ha inventata la vostra amata IBM

    >
    > Le potrebbe tranquillamente rilasciare libere
    > come opensourc e diventerebbero subito prior
    > art.
    >
    > Perché prendere i brevetti e poi dire "tanto non
    > li useremo contro di
    > voi"?

    la vita è fatta forse anche di orgoglio e di soddisfazioni su qualcosa per la quale si ha lavorato

    >
    > Forse perché non li useranno contro gli
    > sviluppatori finchè questi resteranno piccoli
    > sviluppatori, e quando invece saranno cresciuti
    > in aziende agguerrite, allora li inizieranno ad
    > usare?
    >
    > Non vedete che è come un potenziale arma
    > ricattatoria?
    > Perché usare tecnologie a queste condizioni?
    > Meglio ignorarle e cercare qualcosa di veramente
    > libero!!!
    >

    la stessa cosa si può dire con i brevetti di IBM resi "liberi" per usi open source
    non+autenticato
  • Quindi Microzozz ha poco da fare la grande benefattrice

    Non valgono, per il momento...

    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Quindi Microzozz ha poco da fare la grande
    > benefattrice
    >
    > Non valgono, per il momento...

    Agli sviluppatori americani il tuo discorso fa ridere.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > Quindi Microzozz ha poco da fare la grande
    > > benefattrice
    > >
    > > Non valgono, per il momento...
    >
    > Agli sviluppatori americani il tuo discorso fa
    > ridere.

    e chissene?

    Io sono Europeo, di quello che pensano/fanno/ridono gli americani me pò fregar de meno de niente!

    Qui non esistono i brevetti sw, quindi del gran regalo di M$ me ne sbatto altamente...
    non+autenticato
  • - Scritto da:

    > > Agli sviluppatori americani il tuo discorso fa
    > > ridere.
    >
    > e chissene?

    se ne fottono gli americani, appunto.
    Difficile da capire?
    Non ti interessa?
    Non intervenire.

    > Io sono Europeo, di quello che
    > pensano/fanno/ridono gli americani me pò fregar
    > de meno de
    > niente!

    Bravo.
    Hai capito tutto del mondo.

    > Qui non esistono i brevetti sw, quindi del gran
    > regalo di M$ me ne sbatto
    > altamente...

    sbattitene.
    I programmatori americani se ne sbattono che tu te ne sbatti.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > - Scritto da:
    >
    > > > Agli sviluppatori americani il tuo discorso fa
    > > > ridere.
    > >
    > > e chissene?
    >
    > se ne fottono gli americani, appunto.

    e allora, perchè riportare questa notizia in ITALIA, provincia del sud dell'EUROPA?

    > Difficile da capire?

    capire cosa? una notizia che non ci riguarda?

    > Non ti interessa?

    affatto.

    > Non intervenire.

    il 3ad è "In Europa i brevetti softw non valgono"

    >
    > Bravo.
    > Hai capito tutto del mondo.

    america !=mondo !
    è ora di leversi dalla testa che debbano decidere loro delle sorti del Globo.

    > sbattitene.
    > I programmatori americani se ne sbattono che tu
    > te ne
    > sbatti.

    uh, vedrai, vedrai come se ne sbatteranno quando preleverò il loro sw per usarlo sulle mie applicazioni!

    (ma, data la loro bassa qualità, penso non accadra mai)
    non+autenticato
  • - Scritto da:

    > e allora, perchè riportare questa notizia in
    > ITALIA, provincia del sud
    > dell'EUROPA?

    vabbè lascio perdere... sei gnucco.
    Fai le tue rimostranze alla redazione di PI.
    Ciao gnuccone!
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > uh, vedrai, vedrai come se ne sbatteranno quando
    > preleverò il loro sw per usarlo sulle mie
    > applicazioni!
    >

    voi antiamericani non cambierete mai
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > >
    > > uh, vedrai, vedrai come se ne sbatteranno quando
    > > preleverò il loro sw per usarlo sulle mie
    > > applicazioni!
    > >
    >
    > voi antiamericani non cambierete mai

    E i filoamericani cambieranno? A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da:

    > E i filoamericani cambieranno? A bocca aperta

    Non è questione di essere filo o anti.
    Qui c'è un tizio che non vuole avere nessuna notizia dall'america.
    Potrebbe infilare la testa nel sottosuolo, allora.
    non+autenticato
  • > Non è questione di essere filo o anti.
    > Qui c'è un tizio che non vuole avere nessuna
    > notizia
    > dall'america.

    questo l'hai detto tu.
    io contesto il fatto che questa notizia non ci riguarda...
    sai se dovessero riportare tutte le notizie dall'america?
    guarda:
    http://news.google.com/nwshp?hl=en&ned=us
    è come se avessero riportato una notizia come
    US retail sales rise 0.2% in August o
    Reality sweet for Toronto singer o
    GOP bill to curb Indian casinos fails o
    Woman Missing From Carnival Cruise Ship o
    Local students named National Merit semifinalists

    il punto è:

    e a noi cosa interessa?
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > > Non è questione di essere filo o anti.
    > > Qui c'è un tizio che non vuole avere nessuna
    > > notizia
    > > dall'america.
    >
    > questo l'hai detto tu.
    > io contesto il fatto che questa notizia non ci
    > riguarda...

    ti riguarda eccome, visto che il software fatto in USA è usatissimo anche in europa.
    SVEGLIA, NO?

    > il punto è:
    >
    > e a noi cosa interessa?

    A te interesserebbe se in USA e solo in USA vietassero di scrivere software?
    SVEGLIA!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Se la risposta è no, evita pure di replicare, non mi interessa parlare con uno struzzo.
    non+autenticato
  • Un'azienda ampiamente screditata che vive di rendita sul proprio bagaglio monopolistico in barba a tutti i sistemi antitrust del mondo non e' credibile.

    MS deve risalire la china in altri modi.

    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Un'azienda ampiamente screditata che vive di
    > rendita sul proprio bagaglio monopolistico in
    > barba a tutti i sistemi antitrust del mondo non
    > e'
    > credibile.
    >
    > MS deve risalire la china in altri modi.
    >

    questa è solo la tua opinione, io invece penso che i software microsoft sono attualmente i migliori in giro, eccezione per l'editing multimediale

    quindi non penso proprio che vive di rendita sul bagaglio monopolistico

    fai un prodotto migliore di office system e vedrai le migrazioni di massa, così come sta succedendo con firefox nei confronti di IE
    non+autenticato
  • > questa è solo la tua opinione, io invece penso
    > che i software microsoft sono attualmente i
    > migliori in giro, eccezione per l'editing
    > multimediale

    E questa è solo la tua opinione. Siete pari.
    non+autenticato

  • > fai un prodotto migliore di office system e
    > vedrai le migrazioni di massa, così come sta
    > succedendo con firefox nei confronti di
    > IE

    La fai un po troppo semplice.

    Firefox si sta diffondendo (e nemmeno tanto velocemente come vorresti far credere) solo perche' il WEB fortunatamente non e' ancora troppo impestato dai formati proprietari di M$.

    Putroppo il monopolio di Office si regge proprio sul fatto che i suoi formati sono proprietari e nonostante si riesca ad avere una buona compatibilita' con i prodotti libero, questa non e' ancora perfetta.

    Quindi smettiamola di dire pagliacciate: il monopolio di M$ sta in piedi _soprattutto_ per via dei suoi formati chiusi.


  • ... di certi 'standard' se ne puo' tranquillamente fare a meno.

    Ma quello ha mai sentito parlare di Java o fa finta di niente ???


    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    >
    > ... di certi 'standard' se ne puo'
    > tranquillamente fare a
    > meno.

    In parte ti dò ragione, in effetti gli standard dei web service stanno diventando troppi. Forse gli unici che mi preoccupano sono SOAP e WSDL.

    >
    > Ma quello ha mai sentito parlare di Java o fa
    > finta di niente
    > ???

    In teoria i web service dovrebbero garantire l'interoperabilità, mi ricordo un po' di tempo fa quando la Sun e MS si misero d'accordo proprio su questi aspetti.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)