Google per la rivoluzione del PC a basso consumo

L'appello del gigante: servono computer più efficienti per ridurre l'impatto ambientale dovuto ai consumi elettrici. Messianismo ecologista? Non solo: più efficienza si traduce in costi più contenuti per il più grande motore di ricerca

Mountain View (USA) - Servono computer più efficienti, in grado di ridurre gli effetti ambientali causati dal consumo di energia elettrica: lo sostengono i dirigenti di Google, che hanno lanciato un appello all'industria elettronica per la creazione di nuovi standard nella creazione di hardware informatico.

La richiesta del motore di ricerca assomiglia ad un appello dal forte sapore ambientalista ed è stata resa pubblica nel corso di un evento, l'Intel Developer Forum, dove il consumo di energia dei computer assume un ruolo centrale. In quella sede, dinanzi ad una audience formata dai maggiori esponenti dell'informatica globale, Google ha fatto sentire la propria voce. È ora - hanno detto i suoi rappresentanti - che i progettisti realizzino schede madri ed alimentatori per PC a voltaggio variabile, invece dell'attuale standard di 12 volt.

Si tratterebbe di un primo importante passo verso la drastica riduzione dell'impatto dei PC sull'ambiente, un impatto enorme sul quale fino ad oggi lavorano un ristretto numero di imprese hi-tech. Google non l'ha nominata ma il pensiero va evidentemente a VIA, il chipmaker taiwnaese che ha annunciato di recente una clamorosa iniziativa per la realizzazione di processori ad impatto zero.
Con un filo di cinismo alcuni osservatori sostengono che una produzione hardware più attenta al consumo energetico costituirebbe prima di tutto un grosso vantaggio proprio per Google: l'azienda gestisce una enorme quantità di server, un numero in continua espansione, e macchine capaci di risparmiare anche solo qualcosa più delle attuali si tradurrebbero in un risparmio del tutto considerevole.

Ma una "rivoluzione" di questo tipo non è evidentemente destinata, se si realizzasse, ad avvantaggiare solo Google, specialmente in un paese che da anni combatte, come in California, per scongiurare i black-out elettrici causati anche dalla diffusione straordinaria dei computer in case e imprese.

In queste ore molti fanno i nomi di società come 80 Plus ed Ecos Consulting, che stanno da tempo battendosi per aumentare l'efficienza energetica dei computer, tuttavia i vari progettisti impegnati nella realizzazione di PC ad alta efficienza non sono ancora riusciti a trovare un'intesa per uno standard internazionale. In assenza di uno standard tutto è più difficile, i costi crescono e le soluzioni richiedono più tempo.

Rimane il fatto, come ha spiegato Chris Calwell, responsabile di Ecos Consulting, che i computer attualmente sul mercato siano decisamente poco efficienti. "È come se in tutte le automobili del globo", ha detto Calwell, "ci fosse un motore da 400 cavalli, solo per il fatto che alcune vetture devono trainare grandi carichi una volta ogni tanto". In base agli studi condotti da Google, una rivoluzione energetica nel settore dei computer legata a tecnologie già utilizzabili potrebbe far risparmiare circa 40 miliardi di kilowatt all'ora nel corso di appena tre anni.

Il dato equivale ad un risparmio economico di circa 5 miliardi di dollari, riporta il New York Times, calcolando quanto accadrebbe con "appena" 100 milioni di computer desktop. Su scala globale è pressoché impossibile calcolare l'impatto ma di una cosa si dicono tutti sicuri: il Pianeta nel suo complesso ne trarrebbe un enorme beneficio.
11 Commenti alla Notizia Google per la rivoluzione del PC a basso consumo
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)