Scrivere SMS ed email senza tasti

L'idea è di usare una penna digitale e un foglio speciale per scrivere i propri messaggi, senza bisogno di utilizzare un computer. Ma serve?

Roma - TIM e Anoto hanno firmato un accordo per la sperimentazione in Italia di un nuovo servizio che permette di inviare testi scritti a mano attraverso un SMS e via email senza usare il computer, grazie all'impiego di una penna elettronica, di una carta speciale e di un telefonino.

I clienti dell'operatore di telefonia mobile, oltre a poter ricevere email sul telefonino, come già è possibile oggi, potranno inviare email, SMS, fax e appunti, direttamente dal foglio di carta. Il sistema sviluppato da Anoto consente, infatti, di "catturare" un testo scritto con una penna digitale su un apposito foglio di carta ed inviarlo direttamente al destinatario del messaggio attraverso il telefonino.

"Un primo market test - informa una nota - partirà nella seconda metà del 2002".
"TIM - ha dichiarato Mauro Sentinelli, Direttore Generale di TIM - vede un grande potenziale nell'applicazione Anoto. Questa collaborazione offre a TIM l'opportunità di fornire ai suoi clienti soluzioni all'avanguardia e di semplice utilizzo perchè coniugano strumenti innovativi e oggetti di uso comune come carta e penna"

Anoto è una società svedese specializzata in soluzioni per la trasmissione di testi manoscritti dalla carta ai media digitali, per la scansione di testo stampato e per la sorveglianza con telecamere intelligenti.
3 Commenti alla Notizia Scrivere SMS ed email senza tasti
Ordina
  • Mi stavo in effetti domandando come mai ancora nessuno l'avesse inventata, che ero arrivato alla conclusione di brevettarla io stesso...

    In fondo concettualmente e' una vera sciocchezza: basta utilizzare un banale circuito a foto diodo, di quelli utilizzati per i mouse di ultima generazione, e disporlo sull'impugnatura di una normalissima penna, poco sotto il punto in cui viene tenuta tra le dita.

    Il fascio va puntato verso il foglio, costituito da una griglia tipo carta millimetrata che si occupa di dare un riferimento al sistema di tracciamento, un po' come avviene per le matrici o per i touch screen.

    Ne consegue che ogni movimento della penna viene memorizzato in una memoria. Questa traccia puo' poi essere elaborata come piu' si crede, ad esempio puo' essere inviata via email o via SMS, appunto.

    Il vantaggio? Semplice: chiunque potra' utilizzare in maniera piu' naturale e immediata gli strumenti di comunicazione. Anche mia nonna.

    Una vera rivoluzione.
    non+autenticato


  • - Scritto da: Albert Einstein
    > Mi stavo in effetti domandando come mai
    > ancora nessuno l'avesse inventata, che ero
    > arrivato alla conclusione di brevettarla io
    > stesso...
    >
    > In fondo concettualmente e' una vera
    > sciocchezza: basta utilizzare un banale
    > circuito a foto diodo, di quelli utilizzati
    > per i mouse di ultima generazione, e
    > disporlo sull'impugnatura di una
    > normalissima penna, poco sotto il punto in
    > cui viene tenuta tra le dita.
    >
    > Il fascio va puntato verso il foglio,
    > costituito da una griglia tipo carta
    > millimetrata che si occupa di dare un
    > riferimento al sistema di tracciamento, un
    > po' come avviene per le matrici o per i
    > touch screen.
    >
    > Ne consegue che ogni movimento della penna
    > viene memorizzato in una memoria. Questa
    > traccia puo' poi essere elaborata come piu'
    > si crede, ad esempio puo' essere inviata via
    > email o via SMS, appunto.
    >
    > Il vantaggio? Semplice: chiunque potra'
    > utilizzare in maniera piu' naturale e
    > immediata gli strumenti di comunicazione.
    > Anche mia nonna.
    >
    > Una vera rivoluzione.

    Bellisiima idea!
    non+autenticato
  • mi meraviglio che non l'abbia sperimentata Blu, sempre a caccia di cose inutili di cui far godere i propri clienti
    non+autenticato