Teletrasporto quantistico tra luce e materia

Questo il titolo dell'esperimento di un team di scienziati europei che dichiara di aver ottenuto un teletrasporto molto più avanzato di quanto realizzato in precedenza da altri ricercatori

Roma - No, non siamo al teletrasporto di Star Trek (nella foto qui sotto), ma alcuni scienziati ritengono che si sia fatto un significativo passo avanti nelle tecnologie e lo hanno dichiarato in un "paper" che descrive il loro ultimo clamoroso esperimento, ripreso anche da Nature.

TeletrasportoRispetto a ricerche e studi precedenti, secondo gli scienziati dell'Istituto Max Plank tedesco e i colleghi dell'Istituto Niels Bohr danese "abbiamo dimostrato la possibilità di un teletrasporto (...) in cui una informazione quantistica integrata ad un impulso luminoso viene trasportata in un oggetto macroscopico (un insieme di 1012 atomi di cesio)".

"Questo - spiegano - è il primo caso di successo di teletrasporto tra oggetti di natura diversa. Il primo rappresenta un mezzo volatile (i fotoni), l'altro un mezzo stabile (gli atomi). I risultati sono di interesse non solo per la ricerca primaria ma anche e soprattutto per l'applicazione pratica nel dar vita a computer quantistici o a trasmettere informazioni cifrate (cifratura quantica)".
Lo scienziato danese Eugene Polzik spiega alla CNN: "Si tratta in verità del teletrasporto di informazione da un sito ad un altro sito. L'informazione quantistica è diversa da quella tradizionale nel senso che non può essere misurata. Ha una capacità molto più elevata e non può essere intercettata. Le trasmissioni di informazioni quantistiche possono essere rese incondizionatamente sicure".

Sul senso e il valore di futuri elaboratori quantistici si veda questo approfondimento di Andrea Pasquinucci su Punto Informatico.
28 Commenti alla Notizia Teletrasporto quantistico tra luce e materia
Ordina
  • Ma non ci credo! Rifanno la serie classica di star trek!! Ci passano sopra una mano di bianco rifacendo gli effetti speciali con le tecniche odierne. Bahh! Non lo so. E' come vestire la gioconda da vacca e riempirla di piercing per adattarla alla moda corrente. Non so. Prevedo già l'uscita di cofanetti e versioni speciali e ristampe commemorative e cd coi gargarismi in camerino di william shatner.
    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • Non ho idea di chi tu sia...

    Ma credimi non ho mai sentito tante CAZZATE riferite a Star Trek tutte assieme...da quello che hai scritto si vede quanto poso sai di Star Trek

    Povero/a IGNORANTE...Mi fai penaImbarazzato
    non+autenticato
  • - Scritto da: nessuno
    > Non ho idea di chi tu sia...
    >
    > Ma credimi non ho mai sentito tante CAZZATE
    > riferite a Star Trek tutte assieme...da quello
    > che hai scritto si vede quanto poso sai di Star
    > Trek
    >
    > Povero/a IGNORANTE...Mi fai penaImbarazzato

    Ma dico: hai dovuto pensarci 6 anni per rispondere a costui ???
    Ma chi sei l'ammiraglio Lisiero ?
    krane
    22544
  • "Elementi struttura della materia" mi perseguita anche a casa!

    "Chi non rimane scioccato dalla meccanica quantistica non l'ha capita veramente"
    non+autenticato
  • > "Chi non rimane scioccato dalla meccanica
    > quantistica non l'ha capita veramente"

    NESSUNO l'ha capita, soprattutto quelli che si compiacciono di assurde astrusità legate, più che al formalismo, all'interpretazione.

    Tranne, forse... cerca su Google "Classical Quantum Mechanics".
  • Sarebbe molto bello se esistesse davvero.. e se funzionasse come nella serie di StarTrek.. ma nella realtà.. applicando la Fisica come noi la conosciamo oggi..(chissà domani potrbbe essere completamento differente.. ma per ora..)
    Il teletrasporto non è altro che un disintegratore con la capacità di reintegrare gli atomi dispersi.
    Il problema di base è che se le tue molecole vengono disperse nel luogo A.. mi spiega qualcuno come è possibile che le stesse vengano riconvertite nel luogo B ?

    La mia idea è che come ti Replicano nel posto B possono farlo contemporaneamente nel posto C, D, E ... e magari anche senza la necessità di disintegrarti.

    Mah sembrerò un po' Mc Coy....ma la cosa non mi convince.
    non+autenticato
  • Non e` possibile smaterializzare qualcosa a livello dei quark (la forza forte e` tensoriale e occorrerebbe infinita energia per separarli completamente), mentre per farlo a livello di particelle del nucleo (adroni) si richiederebbero quantita` di energia paragonabili a quelle del 10% della massa di quiete, cioe` diversi megatoni. Poi non e` possibile analizzare la struttura dell'organismo "sorgente" a quel livello, per via del principio d'indeterminazione che pone limiti invalicabili e non compatibili con uno scopo del genere. Anche qualora ci si riuscisse, si dovrebbero memorizzare le informazioni su tutto il "pacco" originale, e i computer attuali hanno capacita` di memoria di una VENTINA di ordini di grandezza inferiori al necessario. E infine ricomporre il tutto, chissa` come. E nel caso tutto andasse bene, sperare di non avere un'anima immateriale.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Non e` possibile smaterializzare qualcosa a
    > livello dei quark (la forza forte e` tensoriale e
    > occorrerebbe infinita energia per separarli
    > completamente), mentre per farlo a livello di
    > particelle del nucleo (adroni) si richiederebbero
    > quantita` di energia paragonabili a quelle del
    > 10% della massa di quiete, cioe` diversi
    > megatoni. Poi non e` possibile analizzare la
    > struttura dell'organismo "sorgente" a quel
    > livello, per via del principio d'indeterminazione
    > che pone limiti invalicabili e non compatibili
    > con uno scopo del genere. Anche qualora ci si
    > riuscisse, si dovrebbero memorizzare le
    > informazioni su tutto il "pacco" originale, e i
    > computer attuali hanno capacita` di memoria di
    > una VENTINA di ordini di grandezza inferiori al
    > necessario. E infine ricomporre il tutto, chissa`
    > come. E nel caso tutto andasse bene, sperare di
    > non avere un'anima
    > immateriale.

    Bhe, mica per niente i computer di StarTrek usano le memorie i chip ottici isolineari.
    non+autenticato

  • - Scritto da:

    >
    > Bhe, mica per niente i computer di StarTrek usano
    > le memorie i chip ottici
    > isolineari.

    E non solo usano anche il compensatore di Heisenberg per "superare" il Problema Sorride

    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Bhe, mica per niente i computer di StarTrek usano
    > le memorie i chip ottici
    > isolineari.

    io ricordavo le memorie quantiche

    cmq per il teletrasporto è un problema di banda.. già è improponibile trasferire il dna di una caccola

    figuriamoci la banda necessaria per trasportare le informazioni del dna umano a coppia di 4
    non+autenticato
  • Come no... immagino che sei un fisico teorico che lavora al CERN...

    non+autenticato
  • nel luogo di destinazione devono avere una scorta di atomi per ricostruirti secondo le istruzioni che il disintegratore ha ricavato mentre ti scomponeva.
    e si, possono ricomporti anche in posti diversi. Pensa, si potrebbe abolire la produzione industriale: vuoi qualcosa? la ditta manda le istruzioni per il prodotto e tu lo ricrei a casa tua

    - Scritto da:
    > Sarebbe molto bello se esistesse davvero.. e se
    > funzionasse come nella serie di StarTrek.. ma
    > nella realtà.. applicando la Fisica come noi la
    > conosciamo oggi..(chissà domani potrbbe essere
    > completamento differente.. ma per
    > ora..)
    > Il teletrasporto non è altro che un
    > disintegratore con la capacità di reintegrare gli
    > atomi
    > dispersi.
    > Il problema di base è che se le tue molecole
    > vengono disperse nel luogo A.. mi spiega qualcuno
    > come è possibile che le stesse vengano
    > riconvertite nel luogo B
    > ?
    >
    > La mia idea è che come ti Replicano nel posto B
    > possono farlo contemporaneamente nel posto C, D,
    > E ... e magari anche senza la necessità di
    > disintegrarti.
    >
    > Mah sembrerò un po' Mc Coy....ma la cosa non mi
    > convince.
    non+autenticato
  • > Il teletrasporto non è altro che un
    > disintegratore con la capacità di reintegrare gli
    > atomi
    > dispersi.

    mmm... può essere anche che la materia sia fatta passare attraverso un worm hole, un buco brana, insomma una singolarità che connette due luoghi "convenzionalmente" remoti.
    O no?
    Geek


  • > Il teletrasporto non è altro che un
    > disintegratore con la capacità di reintegrare gli
    > atomi dispersi.

    no guarda che qui si parla di stati quantistici e basta: se tu prendi due elettroni o fotoni in uno stato quantistico legato e li porti a distanza poi fai fare una variazione di stato (una misura) ad uno dei due proietti l'altro in uno stato correlato alla misura che hai fatto.
    non+autenticato
  • > e funzionasse come nella serie di StarTrek..

    No no, meglio di no. A volte quello di Star Trek non funziona bene e occorre raschiare via il caporale Smith dalle pareti.

    > Il teletrasporto non è altro che un
    > disintegratore con la capacità di reintegrare
    > gli atomi dispersi.

    Chi ha concepito quel modello non ha ragionato sul fatto che ciò che arriva a destinazione è una tua copia con la tua mente e i tuoi stessi ricordi, ma non sei tu.

    > ... e magari anche senza la necessità di
    > disintegrarti.
    >
    > Mah sembrerò un po' Mc Coy....ma la cosa non
    > mi convince.

    Infatti. Se invece di disintegrarti l'aggeggio ti replica, pensi di vedere e sentire ed essere contemporaneamente in due posti? Non ho mai fatto l'esperimento per mancanza di volontari (*), ma intuitivamente direi di no, e questa è la prova che ciò che viene ricomposto non sei tu ma un'altra persona.

    (*) E poi per esserne davvero sicuro dovrei provare su di me... ma sai, non mi fido a entrare in quel coso.
  • Dall'articolo: "Si tratta in verità del teletrasporto di informazione da un sito ad un altro sito..."

    In sostanza è un programma ftp per atomi...Imbarazzato
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Dall'articolo: "Si tratta in verità del
    > teletrasporto di informazione da un sito
    > ad un altro
    > sito..."
    >
    > In sostanza è un programma ftp per atomi...Imbarazzato

    Spero solo che i firewall non blocchino la porta 80, altrimenti ciao atomi...
    non+autenticato
  • E' più facile teletrasportare
    un kilo di titanio da una parte all'altra del mondo che spostare il culo dei nostri politici
    dove meritano di stare, su un campo a zappare
    o alla caritas a dire "scusi signore posso averne ancora.."
    La ricerca è finanziata meno delle palestre
    per cui chi ha un pò di culo e 4 neuroni
    in fila prende e se ne espatria..
    Ma chi tace....

    Erka
    non+autenticato
  • si ma le palestre creano i taricone del domani, costantino è solo l'ultimo prodotto.
    Dalla ricerca invece nessun risultato...gli toglierei anche quelli. C'è una massa di ricercatori nullafacenti che sputtanano i soldi di quelli seri.
    non+autenticato
  • Spero tu non stia dicendo sul serio.
    La ricerca non puo` produrre risultati su base periodica o su ordinazione, ma se non c'e` ricerca di certo non ci sono risultati.

    Ma va be', si vede che non t'interessa.
    Pazienza, almeno ti troverai bene fra un po' a raccogliere pomodori sotto il sole, assoldato da proprietari terrieri cinesi. Buon lavoro...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > si ma le palestre creano i taricone del domani,
    > costantino è solo l'ultimo
    > prodotto.
    > Dalla ricerca invece nessun risultato...gli
    > toglierei anche quelli. C'è una massa di
    > ricercatori nullafacenti che sputtanano i soldi
    > di quelli
    > seri.

    Leggi qui, questo frutto della ricerca, e saprai che le donne fingono di non capire...
    Questa volta è uno studio condotto dal canadese Tuuli Kukkonen e riportato sulla rivista New Scientist a indagare i tempi di attivazione sessuale di uomini e donne.

    Per raggiungere lo scopo è stata utilizzata una telecamera termica, che misura l’incremento del flusso sanguigno nei genitali di cavie umane di ambo i sessi che guardano dei filmati erotici. Conclusione: di fronte a uno stimolo sessuale i tempi di attivazione fisiologica nell’uomo e nella donna sono uguali.

    A supportare queste conclusioni, un altro studio del 2005: addirittura, di fronte ad accoppiamenti tra animali (in questo esperimento, degli scimpanzé) la risposta genitale sarebbe presente nella donna e non nell’uomo.

    Ficoso
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)