Informazione on line e diritto di stampa

Il Centro Servizi Legali aiuta a capire la differenza tra l'editoria telematica e quella "cartacea". Un approfondimento sul diritto di stampa e sulle testate giornalistiche

Una delle conquiste più eclatanti di una democrazia è quella che riguarda la libertà di pensiero.

La libertà di pensiero si manifesta in una dei suoi aspetti più caratteristici, ossia la libertà di stampa.

Possiamo dire, senza tema di smentita, che senza libertà di stampa non può esistere democrazia, almeno nella concezione moderna che diamo a questo concetto.
Nel concetto di stampa dobbiamo ricomprendere una definizione quanto più vasta possibile, intendendo i fogli scritti con le letterine mobili di Guttemberg e il giornalismo telematico.
Questo è il punto.
Se la stampa è informazione, Internet e le potenzialità multimediali sono, per loro stessa natura, l?humus ideale per la trasmissione del pensiero.

Quanto affermato è ancor più vero se si pensa che in molti Paesi ove vige un regime totalitario è addirittura reato comunicare via Internet.

Un?editoria on-line ha l?indiscusso vantaggio, rispetto al cartaceo, di offrire un?informazione immediata ed aggiornata in tempo reale, portando la notizia direttamente in casa del lettore, senza intermediari e quindi senza gli innumerevoli problemi legati alla distribuzione.

Se l?informatizzazione dell?editoria apre orizzonti vastissimi, essa può, di contro, presentare altri pericoli, in quanto un?informazione falsa o tendenziosa può ?violentare? i cittadini che vengono avvelenati accedendo al proprio computer.

Oggi come oggi, molti quotidiani nazionali (ma soprattutto esteri) offrono pagine di notizie via Internet, con servizi, fotografie, links e collegamenti ipertestuali.

Vi sono anche (e Punto Informatico è una testimonianza tra le più prestigiose) ?e-zine?, ossia giornali (magazines) che esistono solo su Internet, garantendo all?utente i servizi on- line.

Fin qui la cronaca di ciò che accade nel mondo dell?editoria giornalistica.
TAG: italia