Riconoscimento vocale in salsa open source

VoxForge vuole coinvolgere gli utenti per realizzare una grande archivio audio-vocale con licenza GPL; Sphinx, HTK, CAVS e Julius disporranno così di risorse open senza restrizioni licenziatarie

Roma - Una delle ultime novità nel campo del riconoscimento vocale è rappresentata dal progetto VoxForge. L'obiettivo è quello di raccogliere il maggior numero di trascrizioni audio (Transcribed Speech Audio) sotto licenza GPL, da utilizzare per la creazione di Acoustic Model, fondamentali per gli Open Source Speech Recognition Engines.

Si tratta, insomma, di un archivio audio-vocale GPL per applicazioni di riconoscimento vocale come Sphinx, HTK, CAVS e Julius. Un progetto piuttosto rilevante se si considera che in materia di sintesi e riconoscimento vocale le tecnologie proprietarie continuano a farla da padrone.

Gli Speech Recognition Engines richiedono due tipi di file per riconoscere il parlato: Acoustic Model e Language Model (o Grammar file). I primi vengono creati utilizzando un gran numero di registrazioni vocali e le loro trascrizioni (Speech Corpus o Corpora), organizzate in rappresentazioni statistiche del suono che compongono ogni parola. I Language Model, invece, associano le probabilità di interpretazione del suono correlate ad alcune sequenze di parole. I Grammar file dispongono invece combinazioni predefinite di parole, declinate a grammatiche specifiche.
La maggior parte degli Acoustic Model utilizzati dai sistemi di riconoscimento vocale open source sfruttano librerie protette. Non permettono, infatti, l'accesso alla sorgente audio utilizzata, o se lo fanno vi sono delle restrizioni licenziatarie che ne autorizzano solo l'uso personale o per la ricerca. Dato che non esistono Corpora gratuiti che possano essere utilizzati per creare Acoustic Models, il progetto VoxForge si propone quindi di ovviare al problema coinvolgendo direttamente gli utenti.

La licenza GPL permetterà così alla comunità open di utilizzare liberamente le sorgenti e distribuire Acoustic Models senza restrizioni. Sul sito ufficiale del progetto sono disponibili le applicazioni, da scaricare, per partecipare all'iniziativa. La compatibilità è certificata per piattaforme Linux e Microsoft Windows.

Dario d'Elia
25 Commenti alla Notizia Riconoscimento vocale in salsa open source
Ordina
  • sempre e solo in Inglese...
    Ok, sono d'accordo sul fatto che la maggior parte sono di lingua madre inglese e che comunque è la lingua a piu' larga diffusione.. ma non capisco il motivo per cui tale riconoscimento non possa essere realizzato per altre lingue..
    in fin dei conti un progetto del genere avrebbe molto piu' interesse nel caso venga proposto in modalità multilingua...
    Eppure non sembrerebbe cosi' complicato....mah!
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > sempre e solo in Inglese...
    > Ok, sono d'accordo sul fatto che la maggior parte
    > sono di lingua madre inglese e che comunque è la
    > lingua a piu' larga diffusione.. ma non capisco
    > il motivo per cui tale riconoscimento non possa
    > essere realizzato per altre
    > lingue..
    > in fin dei conti un progetto del genere avrebbe
    > molto piu' interesse nel caso venga proposto in
    > modalità
    > multilingua...
    > Eppure non sembrerebbe cosi' complicato....mah!

    gli open sourcisti fanno quello che gli piace o gli serve. Credere che perderanno tempo per nazioni diverse dalle proprie è da ingenui.
    Paga, vedrai come ti daranno retta


    non+autenticato
  • > gli open sourcisti fanno quello che gli piace o
    > gli serve. Credere che perderanno tempo per
    > nazioni diverse dalle proprie è da
    > ingenui.
    > Paga, vedrai come ti daranno retta

    TrollTroll occhiolinoTroll chiacchieroneTroll occhi di fuoriTroll di tutti i colori

    segli tu quello che ti assomiglia di più tra questi.. poi leggi quanto segue..

    primo: in tutte le nazioni ci sono persone a favore dell'opensource! cos'è ti immagini una nazione sperduta che raccoglie tutte queste persone?

    secondo: cosa c'è di sbagliato a fare quel che ti piace / ti serve? saresti stupido se non lo facessi!

    terzo: leggiti l'altra mia risposta
  • > segli tu quello che ti assomiglia di più tra
    > questi.. poi leggi quanto
    > segue..
    il verde

    > primo: in tutte le nazioni ci sono persone a
    > favore dell'opensource! cos'è ti immagini una
    > nazione sperduta che raccoglie tutte queste
    > persone?
    si ma devi sperare che gli italiani ci si mettano. Quindi aspetta e spera.

    > secondo: cosa c'è di sbagliato a fare quel che ti
    > piace / ti serve? saresti stupido se non lo
    > facessi!
    a tutti piace fare quello che si vuole. Spesso però lo si fa gratis o pagando. Quindi bisogna fare un lavoro che si odia per mantenere se stessi e gli hobby. Questo riduce il tempo dedicato a questi progetti ed il problema è che la gente si stanca anche del progetto e senza una persona che li tenga bloccati li sopra c'è il rischio che il progetto venga abbandonato. Non a caso i progetti più importanti sono finanziati AKA i programmatori guadagnano. Quelli free nel 90% dei casi rimangono abbandonati o hanno tempi di sviluppo lunghissimi

    non+autenticato
  • > a tutti piace fare quello che si vuole. Spesso
    > però lo si fa gratis o pagando. Quindi bisogna
    > fare un lavoro che si odia per mantenere se
    > stessi e gli hobby. Questo riduce il tempo
    > dedicato a questi progetti ed il problema è che
    > la gente si stanca anche del progetto e senza una
    > persona che li tenga bloccati li sopra c'è il
    > rischio che il progetto venga abbandonato. Non a
    > caso i progetti più importanti sono finanziati
    > AKA i programmatori guadagnano. Quelli free nel
    > 90% dei casi rimangono abbandonati o hanno tempi
    > di sviluppo
    > lunghissimi
    >

    questo è un tuo parere personale...
    i progetti che ottengono dagli utenti l'approvazione vengono portati avanti, gli altri muoino.. mi pare giusto

    inoltre.. ribadisco per l'ennesima volta
    open source != da gratis!
    chi l'ha detto che chi scrive software open-source lo deve far gratis????? PU0' farlo gratis.. ma non è la regola!
  • > questo è un tuo parere personale...
    > i progetti che ottengono dagli utenti
    > l'approvazione vengono portati avanti, gli altri
    > muoino.. mi pare
    > giusto
    >
    > inoltre.. ribadisco per l'ennesima volta
    > open source != da gratis!
    > chi l'ha detto che chi scrive software
    > open-source lo deve far gratis????? PU0' farlo
    > gratis.. ma non è la
    > regola!
    Open source significa gratis, smettiamola con questa storia. Ma io che lavoro come sviluppatore non avrei convenienza a spendere metà del tempo per migliorare il mio tool, aspetterò che lo facciano gli altri. Più tempo dò al cliente e più guadagno, il tempo per migliorare i tool open source sono soldi bruciati. Conviene solo alle grandi perchè loro finanziano i gruppi dandogli pochi spicci. Gimp è insufficiente per i professionisti ma se uno di questi volesse aggiungere una funzione magari perderebbe un mese, ossi un intero stipendio.
    non+autenticato
  • > Open source significa gratis, smettiamola con
    > questa storia.

    Quoto assolutamente. Ed è' questo il suo principale (non ho detto l'unico, eh) punto di forza... costasse come il closed quanti lo adotterebbero????
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > > Open source significa gratis, smettiamola con
    > > questa storia.
    >
    > Quoto assolutamente. Ed è' questo il suo
    > principale (non ho detto l'unico, eh) punto di
    > forza... costasse come il closed quanti lo
    > adotterebbero????

    Hai mai cercato su Emule i crack dei programmi closed? Hai idea di quanto paghi un utente a casa per avere Nero, MS Office, Flash e quant'altro?

    Che ipocrisia. Che mala fede.Perplesso
    non+autenticato
  • > Open source significa gratis, smettiamola con
    > questa storia. Ma io che lavoro come sviluppatore
    > non avrei convenienza a spendere metà del tempo
    > per migliorare il mio tool, aspetterò che lo
    > facciano gli altri. Più tempo dò al cliente e più
    > guadagno, il tempo per migliorare i tool open
    > source sono soldi bruciati. Conviene solo alle
    > grandi perchè loro finanziano i gruppi dandogli
    > pochi spicci. Gimp è insufficiente per i
    > professionisti ma se uno di questi volesse
    > aggiungere una funzione magari perderebbe un
    > mese, ossi un intero
    > stipendio.

    http://www.opensource.org/
    http://en.wikipedia.org/wiki/Open_source
    http://it.wikipedia.org/wiki/Open_Source

    forse ti è sfuggito il significato della parola.. consiglio la lettura di queste 3 pagine..

    e consiglio anche di aprire un po' la mente
    adios..
  • > http://www.opensource.org/
    > http://en.wikipedia.org/wiki/Open_source
    > http://it.wikipedia.org/wiki/Open_Source
    >
    > forse ti è sfuggito il significato della parola..
    > consiglio la lettura di queste 3
    > pagine..
    >
    > e consiglio anche di aprire un po' la mente
    > adios..

    è gratis, basta con queste definizioni.
    Si guadagna in servizi, non in software. Che senso ha vendere un software che tutti possono duplicare?
    E se vendo i servizi non mi conviene che il software me lo facciano gli altri? Se me lo facessi io non mi converrebbe darlo agli altri, avrei un vantaggio ma non facendolo io mi conviene farlo fare agli altri ed investire risorse nei servizi (quindi il software che arriva al cliente).
    L'open ha come strategia migliore quello di far perdere tempo a sviluppare agli altri intervendo solo se proprio serve ed in percentuali più basse possibili
    non+autenticato
  • > è gratis, basta con queste definizioni.
    > Si guadagna in servizi, non in software. Che
    > senso ha vendere un software che tutti possono
    > duplicare?

    hai ragione che senso ha vendere qualcosa che tutti possono duplicare?
    ecco perchè non vendono più la musica nei negozi!!! non ci avevo pensato!!! Perplesso

    e infatti nessun software a codice chiuso viene copiato vero?

    se io faccio una licenza che dice: questo software è open-source ma è a pagamento..
    se tu lo copi è illegale!!!
    esattamente come lo è copiare windows xp...

    e guadagnare in servizi non è un guadagno?

    ti ho detto di leggerti quei 3 siti per un motivo.. da quel che mi hai già detto nelle prime 4 righe è ovvio che non li hai mai letti

    > E se vendo i servizi non mi conviene che il
    > software me lo facciano gli altri? Se me lo
    > facessi io non mi converrebbe darlo agli altri,
    > avrei un vantaggio ma non facendolo io mi
    > conviene farlo fare agli altri ed investire
    > risorse nei servizi (quindi il software che
    > arriva al
    > cliente).

    ??? ma che stai dicendo ???
    il funzionamento di internet è aperto a tutti.. quanti soldi ci fa su un sacco di gente?

    se tu fai un software open-source che interessa a molta gente questo viene via via migliorato e altre applicazioni vi si possono integrare dando un valore aggiunto al tuo software!

    inoltre esistono licenze per tutti i gusti/necessità..

    > L'open ha come strategia migliore quello di far
    > perdere tempo a sviluppare agli altri intervendo
    > solo se proprio serve ed in percentuali più basse
    > possibili

    è così solo nella tua testa.. non hai la più pallida idea di come si sviluppi un progetto ne di come si sviluppa (in particolare) un progetto open-source!!!

    si mette su un server (tipo CVS) e si lavora in comunità.. ma la comunità è regolata e gestita da poche persone.. non si può entrare a farne parte e scriverci quello che ti pare.. puoi contattare i mantenitori di una parte di codice per segnalare un bug, o per richiedere una funzionalità.. per dare una funzione che ti serve già scritta e chiederne l'inserimento.. non è una bolgia dove chiunque scrive quello che vuole!

    eddai che cavolo.. almeno conoscere un minimo quello che si critica!!!
  • buona la salsaSorride ma i dobloni dove sono? Ficoso
    non+autenticato