Videogiochi violenti: genitori a scuola

Microsoft lancia una campagna per spingere le famiglie ad occuparsi di più del passatempo preferito dei figli. Intanto un giudice impone una prima assoluta: 100 ore di gioco da far vedere in tribunale

Roma - Basta alla violenza via console: negli USA Microsoft propone una campagna per stimolare nei genitori una più stretta supervisione sull'uso che i figli fanno dei videogiochi violenti, mentre per la prima volta un videogame sarà giocato per 100 ore davanti ad un magistrato che ne vuole giudicare la "commerciabilità".

Sono questi gli effetti più recenti dell'infinita querelle sui contenuti violenti di alcuni videogame. Se da una parte non sono sopiti gli echi della tragedia della Columbine High School, dall'altra Microsoft tenta di tracciare una nuova rotta per risolvere il problema: avvicinare gli adulti al mondo delle console in modo da azzerare il digital divide tra genitori e joypad. Il che, per i più maliziosi, potrebbe anche esser visto come un'abile mossa commerciale, utile ad incrementare le vendite della console ammiraglia di casa Microsoft.

Ma può bastare una campagna di informazione? Ogni dubbio è lecito, visto che spesso entrambi i genitori lavorano e passano poco tempo libero con i pargoli. Ma in casa Gates una ne pensano e cento ne fanno: come nella precedente versione di Xbox, e in molti prodotti concorrenti, anche su Xbox 360 sono previste impostazioni di sicurezza che permettono di delimitare i contenuti ai quali i ragazzi accedono sia online che offline. Molti titoli sono provvisti di protezioni attivabili che vietano l'accesso a contenuti x-rated o violenti. Nonostante ciò, per Robbie Bach, presidente della Microsoft Entertainment and Devices division il ruolo chiave è l'educazione. "Non vediamo nella censura dei contenuti un business. Dovremmo spendere meno tempo nel fare norme e molto più nell'educare, poiché l'educazione è la chiave del problema" - afferma a Reuters.
Il problema è molto sentito, e la mossa di Microsoft arriva tra incalzanti pressioni sugli organi legislativi perché si mettano al bando violenza e sesso nei prodotti destinati ai ragazzi. Le polemiche sono più che mai accese e mentre il massacro di Columbine viene trasposto in 3D, alcuni scienziati affermano che non ci sarebbero legami diretti tra videogame e l'acquisizione di comportamenti violenti. In questo scenario incuriosisce la decisione di un giudice della Contea di Dade, Florida, che per prendere una decisione sul controverso videogioco Bully ha deciso che la Corte dovrà visionare 100 ore di gioco: a prendere in mano il joypad non sarà "vostro onore" ma un impiegato della casa di produzione del titolo. Ultimata la visione starà alla Corte decidere se il gioco è commerciabile (attualmente il lancio è previsto per il 17 ottobre) o se necessita di qualche piccolo ritocco all'insegna del politically correct.

Gongola Jack Thompson, da tempo impegnato nella battaglia contro i giochi violenti: "È un'enorme vittoria contro l'industria dei videogame violenti, qualsiasi sia il verdetto finale del giudice" - afferma il moderno Don Chisciotte. Thompson d'altra parte considera Bully un nuovo "Columbine simulator" mentre Rockstar Games, nell'introduzione al gioco, ne parla come di un difficile percorso "tra gli ostacoli della peggior scuola del mondo".

Vincenzo Gentile
18 Commenti alla Notizia Videogiochi violenti: genitori a scuola
Ordina
  • a prendere in mano il joypad non sarà "vostro onore" ma un impiegato della casa di produzione del titolo.

    "E come può notare, in questo livello devo farmi strada fra i cattivoni della scuola cercando di rabbonirli distribuendo mazzi di rose (aspetta che arrivi l'approvazione e poi vedi che ti combiniamo vostro onore)".

    Ma perchè tutte le volte si dannano così tanto per fare tanta pubblicità a Rockstar Games?
    non+autenticato
  • Per un istante mi era freudianamente sembrato di leggere "Genitori violenti: videogiochi a scuola"..e a ben pensare non avevo tanto sbagliato..Occhiolino
  • E..ma anche..:
    -genitori a scuola di videogiochi violenti
    -scuola di videogiochi x genitori violenti
    -Videogiochi di genitori in scuole violente
    -Videogiochi di "scuole x genitori violenti"
    - Videogiochi di "genitori in scuole violente"
    -Tito, tu che hai ritinto il tetto ma non t'intendi tanto di tetti ritinti con tanto tatto tra tanti tantinti

    PS: tantinti? non so che è significa...ma è tardi e devo andare a lavorare. Mica posso stare a videogiocare a scuola di genitori ...sono un violento.

    Ciao
    Il superuomo (quello di Nietzsche, non quello della dc comics. Anche se non mi dispiacerebbe essere il secondo ma ... non mi disegnano così. Se non lo sapeste: siete tutti parte di un fumetto, e in sincerità è l'unica soluzione possibile. Un pianeta governato da quattro deficenti, che non si rende conto di essere schiavo perchè rincoglionito da "grandi fratelli e simili".... Si, siete un fumetto, e io con voi)
    non+autenticato
  • ingegnere vero?? grazie a buddha non mi ci sono iscritto...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > ingegnere vero?? grazie a buddha non mi ci sono
    > iscritto...

    No...muratore, pensa. Stile quell'altro, che faceva il falegname
    non+autenticato

  • ma 100 ore su un qualsiasi gioco ti viene da vomitare anche al più bello dei giochi
    - se è di azione, alla fine hai il delirium tremens
    - se è "di pensiero" (alla SImCity etc) alla fine hai due maroni che non ne puoi più

    non+autenticato
  • è ovvio che non si intendono 100 ore consecutive!! ma chi scusa può pensare una cosa del genere?? soltanto tu mi sa!
    nemmeno una qualsiasi udienza dura così tanto ma dai..
    le 100 ore sono ovviamente complessive e il gioco sarà rivalutato in più visioni, in più partite, in diversi momenti e, ovviamente, non tutto in una volta.
    in questo modo si possono osservare gli sviluppi del gioco nel corso di diverse sessioni.
    100 ore consecutive.. Rotola dal ridere
    ora che hai sparato questa vai a dormire per 200 ore consecutive che fai un favore a tutti va' Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > è ovvio che non si intendono 100 ore
    > consecutive!! ma chi scusa può pensare una cosa
    > del genere?? soltanto tu mi
    > sa!
    > nemmeno una qualsiasi udienza dura così tanto ma
    > dai..
    >
    > le 100 ore sono ovviamente complessive e il gioco
    > sarà rivalutato in più visioni, in più partite,
    > in diversi momenti e, ovviamente, non tutto in
    > una
    > volta.
    > in questo modo si possono osservare gli sviluppi
    > del gioco nel corso di diverse
    > sessioni.
    > 100 ore consecutive.. Rotola dal ridere
    > ora che hai sparato questa vai a dormire per 200
    > ore consecutive che fai un favore a tutti va'
    > Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere


    Ubu Re: Nooo!! Non sono colpevole!

    Giudice: Fate tacere l'imputato. La feccia come te si merita almeno 200 ore di giochi forzati e il controllo dell'HighScore ogni fine settimana, e ora il prossimo.


  • - Scritto da:
    > è ovvio che non si intendono 100 ore
    > consecutive!!

    ok
    allora 100 ore diviso 8 ore di "visione-lavoro" giornaliere fanno...
    12 giorni e mezzo.
    Facciamo tre settimane di lavoro.

    E il contribuente americano dovrebbe pagare tre settimane di "videogioco-lavoro" ad un magistrato con la scusa di verificare se è violento?
    Qui stiamo alla demenza.

    La verità sulla violenza negli USA è ben altra, e con ipocrito moralismo scaricano la colpa su ciò che centra poco o nulla.

    Come sono contento di vivere nella vecchia Europa
    non+autenticato
  • Non avete capito una mazza, come sempre.
    Le 100 ore saranno fatte tutte insieme in, massimo, una decina di minuti.
    Ma tutto vi devo spiegare...
    Ma guarda se....
    Ma non è possibile....

    è la cosa più ovvia no?

    Si risparmia tempo e denaro!!!

    Bho...certe volte non vi capisco. Ma chi è che si metterebbe 100 ore lì a giocare (che siano continue o in più volte). Ma dai.

    100 ore in dieci minuti e via.

    E se vi chiedeste come: tempo e spazio sono in rapporto. Basta fare il tutto in una stanza più piccola.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Non avete capito una mazza, come sempre.
    > Le 100 ore saranno fatte tutte insieme in,
    > massimo, una decina di
    > minuti.
    > Ma tutto vi devo spiegare...
    > Ma guarda se....
    > Ma non è possibile....
    >
    > è la cosa più ovvia no?
    >
    > Si risparmia tempo e denaro!!!
    >
    > Bho...certe volte non vi capisco. Ma chi è che si
    > metterebbe 100 ore lì a giocare (che siano
    > continue o in più volte). Ma
    > dai.
    >
    > 100 ore in dieci minuti e via.
    >
    > E se vi chiedeste come: tempo e spazio sono in
    > rapporto. Basta fare il tutto in una stanza più
    > piccola.

    Porca miseria se non ci fossi tu....mondo allo sfascio!
    non+autenticato

  • > Come sono contento di vivere nella vecchia Europa

    Eh, già. La vecchia Europa di Marc Dutroux...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Per bambini deficienti

    *alza la mano*

    Eccoomiii!!! A bocca aperta
    non+autenticato
  • Giudice, Microsoft, genitori.. cervelli in pappa completamente. Marea di idiozie come queste che non servono a nulla, a parte finire sui giornali, rilasciare interviste, diventare famosi.
    Queste stupidaggini la magistratura in tutto il mondo neanche dovrebbe esserne interessata, un enorme spreco di soldi dei cittadini.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Giudice, Microsoft, genitori.. cervelli in pappa
    > completamente. Marea di idiozie come queste che
    > non servono a nulla, a parte finire sui giornali,
    > rilasciare interviste, diventare famosi.
    >
    > Queste stupidaggini la magistratura in tutto il
    > mondo neanche dovrebbe esserne interessata, un
    > enorme spreco di soldi dei
    > cittadini.

    quoto! Piuttosto sarebbe meglio che si educassero i genitori cercando di fargli capire che internet non e' una baby sitter
    non+autenticato
  • E di nuovo lontani dalla meta!
    Ma secondo (o terzo se preferite) voi, i videogiochi che analizzeranno non riceveranno pubblicità grazie a simili iniziative?

    Lista di videogiochi analizzati:
    -Pane
    -Zuppa
    -Pan bagnato

    ...e via!, tutti a comprarli

    PS: scusate se penso. ..mi viene spontaneo ... veramente ...non lo faccio apposta (nè apposta via lettera cartacea, nè apposta via email).
    Sarà perchè non guardo la tv?
    Devo andare dal medico, quarto voi?
    è grave? provo un tale senso di solitudine a non avere niente da dire a proposito della fattoria, del Padrone di lavoro (il vostro), delle vostre quotidianità, ecc..
    Infatti, vedete, parlo poco, comunico poco, e simili.
    Qualcuno mi aiuti, voglio essere normale anch'io, vi prego... come si fa ad esser normali???!!! qualcuno me lo dica! ci và la laurea, il diploma, le quinta elementare?
    Se cominciassi a dire si quando voglio dire no, se mi convinco che è giusto andare a votare, se....tutto quello che vedo fare a tutti normalmente, guarisco?
    E poi sento chiedere, ma com'è che nelle storie della Bibbia prima Dio parlava agli uomini e ora...
    Cazzo, non sarà che anche lui non ha la tv e padroni di lavoro, ecc?

    "Io parlo per metafore, come i poeti zoppico e balbetto. Ma attenzione, quando incontrerete la metafora .... in essa v'è la strada per l'infinito!" da Così parlò Zarathustra. Nietzsche.
    non+autenticato
  • > PS: scusate se penso. ..mi viene spontaneo ...
    > veramente ...non lo faccio apposta (nè apposta
    > via lettera cartacea, nè apposta via
    > email).
    > Sarà perchè non guardo la tv?
    > Devo andare dal medico, quarto voi?
    > è grave? provo un tale senso di solitudine a non
    > avere niente da dire a proposito della fattoria,
    > del Padrone di lavoro (il vostro), delle vostre
    > quotidianità,
    > ecc..
    > Infatti, vedete, parlo poco, comunico poco, e
    > simili.
    > Qualcuno mi aiuti, voglio essere normale anch'io,
    > vi prego... come si fa ad esser normali???!!!
    > qualcuno me lo dica! ci và la laurea, il diploma,
    > le quinta
    > elementare?
    > Se cominciassi a dire si quando voglio dire no,
    > se mi convinco che è giusto andare a votare,
    > se....tutto quello che vedo fare a tutti
    > normalmente,
    > guarisco?
    > E poi sento chiedere, ma com'è che nelle storie
    > della Bibbia prima Dio parlava agli uomini e
    > ora...
    > Cazzo, non sarà che anche lui non ha la tv e
    > padroni di lavoro,
    > ecc?
    >
    > "Io parlo per metafore, come i poeti zoppico e
    > balbetto. Ma attenzione, quando incontrerete la
    > metafora .... in essa v'è la strada per
    > l'infinito!" da Così parlò Zarathustra.
    > Nietzsche.

    Tu non ti piaci. Ma ti ammiri. E' tutto quello che hai, e allora ti ci aggrappi. Hai cosi' paura di cambiare, di perdere quello che ti rende speciale. Essere infelice non ti rende migliore di nessun altro, House. Ti rende solo infelice.
    Fine Episodio
    Seguono i Credits.

    Sì, la tv fa schifo ma qualcosina te la puoi concedere che non ci perdi in dignità.

    http://tinyurl.com/ubucd








    E questa è la prima e l'ultima che ti dico. I tipi come te bisogna portarli fuori casa tirandoli per i capelli e a suon di calci in culo (qui no, qua no). Oh, ma si arriva al punto che il piede fa male, quindi smummiatevi un pò da soli.
    Con la lingua fuori
    non+autenticato