Cina, niente satira su YouTube?

Controversa decisione dell'amministrazione di Chongqing, la più popolosa municipalità cinese: niente video satirici su YouTube e servizi simili, pena multe salatissime

Chongqing (Cina) - La più grande città della Cina continentale, Chongqing, ha varato nuove leggi per regolamentare l'uso e punire l'abuso della diffusione di audiovisivi online. Gli utenti che utilizzano servizi come YouTube dovranno stare attentissimi a non propagare alcun tipo di satira o "diffamazione" in formato video: dalla parodia di un film in commercio fino a tentativi di revisionismo storico a colpi d'ironia. Chi sgarra dovrà pagare una multa pari a circa 580 euro, riferisce l'agenzia stampa Xinhua.

In questa maniera le autorità ora sperano di porre fine alla moda dei cosiddetti "egao", filmati autoprodotti come Il Caso del Panino Insanguinato: spesso si tratta di videomontaggi che usano spezzoni di film famosi per dar vita a parodie. Lo scorso agosto, ad esempio, un personaggio di nome Hu Ge fece scalpore per aver creato un video piuttosto particolare: "Scoppiettante Stella Rossa", una parodia di 10 minuti che sbeffeggia la Rivoluzione Culturale di Mao utilizzando una nota pellicola propagandistica del 1974.

Il caso fece andare su tutte le furie i membri del Partito Comunista, che hanno elaborato precise direttive antisatira. "È proibito fare satira su altre persone o su fenomeni sociali utilizzando Internet", dice l'agenzia Xinhua. La municipalità di Chongqing è finora l'unica provincia della Repubblica Popolare ad avere recepito le indicazioni del governo centrale su questo fenomeno, scrivono i quotidiani locali.
Le modalità con cui questo divieto verrà applicato, almeno per il momento, sono ancora avvolte nel mistero. Tuttavia è certo che, secondo alcune recenti norme, soltanto alcuni siti autorizzati dal governo possano diffondere audiovisivi sul Web e permettere la distribuzione di materiale autoprodotto: YouTube sarà il prossimo bersaglio della censura cinese?

Hu Ge, in una recente intervista a cura di Beijing News, non sembra avere paura delle nuove restrizioni all'orizzonte: "Se mi proibiranno di pubblicare le mie cose sul Web", ha detto Hu, "le spedirò in giro con i vari servizi peer-to-peer disponibili".

Tommaso Lombardi
35 Commenti alla Notizia Cina, niente satira su YouTube?
Ordina
  • Qui basta che un tipo basso e pelato dica che ci sono tre persone che non gli piacciono e quelle spariscono dalla TV.
    Poi altri tizi (TUTTI amici di quello di prima) fanno sparire filmati che dimostrano le loro tossicodipendenze senza neanche averli visti.
    E potrei andare avanti per ore...
    Cylon
    non+autenticato
  • senza offesa, ma penso che tu abbia qualche conto da regolare coi cinesi ?

    - YouTube funziona benissimo qui.
    - funziona persino Pornotube.com ...
    - l'unico bannato e' Google Video, il che non e' una grande perdita.

    ah e poi nel mondo reale ci sono un sacco di mostre fotografiche e di arte con nudi e immagini scabrose tra cui anche velate satire sul partito.

    e ci sono moltissimi forum pubblici dove si critica il governo, persino su quello del China Daily (www.chinadaily.com.cn).

    dove la vedi tutta sta censura lo sai solo tu, tra l'altro hanno di recente s-bannato Wikipedia (in inglese) e Blogspot.com

    skype, msn, bittorrent, emule, funziona tutto.

    e comunque la cina e' un paese sovrano e ha il diritto di fare i cazzi propri a casa sua.

    ti informo poi che il cinese medio e' BEN conscio di come gira il mondo, non credere che si beva le notizie dei gionali e delle TV.
    non+autenticato

  • ma non hai letto l'articolo? xchè mai non dovrebbe funzionare yutube?
    non+autenticato
  • mi riferivo al tono da caccia alle streghe con cui di solito scrivi questi articoli anti-cinesi.

    e' ovvio che censurano la merda, questo lo fanno in tutti i paesi civili compresa l'italietta che ha censurato il video delle Iene.

    ma il punto e' che sono cazzi loro cosa fanno in casa loro.

    in caso tu non lo sappia censurano solo casi rari e clamorosi, il porno online per esempio funziona tranquillamente checche' sia proibito, il gambling idem, e non parliamo di siti di hacking e cracking, tutto funzionante.

    ma non preoccuparti, tanto questo i tuoi lettori non lo sapranno mai, e' roba nota solo a noi expats che in cina ci viviamo e ci incazziamo a leggere come viene bistrattato questo grande paese che per noi e' molto piu' civile delle vostre decadenti democrazzzzie fatte di mafiosi, calciatori e veline.

    condoglianze,
    il Detrattore.
    non+autenticato
  • > ma non preoccuparti, tanto questo i tuoi lettori
    > non lo sapranno mai, e' roba nota solo a noi
    > expats che in cina ci viviamo e ci incazziamo a
    > leggere come viene bistrattato questo grande
    > paese che per noi e' molto piu' civile delle
    > vostre decadenti democrazzzzie fatte di mafiosi,
    > calciatori e
    > veline.

    Cavolacci, a onor del vero, superate le difficolta' linguistiche, in Asia si sta bene...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > mi riferivo al tono da caccia alle streghe con
    > cui di solito scrivi questi articoli
    > anti-cinesi.
    >
    > e' ovvio che censurano la merda, questo lo fanno
    > in tutti i paesi civili compresa l'italietta che
    > ha censurato il video delle
    > Iene.
    >
    > ma il punto e' che sono cazzi loro cosa fanno in
    > casa
    > loro.


    allora sono cazzi nostri cosa facciamo a casa nostra: guardiamo fuori dalla finestra in casa loro e NE PARLIAMO FINCHE' CI PARE

    > in caso tu non lo sappia censurano solo casi rari
    > e clamorosi, il porno online per esempio funziona
    > tranquillamente checche' sia proibito, il
    > gambling idem, e non parliamo di siti di hacking
    > e cracking, tutto
    > funzionante.

    si, infatti basta chiedere ad Amnesty o a Reporters Sans Frontieres, oppure sentire le CONCESSIONI di chi farà andare "persino le donne" nello spazioOcchiolino


    > ma non preoccuparti, tanto questo i tuoi lettori
    > non lo sapranno mai, e' roba nota solo a noi
    > expats che in cina ci viviamo e ci incazziamo a
    > leggere come viene bistrattato questo grande
    > paese che per noi e' molto piu' civile delle
    > vostre decadenti democrazzzzie fatte di mafiosi,
    > calciatori e
    > veline.
    >
    > condoglianze,
    > il Detrattore.

    finché sei detrattore va benissimo ... e quando il partito ti chiederà di fare anche il delatore ?


    ciccio, noi sappiamo che la Cina sarà presto Sovrana del MONDO e quindi ci preoccupiamo , mettiamo in guardia tutti finchè è possibile PARLARE

    altro che "cazzi vostri"... diventano cazzi di tutti.

    e comunque in italia c'è libertà di parola e stampa e quindi noi parliamo, checchè ne diciate voi cinesiniSorride

    ciao ciaoooo
    non+autenticato
  • mon dieu... devo proprio rispondere
    a gente che ha sentito parlare della
    cina solo da Quark e da qualche telegiornale ?

    a differenza che in europa
    le donne qui hanno PARI diritti fin dal 1949,
    hanno aborto, divorzio, lavoro, scuola, etc

    di Google video nessuno ne sente la mancanza
    visto che YouTube e tutti gli altri cloni
    compresi quelli giapponesi e koreani
    funzionano benissimo.

    ricordiamo inoltre che qui il search engine
    piu' usato e' BAIDU, poi Yahoo e solo molto
    dopo viene Google, che qui onestamente non
    viene molto considerato visto che i portali
    piu' in voga sono Sina.com e mille altri
    che in occidente sono sconosciuti.

    nudi etc : lo ho sottolineato perche'
    fino a pochi anni fa era del tutto proibito
    ora invece tollerato.

    nella democratica e civile Singapore
    e' ancora proibitissimo ad esempio, sia edicola
    che sul web che su CD/VCD e affini.

    il china daily come forum e' una porcata
    ma e' uno dei piu' grossi come quantita'.

    quelli un attimo piu' seri sono Shanghai
    Expat e That's Beijing (parlo di forum
    in inglese)

    quelli cinesi e' inutile elencarli se non
    sapete il cinese ma sono migliaia e migliaia,
    i blogs milioni.

    per l'internet senza filtri basta usare un
    qualunque sfigato proxy CGI.

    per robe piu' serie TOR o proxy statici.

    per uso aziendale ci sono apposite
    offerte VPN che scavalcano il firewall
    per contratto.

    comunque se proprio uno non ne puo' piu' basta
    che vada a Hong Kong.

    in Asia si sta da dio ! a patto che si sia "tagliati"
    per vivere all'estero, il che non mi sembra il vostro
    caso.

    non mi pronuncio neppure su Amnesty e le varie
    NGO di Soros/Open-Society .. studiate bene la questione e
    avrete risposte alle vostre domande.

    donne nello spazio : a differenza che in occidente
    qui le donne possono entrare nell'esercito, nella polizia,
    e in tutte le cariche statali, e questo fin dal 1949,
    non c'e' stato bisogno del femminismo e altre
    sedicenti rivoluzioni come da voi.

    delatori : certo ! gli articoli europei e americani
    sono solo scopiazzature prese da agenzie di stampa
    filo-americane che OGNI santo giorno sputano
    letame sulla cina per motivi politici.

    signori miei, a noi dell'america non ce ne fotte
    un cazzo, e questo gli yankees non lo possono
    sopportare.

    venite in oriente e fatevi un po' una cultura.
    il lavoro a basso costo e' solo una delle
    mille ragioni del boom cinese, e non e'
    neppure la piu' importante.

    diverranno anche cazzi vostri, dite ?
    si e no.
    perche' comunque l'asia e' un puzzle
    molto complesso, alcune cose cambieranno,
    altre no, ma e' impossibile analizzarlo
    stando in europa.


    e buon pro vi faccia.
    il Detrattore.
    non+autenticato


  • - Scritto da:
    > mon dieu... devo proprio rispondere
    > a gente che ha sentito parlare della
    > cina solo da Quark e da qualche telegiornale

    No evita!

    Ti rendi conto che sono parole al vento spero. Non puoi convincere chi non ci e' stato. Se uno non ci e' stato ti dira' solo che menti, che se ci sei ci devi restare e continuera' a pensarla di saperla piu' lunga lui. Per tanti, non esiste vita razionale al mondo al di fuori dell'Italia, non esiste cultura, non esiste creativita', non esiste storia antica, buona cucina e bel design.
    Hai letto le battute? La erre sostituita, il porno vietato per "complessi di inferiorita'"... siamo a un livello molto basso, stai parlando con persone che sanno solo per sentito dire, cioe' ignoranti.
    La Cina non e' perfetta e ha certo fin troppi scheletri nell'armadio, ma l'Italia e' uno stagno pieno di rane che si credono di essere nell'oceano. Lasciali gracidare, mentre nel resto del mondo facciamo il surf con le onde alte. Tanto non ti credono.
    non+autenticato
  • - Scritto da:

    > Ti rendi conto che sono parole al vento spero.
    > Non puoi convincere chi non ci e' stato. Se uno
    > non ci e' stato ti dira' solo che menti, che se
    > ci sei ci devi restare e continuera' a pensarla
    > di saperla piu' lunga lui. Per tanti, non esiste
    > vita razionale al mondo al di fuori dell'Italia,
    > non esiste cultura, non esiste creativita', non
    > esiste storia antica, buona cucina e bel
    > design.
    > Hai letto le battute? La erre sostituita, il
    > porno vietato per "complessi di inferiorita'"...
    > siamo a un livello molto basso, stai parlando con
    > persone che sanno solo per sentito dire, cioe'
    > ignoranti.
    > La Cina non e' perfetta e ha certo fin troppi
    > scheletri nell'armadio, ma l'Italia e' uno stagno
    > pieno di rane che si credono di essere
    > nell'oceano. Lasciali gracidare, mentre nel resto
    > del mondo facciamo il surf con le onde alte.
    > Tanto non ti
    > credono.

    dicci dicci.. quanti Ren ti vengono accreditati dal governo per difendere l'indifendibile?
    non+autenticato

  • > dicci dicci.. quanti Ren ti vengono accreditati
    > dal governo per difendere
    > l'indifendibile?

    E' questo il punto, non mi da nulla nessuno, se do ragione a chi parla bene della Cina e' perche' anche io ci sono stato. E ho visto come stanno le cose la'.

    Questo ti dovrebbe far riflettere invece che suscitare solo disprezzo e scetticismo.
    E tu? Quante e per quanto tempo ci sei stato?
    E chi ti paga per non informarti meglio?
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > > dicci dicci.. quanti Ren ti vengono accreditati
    > > dal governo per difendere
    > > l'indifendibile?
    >
    > E' questo il punto, non mi da nulla nessuno, se
    > do ragione a chi parla bene della Cina e' perche'
    > anche io ci sono stato. E ho visto come stanno le
    > cose
    > la'.
    >
    > Questo ti dovrebbe far riflettere invece che
    > suscitare solo disprezzo e
    > scetticismo.
    > E tu? Quante e per quanto tempo ci sei stato?
    > E chi ti paga per non informarti meglio?


    Ci sei stato in vacanza da occidentale, prova a vivere come vive la popolazione lì, poi forse potrai anche dire la tua ma certo che se te ne uscirai dicendo che sono rose e fiori ed è meglio dell'occidente.. o lavori per il governo comunista cinese, oppure sei un simpatizzante comunista italiano, oppure sei un pazzo.
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > o lavori per il governo
    > comunista cinese, oppure sei un simpatizzante
    > comunista italiano, oppure sei un
    > pazzo.

    probabilmente tutte e tre le cose insieme.
    non+autenticato