Sequestrato sito di medicina alternativa

Non è più possibile accedere alle pagine di medicinenaturali.net, un sito gestito da Giovanni Paolo Vanoli e sequestrato dalla Guardia di Finanza. Pochi i dettagli disponibili. Se ne parla su newsgroup e mailing list

Sequestrato sito di medicina alternativaRoma - Non sono ancora chiare le ragioni ma da ieri chiunque cercasse di accedere al "portale di medicina alternativa" alla URL medicinenaturali.net si troverebbe dinanzi una tipica pagina di sequestro pubblicata dalla Guardia di Finanza. Una pagina dalla quale si apprende che il sequestro preventivo è stato chiesto dal Tribunale di Roma ed è stato eseguito dal Nucleo Speciale Servizi Extratributari delle Fiamme Gialle.

Il responsabile del sito ospitato da Tiscali è Giovanni Paolo Vanoli, già piuttosto noto in rete per le proprie teorie mediche al centro di accesi e persino violenti dibattiti sui newsgroup. Vanoli, al momento, non ha rilasciato dichiarazioni ufficiali ma messaggi apparentemente scritti da lui apparsi su Usenet hanno avvertito che tutte le pagine pubblicate su medicinenaturali.net sono ora disponibili, dopo il sequestro, su medicinaqualita.it.

A dir la verità non è chiaro se il sequestro del sito possa essere dovuto ai contenuti del sito stesso.
Al suo interno infatti si trova una miriade di materiali che vanno da elucubrazioni sui "danni dei vaccini" alla "bioelettronica" passando per approfondimenti sul calo dei parti nel fine settimana e sulle conseguenze disastrose dell'uso degli ultrasuoni. Accanto a queste particolari "visioni" delle problematiche mediche, però, di primo acchito non si ravvisano attività illegali come quelle perpetrate in passato da altri siti poi perseguiti dalla magistratura, quali per esempio la vendita di prodotti non testati spacciati quali miracolosi rimedi farmacologici.

L'unico prodotto di cui si sollecita l'ordine dalla home page del sito è un volume, "Guida alla Salute Naturale", che può essere richiesto via email.

Sul newsgroup it.discussioni.consumatori.tutela in queste ore si sta discutendo animatamente del sequestro del sito, che ad alcuni appare come una forma di censura. Ma c'è anche chi gioisce dell'accaduto e rimanda ad una pagina che pubblica quelle che vengono definite le "Vanoli FAQ".

Il dibattito sulla chiusura del sito è anche al centro delle discussioni attive in questo momento sulla celebre mailing list italiana cyber-rights.
TAG: censura
215 Commenti alla Notizia Sequestrato sito di medicina alternativa
Ordina
  • Non tutti coloro che si occupa di medicina alternativa è pericoloso, ma è necessario scegliere il medico giusto che lo si fida o dei siti più affidabili
  • la verita'. qual'e' la verita. Di certo non solo quella ufficiale,giacche' si continua a soffrire e a morire a qualsiasi eta' pur curandosi con questi DOTTORONI STUDIOSAMENTE ISTRUITI DALLE BRANCHE UFFICIALI FORAGGIATI DALLA CORRUZIONE DEI POTENTI PRODUTTORI DEL BEL NORMALE,UFFICIALE. QUESTI DOTTORONI IN PARTE ANCHE LORO DI ARRICCHIRSI E FARE UNA BELLA VITA PASSANO SPESSO SULA VITA DEGLI ALTRI. CERTO,ATTENTI ANCHE AL ROVESCIO DELLA MEDAGLIA, MA NON SI DEVE PRECLUDERE LA NASCITA DEL NUOVO SE PUO' PORTARE BENESERE A QUESTA TRUFFATA E IMMOLATA UMANITA'.SI E' FATTO IMPAZZIRE SAMMWEILS ANCHE AVENDO RAGIONE FU DERISO DA TUTTI. MEDICI VALIDI CI SONO MA SONO COSTRETTI AD AVER PAURA A CAUSA DELLE RITORSIONI. E QUESTA SAREBBE UNA SOCIETA' CIVILE,ILLUMINATA DEL XXI SECOLO?
    non+autenticato
  • ma vi rendete conto? ma avete letto la "vanoli faq" (f*ck) 11 e 12? Va' che c'è gente che ci crede a 'ste cose.... Poi anche le sfumature xenofobiche con la definizione delle categorie che si ammalano di aids... Questo è un ignorante&cretino, devono rinchiuderlo in uno di quegli ospedali psichiatrici dove ancora usano i metodi naturali.... TANTE BOTTE.
    non+autenticato
  • Perizia del Prof. dott. Hans-Ulrich Niemitz Istituto superiore di Tecnica, Economia e Cultura di Lipsia presentata in tribunale nell'ambito dei procedimenti penali contro Hamer
    (medico tedesco, radiato dall?ordine dei medici perche? insegna e pratica una terapia naturale sui cancerosi, ottenendo risultati strepitosi?.)
    ISTITUTO SUPERIORE di TECNICA, ECONOMIA e CULTURA
    Perizia in merito alla ?Nuova Medicina? - (by Prof. dott. Hans-Ulrich Niemitz)
    Istituto superiore di Tecnica, Economia e Cultura di Lipsia
    Ambito professionale: Storia ed Etica della tecnica e delle Scienze naturali
    Le domande relative alla Perizia
    Con la lettera del 23 luglio 2003 il Dr. med. Mag. Ryke Geerd Hamer mi ha chiesto di dare una ?risposta scientifica? alle tre domande seguenti:
    1. È possibile e lecito che una medicina (quella ufficiale), basata solo su ipotesi, si dichiari pomposamente ?scientifica? sebbene sinora non si sia mai proceduto nemmeno a una sua sola verifica ?
    2. Per contro non sarebbe lecito e d?obbligo dichiarare la Nuova Medicina Tedesca ?scientifica? (che non si basa su nessuna ipotesi) e ?valida? (già solo in virtù dei 30 protocolli di verifica presentati) nel senso delle massime conoscenze scientifiche odierne ?
    3. Nell?ambito delle scienze naturali non è consueto e sufficiente superare anche solo un?unica verifica per provare la correttezza di una teoria, in questo caso della Nuova Medicina ?
    continua su www.mednat.org
    UN COMMENTO CONCLUSIVO
    La ?medicina ufficiale? si trova in una situazione particolare. Poiché avanza la pretesa di essere scientifica dovrebbe, per quanto possibile, attenersi a principi apolitici e prettamente scientifici. Ma contemporaneamente essa pretende di poter godere della protezione del potere politico e quindi ?non scientifico? di coloro che gestiscono i servizi sanitari.
    Il privilegio corporativo consente ai rappresentanti della medicina ufficiale di prendere impunemente delle decisioni nelle controversie scientifiche con mezzi che non sono scientifici, ma al contrario sono politici e legati al potere politico.
    La medicina ufficiale ha potuto sino ad oggi mantenersi in questa situazione in realtà ?assurda? perché i non medici (sia pazienti sia politici) non vogliono o non possono esercitare la libertà di scelta della propria terapia, come la costituzione consentirebbe loro; essi provano molta paura di fronte alla morte e alla perdita della salute che vengono minacciosamente prospettate a loro e a tutta la società, qualora rifiutino la terapia indicata dalla medicina ufficiale.
    E la paura è da sempre una cattiva consigliera.
    La contraddizione fra ?scienza? e ?corporazione?, nel caso in cui sia necessario curare dei bambini o dei minorenni, viene oggi superata imponendo a forza la terapia della medicina ufficiale, conformemente alla visione della corporazione e cioè secondo dei criteri non scientifici.
    I genitori o i tutori che su base scientifica rifiutano questa terapia per coloro che hanno in affidamento e tentano di sottrarli ad essa, sono perseguiti penalmente. Sotto il punto di vista etico ciò è una ?situazione assurda?, cioè immorale, e in questo caso anticostituzionale.
    RISULTATO DEL COMMENTO
    La pretesa della medicina ufficiale di voler far valere la sua decisione esclusiva per la terapia a partire dalla propria ?corporazione?, dunque in modo non scientifico, e di averla già fatta valere nel caso della terapia di minori, è anticostituzionale.

    CONCLUSIONE
    In applicazione dei criteri scientifici la Nuova Medicina deve essere considerata giusta in base all?attuale livello raggiunto dalle conoscenze scientifiche.
    Per contro la medicina ufficiale, sotto il profilo scientifico, risulta un miscuglio amorfo che a causa di fatti (presunti) compresi in modo sostanzialmente erroneo non può essere smentita né tanto meno essere verificata.
    Pertanto secondo i criteri scientifici deve essere considerata come un guazzabuglio di ipotesi, quindi non scientifica e, a miglior giudizio d?uomo, falsa.
    Lipsia, 18 agosto 2003 - (by Prof. Hans-Ulrich Niemitz)


    vedi anche : La medicina ufficiale NON e' un Scienza       -        La medicina ufficiale terza causa di morte (statistiche)

    Le CONQUISTE della medicina ufficiale:
    Una delle più grandi conquiste di questo tipo di medicina, è l?aver insegnato alle famiglie l?utilizzo del farmaco ed il vaccino fin da piccoli; infatti ciò ha un grandissimo valore pedagogico?.con le pillole ed i vaccini si trasmette il ?messaggio? che per ogni malessere occorre il Farmaco e/o il Vaccino e quindi il medico che lo prescrive??.e così i fatturati delle multinazionali dei farmaci e vaccini aumentano di anno in anno?.?e si creano il mercato dei malati e le malattie genetiche.....
    Al contrario con la Medicina Naturale, Vaccini     e    Farmaci   NON servono !
    Quindi questa medicina ufficiale (terapeutica) e' FALSA
    Mentre riscontriamo che la Chirurgia e la Traumatologia hanno fatto enormi progressi affinando le proprie tecniche e salvando con esse, molti malati e feriti.

    G. Paolo Vanoli - www.mednat.org
  • Dopo aver letto le Vanoli FAQ pensavo fosse uno scherzo. Non avete vergogna di difendere un......coso simile?
    Per quanto riguarda il sequestro, viste le motivazioni, è più che giustificato e non si tratta in alcun modo di censura.
    non+autenticato
  • COMUNICATO STAMPA

       
    Nuovo ATTENTATO alla Libertà di PENSIERO, PAROLA, di STAMPA e di DIFFUSIONE dell'informazione, ed anche alla Libertà di CURA, che in Italia NON esiste ancora !

    Il giorno 05/06/02 alle ore 14,30 è stato oscurato il sito, gestito dalla Vanoli Editore srl (MI) che tratta di Medicine Alternative:
    www.medicinenaturali.net + www.unimedecine.net il sabato successivo, di cui sono il direttore responsabile.
    Al link www.medicinaqualita.it voce Cancro, sotto Anfet alla fine della pagina, trovate il contenuto dei siti oscurati.
    Con l'oscuramento ai miei siti nei quali è indicato un certo "sequestro preventivo" a che cosa non si sa, questo perche? il procedimento penale indicato NON riguarda ne? la mia persona, ne? la casa editrice per la quale lavoro, ma riguarda Terzi !

    Questo sequestro ha seguito un iter non in linea con il Codice che dispone l'immediata notifica alla Parte avente diritto all'impugnazione.
    Mi sono accorto del sequestro alcuni giorni dopo e tramite il mio legale che ne ha dovuto fare richiesta specifica al tribunale, sono venuto a conoscenza delle motivazioni solo dopo qualche mese.

    Questo ritardo ha compromesso il mio diritto di opposizione nei tempi e nei termini stabiliti dalla Legge.
    Il sequestro è legato ad un reato (palesemente inesistente) che riguarda Terzi.
    Procedimento giuridicamente corretto sarebbe stato quello di invitarmi con Ordine scritto a rimuovere "a scopo preventivo" dal sito le pagine riguardanti i dati che mi furono inviati dal dr. Simoncini (lastre, tac, ecografie, scintigrafie, ecc.) riguardanti i pazienti curati dallo stesso.

    Inoltre, vi e? un?altra grave azione compiuta in questo ?sequestro preventivo???.: NON si puo' sequestrare una intera biblioteca perche? alcune pagine di un libro, in uno scaffale, sono passibili di sequestro, secondo il parere di un "giudice" !

    Un esempio, se fosse stata una cosa materiale, ad esempio il sequestro della documentazione clinica di un paziente presso lo studio di un medico, il magistrato di certo non avrebbe disposto il sequestro di tutta la documentazione esistente dei vari suoi pazienti, nello studio del medico.

    Ma cio? e? quello che stato effettuato sui miei siti; una intera biblioteca (migliaia di pagine web) di informazioni sulle medicine alternative, e? stata sequestrata perche? alcune pagine, circa una ventina, sono state ritenute da oscurare ! malgrado che tutto cio???. sia ancora da dimostrare !

    Speriamo che il processo faccia completa luce su questo strano comportamento della magistratura???

    Con questo ?sequestro? si sono anche violati gli articoli della Costituzione Italiana che recitano:
    art. 2 : solidarietà sociale...
    Il mio scopo è informare gratuitamente la popolazione su tutte le tecniche sanitarie possibili...per una forma di solidarietà sociale.
    art. 3 : effettiva partecipazione di tutti ...all'organizzazione sociale del paese.
    come sopra.
    art. 4 : ogni cittadino ha il dovere di svolgere..per propria scelta..una funzione che concorra al progresso spirituale della società...
    Divulgare le informazioni utili e salubri della medicina naturale, concorre notevolmente al progresso spirituale della società umana, evitando di gravare anche sulla spesa sanitaria e quindi sulle ns. tasse...
    art.19 : Tutti hanno il diritto di professare...e farne propaganda.
    La mia religione (etica di vita) è la medicina naturale, la professo e ne faccio gratuitamente propaganda a tutti a mezzo Internet, nei miei siti.
    art. 21 : tutti hanno il diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero, con la parola, lo scritto ed OGNI altro MEZZO di diffusione. La stampa NON può essere soggetta ad autorizzazione o censure.
    Come mai in questo caso si è disposto addirittura un "sequestro preventivo" a che cosa ???

    Evidentemente hanno paura di cio? che abbiamo messo a punto: la soluzione al problema Cancro !

    Art.33 : l'arte e le scienze sono libere e libero ne è l'insegnamento.
    La scienza della medicina naturale è un'arte che studio pratico ed insegno da 36 anni, tant'è che ho scritto e pubblicato una "Guida alla Salute Naturale"; ho messo a punto da decenni una teoria/terapia che costa pochissimo ma che è risolutiva per il Cancro (vedi nel sito web: www.mednat.org /cancro e medicina naturale

    Successivamente (3 anni or sono) assieme ad alcuni medici che con i loro studi erano arrivati alle stesse mie conclusioni, abbiamo dimostrato da 1 anno, che la terapia funziona e che potrebbe essere subito applicata con grande beneficio su tutti i malati cancerosi.

    Commento:
    Il Cancro è una malattia che nel mondo ha una incidenza di morti di circa il 50%... nei primi 5 anni.....ed il rimanente 45% nei successivi 5 anni ... ed è in continuo aumento...ogni anno ! (dati OMS)
    Con oltre 80 centri oncologici nel mondo ..che "spendono" anche denaro pubblico per la "ricerca", fino ad ora la soluzione al cancro non è stata trovata !
    Siccome questa grave malattia muove grossissimi capitali, tutti nei paesi occidentali perché nei paesi del terzo mondo questa malattia è quasi inesistente, essa è divenuta un enorme "business" ormai pilastro delle economie dei vari paesi occidentali ove si manifesta; quindi modificare questo "status quo finanziario" di milioni di $ (dollari) NON DEVE essere possibile.
    Quindi le Ricerche serie, alternative, poco costose....NON devono arrivare alla conoscenza della Popolazione....al lettore trarre le conclusioni..

    NON è che "per caso" le medicine naturali diano fastidio all'ordine dei medici ?!?!? e non vogliano che si divulghino le tecniche salutari di queste medicine, a loro sconosciute, e quindi mettendoli in crisi di coscienza e di mestiere ?!?!?

    Quindi per ora e seguendo i consigli del ns. ufficio legale, le pagine che dimostrano l?efficacia della ns. terapia NON invasiva, con lastre, tac, scintigrafie, ecografie, ecc. verranno da NOI disattivate (da oggi 07/02/2003), fino alla fine del dibattimento nei confronti delle ?accuse?, che noi riteniamo false, mosse ai medici che hanno praticato con successo sui pazienti cancerosi, la terapia a base di acqua basica; questo per evitare nuovi abusi contro i ns. siti che abbiamo mantenuto a ns. spese per fare informazione GRATUITA alla popolazione ignara di ciò che sta? avvenendo sulla pelle dei malati !

    G. Paolo Vanoli (I2VGP) Consulente in Scienza della Nutrizione e Medicine Biologico Naturali - www.mednat.org   / Cure NATURALI / Protocollo della Salute

    Editore, Giornalista iscritto all'ordine dal 1967, ricercatore e consulente per le Medicine Biologico Naturali, laureato negli USA in Scienza della Nutrizione (Ph.D.).


    G. Paolo Vanoli www.mednat.org
  • Solo per caso e su segnalazione di un "fratello" telematico, sono capitato qui, a leggere tutti i commenti che sono stati scritti in merito al sequestro del sito di Vanoli. Seguo molto da vicino la vicenda e sono al corrente dei suoi sviluppi, dato che Vanoli è una vecchia conoscenza dei NG di medicina (ed anche altri) da anni.
    Avrete sentito parlare di quella denuncia contro un medico romano che curava il cancro col bicarbonato e che ha fatto fuori una persona col suo sistema: bene. Vanoli e questo medico romano (radiato dall'ordine dei medici di Roma di recente) erano e sono in società. Il sequestro è avvenuto anche nei confronti del sito di questo medico, oltre che nei confronti di vanoli. Credo che, a tutela della salute pubblica e soprattutto per evitare che persone disperate (con un familiare canceroso) cadano in queste maglie, un sequesto (e quindi un oscuramento) non sinao criticabili. Non si tratta di censura (tanto è vero che i siti commerciali di vanoli sono online da anni e nessuno li ha mai toccati)....semplicemente si tratta di cautelare chi, ignaro delle conseguenze, può rivolgersi a loro per una terapia "al bicarbonato" rischiando la pelle.

    Un saluto
    non+autenticato

  • > Avrete sentito parlare di quella denuncia
    > contro un medico romano che curava il cancro
    > col bicarbonato e che ha fatto fuori una
    > persona col suo sistema: bene. Vanoli e
    > questo medico romano (radiato dall'ordine
    > dei medici di Roma di recente) erano e sono
    > in società. Il sequestro è avvenuto anche
    > nei confronti del sito di questo medico,
    > oltre che nei confronti di vanoli. Credo
    > che, a tutela della salute pubblica e
    > soprattutto per evitare che persone
    > disperate (con un familiare canceroso)
    > cadano in queste maglie, un sequesto (e
    > quindi un oscuramento) non sinao
    > criticabili. Non si tratta di censura ...

    Ne avevo sentito parlare. Comunque mi sembra ci
    siano delle incongruenze:
    - se trattasi di sequestro per avere i documenti
    pubblicati, non si vede perché oscurarlo;
    - ibidem, sia visibile pari pari ad altri URL;
    - ibidem, lo abbia disposto la GdF - Nucleo Sp.
    servizi Extratributari, invece che la Polizia
    (problema di procedure?).

    C'è ancora qualcosa che non mi convince, staremo
    a vedere...

    Saluti.
    non+autenticato


  • > C'è ancora qualcosa che non mi convince,
    > staremo
    > a vedere...


    Questa vicenda è l'epilogo di una storia che va avanti da mesi. Il sito del medico in questione era già stato opportunamente modificato per togliere tutte le parti riguardanti la sua terapia al bicarbonato. Vanoli l'ha ospitato nei suoi siti. C'è anche un problema di pubblicità medica, visto che il metodo veniva spacciato come infallibile e soprattutto visto che si davano indirizzo e numero di cellulare del medico stesso, tramite i quali i malcapitati genitori del paziente deceduto avevano con lui preso contatto. Sottolineo un fatto: la terapia al bicarbonato non ha mai avuto una base scientifica accertata...ma nonostante questo veniva praticata a prezzi piuttosto alti (sopra ai 20 milioni di vecchie lire per ogni trattamento). Voglio dire: bloccare in qualsiasi modo questo tipo di "commercio" non credo sia da stigmatizzare. Chi si incarica del blocco non credo abbia importanza (polizia? Guardia di Finanza?). Piuttosto, invece, sarebbe opportuno che si riflettesse sulla pericolosità di innumerevoli siti sui quali NON SI PUO' effettuare un controllo e che, subdolamente, fanno danno o comunque sono potenzialmente pericolosi.
    I siti di Vanoli contengono le informazioni sulla terapia al bicarbonato da mesi....nessuno li ha toccati finchè non c'è scappato il morto e finchè il medico che la propugna non è stato denunciato dai parenti....
    Io, che sono medico, sono per la tutela della salute....anche con mezzi non convenzionali ma a patto che sia rispettato l'individuo e che non ci sia speculazione sul dolore altrui. Quindi, conoscendo MOLTO bene Vanoli e le sue battaglie, posso dire che, per questo "abuso" in particolare (e non per le altre, innocue indicazioni da lui fornite che fanno danno solo al portafogli e non all'organismo) l'oscuramento del sito sia stato una norma più rivolta all'integrità di chi lo legge che all'effettiva "punizione" del soggetto in se.

    Alla fine di tutto rimane comunque la libertà di ognuno di interpretare questo provvedimento. I fatti sono "crudamente" quelli che ho esposto: se ci volete leggere qualche complotto antilibertà....beh, siete padroni di farlo Sorride)))

    Un saluto a tutti
    non+autenticato

  • - Scritto da: Mumblemumble
    > Solo per caso e su segnalazione di un
    > "fratello" telematico, sono capitato qui, a
    > leggere tutti i commenti che sono stati
    > scritti in merito al sequestro del sito di
    > Vanoli. Seguo molto da vicino la vicenda e
    > sono al corrente dei suoi sviluppi, dato che
    > Vanoli è una vecchia conoscenza dei
    > NG di medicina (ed anche altri) da anni.
    > Avrete sentito parlare di quella denuncia
    > contro un medico romano che curava il cancro
    > col bicarbonato e che ha fatto fuori una
    > persona col suo sistema: bene.


    FALSO, il PM NON ha ancora fornito nessuna prova a contro il medico dr. Simoncini (sono passati 2 anni ed 8 mesi.....)per questa morte, che al contrario, controllando i dati emersi dall'autopsia, e' morto per una emorragia dovuta ad una paracentesi praticatagli dal medico dell'ospedale al quale era arrivato con forti dolori (era un malato terminale lasciato a morire a casa....dalla medicina ufficiale).

    Vanoli e
    > questo medico romano (radiato dall'ordine
    > dei medici di Roma di recente) erano e sono
    > in società.


    Falso e di cio' dovrai a suo tempo rispondere in sede opportuna !


    Il sequestro è
    > avvenuto anche nei confronti del sito di
    > questo medico, oltre che nei confronti di
    > vanoli.


    In modo ILLEGALE per i miei siti !


    Credo che, a tutela della salute
    > pubblica e soprattutto per evitare che
    > persone disperate (con un familiare
    > canceroso) cadano in queste maglie, un
    > sequesto (e quindi un oscuramento) non sinao
    > criticabili.

    Lo sono eccome ed a suo temppo chiedero' i danni allo Stato !

    Non si tratta di censura (tanto
    > è vero che i siti commerciali di
    > vanoli sono online da anni e nessuno li ha
    > mai toccati)....semplicemente si tratta di
    > cautelare chi, ignaro delle conseguenze,
    > può rivolgersi a loro per una terapia
    > "al bicarbonato" rischiando la pelle.


    Ma quale pelle, l'acqua basica al 5% di bicarbonato e' utilizzata in TUTTO il mondo da decenni e decenni e NON ha mai ucciso NESSUNO.
    Infatti le perizie presentate al GIP dal dr. Simoncini hanno evidenziato proprio questo !
    Sei tutto in Mala Fede e quindi un FALSIFICATORE della Verita'

    G. Paolo Vanoli
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | Successiva
(pagina 1/7 - 32 discussioni)