Gentiloni: DTT e IPTV due progetti diversi

Pluralismo e liberalizzazione delle frequenze e della pubblicità rimangono gli obiettivi per la tv digitale del ministero per le comunicazioni. Per il DTT un solo canale per ogni broadcaster fino al 2012 e poi un tetto di 12

Roma - La televisione del futuro sarà digitale, ma quale sarà il suo assetto ancora non è chiaro. Ospite degli studi di RaiUtile, la rete del digitale terrestre RAI dedicata all'accorciamento della distanza tra lo stato (nelle sue mille forme) e il cittadino, il ministro delle comunicazioni Paolo Gentiloni ha chiarito la visione dell'attuale governo e ha risposto ad alcune domande riguardo al rapporto della televisione digitale terrestre con quella ben più innovativa che passa attraverso il protocollo IP.

A quanto sembra, l'obiettivo del ministro al momento è principalmente e primariamente quello di ridurre le posizioni dominanti e dare modo a più editori di avere accesso alle frequenze (un modo anche per stimolare una maggiore qualità). Ma non solo le frequenze devono essere libere, anche e soprattutto la raccolta pubblicitaria non deve essere monopolio dei soliti noti: "Sono 20 anni che non riusciamo a fare una legge che regoli come si deve il sistema televisivo. Non c'è riuscita la legge Mammì, non c'è riuscita la legge Maccanico nè tantomeno la Gasparri", per questo Gentiloni ha come obiettivo principale, ora più che mai, il pluralismo e la liberalizzazione.

Ma è la televisione via internet, al momento, il nemico maggiore del digitale terrestre, una televisione a basso costo, fatta dal basso e dalle potenzialità infinite. Interrogato sulle possibilità di una concorrenza al digitale terrestre da parte di una tv che sfrutta un mezzo già nelle case di tantissimi, il ministro ha risposto che "la televisione via internet e quella digitale terrestre credo siano due cose ben diverse. La prima ha la straordinaria potenzialità di portare nelle case di chi la può utilizzare un grandissimo archivio di film e programmi da consultare di volta in volta, più una programmazione lineare come nelle altre televisioni. Può insomma garantire un'offerta maggiore sia del digitale terrestre che del satellite. È una modalità che tuttavia si svilupperà solo nei prossimi anni e che ha dei problemi di ammodernamento della rete. Ci sono miliardi di investimenti da fare sulla rete TLC per connettere milioni di persone, cosa che dipende molto da chi è il gestore principale di questa risorsa cioè Telecom Italia e dal fatto che possa effettivamente farli questi investimenti. Il digitale terrestre è diverso invece, si tratta di una televisione gratuita destinata alle grandi platee generaliste."

Dunque la visione del ministro della televisione digitale è:satellite e internet a pagamento e digitale terrestre come piattaforma gratuita disponibile a tutti. Queste anche le ragioni dello spostamento in avanti dello switch off dalla tv analogica al DTT.

Incalzato poi anche in studio su questo tema, il ministro ha ricondotto il suo discorso ai tre obiettivi fondamentali: "Ci sono tre cose che non si toccano" ha risposto "La ridistribuzione delle risorse in materia di raccolta pubblicitaria per evitare posizioni dominanti. I grandi broadcaster che devono andare verso lo switch off con una rete ciascuno, per liberare più frequenze possibile. E infine la strutturazione di regole ferme per quando il digitale terrestre sarà a regime (dopo il 2012), noi pensiamo ad un tetto di 12 reti a testa".
Secondo Gentiloni non si può pensare ad uno spegnimento della televisione analogica prima del 2012 (come sostiene Maurizio Costanzo) perché ci sono moltissime persone a cui il decoder non deve essere solo venduto ma gli deve essere anche spiegato come usarlo. Ci sono le persone sole, gli anziani e i meno informati, fino ad ora invece il governo ha aiutato solo gli early adopters e i più curiosi. Anche per questo il Ministero delle Comunicazioni ha stabilito che entro i 2009 una rete Rai e una Mediaset andranno sul digitale terrestre in avanscoperta.

Gabriele Niola
34 Commenti alla Notizia Gentiloni: DTT e IPTV due progetti diversi
Ordina
  • Non credo ci sia molto interesse alla tv via internet. Sopratutto se rallentasse ancora di più la navigazione (in moltissime zone nelle ore di punta con ADSL professionali si naviga a 20 kbyte/s).

    Forse ampliare la rete internet e coprire le zone scoperte dalla banda larga sicuramente permetterebbe di lavorare in modo più competitivo e un bene per l'Italia.

    La TV dovrebbe essere un intrattemimento e funzionare con il digitale terrestre.
    non+autenticato
  • chi ha tempo da perdere passa il tempo davanti alla TV. Dove non arriva il diGGitale terrestre arriva SKy.

    Panzoni, con mutande al vento, boccale di birra con rutto incorporato e brufolosi nerd attendono impazienti l'arrivo del diggitalle terrrestrrreee!!!!
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > chi ha tempo da perdere passa il tempo davanti
    > alla TV. Dove non arriva il diGGitale terrestre
    > arriva
    > SKy.
    >
    > Panzoni, con mutande al vento, boccale di birra
    > con rutto incorporato e brufolosi nerd attendono
    > impazienti l'arrivo del diggitalle
    > terrrestrrreee!!!!

    Che pensieri profondi....A bocca stortaA bocca stortaA bocca storta
    non+autenticato
  • Perchè no? Con il wimax sarebbe fattbile..
    Leggete l'articolo che c'è sull'espresso di questa settimana!!
    Ciao
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Perchè no? Con il wimax sarebbe fattbile..
    > Leggete l'articolo che c'è sull'espresso di
    > questa
    > settimana!!
    > Ciao

    Scritto da chi, l'ennesimo plurilaureato straraccomandato ultraelettore di sinistra che è un genio perchè "lavora", cioè scalda la sedia e guadagna tanti soldi, solo grazie alle zampate che gli hanno dato il posto ? Ehhh!
    Il Wimax cosa farebbe secondo questo o questi pazzi, sostituirebbe il digitale terrestre e magari pure il satellite ? Dico.. un minimo di serietà !
    Il Wimax sarà sempre inferiore alle connessioni dirette via cavo, vuoi per le interferenze, vuoi per la complessità della rete. E visto che già via cavo non vi è sufficiente banda e non vi sarà per parecchi anni.. da dove cavolo li tiri fuori con il Wimax un minimo di 5Gbps in downstream per eguagliare un DVB-T digitale terrestre o minimo 10Gbps per eguagliare il satellite DVB-S2 ?
    non+autenticato
  • Il digitale terrestre non è nemmeno lontanamente concorrente della tv via internet. Non lo è ora e lo potrà essere solo quando la copertura dell'adsl avrà superato quella del dtt e quando gli italiani saranno capaci di accedere ad internet semplicemente.

    Ma quando riuscirete a scrivere un articolo decente ed imparziale? Viene da pensare che prendiate soldi da qualcuno...gente come voi rovina il Paese con credenze false. Ragionateci un po' su.
    ...sempre a censurare eh? Non si può avere un'opinione diversa dalla vostra sull'iptv?
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Il digitale terrestre non è nemmeno lontanamente
    > concorrente della tv via internet. Non lo è ora e
    > lo potrà essere solo quando la copertura
    > dell'adsl avrà superato quella del dtt e quando
    > gli italiani saranno capaci di accedere ad
    > internet
    > semplicemente.
    >
    > Ma quando riuscirete a scrivere un articolo
    > decente ed imparziale? Viene da pensare che
    > prendiate soldi da qualcuno...gente come voi
    > rovina il Paese con credenze false. Ragionateci
    > un po'
    > su.
    > ...sempre a censurare eh? Non si può avere
    > un'opinione diversa dalla vostra
    > sull'iptv?

    più che altro, chi ha internet avrà realmente bisogno di guardarsi la tv via internet?
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Il digitale terrestre non è nemmeno lontanamente
    > concorrente della tv via internet. Non lo è ora e
    > lo potrà essere solo quando la copertura
    > dell'adsl avrà superato quella del dtt e quando
    > gli italiani saranno capaci di accedere ad
    > internet
    > semplicemente.
    >
    > Ma quando riuscirete a scrivere un articolo
    > decente ed imparziale? Viene da pensare che
    > prendiate soldi da qualcuno...gente come voi
    > rovina il Paese con credenze false. Ragionateci
    > un po'
    > su.
    > ...sempre a censurare eh? Non si può avere
    > un'opinione diversa dalla vostra
    > sull'iptv?

    Ed essendo un sito tecnico, o almeno dovrebbe esserlo, dovrebbero essere onesti ed affermare la verità, che finchè le connessioni internet casalinghe non saranno da almeno 10Gbps in downstream non ci sarà paragone possibile con satellite e digitale terrestre per l' IPTV.
    non+autenticato
  • tv con ddt integrato (versione base senza modem e card).. più di 30e in più mi sembra un furto
    non+autenticato
  • Non è un furto se ti fanno pagare di più.
    Io mi trovo fuori Italia e ti assicuro che qui i decoder sono MOLTO più costosi. E, per dirla tutta, qui lo switch over avverrà questa estate. Ben pochi hanno comprato il decoder digitale terrestre (che qui costa sui 70-120 euro, ma non è interattivo) ma tutti sono consapevoli di doverlo comprare perché la decisione è governativa (in realtà europea).
    Ora, non capisco perché solo qui, per problemi ideologici, PI e tanti altri cercano di osteggiare una buona tecnologia che migliora la qualità visiva della tv, aggiunge servizi evoluti e permette anche ai più anzianotti di utilizzarli con un semplice telecomando.
    non+autenticato
  • E dove stai, in Africa ?
    All'estero schede tv per PC e decoder da tavolo DVB-T costano meno che in Italia, almeno la metà.
    Certo che se poi vai nei negozietti a cercare i prodotti ovunque tu sia senza dare un'occhiata ai listini dei negozi e catene di elettronica ed informatica più importanti...



    - Scritto da:
    > Non è un furto se ti fanno pagare di più.
    > Io mi trovo fuori Italia e ti assicuro che qui i
    > decoder sono MOLTO più costosi. E, per dirla
    > tutta, qui lo switch over avverrà questa estate.
    > Ben pochi hanno comprato il decoder digitale
    > terrestre (che qui costa sui 70-120 euro, ma non
    > è interattivo) ma tutti sono consapevoli di
    > doverlo comprare perché la decisione è
    > governativa (in realtà
    > europea).
    > Ora, non capisco perché solo qui, per problemi
    > ideologici, PI e tanti altri cercano di
    > osteggiare una buona tecnologia che migliora la
    > qualità visiva della tv, aggiunge servizi evoluti
    > e permette anche ai più anzianotti di utilizzarli
    > con un semplice
    > telecomando.
    non+autenticato
  • Mi fai capire perchè definisci buona questa tecnologia? Solo perchè garantisce una qualità video migliore? Allora perchè non obbligare tutti a passare all'alta definizione?
    Per quanto mi riguarda la bontà si definisce solo in rapporto a obiettivi di utilità generale, come i costi di trasmissione, la facilità di utilizzo, la potenzialità di pluralismo che garantisce. Stiamo parlando di un servizio pubblico, non di un elettrodomestico dal design accattivante.
    Personalmente ritengo sbagliata la decisione europea di spingere in modo "totalizzante" la DTT. Sbagliata perchè rivela una scarsa visione sulle potenziali evoluzioni dei mezzi di comunicazione di massa, perchè totalmente incoerente con scelte fatte dalla stessa UE in altri ambiti (reti di telecomunicazione). Quella sì che è stata una scelta puramente "ideologica". Ma non perchè ha favorito questa o quella parrochhietta del nostro misero cortiletto di casa, ma perchè ha contribuito a buttare fiumi di denaro senza chiedersi a quale obiettivo generale questi finanziamenti rispondessero.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > tv con ddt integrato (versione base senza modem e
    > card).. più di 30e in più mi sembra un
    > furto

    Sarei quasi d'accordo: se un normale TV color stereo 21" CRT, con ranto di TeleVideo, 100 canali, TeleComando, Scart, varie connettività, viene ormai venduto anche a poco più di 100 euro, ritengo che aggiungerci scheda ibrida DVB-T + DVB-S (+ FM), del tipo di quelle montate sui PC, se prodotto in larga scala porterebbe ad un sovraprezzo contenuto (dell'ordine da te prospettato). Con una sinquantina di euro in più si potrebbe avere schermo LCD almeno 1280x1024 in luogo di CRT (ovviamente utilizzabile anche come Monitor per PC).
    Il tutto sempre rigorosamente 4:3 (a chi serve il 16/9?).

    A questo punto ognuno si sceglie le trasmissioni che vuole e spazia dove vuole.


  • - Scritto da:
    > tv con ddt integrato (versione base senza modem e
    > card).. più di 30e in più mi sembra un
    > furto

    E certo, per te la soluzione banale è dire a tutti di buttare i televisori che hanno in casa e comprarne di nuovi, così sì che risparmiano rispetto a comprarsi un decoder per ogni tv, eh?
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)