Tetris, il documentario, la storia

Disponibile finalmente in rete una puntigliosa ed intrigante ricostruzione della BBC sulla storia e le vicissitudini di uno dei videogiochi più celebri e celebrati

Roma - Ci ha messo davvero poco ad attirare l'attenzione della blogosfera la pubblicazione di un documentario su Google Video che riguarda uno dei più celebri videogiochi di tutti i tempi, Tetris, per anni al centro di dispute sulla proprietà intellettuale e ispiratore di centinaia di sequel.

Ne parla Kottke.org spiegando che si tratta di un servizio sviluppato dalla BBC nel 2004, un documentario capace di narrare il mito ma anche le lungaggini burocratiche e le traversie in cui sono intercorsi coloro che, "ipnotizzati" dal gioco sviluppato dal russo Alexey Pazhitnov nel 1985, hanno insistito per riprodurlo e diffonderlo a generazioni di utenti. Salvo poi scagliarsi l'uno contro l'altro in tribunale.

Un'immagine del videogameSecondo Joystiq Tetris è uno dei più influenti videogiochi della storia. E ancora oggi, a tanti anni di distanza, provoca passioni negli smanettoni e contese nei tribunali.
"Esiste anche una versione breve della storia di Tetris - avverte Kottke.org - ma il documentario è molto più divertente".
21 Commenti alla Notizia Tetris, il documentario, la storia
Ordina
  • Primo assioma del rosso
    Un pezzo rosso non arriva mai.

    Secondo assioma del rosso
    I pezzi rossi arrivano sempre tutti insieme.

    Postulato del clone
    I cloni di Tetris sono brutti.

    Teorema della comunicazione
    L'unico modo di parlare con una persona che sta giocando a Tetris è quello di parlarle giocando a Tetris.

    Prima legge del metodo
    Ogni giocatore di Tetris conosce un metodo infallibile.

    Seconda legge del metodo
    La Prima legge del metodo si applica esclusivamente quando il giocatore è un altro.

    Terza legge del metodo
    Date due persone, il metodo di quella che non sta giocando è sempre migliore di quello della persona che sta giocando.

    Postulato dell'interruzione
    Le partite migliori devono essere interrotte a meno di 100 punti dal record.

    Teorema della simmetria (o di Leonardo)
    I pezzi sono sempre simmetrici rispetto alle esigenze del momento.

    Prima legge del blu
    I blu vengono sempre tutti insieme.

    Seconda legge del blu
    I blu non si sa mai dove metterli.

    Terza legge del blu
    I blu non servono a niente (anzi rompono i coglioni).

    Legge del numero di partite
    Sia n il numero di partite che si intende giocare:
    1) esiste sempre n+1;
    2) in un qualsiasi istante t si sta giocando la partita n.

    Postulato filosofico
    Il Tetris è una metafora della vita: le cose giuste arrivano sempre al momento sbagliato.

    Primo assioma alfabetico
    Le "Z" e le "S" quando cominciano non finiscono più.

    Legge spaziale
    Quando lasci uno spazio per mettere il rosso in piedi preparati a vedere solo quadrati blu.

    Legge delle leggi
    Le leggi di Murphy di Tetris ne costituiscono il regolamento.

    Principio dell'esultanza temporanea
    Mettere un pezzo nella posizione ottimale si rivelerà una scelta catastrofica per il pezzo successivo.

    Primo assioma del buco
    Gli azzurri e i verdi vengono sempre per primi, così si incomicia con un buco nella prima riga.

    Dogma della giusta punizione
    Quando ti vanti con i tuoi amici di essere un fenomeno, proprio in quel momento ti manda giù una sequela di pezzi che non servono a nulla facendoti crepare al quarto livello.

    Prima legge dell'assoluta perfezione
    Quando il pezzo che aspettavi da sempre finalmente arriva, sbagli a incastrarlo.

    Legge del pezzo precedente
    Il pezzo che ti serviva viene sempre dopo il pezzo che hai messo al suo posto.

    Primo paradosso del record
    Quando sarà abbastanza che giocate e sarete in procinto di mettere un record, inevitabilmente:
    a) squillerà il telefono;
    b) succederà qualcosa ai vostri familiari;
    c) salterà la corrente.

    Prima legge del tappo
    L'unico metodo infallibile per far scendere un pezzo rosso è tappare il buco che da tempo lo doveva accogliere.

    Secondo assioma del buco
    Anche il secondo pezzo è azzurro o verde, così i buchi iniziali sono due.

    Legge del disastro
    Quando mancano quattro righe al baratro ma sei un mago e sai di poter recuperare, un pezzo rosso verticale porrà fine ad ogni speranza.

    Secondo assioma alfabetico
    Quando ti serve una S scende una Z e viceversa.

    Terzo assioma alfabetico
    Con le S e le Z si fanno i "muretti laterali".

    Legge del tasto infame
    Quando arriva il pezzo giusto si pigia sempre il tasto sbagliato.

    Secondo paradosso del record
    Quando otterrete il nuovo record, il tuo vicino lo avrà appena superato.

    Legge della contemporaneità
    Il pezzo utile che aspettavi da tempo, arriva sempre insieme a un fulmine sul contatore dell'Enel.

    Seconda legge del tappo
    Quando si è tappato il buco che doveva accogliere il pezzo rosso, il pezzo rosso è il prossimo a cadere.

    Legge dell'abbandono
    Il pezzo rosso arriverà non appena hai deciso di farne a meno.

    Principio d'orientazione
    Un pezzo rosso arriva solo quando le circostanze vogliono che debba essere messo in orizzontale.

    Principio d'orientazione generale
    Tanto più è necessario girare l'incastro prima che cada quanto sicuramente questo cadrà nel lato sbagliato.

    Legge delle L
    Quando hai un vuoto in un blocco di pezzi a forma di L dx riceverai una L sx e viceversa.

    Quarta legge del metodo
    Se per assurdo il metodo di chi sta giocando fosse migliore di quello di chi sta osservando la partita, entrerebbe subito in vigore la terza legge del metodo.

    Principio della superiorità degli amici
    Sia n il punteggio più alto ottenuto dopo lunghe ore di gioco: il vostro amico più scarso ha un record di n+1.

    Legge del record
    Inserendo le proprie iniziali al primo posto è normale che tutti gli altri che si trovano in classifica si chiamano come te.

    Legge delle iniziali
    La probabilità di sbagliare inserendo le proprie iniziali è direttamente proporzionale al punteggio conseguito.

    Legge della prima partita
    Tutte le volte che accendi il Tetris e fai la prima partita arrivi sempre ultimo in classifica.

    Seconda legge dell'assoluta perfezione
    Quando il pezzo che aspettavi da sempre finalmente arriva, lo spazio che avevi lasciato con tanta fatica l'hai dovuto occupare con il pezzo precedente, completamente inutile.

    Legge del tempo
    Il tempo che hai a disposizione per giocare è inversamente proporzionale alle possibilità di fare la più bella partita della tua vita: meno tempo hai a disposizione, maggiore sarà la durata della tua partita.

    Legge dell'affollamento
    La probabilità di compiere errori è direttamente proporzionale al numero di persone che stanno osservando la partita in quel momento.

    Principio d'orientazione
    Un pezzo rosso arriva solo quando le circostanze vogliono che debba essere messo in orizzontale.

    www.gianky.com
    non+autenticato
  • a proposito di pezzi che servono e non arrivano...

    http://fph.altervista.org/prog/bastet.shtml

    bastet e' un tetris bastardo che calcola qual e' il pezzo che piu' ti serve e NON te lo da'... stupendo Sorride
    non+autenticato
  • Sto bastar_o mente !!! ArrabbiatoArrabbiato
    Annuncia pezzi che poi non arrivano mai !

    Però una riga glie l'ho fatta CylonCylon
    non+autenticato
  • Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    grande Murphy, come sempre!
    A bocca apertaRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • > Primo assioma del rosso
    > Un pezzo rosso non arriva mai.
    >
    > Secondo assioma del rosso
    > I pezzi rossi arrivano sempre tutti insieme.

    > Principio d'orientazione
    > Un pezzo rosso arriva solo quando le circostanze
    > vogliono che debba essere messo in
    > orizzontale.

    LOLSorride
  • ...Se nel frattempo avete voglia, gustatevi anche i mitici giapponesi che giocano a Tetris:
    http://video.google.com/videoplay?docid=-196551350...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > ...Se nel frattempo avete voglia, gustatevi anche
    > i mitici giapponesi che giocano a
    > Tetris:
    > http://video.google.com/videoplay?docid=-196551350

    Deluso

    dove è il pulsante "velocità normale"?
    non+autenticato
  • Ma mi chiedo... è gente normale quella lì? Davvero, sono impressionato!
  • Se volete solo vederlo in streaming
    http://tinyurl.com/y2zda4

    Se invece volete scaricarlo (288 mega)
    http://tinyurl.com/ty729
    non+autenticato
  • tetris secondo me più di ogni gioco incarna la massima essenza del design.
    Un gioco immortale per il quale è sufficiente un hardware a dir poco imbarazzante (anche le calcolatrici programmabili permettono di giocarci).
    Non serve una playstation 3 o una XBOX 360 per goderne appieno.
    Secondo me un gioco a cui i creatori di giochi di oggi dovrebbero inchinarsi. Oggi mi pare di vedere sempre lo stesso gioco dove a parte la grafica cambia veramente pochissimo.
    3 giochi a caso, Far Cry, Doom 3, HL2. Le differenze a parte storia e grafica?
    Far Cry ha ambientazioni larghe, Doom 3 vuole spaventare ed HL2 ha la pistola che sposta gli oggetti. Ma la meccanica è sempre la stessa, uccidi, attiva la porta, avanza.

    non+autenticato
  • Uno dei migliori Tetris usciti in sala giochi fu quello Atari, caratterizzato - se non ricordo male - dal set di caratteri con la R ribaltata (che poi ho scoperto in caratteri cirillici pronunciarsi "ya" o "ia", in pratica con la R non c'entrava una mazza).
    La piattaforma hardware su cui girava era penosa già allora, il processore era un modesto 6502 e l'audio era già datato (mi pare che quel gioco uscì nel 1986 o 1987). Eppure, vedevi quel coin-op fare affari d'oro in un periodo dominato dal CPS (la piattaforma Capcom che faceva girare Street Fighter 2, Ghouls'n'Ghosts, Strider, etc.) e dal Neo-Geo, alcuni anni dopo la sua uscita.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 31 ottobre 2006 01.32
    -----------------------------------------------------------
  • quel che dici è vero, ma secondo me è anche vero che con il passare degli anni è sempre più difficile riuscire a tirare fuori un design semplice ed innovativo...
    Davz
    189

  • - Scritto da: Davz
    > quel che dici è vero, ma secondo me è anche vero
    > che con il passare degli anni è sempre più
    > difficile riuscire a tirare fuori un design
    > semplice ed
    > innovativo...

    Ogni tanto Nintendo tira fuori qualche game semplice e innovativo Occhiolino
    non+autenticato

  • > Secondo me un gioco a cui i creatori di giochi di
    > oggi dovrebbero inchinarsi. Oggi mi pare di
    > vedere sempre lo stesso gioco dove a parte la
    > grafica cambia veramente pochissimo.
    > 3 giochi a caso, Far Cry, Doom 3, HL2. Le
    > differenze a parte storia e
    > grafica?

    Cosa cambia in Tetris a parte la forma e colore delle mattonelle, la velocita' e la musichetta?
    Far Cry, Doom 3 e HL2 appartengono allo stesso genere ma sono esperienze di gioco che danno emozioni diverse (cambiano ritmi, scenari, enigmi e ambientazioni). Tetris, gioco bellissimo ed immortale, e' di certo meno vario dei giochi che citi.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > > Secondo me un gioco a cui i creatori di giochi
    > di
    > > oggi dovrebbero inchinarsi. Oggi mi pare di
    > > vedere sempre lo stesso gioco dove a parte la
    > > grafica cambia veramente pochissimo.
    > > 3 giochi a caso, Far Cry, Doom 3, HL2. Le
    > > differenze a parte storia e
    > > grafica?
    >
    > Cosa cambia in Tetris a parte la forma e colore
    > delle mattonelle, la velocita' e la
    > musichetta?
    > Far Cry, Doom 3 e HL2 appartengono allo stesso
    > genere ma sono esperienze di gioco che danno
    > emozioni diverse (cambiano ritmi, scenari, enigmi
    > e ambientazioni). Tetris, gioco bellissimo ed
    > immortale, e' di certo meno vario dei giochi che
    > citi.

    tuttavia è molto più longevo (gente che ci gioca da 20 anni)
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > > Secondo me un gioco a cui i creatori di giochi
    > di
    > > oggi dovrebbero inchinarsi. Oggi mi pare di
    > > vedere sempre lo stesso gioco dove a parte la
    > > grafica cambia veramente pochissimo.
    > > 3 giochi a caso, Far Cry, Doom 3, HL2. Le
    > > differenze a parte storia e
    > > grafica?
    >
    > Cosa cambia in Tetris a parte la forma e colore
    > delle mattonelle, la velocita' e la
    > musichetta?
    > Far Cry, Doom 3 e HL2 appartengono allo stesso
    > genere ma sono esperienze di gioco che danno
    > emozioni diverse (cambiano ritmi, scenari, enigmi
    > e ambientazioni). Tetris, gioco bellissimo ed
    > immortale, e' di certo meno vario dei giochi che
    > citi.

    quel che intendeeva dire l'autore del post, seconod me almenoSorride è che tetris è originale (lo è stato) e comunque ancora oggi ti fa usare il cervello se lo vuoi realizzare...

    i giochi di adesso, prendo già i tre citati sopra, usi si il cervello per finire il livello, ma se giochi con doom, con gli altri due è come se non ci giocassi affatto, cambia solo l'ambientazione ed il posto delle porteSorride

    è come leggere due libri, con la stessa trama, ma nel secondo libro cambiano solo i nomi dei protragonisti....
  • Secondo me la perfezione di Tetris si riassume semplicemente col fatto che per spigarti come funziona il gioco bastano 30 secondi, il resto del tempo lo passi a divertirti.
    Più o meno come nascondino insomma! Sorride
  • qui si parla dis toria dei videogiochi! Mai provato il MAME? giocare ancora oggi a Donkey Kong, Burgertime, Ms PacMan è una esperienza incredibile! grafica scema, sonoro ridicolo con vari beep beep..ma giocabilità che era a dir poco apocalittica!!! oggi si è dimenticato questo lato dei videogiochi: si sfrutta tutto l'hardware a disposizione per creare film interattivi con attori virtuali, ma si scorda che al giocatore importa solo una cosa: DIVERTIRSI!!!
  • Io ho scritto che secondo me Tetris è un capolavoro assoluto, davvero un colpo di genio, ma ovviamente sono d' accordo sul fatto che il discorso della giocabilità allo stato puro si possa fare anche per molti giochi degli anni '70 e '80 (non tutti, per carità, io mi ricordo anche delle ciofeche mica da ridere, tipo Guerrilla War sul C64!); il MAME per uno come me è indispensabile, se no come faccio a giocare a Bomb Jack sul PC a 2Ghz! Sorride
    L' unica cosa che mi fa un po' di tristezza è che a quei giochi ci giocavo qualcosa come 20 anni fa e mi sembra ieri... sto diventando uno di quei vecchi noiosi che dicono 'ai miei tempi...'! A bocca aperta
  • > tetris secondo me più di ogni gioco incarna la
    > massima essenza del
    > design.

    Concordo, e dopo aver letto con _estremo_ interesse (pur non essendo affatto un designer ne' particolarmente interessato a quel mondo) "da cosa nasce cosa" di Bruno Munari, mi rendo conto di come molti dei concetti ivi esposti si applichino anche in questo campo, apparentemente tanto distante...
    non+autenticato