Pechino: ma quale censura?

Qualcuno si è offeso per l'intervento del delegato cinese al forum sulla governance di internet ad Atene. A suo dire in Cina non si pratica alcuna censura sui mezzi di comunicazione digitali

Atene - Il mondo ha appreso nelle scorse ore per bocca di un alto funzionario cinese, rappresentante della Cina al Forum sulla governance di Internet che le notizie sulle censure cinesi in Internet sono false.

Come riporta l'Herald Tribune, il delegato Yang Xiaokun ha spiegato che "in Cina non abbiamo alcun genere di restrizioni. Non abbiamo software che blocca siti Internet, semmai a volte non riusciamo ad accedervi, ma questo è un problema diverso". Yang ha preso ad esempio il sito della BBC, negando quello che sostengono altri delegati al Forum, ovvero che non vi si possa accedere.
Non solo. "Alcuni dicono - ha anche dichiarato - che ci sono giornalisti in Cina che sono stati arrestati. Noi abbiamo centinaia di giornalisti in Cina. Molto pochi sono stati arrestati. Ma ci sono criminali in tutte le società e noi dobbiamo fermarli. Ma questi sono problemi legali, non hanno niente a che vedere con la libertà di espressione".

Tutto falso, dunque, non vuol dire nulla se i principali motori di ricerca occidentali appaiano in versione modificata agli utenti cinesi, se i siti politici siano nel mirino della polizia o i blogger finiti nel tritacarne della giustizia cinese non si contino più. Falsi anche i rapporti delle organizzazioni internazionali che si occupano di diritti civili: pensavano di occuparsi di filo-democratici invisi al regime e invece aiutavano incalliti criminali a farsi pubblicità a spese di un paese trasparente. Falsa anche l'esistenza di un esercito di censori che in Cina tiene d'occhio le comunicazioni via Internet. Meglio così.
Update
Declan McCullagh, che molti conoscono come il fondatore di Politechbot.com, sostiene dati alla mano che a mentire sapendo di mentire è, invece, il delegato cinese. Acciderboli!
44 Commenti alla Notizia Pechino: ma quale censura?
Ordina
  • Giornalista? No, criminale.
    Blogger? No, Sovversivo.
    Pirata? No, legale emittente televisiva cinese.
    Dumper? No, onesto imprenditore cinese.
    Censura? No, normali controlli.
    Cina? No, Repubblica Popolare Cinese.

    ...and so on.

    >GT<

  • - Scritto da: Guybrush
    > Giornalista? No, criminale.
    > Blogger? No, Sovversivo.
    > Pirata? No, legale emittente televisiva cinese.
    > Dumper? No, onesto imprenditore cinese.
    > Censura? No, normali controlli.
    > Cina? No, Repubblica Popolare Cinese.
    >
    > ...and so on.
    >
    > >GT<

    Beh, dai non e' proprio cosi' neanche in Cina, a cui rimprovero per primo moltissime cose... adesso non esageriamo. Quello che descrivi calza per la corea del nord, che come clima di tirannide sta sulle scatole anche ai cinesi.
    Solo che non si chiama Repubblica Popolare Cinese. E non ci sono imprenditori. Vivi.
    non+autenticato
  • Il problema è che alcune definizioni come "Criminale", "Terrorista", "Pirata" non sono definite in modo assoluto, ma relativo alla legislazione vigente.

    Allofmp3 è legale in Russia e criminale in USA ed Europa.

    Cesare Battisti, Fabio Filzi, Guglielmo Oberdan erano criminali, traditori e terroristi secondo l'Austria-Ungheria. E visto che tutti e tre erano Austroungheresi, nati rispettivamente a Trento, Pisino e Trieste, città che prima del 1918 non sono mai state né italiane e nemmeno nella Repubblica Veneziana, per giunta storicamente ben amministrate e rappresentate al Parlamanto Austroungarico, da un punto di vista del diritto internazionale, proprio tutti i torti l'Austria-Ungheria non li aveva.
    Eppure, dato che abbiamo vinto noi, e quindi è diventato "legge" la nostra versione del contendere, i tre sono ricordati come Patrioti ed Irredentisti ed a loro sono dedicate strade e monumenti.

    Avesse vinto l'Austria-Ungheria sarebbero passati alla storia come pericolosi terroristi, sporchi traditori ed ingrati.

    Lo stesso per il PCC: secondo il loro modo di pensare "quelli li" sono pericolosi terroristi che attentano alla tranquillità della vita quotidiana. E' secondo il nostro modo di pensare che quelli sono liberi pensatori ai quali non è permesso di esprimersi.

    In fin dei conti, se ci mettessimo a ragionare come loro, non stanno dicendo bugie. Stanno solo vedendo la medaglia dall'altro lato. Quello sbagliato, secondo noi. Quello giusto, secondo loro.
    non+autenticato
  • pericolo!!!!!

    qui si utilizza il cervello senza trollare!!!!Annoiato
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > Lo stesso per il PCC: secondo il loro modo di
    > pensare "quelli li" sono pericolosi terroristi
    > che attentano alla tranquillità della vita
    > quotidiana. E' secondo il nostro modo di pensare
    > che quelli sono liberi pensatori ai quali non è
    > permesso di
    > esprimersi.

    > In fin dei conti, se ci mettessimo a ragionare
    > come loro, non stanno dicendo bugie. Stanno solo
    > vedendo la medaglia dall'altro lato. Quello
    > sbagliato, secondo noi. Quello giusto, secondo
    > loro.

    Riporto
    ""Alcuni dicono - ha anche dichiarato - che ci sono giornalisti in Cina che sono stati arrestati. Noi abbiamo centinaia di giornalisti in Cina. Molto pochi sono stati arrestati. Ma ci sono criminali in tutte le società e noi dobbiamo fermarli. Ma questi sono problemi legali, non hanno niente a che vedere con la libertà di espressione"."

    La liberta' di espressione non e' mica un' opinione.... se ci sono dei paletti vanno dichiarati e giustificati altrimenti Liberta' una bella FAVA...

    Se un rappresentante del nostro governo dicesse pubblicamente che in Italia c'e' liberta' di espressione per tutti tranne che per i criminali e non dice che chiunque critichi il governo puo' essere arrestato perche' criminale dice una bella CAZZATA. PUNTO.

    Poi puo' anche star bene la sua definizione di "criminale"..., pero' deve dimostrare che *impedire la critica al governo* non e' unalimitazione della liberta'... l' onere della dimostrazione e' SUO.

    Tutti sanno giocare con le parole ma non e' che cambiando nome alle cose si cambia la natura delle cose...

  • - Scritto da: Alessandrox
    > - Scritto da:
    > > Lo stesso per il PCC: secondo il loro modo di
    > > pensare "quelli li" sono pericolosi terroristi
    > > che attentano alla tranquillità della vita
    > > quotidiana. E' secondo il nostro modo di pensare
    > > che quelli sono liberi pensatori ai quali non è
    > > permesso di
    > > esprimersi.
    >
    > > In fin dei conti, se ci mettessimo a ragionare
    > > come loro, non stanno dicendo bugie. Stanno solo
    > > vedendo la medaglia dall'altro lato. Quello
    > > sbagliato, secondo noi. Quello giusto, secondo
    > > loro.
    >
    > Riporto
    > ""Alcuni dicono - ha anche dichiarato - che ci
    > sono giornalisti in Cina che sono stati
    > arrestati. Noi abbiamo centinaia di giornalisti
    > in Cina. Molto pochi sono stati arrestati. Ma ci
    > sono criminali in tutte le società e noi dobbiamo
    > fermarli. Ma questi sono problemi legali, non
    > hanno niente a che vedere con la libertà di
    > espressione"."
    >
    > La liberta' di espressione non e' mica un'
    > opinione.... se ci sono dei paletti vanno
    > dichiarati e giustificati altrimenti Liberta' una
    > bella
    > FAVA...
    >
    > Se un rappresentante del nostro governo dicesse
    > pubblicamente che in Italia c'e' liberta' di
    > espressione per tutti tranne che per i criminali
    > e non dice che chiunque critichi il governo puo'
    > essere arrestato perche' criminale dice una bella
    > CAZZATA.
    > PUNTO.
    >
    > Poi puo' anche star bene la sua definizione di
    > "criminale"..., pero' deve dimostrare che
    > *impedire la critica al governo* non e'
    > unalimitazione della liberta'... l' onere della
    > dimostrazione e'
    > SUO.
    >
    > Tutti sanno giocare con le parole ma non e' che
    > cambiando nome alle cose si cambia la natura
    > delle
    > cose...

    beh, anche in italia determinate affermazioni ti fanno finire automagicamente sotto la definizione di

    anarco-insurrezionalista
    anarchico
    sovversivo
    rivoluzionario
    attivista di [destra / sinistra]
    no-global (se non lo sei)
    estremista (se sei no-global e semplicemente non lo neghi)
    "agitatore" se non stai muto e dici pubblicamente alla gente quello che tutti dicono ad un qualsiasi tavolo del bar
    non+autenticato
  • Questa me la segno la prossima volta che mi dicono che sono stato io a far danni saprò cosa dire ahahahah grandi i cinesi come sempre
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Questa me la segno la prossima volta che mi
    > dicono che sono stato io a far danni saprò cosa
    > dire ahahahah grandi i cinesi come
    > sempre

    è falso, questa è propaganda segreta della cia in combutta italo-usa , è il complotto Deandreis

    fai molta attenzione, il nemico ci ascolta

    pensa che il T1000 è stato assoldato per ques... AAAAAAAAAAAARGHHHHHHHHHH muoio
    non+autenticato
  • Anche il sole 24 ore del 29-10-2006 nel suo inserto domenicale-pag.30- parla di come la censura e i controlli si vanno facendo sempre più serrati in Cina.In particolare a causa delle prossime olimpiadi.
    Sto parlando del Sole 24 ore, non di una testata tradizionalemnte critica contro l'autoritarismo cinese.
    Ma son sicuri quelli che scrivono dalla Cina che quello che scrivono non sia controllato? E poi comunque loro non scrivono contro la Cina, ma solo per "comodità" di quel regime contro testate occidentali.
    Hanno mai provato gli occidentali residenti in Cina abitualmente (penso più intenti a fare affari lì, che non ad occuparsi di politica e diritti umani) a parlare assiduamente contro il regime cinese, dall'interno verso l'esterno e magari con contatti-ove riuscissero a procurarseli e mantenerli attivi- locali?
    Allora sì che strani incidenti potrebbero venir fuori!
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Anche il sole 24 ore del 29-10-2006 nel suo
    > inserto domenicale-pag.30- parla di come la
    > censura e i controlli si vanno facendo sempre più
    > serrati in Cina.In particolare a causa delle
    > prossime
    > olimpiadi.
    > Sto parlando del Sole 24 ore, non di una testata
    > tradizionalemnte critica contro l'autoritarismo
    > cinese.

    sono pagati da DeAndreis! questo è chiaro come il sole.
    è il complotto DeAndreis, solo nei migliori cinema a Natale.

    > Ma son sicuri quelli che scrivono dalla Cina che
    > quello che scrivono non sia controllato?

    su su non stiamo tanto ad argomentare.
    cina figata
    punto informatico BRUTO BRUTO
    cina figata
    punto informatico BRUTO BRUTO
    cina figata
    punto informatico BRUTO BRUTO

    ripeti e memorizza

    e soprattutto

    CONVINCITENE

    il resto è propaganda nemica

    >E poi
    > comunque loro non scrivono contro la Cina, ma
    > solo per "comodità" di quel regime contro testate
    > occidentali.
    > Hanno mai provato gli occidentali residenti in
    > Cina abitualmente (penso più intenti a fare
    > affari lì, che non ad occuparsi di politica e
    > diritti umani) a parlare assiduamente contro il
    > regime cinese, dall'interno verso l'esterno e
    > magari con contatti-ove riuscissero a
    > procurarseli e mantenerli attivi-
    > locali?
    > Allora sì che strani incidenti potrebbero venir
    > fuori!

    effettivamente chi va a lavorare li - eccetto sul metodo di controllo dei lavoratori - impara presto a ragionare come loro : lavoro, e faccio finta di niente per tutto il resto, non cerco casini, non alzo la polvere.

    poi dopo 20 anni magari tornano qui e dicono "eh... sai... dovevo lavorare... però è vero che non era una gran vita da loro..."

    eh! bravo
    non+autenticato
  • io mi preoccupo anche e soprattutto dell'italia, do qualche piccolo contributo economico alle voci fuori dal coro e vado alle manifestazioni per le cause che ritengo giuste rimediandone anche qualche manganellata e qualche lacrimogeno
    poi cerco anche di ragionare sulle informazioni che mi danno, su chi me le da e se ne trae qualche vantaggio

    lo trovo più utile per la democrazia che sputare su un paese mai visto di cui si sa solo quel che ci vuole far sapere qualche paese antagonista e con la coscienza altrettanto sporca ma con un controllo sui media e sulla gente meno autoritario ma altrettanto stretto
    non+autenticato
  • - Scritto da:

    > vado alle manifestazioni per le
    > cause che ritengo giuste rimediandone anche
    > qualche manganellata e qualche
    > lacrimogeno

    ti danno le manganellate perchè hai in mano una bandiera?
    O perchè lanci i sassi addosso alle persone?

    > poi cerco anche di ragionare sulle informazioni
    > che mi danno, su chi me le da e se ne trae
    > qualche
    > vantaggio

    per esempio tu quando dici che ricevi le manganellate solo per il fatto di essere presente ad una manifestazione, che vantaggio ne trai?
    Ah sì, vuoi fare il martire.

    > lo trovo più utile per la democrazia che sputare
    > su un paese mai visto

    signor martire, qui non si sputa su un paese, ma si riportano notizie che dovrebbero preoccupare soprattutto uno che almeno oggi le manifestazioni le può fare.
    non+autenticato
  • - Scritto da:

    > Ma son sicuri quelli che scrivono dalla Cina che
    > quello che scrivono non sia controllato?

    Sono essi stessi i controllori.
    E ovviamente dicono "tutto bene qui"

    non+autenticato

  • > > Ma son sicuri quelli che scrivono dalla Cina che
    > > quello che scrivono non sia controllato?
    >
    > Sono essi stessi i controllori.
    > E ovviamente dicono "tutto bene qui"
    >

    e qui va tutto bene e là tutto male, vero ?
    e se qui va male é colpa dei cinesi, vero ?
    e cosa proponi, una bella democratizzazione come in iraq ?
    una bella rivoluzione arancione come all'est ?

    visto come stanno bene ora ?

    gliela vogliamo insegnare noi la libertà di parola con il divieto di mostrare le bare usa di ritorno dall'iraq e con il segreto di stato su ustica moby prince ecc ?

    in fondo ai nostri giornalisti non embedded va meglio: cause miliardarie a grillo travaglio ecc, sequestro di pc ad altri (repubblica,democrazie&legalità ) morte per altri reporter (anche se abusivi) che indagavano su droga e politica (fausto e iaio)

    e le betulle, gli antipatici, gli alieni, gli ippopotami e l'altra fauna giornalistica a dire "tutto bene in occidente, dalli all'ottomano, al cinese, al comunista ecc"

    non+autenticato
  • - Scritto da:

    > e qui va tutto bene

    no.
    DOVE L'HO SCRITTO?

    > e là tutto male, vero ?

    tutto?
    no.
    DOVE L'HO SCRITTO?

    > e se qui va male é colpa dei cinesi, vero ?

    no.
    DOVE L'HO SCRITTO?

    > e cosa proponi, una bella democratizzazione come
    > in iraq ?

    Tu che cura proponi per il cancro?


    > una bella rivoluzione arancione come all'est ?
    >
    > visto come stanno bene ora ?

    E cosa proponi per evitare di morire prima dei mille anni di età?

    > gliela vogliamo insegnare noi la libertà di
    > parola con il divieto di mostrare le bare usa di
    > ritorno dall'iraq e con il segreto di stato su
    > ustica moby prince ecc
    > ?

    Se è un segreto di stato come fai a conoscerlo? Rotola dal ridere

    > in fondo ai nostri giornalisti non embedded va
    > meglio: cause miliardarie a grillo travaglio

    Quanto ha dovuto pagare Grillo?
    E finito in carcere?
    E' morto?

    > ecc,
    > sequestro di pc ad altri
    > (repubblica,democrazie&legalità )

    puoi darmi i numerti precisi di questi sequestri?

    > reporter (anche se abusivi) che indagavano su
    > droga e politica (fausto e iaio)

    E' inutile che ti soffermi su episodi sporadici che accadono in ogni posto.
    Qualunque cosa sia successa, non accadeva di continuo e non accade oggi.




    non+autenticato
  • tra autoritarismo e censura

    la censura in cina c'e' esattamente come in occidente, solo che lì sembra intollerabile per la gestione più autoritaria dell'ordine pubblico:

    in cina se uno rompe arriva la polizia e lo porta un po' in cella

    nel civile modo occidentale la persona viene citata per diffamazione con risarcimento miliardario, i siti dove scrive vengono chiusi per presunte violazioni del copyright pedofilia, truffe telematiche ecc. , i giornalisti embedded lo sputtanano su tutti i media, nessuno lo pubblica più, lo licenziano e così via

    se trova il modo di andare avanti subisce strani incidenti automobilistici, gli trovano droga in tasca, qualche pentito lo accusa ecc.

    e nessuna di quelle organizzazione no-profit con sede quasi sempre oltreoceano se ne preoccupa, nessun articolista di PI li cita, nessun giornale riporta la notizia al di là delle canoniche 2 righe di agenzia

    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > tra autoritarismo e censura
    >
    > la censura in cina c'e' esattamente come in
    > occidente, solo che lì sembra intollerabile per
    > la gestione più autoritaria dell'ordine
    > pubblico:
    >
    > in cina se uno rompe arriva la polizia e lo porta
    > un po' in
    > cella
    >
    > nel civile modo occidentale la persona viene
    > citata per diffamazione con risarcimento
    > miliardario, i siti dove scrive vengono chiusi
    > per presunte violazioni del copyright pedofilia,
    > truffe telematiche ecc. , i giornalisti embedded
    > lo sputtanano su tutti i media, nessuno lo
    > pubblica più, lo licenziano e così
    > via
    >
    > se trova il modo di andare avanti subisce strani
    > incidenti automobilistici, gli trovano droga in
    > tasca, qualche pentito lo accusa
    > ecc.
    >
    > e nessuna di quelle organizzazione no-profit con
    > sede quasi sempre oltreoceano se ne preoccupa,
    > nessun articolista di PI li cita, nessun giornale
    > riporta la notizia al di là delle canoniche 2
    > righe di
    > agenzia
    >


    Sottoscrivo in toto!
    non+autenticato
  • e allora come spieghxi l'esistenza di indymedia ?
    o dei siti che magnificanoo al repubblica sociale italiana ?
    non+autenticato

  • - Scritto da:

    > la censura in cina c'e' esattamente come in
    > occidente, solo che lì sembra intollerabile per
    > la gestione più autoritaria dell'ordine
    > pubblico:
    Però in Italia qualcosa si salva.Vedi trasmissioni come Report.
    C'è qualcosa del genere in Cina?
    Il tuo discorso può valere per casi particolari, ma se si trova la sensibilizzazione pubblioca su certi argomenti poi il polverone si alza, in Italia come negli usa (vedi la crescente messa in discussione dell'intervento in Iraq e i dubbi sulla esplosionne delle torri gemelli a causa del semplice attacco terrorisctico-più verosimile un implosione pre-organizzata!).
    Immagineresti qualcosa del genere in Cina, oggi?
    Eì vero che in occidente non abbiamo il paradiso dell'informazione, ma paragonarci a regimi tipo quello cinese....
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    >
    > > la censura in cina c'e' esattamente come in
    > > occidente, solo che lì sembra intollerabile per
    > > la gestione più autoritaria dell'ordine
    > > pubblico:
    > Però in Italia qualcosa si salva.Vedi
    > trasmissioni come
    > Report.
    > C'è qualcosa del genere in Cina?
    > Il tuo discorso può valere per casi particolari,
    > ma se si trova la sensibilizzazione pubblioca su
    > certi argomenti poi il polverone si alza, in
    > Italia come negli usa (vedi la crescente messa in
    > discussione dell'intervento in Iraq e i dubbi
    > sulla esplosionne delle torri gemelli a causa del
    > semplice attacco terrorisctico-più verosimile un
    > implosione
    > pre-organizzata!).
    > Immagineresti qualcosa del genere in Cina, oggi?
    > Eì vero che in occidente non abbiamo il paradiso
    > dell'informazione, ma paragonarci a regimi tipo
    > quello
    > cinese....

    toh, che strano SILENZIO

    :)

    ragazzi, è inutile: ci sono posti di "provincia" (= posti dimenticati da dio, sperduti in spazi grandi come la toscana intera) dove le guardie (altro che "autoritarismo"... ) arrivano a far abortire A CALCI le donne ... ed ecco a voi "controllo delle nascite"

    io sono per il controllo delle nascite, ma col cervello (dei genitori) , non con la violenza
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > >
    > > - Scritto da:
    > >
    > > > la censura in cina c'e' esattamente come in
    > > > occidente, solo che lì sembra intollerabile
    > per
    > > > la gestione più autoritaria dell'ordine
    > > > pubblico:
    > > Però in Italia qualcosa si salva.Vedi
    > > trasmissioni come
    > > Report.
    > > C'è qualcosa del genere in Cina?

    le trasmissioni cinesi non le conosco, in rete non tutti i blogger critici vengono censurati nè tutti i quotidiani sono solo turiboli per incensare il governo, guarda in rete e te ne rendi conto

    report finchè vive in una zona di relativamente bassi ascolti e non genera movimenti sociali viene tollerato

    inoltre ti ricordo che ha almeno 3 cause pendenti e quindi e' soggetto a intimidazione CVD


    > > Il tuo discorso può valere per casi particolari,
    > > ma se si trova la sensibilizzazione pubblioca su
    > > certi argomenti poi il polverone si alza, in
    > > Italia come negli usa (vedi la crescente messa
    > in
    > > discussione dell'intervento in Iraq e i dubbi
    > > sulla esplosionne delle torri gemelli a causa
    > del
    > > semplice attacco terrorisctico-più verosimile un
    > > implosione
    > > pre-organizzata!).

    si alza quando non serve più, perché non hanno permesso il libero circolare dell'informazione PRIMA dell'intervento ?

    le filippiche "chi non vuole la guerra aiuta i terroristi"
    "non parlate di mafia discreditate il sud"
    le hai dimenticate ?

    i regimi non autoritari non possono mostarrsi troppo duri ma il controllo c'e' al grado massimo consentito dagli strumenti considerati accettabili

    > > Immagineresti qualcosa del genere in Cina, oggi?
    > > Eì vero che in occidente non abbiamo il paradiso
    > > dell'informazione, ma paragonarci a regimi tipo
    > > quello
    > > cinese....

    no,infatti noi per fortuna NON viviamo in un regime troppo autoritario, ma per la libertà di parola certe sentenze della legge mancino e certe leggi approvate col pretesto dell'antinegazionismo e certe applicazioni delle leggi sulla privacy non siamo messi bene quanto pensi, e io prima di guardare in casa d'altri mi occupo di casa mia


    > toh, che strano SILENZIO
    >
    >Sorride

    posto tra un lavoro e l'altro, non sono un bot Occhiolino


    > ragazzi, è inutile: ci sono posti di "provincia"
    > (= posti dimenticati da dio, sperduti in spazi
    > grandi come la toscana intera) dove le guardie
    > (altro che "autoritarismo"... ) arrivano a far
    > abortire A CALCI le donne ... ed ecco a voi
    > "controllo delle
    > nascite"

    e questa informazione chi te l'ha data il NYT o qualche fuoriuscito sponsorizzato da HRW ? ne sei CERTO ?

    mi sa tanto di bimbi bolliti alla brianzola...

    sei così sicuro che in certe stazioncine di caramba di montagna o in certi sheriff office dell'alabama non succeda niente di brutto ?

    ma lo sai che molti genitori nella campagna toscana fino a 50 anni fa buttavano le figlie nubili gravide dai fienili per farle abortire ?


    > io sono per il controllo delle nascite, ma col
    > cervello (dei genitori) , non con la
    > violenza

    in ogni tempo la tradizione cinese ha favorito l'eliminazione fisica delle neonate, il governo attuale nega la possibilità di scegliere il sesso del nascituro perchè i condizionamenti culturali millenari sono così forti che tutte le coppie farebbero maschi, l' attuale regime cerca di combattere questa tradizione, pensa al discorso "l'altra metà del cielo", piuttosto per problemi demografici disincentiva i figli dal secondo in su con tasse micidiali che riducono veramente in miseria le famiglie , ma sono convinto che se tanti cinesi bussassero alla nostra porta perchè là non ce n'é per tutti pochi gliela aprirebbero e molti farebbero un muro come c'é ai confini usa del messico

    vedere le cose nella loro giusta prospettiva é importante, chi può negare che negli anni 50 la politica "un'officina in ogni fattoria" non abbia funzionato e prodotto milioni di morti d'inedia in cina ? ma vanno giudicate tenendo conto dei morti d'inedia di 25 anni prima per la crisi del 29 in usa e così via

    poi guardiamo in casa nostra, ci sono città dove ragazzi vengono massacrati a calci, you remember aldovrandi ?

    ecco, dopo aver risolto questi problemi, mi sentirò di avere l' autorità morale di dire ai cinesi cosa fare

    a me non piace abboccare all'amo di chi vende scarpe fatte in cina a 400 euro guadagnandone 390 e togliendomi il lavoro e poi frigna quando i cinesi le stesse scarpe senza marchio me le vendono a 10 euro e me li addita come nemici in tutto, gli altri la pensino come vogliono

    e pensarla così non vuol dire neanche essere comunisti, già il fordismo considerava questa pratica economica dissennata, poi é arrivato il taylorismo, gli pseudoliberal e i teocon, si produce miseria e si incolpano i cinesi e i musulmani e il gregge abbocca...


    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)