Windows Vista Ŕ nato

Dopo cinque lunghi anni di sviluppo Microsoft ha finalmente messo la parola fine allo sviluppo di Windows Vista, confermando il lancio delle edizioni consumer per la fine di gennaio. Tutti i particolari

Redmond (USA) - "It's time", è l'ora!. È con queste tre sole parole che ieri Jim Allchin, co-president della Platform and Services Division di Microsoft, ha comunicato sul proprio blog il raggiungimento di uno dei traguardi più importanti, travagliati, e attesi della storia di Microsoft: il completamento di Windows Vista.

Il parto è stato ufficializzato con il rilascio della tradizionale versione release to manufacturing (RTM), la stessa che nei prossimi giorni Microsoft distribuirà ai propri partner e che il prossimo 30 novembre, data di lancio ufficiale del nuovo Windows, verrà utilizzata per la stampa dei DVD commerciali.

Allchin ha anche confermato quello che ormai tutti davano per scontato, ossia che il debutto di Windows Vista sul mercato al dettaglio avverrà il prossimo 30 gennaio: ciò significa che il 99% dei comuni mortali potrà mettere le mani sul nuovo sistema operativo a partire da febbraio. Microsoft afferma che i produttori di hardware e di software hanno ora a disposizione 10 settimane per testare il nuovo sistema operativo e mettere a punto eventuali driver.
Secondo Allchin, Windows Vista supporta un numero di periferiche sensibilmente maggiore rispetto a Windows XP, ed eventuali driver mancanti verranno messi a disposizione attraverso il servizio Windows Update: servizio che, come noto, è accessibile esclusivamente agli utenti che possiedono una copia autentica del sistema operativo.

L'erede di Windows XP è frutto di cinque interminabili anni di lavoro, un arco di tempo costellato da molteplici rinvii, ripensamenti, cambi di percorso, e contrattempi tecnici. In questo stesso periodo si è assistito alla nascita e alla maturazione di Mac OS X, al timido ingresso di Linux sul mercato desktop, all'alba del Web di nuova generazione, alla diffusione delle tecnologie di virtualizzazione nel mercato mainstream, allo sviluppo di una nuova cultura della sicurezza digitale, e all'affermazione dei web service come naturale estensione delle odierne piattaforme software.

Nello sviluppo di Windows Vista, BigM ha dovuto tenere in conto questi e moltissimi altri cambiamenti e trend, e contemporaneamente contrastare la rapida obsolescenza di un sistema operativo, Windows XP, destinato a rimanere sul mercato ben più a lungo di quanto inizialmente previsto dallo stesso gigante americano.
1389 Commenti alla Notizia Windows Vista Ŕ nato
Ordina
  • Windows Vista è nato!Wowwww...e quando muore?Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

  • - Scritto da: SardinianBoy
    > Windows Vista è nato!Wowwww...e quando
    > muore?Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    ╚ già morto, solo che ancora non lo sa.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da: SardinianBoy
    > > Windows Vista è nato!Wowwww...e quando
    > > muore?Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    >
    > ╚ già morto, solo che ancora non lo sa.

    intanto finora secondo le statistiche (e anche secondo me) è la beta più diffusa nella sttoria

    si presume sfonderà il tetto del 97% di diffusione toccato da windows 98 nei primi mesi del 1999

    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > - Scritto da:

    > > - Scritto da: SardinianBoy
    > > > Windows Vista è nato!Wowwww...e quando
    > > > muore?Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    > > ╚ già morto, solo che ancora non lo sa.

    > intanto finora secondo le statistiche (e anche
    > secondo me) è la beta più diffusa nella
    > storia

    Link ??

    > si presume sfonderà il tetto del 97% di
    > diffusione toccato da windows 98 nei primi
    > mesi del 1999

    Link ??
    non+autenticato
  • Visto il dibattito che imperversa qui:

    http://punto-informatico.it/pm.aspx?m_id=1752314&i...

    e qui:
    http://punto-informatico.it/pm.aspx?m_id=1752581&i...

    ho deciso di fare un po' di chiarezza partendo dallo spiegare quando sono nate directx ed opengl e come sono arrivate ad oggi...

    la mia fonte è un libro stampato: (non so se posso indicarlo... prego la redazione di farmelo sapere se devo rimuovere il riferimento)

    OpenGL« SuperBible, Third Edition
    By Richard S. Wright Jr., Benjamin Lipchak

    che consiglio a chi vuole studiarsi la grafica 3D imparando con l'OpenGL

    questo che racconto è un'esempio utile per capire come si fa strada Microsoft nel mercato e il perché certa gente, me compreso, ha poca fiducia in questa compagnia e sostiene con forza le alternative.

    questa è storia, anche se recente
    --------
    Il predecessore di OpenGL è stata la IRIS GL di Silicon Graphics, era inizialmente una libreria graphica 2D che si è evoluta in una 3D, costruita su hardware dedicato.

    SGI (Silicon Graphics) ha poi capito che perché potesse invadere un mercato più ampio doveva subire dei cambiamenti.. così nacque OpenGL.

    Con lo scopo di definire lo standard e promuoverlo nacque l'ARB (Architecture Rewiev Board) composto inizialmente da: SGI, Digital Equipment Corporation, IBM, Intel, Microsoft. Ancora oggi 4 volte l'anno l'ARB si riunisce per discutere l'evoluzione di OpenGL e come le strategie per promuoverlo.

    SGI controllava comunque le licenze OpenGL.

    Nel 1992 venne creata la specifica OpenGL 1.0. Da allora molti altri si sono aggiunti all'ARB, in particolare i produttori hardware.

    Gli incontri sono aperti ad altre aziende non iscritte all'ARB, si tenta comunque di mantenere il numero di partecipanti limitato per non ridurre la produttività.

    Un'implementazione OpenGL è composta o da una libreria software che crea immagini tri-dimensionali in risposta alle chiamate OpenGL oppure un driver per un dispositivo hardware che traduce le chiamate OpenGL.

    un produttore hardware che vuole entrare nel mercato sfruttando OpenGL deve pagare ad SGI una licenza, con questa licenza gli viene data un'implementazione di esempio interamente software e un "device hardware kit" che viene poi utilizzato per produrre driver ottimizzati e aggiungere estensioni OpenGL personalizzate.

    Ogni modello del produttore deve passare un test di conformità per assicurare che implementi correttamente tutta una specifica OpenGL.

    I driver per l'utilizzo sono forniti, con licenza, dai produttori stessi, ma chiunque può produrre dei driver non ufficiali, in genere ci si basa sul codice non ufficiale MESA.

    E a questo punto che entra in scena directx

    Un tempo si potevano comprare particolari schede (Windows Accellerator, o Graphic Device Interface - GDI) per accellerare i comandi 2D in windows (stiamo parlando del 3.1 3.11 per quelli che se lo ricordano, prima di windows 95), queste schede erano perfette per iniziare a sviluppare i primi videogiochi.

    I giochi in windows erano allora: giochi di carte o puzzle, comunque non richiedevano animazioni veloci.

    I produttori di giochi rimasero basati sul DOS (il predecessore di Windows, un sistema non grafico, cercate su internet per maggiori informazioni) per avere un pieno controllo delle risorse e un accesso completo al monitor.

    Sotto windows questo non poteva avvenire perché i giochi dovevano condividere le risorse con il sistema windows.

    Microsoft provò a fornire gli strumenti per giochi basati su windows con un primo tentativo (WinG API) che fallì, i produttori di giochi continuarono a produrre per DOS.

    Quando microsoft iniziò a sviluppare windows 95 si pose come obiettivo quello di fermare una volta per tutte lo sviluppo di giochi su DOS, per far questo doveva fornire un accesso diretto all'hardware. Così Windows95 incluse un kit di sviluppo orientato ai produttori di gioco che tra le sue API presentava DirectDraw (per dirla tutta DirectDraw è stato acquisito non lo ha fatto microsoft).

    A quel punto per restare competitivi i produttori hardware avevano bisogno dei driver GDI e i DirectDraw, questi driver erano intesi a fornire agli sviluppatori un accesso diretto all'hardware simile a quello che avevano con l'utilizzo di DOS.

    questa volta Microsoft ebbe più successo e quel gruppo di API oggi si chiama DirectX, che si è poi espansa per fornire accesso diretto anche ad altri hardware, come le schede sonore, ed i dispositivi multimediali in generale.

    I giochi erano tutti in grafica 2D e DirectX era l'api più utilizzata (ce n'erano altre, ad esempio QuickTime di MAC)


    Mentre microsoft cercava di portare all'interno di windows una piattaforma per i giochi, sponsorizzava allo stesso tempo OpenGL perché entrasse a far parte di Windows con lo scopo di far concorrenza alle workstation Unix-based che tradizionalmente ospitavano le applicazioni scientifiche.

    Le schede grafiche 3D erano troppo costose per gli utenti e non venivano utilizzate per i giochi. Solo le aziende potevano permettersele, così OpenGL divenne inizialmente popolare nel campo del CAD, delle simulazioni e delle visualizzazioni scientifiche. In questi campi le performance erano di grande importanza, così OpenGL fu studiato per ottimizzarle ed ebbe molto successo.

    OpenGL diventò uno standard sufficientemente maturo e ben stabilito con molte funzionalità potenti, contemporaneamente le schede grafiche 3D arrivarono ad un prezzo che iniziava ad essere attraente anche per i videogiocatori.

    Mentre questo accadeva Microsoft stava cercando di pubblicizzare la sua nuova API di rendering 3D, direct3D: una novità difficile da usare, dalle ristrette funzionalità rispetto ad OpenGL, tanto che non avrebbe trovato posto nel mercato.

    Iniziò così la guerra delle API tra SGI e Microsoft:

    (continua come risposta a questo messaggio)
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 14 novembre 2006 12.49
    -----------------------------------------------------------
  • Parte 2:

    microsoft faveva parte dei membri fondatori dell'OpenGL ARB e aveva voluto OpenGL sulla piattaforma windows per permettere ai produttori di software per piattaforme unix di effettuare con poca difficoltà un porting sulle piattaforme windows. La portabilità era un'arma a doppio taglio perché avrebbe permesso agli sviluppatori per windows di effettuare dei porting ad altre piattaforme.

    Uno dei giochi più popolari a quel tempo fu Quake, e il suo autore John Carmack riscrisse in una fine settimana il motore del gioco in OpenGL.

    L'evento mise in fermento l'intero mondo dei giochi su pc.

    John Carmack dimostrò facilmente come 10 righe di codice OpenGL richiedevano 2-3 pagine di codice Direct3D per ottenere lo stesso obiettivo (renderizzare qualche triangolo).

    Molti programmatori di giochi iniziarono a guardare seriamente ad OpenGL, non più solo come ad un'API per applicazioni scientifiche.

    Aziende come la ID software, che si prefissavano di produrre giochi per più piattaforme, videro semplificarsi notevolmente il raggiungimento di questo obiettivo.

    Microsoft si trovò di fronte ad un dilemma, non poteva smettere di promuovere Direct3D dopo quello che aveva già speso fino a quel momento, ma non poteva neanche smettere di promuovere OpenGL perché avrebbe rinunciato ad una grossa fetta di mercato delle WorkStation.

    Così iniziò a sostenere con insistenza che OpenGL era adatto al rendering esatti e precisi senza vincoli di tempo, e Direct3D per il rendering real-time (quello dei giochi).

    La documentazione ufficiale di Microsoft sosteneva che OpenGL fosse più come un motore di rendering per ray-tracing* che un'API per la grafica real-time.

    *ray-tracing: tecnica di rendering alternativa che permette di ottenere risultati con qualità notevolmente maggiori di quella classica, ma con tempistiche che lo rendono inadatto, per ora, al rendering real-time. (cercate su internet x + info)

    SGI prese in mano la campagna di promozione di OpenGL tra i produttori di giochi che volevano la possibilità di poter scegliere quale tecnologia utilizzare.


    Qualche sviluppatore di giochi iniziò a scrivere in OpenGL in previsione della stagione natalizia 1997.

    Microsoft incoraggiò i produttori a sviluppare in Direct3D e disse che chi voleva utilizzare l'OpenGL sulla sua piattaforma avrebbe dovuto utilizzare un apposito kit di sviluppo denominato Mini-Client Driver (MCD).

    Un'imbarazzata microsoft spese moltissimo tempo per migliorare le scarse prestazioni del suo MCD in rapporto a quelle della piattaforma sviluppata da SGI.

    Dopo un lungo lavoro di miglioramento l'MCD permise ai produttori di mettere le mani sul codice fino fino a chiamate di basso livello (chiamate per disegnare dirette all'hardware).

    Microsoft continuò comunque ad insistere che l'OpenGL non era adatto allo sviluppo dei videogiochi e che l'MCD serviva solo per fornire una strada pronta alle applicazioni scientifiche come il CAD.

    Rapidamente tutti i produttori ebbero la loro implementazione driver basata sull'MCD.

    La maggioranza dei giochi di allora era sviluppata in Direct3D, ma i produttori di schede video faticavano ad ottenere un supporto su di esso, supportavano invece fortemente OpenGL. Presto il mercato del Direct3D si sarebbe estinto.

    Nell'estate del '97 microsoft annunciò che NON avrebbe fornito le licenze per il codice MCD e hai produttori non sarebbe stato permesso di rilasciare i propri driver per windows 98.

    Potevano però fornirli per la piattaforma Windows NT, la piattaforma di pertinenza per OpenGL, secondo microsoft.

    I produttori software che avevano speso tempo per sviluppare i propri giochi in OpenGL non poterono immettere tali versioni per il natale del 1997, e i produttori di schede grafiche si ritrovarono a non poter fornire i driver OpenGL delle schede vendute.

    Microsoft si "guadagnò" così un intero anno di vantaggio rispetto ad OpenGL, continuando ad affermare che l'OpenGL andava usato per la grafica non real-time su piattaforma NT e Direct3D per i giochi su piattaforma windows98.

    Per fortuna questa situazione non ristagnò a lungo e SGI fornì il proprio driver kit per OpenGL basata sulla propria implementazione per windows.

    Il driver kit SGI venne battezzato Instable Client Driver (ICD).

    Microsoft scoraggiò l'uso dell'ICD sostenendo che MCD era molto più semplice da utilizzare.

    L'ICD comunque aveva un'interfaccia semplice da usare che rese lo sviluppo di driver simile ad usare l'MCD di microsoft, migliorando inoltre le loro prestazioni.

    I produttori di giochi ricominciarono a guardare seriamente all'OpenGL.

    Microsoft forte della sua vittoria iniziale e ormai senza possibilità a fermare l'avanzata di OpenGL nel mercato dei consumatori accettò di nuovo di sviluppare OpenGL per Windows98.

    Stavolta Microsoft e SGI avrebbero dovuto lavorare insieme ad una nuova versione delle API, battezzata "Fahrenheit", che avrebbe dovuto mettere insieme il meglio di OpenGL ed il meglio di Direct3D.

    Fahrenheit sarebbe dovuta essere fruibile esclusivamente su hardware microsoft e Silicon Graphics.

    Nel contempo SGI stava perdendo la battaglia sui prezzi delle workstation.

    SGI dovette abbandonare il mercato dei consumatori e dopo poco tempo rilascio la sua nuova versione di NT Workstation, con il completo sostegno di microsoft.

    OpenGL aveva perso il suo più grande sostenitore per il mercato dei consumatori.

    Molte industrie videro l'accordo di Fahrenheit e l'uscita dal mercato consumer di SGI come la fine di OpenGL.

    Invece OpenGL fu di nuovo ampiamente disponibile sull'hardware: gli sviluppatori non avevano bisogno di SGI o chiunque altro che mostrare i pregi di OpenGL, era semplice da usare e potente, era in utilizzato da qualche anno e questo significava un'enorme mole di documentazione disponibile.

    Man mano che il tempo passava il progetto Fahrenheit cadde completamente nelle mani di Microsoft e venne cessato.

    Ancora oggi i produttori hardware supportano OpenGL e contribuiscono a crearne estensioni. Così come ci sono aziende che producono giochi con OpenGL il cui vantaggio è la portabilità su diverse piattaforme.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 14 novembre 2006 13.06
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: danieleMM
    > Parte 2:
    >
    (CUT)

    Complimenti.Sorride
    Finalmente un post interessante in questo forum che di solito è pieno di troll e flame.
    non+autenticato
  • > Complimenti.Sorride
    > Finalmente un post interessante in questo forum
    > che di solito è pieno di troll e
    > flame.

    grazie.. ci ho messo anche un po' a scriverlo..

    avrei voluto farlo un po' più corto ma non potevo tagliare ancora..

    tra l'altro come mi hanno segnalato altrove (non ho verificato ma mi sembra plausibile)

    "Microsoft faceva parte nel 1988 di OSF,la fondazione software che non solo creo' il toolkit Motif per Unix ma pure tutta una serie di specifiche per interfacce grafiche che poco dopo si troveranno su Unix (naturalmente) e su windows 3.x.Da Windows 95 in poi le cose sono cambiate."
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 13 novembre 2006 19.42
    -----------------------------------------------------------

  • - Scritto da: danieleMM
    > > Complimenti.Sorride
    > > Finalmente un post interessante in questo forum
    > > che di solito è pieno di troll e
    > > flame.
    >
    > grazie.. ci ho messo anche un po' a scriverlo..
    >
    > avrei voluto farlo un po' più corto ma non potevo
    > tagliare
    > ancora..
    >
    > tra l'altro come mi hanno segnalato altrove (non
    > ho verificato ma mi sembra
    > plausibile)
    >
    > "Microsoft faceva parte nel 1988 di OSF,la
    > fondazione software che non solo creo' il toolkit
    > Motif per Unix ma pure tutta una serie di
    > specifiche per interfacce grafiche che poco dopo
    > si troveranno su Unix (naturalmente) e su windows
    > 3.x.Da Windows 95 in poi le cose sono
    > cambiate.
    "
    > --------------------------------------------------
    > Modificato dall' autore il 13 novembre 2006 19.24
    > --------------------------------------------------

    un link che ti dice tutto:

    http://www.ac3.edu.au/SGI_Developer/books/Motif_PG...
    non+autenticato
  • > un link che ti dice tutto:
    >
    > http://www.ac3.edu.au/SGI_Developer/books/Motif_PG

    tnx, leggerò a tempo persoSorride
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 13 novembre 2006 19.42
    -----------------------------------------------------------

  • - Scritto da: danieleMM
    > > un link che ti dice tutto:
    > >
    > >
    > http://www.ac3.edu.au/SGI_Developer/books/Motif_PG
    >
    > tnx, leggerò a tempo persoSorride
    > --------------------------------------------------
    > Modificato dall' autore il 13 novembre 2006 19.42
    > --------------------------------------------------

    No quella non lo devi leggere o meglio visiona solo la pagina che ti si presenta all'apertura del link perche' si tratta del manuale di programmazione di motif!.Guarda tutte le corporation che sono citate e capisci.Anzi prova a ricordare come si "inconificavano" le applicazioni su windows 3.x e come lo fa motif per esempio.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da: danieleMM
    > > > un link che ti dice tutto:
    > > >
    > > >
    > >
    > http://www.ac3.edu.au/SGI_Developer/books/Motif_PG
    > >
    > > tnx, leggerò a tempo persoSorride
    > >
    > --------------------------------------------------
    > > Modificato dall' autore il 13 novembre 2006
    > 19.42
    > >
    > --------------------------------------------------
    >
    > No quella non lo devi leggere o meglio visiona
    > solo la pagina che ti si presenta all'apertura
    > del link perche' si tratta del manuale di
    > programmazione di motif!.Guarda tutte le
    > corporation che sono citate e capisci.Anzi prova
    > a ricordare come si "inconificavano" le
    > applicazioni su windows 3.x e come lo fa motif
    > per
    > esempio.

    Devi cliccare su "Front Matter" e leggi.
    non+autenticato
  • > Nota quanto sono simili:
    >
    > Motif
    >
    > http://www.opengroup.org/graphics/desktop/m-mwm.gi
    >
    > Windows 3.1
    >
    > http://toastytech.com/guis/win30help.gif

    quante innovazioni questa societàA bocca aperta

    se ne scoprono di nuove tutti i giorni

    e poi ci chiedono perché non ci piace microsoft
  • complimenti per il post, però che tristezza pensando che con Vista arriverà il colpo di grazia a OpenGL...TristeTriste

    Fan Apple
    non+autenticato
  • Ho letto in un commento riguardante un TUTORIAL su gimp disponibile in rete, che quel tutorial non è in italiano, e che da cose del genere si dovrebbe evincere il perchè la gente usa windows.

    Ragazzi, siete malati di mente. Gimp è tutto in italiano, tutti i programmi desktop di ubuntu sono tradotti in italiano, i manuali delle applicazioni anche, sia quello di gimp che quello di openoffice che sono gli unici due manuali che ho mai aperto su ubuntu.

    Se c'è un tutorial in inglese, che è una cosa in più, allora immediatamente e automaticamente linux diventa difficile? Siete matti. Internet è *piena* di tutorial in inglese su qualunque argomento, anche riguardanti windows, mentre roba in italiano ce n'è di meno e comunque conviene cercare in inglese, perchè si trovano più cose. E linux non c'entra proprio niente.

    Volete un sistema operativo libero, in italiano, con i manuali in italiano, con già tutti i programmi che vi servono senza doverlo pagare? Prendetevi ubuntu. Vi serve per forza photoshop, e non vi basta gimp, e non vi basta photoshop emulato? Siete una nicchia. Svegliatevi. La gente comune non va in giro a realizzare grafica professionale in esacromia. La gente normale ritocca le foto, e gimp è già troppo per questo.

    Il computer per la gente normale può girare con software libero, le nicchie commerciali ovviamente no, o meglio non tutte - per esempio mi pare che la produzione di film cominci a migrare a linux ma non ricordo notizie certe se non la pixar o come diavolo si chiama adesso.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Ho letto in un commento riguardante un TUTORIAL
    > su gimp disponibile in rete, che quel tutorial
    > non è in italiano, e che da cose del genere si
    > dovrebbe evincere il perchè la gente usa
    > windows.
    >
    > Ragazzi, siete malati di mente. Gimp è tutto in
    > italiano, tutti i programmi desktop di ubuntu
    > sono tradotti in italiano, i manuali delle
    > applicazioni anche, sia quello di gimp che quello
    > di openoffice che sono gli unici due manuali che
    > ho mai aperto su
    > ubuntu.
    >
    > Se c'è un tutorial in inglese, che è una cosa in
    > più, allora immediatamente e automaticamente
    > linux diventa difficile? Siete matti. Internet è
    > *piena* di tutorial in inglese su qualunque
    > argomento, anche riguardanti windows, mentre roba
    > in italiano ce n'è di meno e comunque conviene
    > cercare in inglese, perchè si trovano più cose. E
    > linux non c'entra proprio
    > niente.
    >
    > Volete un sistema operativo libero, in italiano,
    > con i manuali in italiano, con già tutti i
    > programmi che vi servono senza doverlo pagare?
    > Prendetevi ubuntu. Vi serve per forza photoshop,
    > e non vi basta gimp, e non vi basta photoshop
    > emulato? Siete una nicchia. Svegliatevi. La gente
    > comune non va in giro a realizzare grafica
    > professionale in esacromia. La gente normale
    > ritocca le foto, e gimp è già troppo per
    > questo.
    >
    > Il computer per la gente normale può girare con
    > software libero, le nicchie commerciali
    > ovviamente no, o meglio non tutte - per esempio
    > mi pare che la produzione di film cominci a
    > migrare a linux ma non ricordo notizie certe se
    > non la pixar o come diavolo si chiama
    > adesso.

    Per carita' io mi sono rotto le ossa fra i millequattrocento post di questo articolo e pure in qualcuno passato riguardo linux.Ora mi rendo conto che non solo ci sono molti fondamentalisti malati di GPL per linux,ma pure un sacco di talebani fra i supporter di windows.Non ti concedono neppure il beneficio del dubbio:e' semplicemente pazzesco!
    non+autenticato

  • - Scritto da:

    > Volete un sistema operativo libero, in italiano,
    > con i manuali in italiano, con già tutti i
    > programmi che vi servono senza doverlo pagare?

    no, io voglio un sistema operativo efficente, pratico e che mi fa girare le applicazioni che voglio e muove il mio business

    > Prendetevi ubuntu

    no, mi prendo Vista

    > Vi serve per forza photoshop

    si, quando un giorno lavorerai (ne dubito).. capirai...
    non+autenticato
  • Ma chi è questo furbone che si fa spillare soldi dalla MS x sistemi operativi elefantiaci che hanno sempre bisogno di computer della NASA x funzionare decentemente???
    Linux non sarà xfetto, ma almeno rappresenta lo sforzo di creare un SO moderno leggero completo e gratuito!!!
    E poi con Linux si lavora ed anche meglio xchè più produttivo ed efficiente (OpenOffice non si blocca MAI! mentre con Word ho avuto serissimi problemi di xdite di dati ...) e dalle risorse meno esose.
    Comprati Vista, scoprirai che x farlo funzionare decentemente dovrai ricomprarti NUOVO 3/4 di computer, complimenti, tu si che hai il senso del business!!!!

    PS: lo sanno tutti che Windows in origine è stato copiato di sana pianta dai SO amiga, ST, MAC e rivenduto come nuovo a peso d'oro.
    non+autenticato
  • Vista ha copiato alcuni degli effetti 3d di mac e linux, mentre su linux ci sono cose meravigliose, provate a cercare su google "aiglx" e troverete dei video che vi faranno vedere com'è più bello linux di windows. E per configurarlo basta mettere una crocetta nel gestore dei programmi, e cliccare su "applica", almeno sulla mia nuova ubuntu è così. E in più... è tutto gratis, è già uscito, e non devo fare la fila per averlo.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Vista ha copiato alcuni degli effetti 3d di mac e
    > linux, mentre su linux ci sono cose meravigliose,
    > provate a cercare su google "aiglx" e troverete
    > dei video che vi faranno vedere com'è più bello
    > linux di windows. E per configurarlo basta
    > mettere una crocetta nel gestore dei programmi, e
    > cliccare su "applica", almeno sulla mia nuova
    > ubuntu è così. E in più... è tutto gratis, è già
    > uscito, e non devo fare la fila per
    > averlo.

    voi di informatica non ci avete capito una mazza, tempo 12 mesi e sarete storia

    eccezione per i macachi che sopravviveranno ancora qualche anno, almeno fin quando jobs continuerà a fare il pieno con l'ipod
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > Vista ha copiato alcuni degli effetti 3d di mac
    > e
    > > linux, mentre su linux ci sono cose
    > meravigliose,
    > > provate a cercare su google "aiglx" e troverete
    > > dei video che vi faranno vedere com'è più bello
    > > linux di windows. E per configurarlo basta
    > > mettere una crocetta nel gestore dei programmi,
    > e
    > > cliccare su "applica", almeno sulla mia nuova
    > > ubuntu è così. E in più... è tutto gratis, è già
    > > uscito, e non devo fare la fila per
    > > averlo.
    >
    > voi di informatica non ci avete capito una mazza,
    > tempo 12 mesi e sarete
    > storia
    >
    > eccezione per i macachi che sopravviveranno
    > ancora qualche anno, almeno fin quando jobs
    > continuerà a fare il pieno con
    > l'ipod


    Si si, dicevano anche che win 2000 era sicuro e impiantabile... poi... WinNuke...
    non+autenticato
  • Ovviamente orde di ragazzini e ragazzine in mutandine estasiati e ululanti in attesa di comprare sVISTA.
    Tutti rigorosamente pagati dall' ufficio marketting della microsoft.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Ovviamente orde di ragazzini e ragazzine in
    > mutandine estasiati e ululanti in attesa di
    > comprare
    > sVISTA.
    > Tutti rigorosamente pagati dall' ufficio
    > marketting della
    > microsoft.

    Basta mi hai rotto.No comment.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > Ovviamente orde di ragazzini e ragazzine in
    > > mutandine estasiati e ululanti in attesa di
    > > comprare
    > > sVISTA.
    > > Tutti rigorosamente pagati dall' ufficio
    > > marketting della
    > > microsoft.
    >
    > Basta mi hai rotto.No comment.

    Spero solo che vi alzino il prezzo della licenza a 2000 euro visto che per microsoft siete come kamikaze cioe' "pronti a tutto".
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | Successiva
(pagina 1/18 - 88 discussioni)