Sed Lex/ Dal camera-phone al pedoporno

di Daniele Minotti - Molti si sono stupiti per la denuncia piovuta sui minori che con i propri telefonini si filmavano in scene erotiche, passandoseli poi l'un l'altro. Ma la legge è chiara e per loro non c'è una via d'uscita indolore

Roma - I fatti
Livorno. Il Corriere (e non solo) ci narra che otto ragazzi, tra i 14 e i 18 anni, approfittando dell'assenza dei genitori dalle rispettive abitazioni, avrebbero pensato bene di videoriprendersi in atti di contenuto sessuale e, poi, montare i vari filmati. Consensualmente, come fanno tanti adulti che realizzano filmini amatoriali, e per una fruizione limitata al gruppo. Oggi, la tecnologia lo rende assai più facile. Non occorre andare, ad esempio, dal fotografo per farsi sviluppare la pellicola. Basta avere un banalissimo camera-phone e un computer.

I genitori di una ragazza (attrice, produttrice o entrambe le cose, non si sa) notano qualcosa di strano e, preoccupati per le risposte evasive della figlia, decidono di andare dalla Polizia. Vengono fuori i filmini. Risultato: tre minori indagati per produzione e detenzione di materiale pedopornografico.

La stampa, anche televisiva, associa la notizia a quelle, dei giorni precedenti, di pubblicazioni di clip su GoogleVideo, di fatti di violenza sessuale commessi da minori e di episodi di cd. "bullismo". Non c'è molta pertinenza, per la verità, ma l'accostamento è, a modo suo, uno scoop in sé.
I fatti di Livorno sono ben diversi, per molti privi di gravità sostanziale (atteso che non c'è stata alcuna violenza o vizio del consenso) e, però, paradossalmente sanzionati in modo pesante. C'è perplessità, più che indignazione e condanna.
Cosa dice la legge
La produzione e la detenzione di materiali prodotti mediante l'utilizzo di minori è reato. Non c'è dubbio. Ed è pure un reato di una certa gravità, con certe conseguenze di tipo "sociale" (in parte, una "condanna a morte civile"). Lo prevedono gli artt. 600-ter e 600-quater c.p. così come riformati dalla legge 38/2006. Le ulteriori conseguenze sono state introdotte dalla medesima legge.
Contrariamente a quanto dice la stampa - e a parte gli eventuali sconti per i minorenni - la pena detentiva prevista per la produzione di materiale va dai sei ai dodici anni (art. 600-ter, comma 1, c.p.); quella per la semplice detenzione è sino a tre anni. Quindi, si tratta di pene che, al di là dei profili etici ed educativi della vicenda, sono - come si potrebbe dire, "da adulti".

Pochi, forse, ricordano il disegno di legge C4955. Ne ho parlato, l'anno scorso, in due distinti contributi per Punto Informatico (qui e qui). Tra le altre cose, con quel disegno di legge si voleva introdurre un'ipotesi di non punibilità (peraltro suggerita a livello comunitario) nel caso di produttori e detentori minorenni.
Nulla di strano. Nel nostro Paese, di regola, l'età del consenso sessuale si raggiunge a quattordici anni. Da ciò consegue (dovrebbe conseguire) la non punibilità di tutto quanto il minore faccia, di carattere sessuale, sulla scorta di tale capacità..

Dopo qualche perfezionamento, però, la norma è sparita e il disegno di legge è diventato la legge 38/2006. Quella, in buona sostanza, che ha inasprito parecchio il trattamento penale in tema di pedofilia e pedopornografia ed ha introdotto la punibilità per la pedopornografia "virtuale".

Qualche mia breve riflessione
Fare il giudice non è un mestiere facile. Uno dei motivi, a parte i miei limiti, per cui ho deciso di non provarci.
Se i fatti si sono svolti come ci riferisce la cronaca, dubito che i ragazzi indagati possano essere, un domani, assolti pienamente. La legge non lo consente. Certo, il rito penale dei minori prevede vie d'uscita abbastanza indolori (ad esempio, irrilevanza del fatto e messa alla prova), ma non è mai una passeggiata.

La perdurante punibilità di certi fatti discende, probabilmente, dalla considerazione che, comunque, il materiale pedopornografico alimenta un mercato e scatena pulsioni criminali. Lo dimostra la previsione di una sanzione per la pedopornografia virtuale.

Il fatto è che se i materiali rimangono nella disponibilità del minore, questo pericolo non sussiste, è evidente.

Al di là di quello che possiamo pensare della vicenda, di quale possa essere l'età minima "giusta" per il sesso, mi sembra che il nostro ordinamento manifesti l'ennesima contraddizione, l'ennesimo tabù a proposito di un argomento del quale, al di là delle sanzioni, non si vuole parlare veramente, anche quando riguarda la sessualità propria degli adolescenti.

Avv. Daniele Minotti
www.studiominotti.it
www.minotti.net

198 Commenti alla Notizia Sed Lex/ Dal camera-phone al pedoporno
Ordina
  • No, tranqui, non è di Don Di Noto che parlo, ma del savio Don Gallo. Ieri a Markette ha risposto a una domanda sulla violenza giovanile. Riporto alla lettera le sue parole:

    C'è questa violenza, secondo me, per tutti i condizionamenti dei mass media... A parte i genitori, noi tutti, la Chiesa compresa, non abbiamo una cultura... Continuiamo ad avere un'ossessione, continuiamo ad avere una sessuofobia, continuiamo ad avere un moralismo, una non educazione sessuale, una non affettività... Allora è chiaro che questi ragazzi sono repressi...

    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > No, tranqui, non è di Don Di Noto che parlo, ma
    > del savio Don Gallo. Ieri a Markette ha risposto
    > a una domanda sulla violenza giovanile. Riporto
    > alla lettera le sue
    > parole:
    >
    > C'è questa violenza, secondo me, per tutti i
    > condizionamenti dei mass media... A parte i
    > genitori, noi tutti, la Chiesa compresa, non
    > abbiamo una cultura... Continuiamo ad avere
    > un'ossessione, continuiamo ad avere una
    > sessuofobia, continuiamo ad avere un moralismo,
    > una non educazione sessuale, una non
    > affettività... Allora è chiaro che questi ragazzi
    > sono
    > repressi...
    >

    E questo l'ha detto un prete? Immagino che l'abbiano scomunicato poi... Deluso


  • - Scritto da: Wakko Warner
    >
    > - Scritto da:
    > > No, tranqui, non è di Don Di Noto che parlo, ma
    > > del savio Don Gallo. Ieri a Markette ha risposto
    > > a una domanda sulla violenza giovanile. Riporto
    > > alla lettera le sue
    > > parole:
    > >
    > > C'è questa violenza, secondo me, per tutti i
    > > condizionamenti dei mass media... A parte i
    > > genitori, noi tutti, la Chiesa compresa, non
    > > abbiamo una cultura... Continuiamo ad avere
    > > un'ossessione, continuiamo ad avere una
    > > sessuofobia, continuiamo ad avere un moralismo,
    > > una non educazione sessuale, una non
    > > affettività... Allora è chiaro che questi
    > ragazzi
    > > sono
    > > repressi...
    > >
    >
    > E questo l'ha detto un prete? Immagino che
    > l'abbiano scomunicato poi... Deluso
    >

    Non hanno fatto in tempo, l'ha detto la scorsa notte... Chiambretti gli ha chiesto proprio di chi è la colpa, volendo trovare un colpevole... Chiunque si sarebbe aspettato, l'immoralità dilagante, internet... Lui ha risposto, il moralismo dilagante!A bocca aperta
    >
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > Non hanno fatto in tempo, l'ha detto la scorsa
    > notte... Chiambretti gli ha chiesto proprio di
    > chi è la colpa, volendo trovare un colpevole...
    > Chiunque si sarebbe aspettato, l'immoralità
    > dilagante, internet... Lui ha risposto, il
    > moralismo dilagante!
    >A bocca aperta

    Questo prete è il mio eroe per le prossime 24 ore a partire da adesso. Ficoso

  • - Scritto da: Wakko Warner
    > - Scritto da:
    > > Non hanno fatto in tempo, l'ha detto la scorsa
    > > notte... Chiambretti gli ha chiesto proprio di
    > > chi è la colpa, volendo trovare un colpevole...
    > > Chiunque si sarebbe aspettato, l'immoralità
    > > dilagante, internet... Lui ha risposto, il
    > > moralismo dilagante!
    > >A bocca aperta
    >
    > Questo prete è il mio eroe per le prossime 24 ore
    > a partire da adesso.
    >Ficoso
    Tanto tra 24 ore non sarà più prete Rotola dal ridere
  • - Scritto da: Alucard
    >
    > - Scritto da: Wakko Warner
    > > - Scritto da:
    > > > Non hanno fatto in tempo, l'ha detto la scorsa
    > > > notte... Chiambretti gli ha chiesto proprio di
    > > > chi è la colpa, volendo trovare un
    > colpevole...
    > > > Chiunque si sarebbe aspettato, l'immoralità
    > > > dilagante, internet... Lui ha risposto, il
    > > > moralismo dilagante!
    > > >A bocca aperta
    > >
    > > Questo prete è il mio eroe per le prossime 24
    > ore
    > > a partire da adesso.
    > >Ficoso
    > Tanto tra 24 ore non sarà più prete Rotola dal ridere

    E allora sarà promosso a eroe ufficiale della settimana di Wakko. Caduto sul campo per giunta!
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 22 novembre 2006 19.22
    -----------------------------------------------------------

  • - Scritto da: Wakko Warner
    > - Scritto da: Alucard
    > >
    > > - Scritto da: Wakko Warner
    > > > - Scritto da:
    > > > > Non hanno fatto in tempo, l'ha detto la
    > scorsa
    > > > > notte... Chiambretti gli ha chiesto proprio
    > di
    > > > > chi è la colpa, volendo trovare un
    > > colpevole...
    > > > > Chiunque si sarebbe aspettato, l'immoralità
    > > > > dilagante, internet... Lui ha risposto, il
    > > > > moralismo dilagante!
    > > > >A bocca aperta
    > > >
    > > > Questo prete è il mio eroe per le prossime 24
    > > ore
    > > > a partire da adesso.
    > > >Ficoso
    > > Tanto tra 24 ore non sarà più prete Rotola dal ridere
    >
    > E allora sarà promosso a eroe ufficiale della
    > settimana di Wakko. Caduto sul campo per
    > giunta!
    > --------------------------------------------------
    > Modificato dall' autore il 22 novembre 2006 19.22
    > --------------------------------------------------



    Don Andrea Gallo: Per la "gente comune" è fondamentale sapere che non esiste alcun processo di liberazione collettiva che non sia anche un percorso rigoroso, sia sul piano del metodo che su quello dei contenuti, con i “saperi” che ci costringono ad una continua interrogazione dei risultati della medicina, della psicologia, della sociologia, del diritto, della pratica.
    Non ci sono ricette magiche, ma è necessario superare la logica della Terapia autoritaria, senza prescrizioni immodificabili e metodologie comunitarie valide per tutti e in tutte le situazioni.
    Bisogna cacciare il poliziotto che abbiamo nella testa e onestamente finire di considerare cattivi coloro che hanno scelto, con ponderazione, una visione complessiva differente, calda e umana.
    Una società meno coattiva offrirebbe infatti maggiori possibilità ai soggetti sociali intenzionati a sperimentare nuovi percorsi.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Wakko Warner
    > - Scritto da: Alucard
    > >
    > > - Scritto da: Wakko Warner
    > > > - Scritto da:
    > > > > Non hanno fatto in tempo, l'ha detto la
    > scorsa
    > > > > notte... Chiambretti gli ha chiesto proprio
    > di
    > > > > chi è la colpa, volendo trovare un
    > > colpevole...
    > > > > Chiunque si sarebbe aspettato, l'immoralità
    > > > > dilagante, internet... Lui ha risposto, il
    > > > > moralismo dilagante!
    > > > >A bocca aperta
    > > >
    > > > Questo prete è il mio eroe per le prossime 24
    > > ore
    > > > a partire da adesso.
    > > >Ficoso
    > > Tanto tra 24 ore non sarà più prete Rotola dal ridere
    >
    > E allora sarà promosso a eroe ufficiale della
    > settimana di Wakko. Caduto sul campo per
    > giunta!
    > --------------------------------------------------
    > Modificato dall' autore il 22 novembre 2006 19.22
    > --------------------------------------------------
    Forse ti ho fatto conoscere il tuo alter ego "angelicamente anarchico"

    Mandagli un messaggio sul libro degli ospiti


    http://www.sanbenedetto.org


    PS Avrei pubblicato la fotografia con il sigaro, ma non so l'html che cosa devo fare? Scrivo [img] più l'indirizzo?
    non+autenticato
  • SANTO SUBITO!
    non+autenticato




  • - Scritto da:
    > SANTO SUBITO!

    Santo con il sigaro?

    http://www.sanbenedetto.org/
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > No, tranqui, non è di Don Di Noto che parlo, ma
    > del savio Don Gallo. Ieri a Markette ha risposto
    > a una domanda sulla violenza giovanile. Riporto
    > alla lettera le sue
    > parole:
    >
    > C'è questa violenza, secondo me, per tutti i
    > condizionamenti dei mass media... A parte i
    > genitori, noi tutti, la Chiesa compresa, non
    > abbiamo una cultura... Continuiamo ad avere
    > un'ossessione, continuiamo ad avere una
    > sessuofobia, continuiamo ad avere un moralismo,
    > una non educazione sessuale, una non
    > affettività... Allora è chiaro che questi ragazzi
    > sono
    > repressi...
    >
    E' lui! E' Luke Skywalker!!! E' lui l'Eletto!!! E' lui che riporterà l'armonia nella forza!!!!! PAPA SUBITO! A colpi di lightsaber, contro l'imperatore Joseph "Palpatine" Ratzinger (per chi non l'avesse capito: non è che si somigliano, è proprio lui)
  • Come ogni intrapresa lasciata a metà, ha fatto più danni di quelli che intendeva rimediare, come una traversata dell'oceano che si ferma a metà tragitto e la disperazione di chi vuole tornare indietro, come un'intervento chirurgico lasciato a metà e la disperazione di un medico che non sa come operare. Oggi sono più moralisti di un secolo fa.
    non+autenticato
  • errore
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 22 novembre 2006 18.26
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da:
    > Come ogni intrapresa lasciata a metà, ha fatto
    > più danni di quelli che intendeva rimediare, come
    > una traversata dell'oceano che si ferma a metà
    > tragitto e la disperazione di chi vuole tornare
    > indietro, come un'intervento chirurgico lasciato
    > a metà e la disperazione di un medico che non sa
    > come operare. Oggi sono più moralisti di un
    > secolo
    > fa.

    Di un secolo non so, di 70 sicuro: gli anni '30 sono stati un decennio di splendido e goduriosissimo libertinismo. Poi se penso a D'Annunzio (che oggi marcirebbe sicuramente per qualche motivo nelle patrie galere) penso proprio che tu abbia ragione...
  • - Scritto da: scribble
    > Di un secolo non so, di 70 sicuro: gli anni '30
    > sono stati un decennio di splendido e
    > goduriosissimo libertinismo. Poi se penso a
    > D'Annunzio (che oggi marcirebbe sicuramente per
    > qualche motivo nelle patrie galere) penso proprio
    > che tu abbia
    > ragione...

    La vergogna è che i giudici (e i giornalisti) non si vergognino.
    Il più bieco moralismo ha pervaso tutto, siamo alla frutta. Chiamano bambini i ragazzi di quindici-sedici anni. In altre culture assai più civili della nostra essi sarebbero considerati adulti da tempo. E mi chiedo se abbiamo ancora libertà di parola oltreché di pensiero. D'Annunzio e molti altri artisti rappresentano la condanna di una modernità ipocrita e puritana. In nome della morale e dell'etica (quella vera) viene da chiedere a questi inquisitori di piantarla lì con la caccia alle streghe.

  • - Scritto da: Amos
    > - Scritto da: scribble
    > > Di un secolo non so, di 70 sicuro: gli anni '30
    > > sono stati un decennio di splendido e
    > > goduriosissimo libertinismo. Poi se penso a
    > > D'Annunzio (che oggi marcirebbe sicuramente per
    > > qualche motivo nelle patrie galere) penso
    > proprio
    > > che tu abbia
    > > ragione...
    >
    > La vergogna è che i giudici (e i giornalisti) non
    > si
    > vergognino.
    > Il più bieco moralismo ha pervaso tutto, siamo
    > alla frutta. Chiamano bambini i ragazzi di
    > quindici-sedici anni. In altre culture assai più
    > civili della nostra essi sarebbero considerati
    > adulti da tempo. E mi chiedo se abbiamo ancora
    > libertà di parola oltreché di pensiero.
    > D'Annunzio e molti altri artisti rappresentano la
    > condanna di una modernità ipocrita e puritana. In
    > nome della morale e dell'etica (quella vera)
    > viene da chiedere a questi inquisitori di
    > piantarla lì con la caccia alle
    > streghe.


    L'ignorantaggine dei giornalisti non ha scuse, perché non è dalla nascita. La sviluppano professionalmente. E sono loro, i bastardi tra loro, che danno la "morte civile" di cui parla l'avvocato Minotti nell'articolo.
    non+autenticato
  • Carlo La Vigna, comandante provinciale dei Carabinieri di Asti: «No. Vedere un'immagine non è reato, ma scaricarla sul proprio computer si. E non si scaricano immagini se non c'è la volontà di farlo».
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Carlo La Vigna, comandante provinciale dei
    > Carabinieri di Asti
    : «No. Vedere un'immagine
    > non è reato, ma scaricarla sul proprio computer
    > si. E non si scaricano immagini se non c'è la
    > volontà di
    > farlo».


    Alcune note:
    1) come si fa a vedere un'immagine su Internet ma non a scaricarla?
    2) e anche se la volontà ci fosse significherebbe questo che sei uno stupratore?
    3) e chi ci dice che tale immagine non sia stata ripresa senza violenza alcuna (per esempio foto al mare, foto in studio fotografico scattata con tanto di presenza dei genitori, foto naturista, foto scattata e pubblicata dagli stessi minori)?

    Qui si sta dando per scontate un po' troppe cose... e nel mentre è stata rovinata la vita ad un numero enorme di persone per la paura e l'intolleranza di qualcuno.

  • - Scritto da: Wakko Warner
    >
    > - Scritto da:
    > > Carlo La Vigna, comandante provinciale dei
    > > Carabinieri di Asti
    : «No. Vedere un'immagine
    > > non è reato, ma scaricarla sul proprio computer
    > > si. E non si scaricano immagini se non c'è la
    > > volontà di
    > > farlo».

    >
    > Alcune note:
    > 1) come si fa a vedere un'immagine su Internet ma
    > non a
    > scaricarla?
    > 2) e anche se la volontà ci fosse significherebbe
    > questo che sei uno
    > stupratore?
    > 3) e chi ci dice che tale immagine non sia stata
    > ripresa senza violenza alcuna (per esempio foto
    > al mare, foto in studio fotografico scattata con
    > tanto di presenza dei genitori, foto naturista,
    > foto scattata e pubblicata dagli stessi
    > minori)?
    >
    > Qui si sta dando per scontate un po' troppe
    > cose... e nel mentre è stata rovinata la vita ad
    > un numero enorme di persone per la paura e
    > l'intolleranza di
    > qualcuno.

    Lui ha piu' esperienza di te, se lo hanno messo in quel posto di comando vuol dire che le cose le conosce. Quindi credo a lui, non certo a te.
    Sono grandi esperti, tu cosa sei?

    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da: Wakko Warner
    > >
    > > - Scritto da:
    > > > Carlo La Vigna, comandante provinciale
    > dei
    > > > Carabinieri di Asti
    : «No. Vedere
    > un'immagine
    > > > non è reato, ma scaricarla sul proprio
    > computer
    > > > si. E non si scaricano immagini se non c'è la
    > > > volontà di
    > > > farlo».

    > >
    > > Alcune note:
    > > 1) come si fa a vedere un'immagine su Internet
    > ma
    > > non a
    > > scaricarla?
    > > 2) e anche se la volontà ci fosse
    > significherebbe
    > > questo che sei uno
    > > stupratore?
    > > 3) e chi ci dice che tale immagine non sia stata
    > > ripresa senza violenza alcuna (per esempio foto
    > > al mare, foto in studio fotografico scattata con
    > > tanto di presenza dei genitori, foto naturista,
    > > foto scattata e pubblicata dagli stessi
    > > minori)?
    > >
    > > Qui si sta dando per scontate un po' troppe
    > > cose... e nel mentre è stata rovinata la vita ad
    > > un numero enorme di persone per la paura e
    > > l'intolleranza di
    > > qualcuno.
    >
    > Lui ha piu' esperienza di te, se lo hanno messo
    > in quel posto di comando vuol dire che le cose le
    > conosce. Quindi credo a lui, non certo a
    > te.
    > Sono grandi esperti, tu cosa sei?

    ROTFL. Bella trollata. Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    Se lui è un esperto, io sono il supremo Dio degli esperti.

  • - Scritto da: Wakko Warner
    >
    >
    > Se lui è un esperto, io sono il supremo Dio degli
    > esperti.

    Non lo sapevo, non farmi del male ....
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da: Wakko Warner
    > >
    > >
    > > Se lui è un esperto, io sono il supremo Dio
    > degli
    > > esperti.
    >
    > Non lo sapevo, non farmi del male ....

    Per questa volta ti perdono. Vai e non pedare più.

  • - Scritto da: Wakko Warner
    >
    > - Scritto da:
    > >
    > > - Scritto da: Wakko Warner
    > > >
    > > >
    > > > Se lui è un esperto, io sono il supremo Dio
    > > degli
    > > > esperti.
    > >
    > > Non lo sapevo, non farmi del male ....
    >
    > Per questa volta ti perdono. Vai e non pedare più.

    Sia fatta la tua volontà.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Wakko Warner
    >
    > - Scritto da:
    > >
    > > - Scritto da: Wakko Warner
    > > >
    > > >
    > > > Se lui è un esperto, io sono il supremo Dio
    > > degli
    > > > esperti.
    > >
    > > Non lo sapevo, non farmi del male ....
    >
    > Per questa volta ti perdono. Vai e non pedare più.

    Vale anche per te.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da: Wakko Warner
    > >
    > > - Scritto da:
    > > >
    > > > - Scritto da: Wakko Warner
    > > > >
    > > > >
    > > > > Se lui è un esperto, io sono il supremo Dio
    > > > degli
    > > > > esperti.
    > > >
    > > > Non lo sapevo, non farmi del male ....
    > >
    > > Per questa volta ti perdono. Vai e non pedare
    > più.
    >
    > Vale anche per te.

    A bocca aperta touchè!
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > Lui ha piu' esperienza di te, se lo hanno messo
    > in quel posto di comando vuol dire che le cose le
    > conosce. Quindi credo a lui, non certo a
    > te.
    > Sono grandi esperti, tu cosa sei?
    >
    No, ti prego, questa è troppo bella, me la riscrivi anche in privato? posso farci una maglietta? Fantastica, straordinaria...
    Ti prego ridimmela, ridimmela, dai!

    Rotola dal ridere finchè non mi crolla il pavimento
  • infatti loro parlano di cose precise che alla fine lo mettono al culo a chi non sa come funziona la "visualizzazione" su internet.. la legge non ammette ignoranza.. ma per come scrivono le leggi, se non una laurea in giurisprudenza qualcosa di molto simile..
    1016
  • Quei genitori hanno portato loro figlia in polzia gli l'hanno obbligata a denunciare i suoi amici.

    Con tutti i traumi psicologici che deriveranno dalla situazione creatasi.

    Penso che bisognerebbe denunciare quei genitori per violenza sui minori & agire di conseguenza.


  • - Scritto da: PinguinoMannaro
    > Quei genitori hanno portato loro figlia in polzia
    > gli l'hanno obbligata a denunciare i suoi
    > amici.
    >
    > Con tutti i traumi psicologici che deriveranno
    > dalla situazione
    > creatasi.
    >
    > Penso che bisognerebbe denunciare quei genitori
    > per violenza sui minori & agire di
    > conseguenza.

    Se le cose sono andate come hai detto concordo. Ritengo che a quella ragazza sia stata fatta violenza e che si stia tutt'ora facendo violenza contro tutti quei ragazzi, dal primo all'ultimo.

  • - Scritto da: PinguinoMannaro
    > Quei genitori hanno portato loro figlia in polzia
    > gli l'hanno obbligata a denunciare i suoi
    > amici.
    >
    > Con tutti i traumi psicologici che deriveranno
    > dalla situazione
    > creatasi.
    >
    > Penso che bisognerebbe denunciare quei genitori
    > per violenza sui minori & agire di
    > conseguenza.
    >

    Ecco un altro dei soliti casi in cui in italia si perseguono quattro ragazzini che non hanno fatto nulla di male, mentre i veri criminali in galera nemmeno ci vanno.

    Che la vergogna cali ancora più inesorabile sulla "giustizia" italiana...

  • - Scritto da: tdimax
    >
    > - Scritto da: PinguinoMannaro
    > > Quei genitori hanno portato loro figlia in
    > polzia
    > > gli l'hanno obbligata a denunciare i suoi
    > > amici.
    > >
    > > Con tutti i traumi psicologici che deriveranno
    > > dalla situazione
    > > creatasi.
    > >
    > > Penso che bisognerebbe denunciare quei genitori
    > > per violenza sui minori & agire di
    > > conseguenza.
    > >
    >
    > Ecco un altro dei soliti casi in cui in italia si
    > perseguono quattro ragazzini che non hanno fatto
    > nulla di male, mentre i veri criminali in galera
    > nemmeno ci vanno.
    >
    >
    > Che la vergogna cali ancora più inesorabile sulla
    > "giustizia"
    > italiana...


    Prima l'indulto e poi l'amnistia per i violenti. Per chi guarda delle foto hanno raddoppiato gli anni di carcere. Chi è l'orgoglio dei manicomi?
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > http://www.panorama.it/scienze/cibo/articolo/ix1-A

    Beh queste piu' che di spunti avrebbero bisogno di sani SPUNTINI

  • - Scritto da: Alessandrox
    >
    > - Scritto da:
    > >
    > http://www.panorama.it/scienze/cibo/articolo/ix1-A
    >
    > Beh queste piu' che di spunti avrebbero bisogno
    > di sani
    > SPUNTINI


    La sessuofobia è la causa di questi eccessi. Come il digiuno è la causa delle abbuffate delle anoressiche.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 20 discussioni)