La nuova certificazione IT europea

Ne parla l'AICA che ha lavorato sul nuovo sistema insieme al CEPIS nell'ambito del progetto eEurope per la riduzione dello skill shortage. Si torna a parlare di patente europea ECDL, questa volta con alcune specializzazioni

La nuova certificazione IT europeaRoma - Ridurre la distanza tra domanda e offerta di lavoro e valorizzare le esperienze e la formazione di giovani e lavoratori nel mondo dell'Information Technology. Sono questi gli obiettivi ufficiali a cui si ispira il lavoro presentato dall'AICA (Associazione italiana per l'informatica e il calcolo automatico), il nuovo sistema europeo di certificazione delle competenze individuali IT.

Sino ad oggi indirizzato alla sola attestazione delle competenze di base del personal computing (la stranota patente ECDL), il sistema è stato esteso sino all'ambito specialistico e professionale. Il tutto avviene in collaborazione con il CEPIS (l'Ente che rappresenta, in Europa e presso le Istituzioni Comunitarie, le Associazioni Nazionali dei professionisti del settore) e nell'ambito dei progetti eEurope varati dall'Unione Europea per lo sviluppo dell'ICT e la riduzione dello skill shortage in campo informatico.

Il nuovo sistema di certificazione si articola ora su quattro distinti livelli.
Al livello base ECDL (European Computer Driving Licence, già esistente e noto come Patente Europea del Computer), si aggiungono ora i nuovi livelli:
ECDL Advanced per gli utilizzatori evoluti (elaborazione testi, foglio elettronico, database e presentazioni);
ECDL Advanced per gli utilizzatori specialisti (amministratore di sistema; operatori CAD, Web designer e così via);
EUCIP (European Certificate for Informatics Professionals), per i professionisti ICT che progettano, realizzano o gestiscono sistemi informativi.

AICA, che in Italia promuove e sostiene l'affermazione del sistema europeo delle certificazioni informatiche, ha sottolineato in questa occasione l'importanza dei programmi di qualificazione degli esaminatori e delle strutture preposte alle prove di certificazione per i nuovi livelli.

"La qualificazione degli esaminatori - spiega l'AICA in una nota - ha carattere personale, è specifica ad ogni livello ECDL Advanced e EUCIP, e i nominativi degli esaminatori abilitati saranno verificabili sul sito Internet di AICA".

Ecco i dettagli delle certificazioni.
59 Commenti alla Notizia La nuova certificazione IT europea
Ordina
  • speriamo che l'aica stavolta controlli gli esaminatori...l'ultima volta una bionda tutta curve non sapeva un fico...sosteneva che il server è un computer o comunque un hardware...
    non+autenticato
  • Sorride) azz.. la censura che paura.
    cmq scerzi apparte sta cavolata non è valida nei concorsi pubblici e i test sono ridicoli.
    Della serie smanettate con il piccì e non con la tivvu che imparate molto d+.
    Pratica ed esperienza sono le cose importanti e non i pezzi di carta.
    bye
    non+autenticato
  • Ho letto vari posto a questo articolo.
    Tutti a dire che i diplomati, i periti informatici, sono meglio dei laureati in informatica.
    - Pausa -
    Ma che ca##o dite??
    Ma vi rendete conto dell'abisso che c'e' tra la preparazione di un laureato e un diplomato??
    Ok, ci saranno i laureati che hanno comprato la laurea e che non sanno niente, ma quanti sono i diplomati che non studiano affatto per ottenere un diploma e 2 giorni finita la scuola non si ricordano niente?

    Un caso a parte sono gli appassionati di informatica: per quelli il pezzo di carta che si ha in mano non fa poi moltissima differenza.

    Ma per piacere, non facciamo di tutta l'erba un fascio: i laureati preparati sono sicuramente di piu' dei diplomati!!
    Anche perche' per diventare dottore in informatica ci vuole parecchio impegno e sacrificio, *molto* di piu' che per diventare perito.

    Anonymous
    non+autenticato
  • Non nel campo dell'informatica.
    Ora, l'universita` attuale non so come sia, ma credimi... in passato, cioe` qualche anno fa, i laureati che cercavano lavoro erano in grandi difficolta`.

    Sai cosa mi disse il professore di laboratorio la prima volta che lo vidi? (piu` o meno, non che siano le esatte parole, ma...)

    "voi qui non imparerete a fare miracoli, ma imparerete a fare programmi piccoli, semplici, che saprete funzionanti al 100% ancor prima di compilarli"

    E` proprio questo il problema.
    Che in giro c'e` chi i miracoli li fa, e con la rapidissima evoluzione che ha questo campo, non e` granche` conveniente studiarlo a tavolino.
    non+autenticato
  • Guarda e impara "Eh?"    cosa ti fa un diplomato.....

    http://www.anfyteam.it/anj/index.html


    altro che laurea e certificazioni del CXXXO e str... varie.

    Il glorioso Fabio Ciucci, scrisse qualche tempo fa perchè mi sto laureando in architettura e non in informatica ?? Semplice perchè per fare l'informatico basta essere bravi per fare l'architetto bisogna aver la laurea.
    Fabio Ciucci è stato chiamato direttamente da INTEL per scrivere codice che mettesse sotto torchio i Pentium III e IV ad ogni nuova uscita di processore e se non vado errato INTEL gli fornisce gratuitamente i sistemi piu' aggiornati e performanti. Altro che laurea a chi si lamenta che non riesce a far valere il suo pezzo di carta.......forse perchè non vale molto...chi c'e' dietro....
    non+autenticato


  • - Scritto da: sonoio
    > Guarda e impara "Eh?"    cosa ti fa un
    > diplomato.....
    >
    >   http://www.anfyteam.it/anj/index.html
    >
    >
    > altro che laurea e certificazioni del CXXXO
    > e str... varie.
    >
    > Il glorioso Fabio Ciucci, scrisse qualche
    > tempo fa perchè mi sto laureando in
    > architettura e non in informatica ??
    > Semplice perchè per fare l'informatico basta
    > essere bravi per fare l'architetto bisogna
    > aver la laurea.

    se fa quest'affermazione vuol dire che nn ha la minima idea di cosa stia parlando.
    fare qualche applet in java significa essere un programmatore java . stop
    per essere muratore nn c'è bisogno della laurea in architettura

    > Fabio Ciucci è stato chiamato direttamente
    > da INTEL per scrivere codice che mettesse
    > sotto torchio i Pentium III e IV ad ogni
    > nuova uscita di processore e se non vado
    > errato INTEL gli fornisce gratuitamente i
    > sistemi piu' aggiornati e performanti. Altro
    > che laurea a chi si lamenta che non riesce a
    > far valere il suo pezzo di carta.......forse
    > perchè non vale molto...chi c'e' dietro....

    codice sotto torchio?
    mi dovresti spiegare a cosa serve!
    da quando l'architettura è diventata superscalare (dal pentium pro) con esecuzione speculativa, register naming, ecc
    nn ha molto senso "Ottimizzare" e mettere sotto torchio il processore in assembler (credo che ti riferisci a quello)
    e in ogni caso esistono i compilatori!

    non+autenticato
  • In questo settore non c'e' bisogno di titoli lauree e diplomini vari. Se sei bravo e vali puoi avere successo, non importa se te la sei fatta sul cesso o la notte quando tutti gli altri dormono la preparazione e l'esperienza, l'importante è che te la sia fatta. Linusquando ha scritto il suo kernel era appena all'inizio della sua laurea poi ha voluto conseguirla ugualmente per una soddisfazione personale, non certo perchè gli serviva sul lavoro per guadagnare di più. Il vostro tanto amato Bill, quelli che hanno fondato I.net e tanti altri nel mondo che oggi si trovano a capo di aziende primarie del settore con fatturati multi miliardari, non hanno avuto la possibilità di perdere il loro tempo in materie che ritenevano poco interessanti per laurearsi perchè loro avevano ben altro da fare dovevano cambiare il mondo. Può non piacervi ma il bello dell'informatica è proprio questo ed in alcune zone del mondo succede, non so in Italia. In alcune aziende se arriva il ragazzino che ha passato gli ultimi suoi vent'anni (e magari ne ha ventuno) sui libri da autodidatta e riesce a fare le scarpe a tutti fino a diventare dirigente di ottimi laureati e diplomati il problema non è certo il suo ma il vostro.
    Lo ha fatto Bill quando per contrastare NETSCAPE mise a capo progetto dell'INTERNET EXPLORER un ragazzo che all'epoca aveva appena 20 anni e dirigeva un centinaio di programmatori Laureati, Senior e Junior.
    Ricordatevelo nell'informatica non c'è bisogno di falsi titoli e certificazioni ma solo di tanto buono studio continuo ed incessante.

    Chi dice che ottimizzare il codice oggi è inutile tanto ci sono i compilatori gli ritirerei la laurea all'istante perchè dimostra di non sapere niente di processori e compilatori se non ha la laurea gli ritirerei il diplomino rubato.
    Studiati bene i microprocessori perchè mi sa che non hai capito molto bene cosa sono e come funzionano..............
    non+autenticato
  • - Scritto da: sonoio
    > In questo settore non c'e' bisogno di titoli
    > lauree e diplomini vari. Se sei bravo e
    > vali puoi avere successo, non importa se te
    > la sei fatta sul cesso o la notte quando
    > tutti gli altri dormono la preparazione e
    > l'esperienza, l'importante è che te la sia
    > fatta. Linusquando ha scritto il suo kernel
    > era appena all'inizio della sua laurea poi
    > ha voluto conseguirla ugualmente per una
    > soddisfazione personale, non certo perchè
    > gli serviva sul lavoro per guadagnare di
    > più. Il vostro tanto amato Bill, quelli che
    > hanno fondato I.net e tanti altri nel mondo
    > che oggi si trovano a capo di aziende
    >[cut... ]

    Un titolo universitario informatico serve e non serve.
    serve esserzialmente a sviluppare senso critico , a nn far credere alle dicerie e leggende, avere un approccio scientifico
    può anche nn essere necessario e
    in ogni caso bisogna sempre porsi con grande umiltà verso gli altri.


    > Chi dice che ottimizzare il codice oggi è
    > inutile tanto ci sono i compilatori gli
    > ritirerei la laurea all'istante perchè
    > dimostra di non sapere niente di processori
    > e compilatori se non ha la laurea gli
    > ritirerei il diplomino rubato.
    > Studiati bene i microprocessori perchè mi sa
    > che non hai capito molto bene cosa sono e
    > come funzionano..............

    nelle architetture x86 per ottimizzare nn è necessaria nemmeno in fase di compilazione.
    ci pensa già il processore in fase di decodifica!!!

    sai cosa è il ROB? il register naming ? sai cosa è la predizione di salto?

    Il compilatore è NECESSARIO per architetture puramente RISC. (ovviamente puoi sempre programmare in assembler ma nn porta vantaggi.. anzi)

    in poche parole programmare in assembler nn serve a niente (escluso x i microcontroller)!
    non+autenticato

  • > sai cosa è il ROB? il register naming ? sai
    > cosa è la predizione di salto?
    ops ... register renaming Sorride
    non+autenticato
  • Le mie saranno favolette. Ma resta il fatto che non conosci come è fatto un computer e sopratutto come funziona un processore. Se non hai mai visto il codice che rilascia un compilatore non parlare. E' ridondante e sporchissimo proprio come il codice html rilasciato dai tool visuali di sviluppo per internet il codice è sporco e ridondante.
    Io ho la buona abitudine di sistemare il codice che generano i comuni compilatori.
    Quante volte ho scritto programmi in C e C++ gli stessi gli ho riscritti in assembly erano due terzi più corti e molto più efficienti e prestanti. Mi dispiace ma se non sai nulla di programmazione posso capire se poi se anche laureato mi dai ragione. Ti è mai capitato di aver bisogno di scrivere routine assembly in codice di alto livello se la risposta è no be allora è meglio chiudere perchè stiamo su due pianeti differenti e per te sarebbe ora di abolire l'assembly tanto non ha alcuna importanza per chi è abituato al visuale...
    Ritorna a scuola.....per favore e studia, studia tanto.....
    Ti volevo proprio vedere cosa eri capace di fare quando solo dodici anni fa i computer avevano 640K e processori da 4,77 MHz. Adesso per tipi come te è facile far vedere che l'applicazione gira una meraviglia con tutti sti milioni di megahertz e megabytes di memoria basta prendere il compilatore più fetente è tutto fila liscio come l'olio. Io sono abituato a spremere fino all'ultimo bit dalle CPU....
    Vai a studiare....!!! E ogni tanto leggi qualche favoletta....che ti fa bene...
    non+autenticato
  • - Scritto da: sonoio
    chi Fabio Ciucci?
    l'autodefinito più grande programmatore java del mondo? Con la lingua fuori
    > Le mie saranno favolette. Ma resta il fatto
    > che non conosci come è fatto un computer e
    > sopratutto come funziona un processore. Se
    > non hai mai visto il codice che rilascia un
    > compilatore non parlare. E' ridondante e
    > sporchissimo proprio come il codice html
    la tua arroganza è veramente odiosa
    che bel esempio del cacchio. ma chi ti credi essere? prima ti citi come grande esperto di informatica perchè hai fatto due applet in java e
    poi insulti chi nn conosci!
    poi mi dovrai spiegare cosa c'entra html con l'assembler!

    il codice è "sporchissimo" perchè molto probabilmente il compilatore svolge delle ottimizzazioni (conosci il loop rolling e software pipeline? si o no?)
    la ridondanza può essere utile per la logica del processore ed in ogni caso il "grosso" dell'ottimizzazione avviene in fase di decodifica(nelle architetture x86).
    quello che dici poteva essere vero decenni fa' (ai tempi del 286,386) ma nn adesso con architetture pipeline superscalari.
    sai cosa sono le architetture superscalari?
    fare ottimizzazioni a mano poteva essere utile quando i processori erano microprogrammati.
    semplicità del codice è una cosa diversa da efficenza.

    ti do un consiglio io studia...
    non+autenticato
  • Astrorobot sei sulla Luna ritorna sulla Terra e poi ne riparliamo.......

    Non sono Ciucci, tu però sei invidioso un casino perchè te le puoi scordare certe cose.

    Studia...studia.. studia...e riprogramma il tuo microcodice che ha qualche problema...Addio...
    non+autenticato
  • - Scritto da: sonoio
    > Astrorobot sei sulla Luna ritorna sulla
    > Terra e poi ne riparliamo.......
    anni quanti ? 5?

    > Non sono Ciucci, tu però sei invidioso un
    > casino perchè te le puoi scordare certe
    > cose.

    allora sei solo uno sfigato che cita un'altro sfigato (ovvero l'autoproclamato più grande programmatore java del mondo!)

    > Studia...studia.. studia...e riprogramma il
    > tuo microcodice che ha qualche
    > problema...Addio...
    ti ho fatto delle domande precise e nn hai risposto!
    ti mancano argomenti?
    non+autenticato

  • - Scritto da: astroboy
    > sai cosa è il ROB? il register naming ? sai
    > cosa è la predizione di salto?
    Register renaming, semmai. Tutti simpatici paroloni messi in testa ai programmatori HLL per convincerli che l'assembler non serve a niente.

    Ma tu sai bene cos'è l'instruction pairing, sai come sincronizzare la cache e sfruttare l'allineamento delle prefetch pipes ? Sai come creare un loop unrolling per minimizzare la penalità associata alla jump prediction sulla condizione di uscita ?

    Ottimizzare in assembler è SEMPRE un passo avanti: e, come diceva il mitico Michael Abrash, il miglior ottimizzatore è tra le vostre orecchie.

    Dovresti studiarti bene lo Zen di Abrash, che sicuramente sei troppo giovane per aver studiato al momento giusto. Ora si trova ristampato in "Graphics Programming Black Book", e dovresti anche studiarti a memoria ogni pagina di "Inner Loops" di Rick Booth, per capire a botte di misure incontrovertibili ed esperimenti ripetibili, quindi in modo SCIENTIFICO, non opinabile e senza chiacchiere superficiali, come l'ottimizzazione del codice sui superscalari sia non solo possibile, ma ancora assolutamente necessaria per battere in prestazioni il codice generato da qualsiasi accrocco semiautomatico.
    non+autenticato


  • > > sai cosa è il ROB? il register naming ?
    > sai
    > > cosa è la predizione di salto?
    > Register renaming, semmai. Tutti simpatici
    > paroloni messi in testa ai programmatori HLL
    > per convincerli che l'assembler non serve a
    > niente.
    se leggi più sotto mi ero corretto!

    >
    > Ma tu sai bene cos'è l'instruction pairing,
    > sai come sincronizzare la cache e sfruttare
    > l'allineamento delle prefetch pipes ? Sai
    > come creare un loop unrolling per
    > minimizzare la penalità associata alla jump
    > prediction sulla condizione di uscita ?
    adesso tu stai usando paroloni..
    paroloni che vengono messi in testa ad ogni programmatore LLL Con la lingua fuori
    perchè un buon compilatore non lo fa?

    >
    > Ottimizzare in assembler è SEMPRE un passo
    > avanti: e, come diceva il mitico Michael
    > Abrash, il miglior ottimizzatore è tra le
    > vostre orecchie.
    un passo avanti a cosa? al compilatore?

    >
    > Dovresti studiarti bene lo Zen di Abrash,
    > che sicuramente sei troppo giovane per aver
    > studiato al momento giusto. Ora si trova
    > ristampato in "Graphics Programming Black
    > Book", e dovresti anche studiarti a memoria
    > ogni pagina di "Inner Loops" di Rick Booth,
    > per capire a botte di misure
    ...appunto testi storici

    > incontrovertibili ed esperimenti ripetibili,
    > quindi in modo SCIENTIFICO, non opinabile e
    > senza chiacchiere superficiali, come
    > l'ottimizzazione del codice sui superscalari
    > sia non solo possibile, ma ancora
    > assolutamente necessaria per battere in
    > prestazioni il codice generato da qualsiasi
    > accrocco semiautomatico.
    necessario non è un bel niente!
    necessarie casomai che le ottimizzazioni siano svolte dal compilatore!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 19 discussioni)