Recensioni/ Nintendo Wii senza veli

di R. Cinquegrana - Abbiamo dato uno sguardo ravvicinato alla console per analizzarne le caratteristiche, i vantaggi e i difetti. Con un occhio anche agli accessori, al servizio online WiiConnect24 e ai giochi

La nuova console Wii di Nintendo naviga controcorrente rispetto alle rivali. Vuole raggiungere un nuovo pubblico nel pieno rispetto della strategia Oceano Blu, così come definita da W. Chan Kim e Renée Mauborgne, già messa in pratica con successo con Nintendo DS.

La strategia seguita da Nintendo con Wii è stata quella di non badare ai concorrenti e corteggiare invece i nuovi videogiocatori, o meglio, i NON videogiocatori. Proprio per questo, Wii è stata creata in maniera differente, seguendo idee che privilegiassero un gameplay innovativo e mettendo in ombra il lato puramente tecnico. Di fronte a Wii, i canoni di valutazione delle macchine da gioco sembrano perdere significato e le impressioni a caldo possono generare l'entusiasmo più contagioso, ma anche un profondo sconforto. Non a caso la prova su strada di Wii giunge a quasi un mese dal lancio - avvenuto il 7 dicembre in Italia e il giorno successivo nel resto dell'Europa.

Clicca per ingrandireWii è piccola, leggera, maneggevole e dal design dannatamente sexy, candido nel suo colore bianco lucido ed essenziale nelle forme. Grande meno di un quarto di Xbox 360 e lillipuziana di fronte a PlayStation 3, le dimensioni della nuova console Nintendo sono di poco superiori a un paio di custodie per DVD. Grazie al pratico stand-up incluso nella confezione, la console se ne sta comodamente sul fianco, il che la rende ancora più accattivante. L'eleganza di Wii viene meno a causa dell'alimentatore esterno che, pur se più piccolo se comparato a quello di Xbox 360, risulta sproporzionato. Imboscarlo in qualche angolo dietro al mobile è una delle prime operazioni da compiere durante la messa in opera della console.
Sulla parte frontale è evidente la "bocca" del lettore DVD-ROM, caratterizzata da un sistema slot-in estremamente funzionale che elimina noiosi carrelli e sportelli ed è compatibile anche con i dischi GameCube da 8 cm. L'illuminazione blu della fessura è semplicemente un tocco di classe, anche se in molti rimarranno delusi dal fatto che, a differenza di quanto visto in foto, la luce si accende solo per pochi attimi. Sempre sulla parte frontale vi sono i tasti di accensione della console, di reset e di espulsione del disco, oltre che uno sportellino che nasconde un lettore di memorie SD - che fungono da memory card della console - e un pulsante di sincronizzazione dei controller addizionali.

Clicca per ingrandireIl retro della console presenta i classici connettori video, di alimentazione e due porte USB 2.0. Inoltre, vi è una presa per la barra dei sensori, utile per il funzionamento del ben noto Wii-mote, ovvero il controller di Wii che avremo modo di approfondire in seguito. Sulla parte superiore vi sono altri due sportelli - removibili all'occorrenza - sotto i quali si trovano quattro porte per i pad GameCube e due slot per le relative memory card. Come già anticipato, Wii è perfettamente compatibile con giochi e periferiche commercializzati per la precedente console casalinga targata Nintendo. Nel complesso, la console risulta di ottima fattura e i materiali impiegati danno l'idea di una buona solidità.

La scatola contiene due scompartimenti ordinati e presenta, oltre agli elementi già citati e alla manualistica, il solito cavo video composito - cavi RGB e component sono venduti separatamente, anche se difficilmente reperibili -, i controller Wii-mote e Nunchuk e il gioco Wii Sports. Il prezzo consigliato al pubblico è di 259 euro, inferiore a tutti i concorrenti di nuova generazione (anche se non di molto rispetto alla versione base di Xbox 360).
138 Commenti alla Notizia Recensioni/ Nintendo Wii senza veli
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | Successiva
(pagina 1/5 - 24 discussioni)